fbpx

100 candeline ieri per nonna Grazia Castelli Lazzaro, in quella Porto Empedocle che potrebbe essere ribattezzata la “Città dei Centenari”.
Intorno a Lei, infatti, si è stretta l’intera comunità empedoclina, nella Chiesa Madre, dove parenti, amici, e le consorelle della Confraternita del Venerdì Santo, hanno preso parte alla Messa celebrata da Don Angelo Brancato.
Nonna Grazia, rimasta vedova di guerra all’età di 36 anni, madre di cinque figli e nonna di una decina di nipoti, ha assistito commossa alla celebrazione religiosa e ascoltando l’omelia di Padre Brancato, ha ringraziato per le Sue parole.
A Lei, come gli altri, ha voluto rendere omaggio, anche il Primo Cittadino Empedoclino, Calogero Firetto, che ha sottolineato come gli anziani centenari rappresentino una grande risorsa per tutti noi “perché la loro saggezza, il loro vissuto e la loro unità sono la continuità della vita”. Per questo si dice orgoglioso che la sua Porto Empedocle vanti così tanti festeggiamenti di centenari.
Porto Empedocle, si prepara infatti a festeggiare ben altre 2 centenarie. Il 6 novembre spegnerà 100 candeline la Signora Maria Schillaci, mentre l’11 sarà la volta di Nonna Elena Gangarossa.
E a raggiungere questo importante traguardo, nel comune che ha dato i natali ad Andrea Cammilleri, il 2 gennaio scorso, è stata Nonna Elisabetta Miceli.
Verrebbe proprio da dire: Auguri alla Longevità!