18 anni a Khaled Bensalem per la strage del 3 ottobre 2013,  condannato per favoreggiamento all’immigrazione, disastro e omicidio colposo plurimo di 366 persone

Eccolo Khaled Bensalem. Non trapelano le emozioni dal suo sguardo, vagano nel vuoto di chi sa che dovrà rimanere in carcere per 18 anni e chi lo sa, è forse il rimorso e la consapevolezza di essere stato  causa di morte e sofferenza che lo rende di ghiaccio.  Il Gup del Tribinale di Agrigento, Stefano Zammuto, ieri pomeriggio lo ha condannato per favoreggiamento all’immigrazione, disastro e omicidio colposo plurimo. E’ lui, il tunisino 36enne, che  quel disgraziato 3 ottobre 2013 fece naufragare nelle acque lampedusane 500 migranti. Khaled, il “Capitano”  del peschereccio, appiccò il fuoco ad una coperta  per attirare l’attenzione dei soccorritori, fiamme che sono costate la vita a 366 persone tra cui  uomini, donne e bambini. Ad accusarlo furono alcuni eritrei  sopravvissuti alla strage che lo hanno identificato grazie al colore più chiaro della sua pelle “White Man” così lo avevano soprannominato. Processato con  il rito abbreviato  ha comportato la riduzione di un terzo della pena. Il Pubblico Ministero  Andrea Maggioni aveva invece chiesto 30 anni di carcere diventati 20  per la scelta del rito. Inizialmente era stato contestato l’omicidio volontario ma è stato riconosciuto come colposo in seguito anche ad altre indagini condotte  dalla DDA dove  è emerso che Bensalem non era riconducibile all’organizzazione che gestisce il traffico di migranti ma soltanto uno scafista. Nel processo a carico di Khaled Bensalem  si è costituito parte civile solamente il Comune di Lampedusa, con la volontà di rappresentare  idealmente  i  familiari delle vittime. Un processo storico grazie alle testimonianze dei sopravvissuti che hanno raccontato le violenze subite durante il lungo viaggio che dall’Africa li ha condotti fino alle coste lampedusane.

 

Schermata 2015-07-01 alle 13.35.07 Schermata 2015-07-01 alle 13.35.39 Schermata 2015-07-01 alle 13.36.11 Schermata 2015-07-01 alle 13.36.34