Raffadali. Esplode bombola del gas in strada

Momenti di panico a Raffadali dove nel tardo pomeriggio di ieri, una l’esplosione di bombola del gas ha messo in allarme un intero quartiere del centro. E’ successo in via Inglima, Secondo una ricostruzione pare che il contenitore di Gpl che alimentava una stufa abbia preso fuoco all’interno dell’abitazione di un 56enne del luogo che ha avuto la prontezza di prendere la stufa in fiamme e scaraventarla in strada.

A questo punto è andato a chiamare soccorsi al comando della polizia locale. Mentre gli agenti si stavano recando verso l’abitazione è avvenuta l’esplosione, udita in buona parte della città. Deflagrazione che ha squarciato diversi vetri delle abitazioni della zona, danneggiato un balcone e causato altri danni ma che fortunatamente non ha coinvolto persone.

Atto intimidatorio ai danni di un giovane imprenditore favarese

Nessun dubbio. Non per i carabinieri della tenenza di Favara e per quelli della compagnia di Agrigento. Le fiamme che hanno danneggiato, lievemente, il portone di ingresso dell’abitazione di un imprenditore trentasettenne sono di origine dolosa. Qualcuno, durante la notte fra giovedì e ieri, ha gettato verosimilmente del liquido infiammabile e poi avrebbe appiccato le fiamme. E’ accaduto in via Ancona. Un episodio sul quale i carabinieri ieri stavano alacremente lavorando. Il danno, provocato al portone, è stato, appunto, limitato. E’ il gesto che, naturalmente, ha dell’inquietante.

I carabinieri della tenenza di Favara, come procedura investigativa esige, hanno sentito, cercando di acquisire elementi per poter immediatamente indirizzare l’attività investigativa, l’imprenditore trentasettenne. Le indagini, a quanto pare, vengono portate avanti su un fronte di trecentosessanta gradi, senza nulla escludere e nulla privilegiare.

La Regione stanzia più di 666 mila euro per allietare le festività natalizie di Agrigento. Ecco le associazioni finanziate

“Ho chiesto informazioni urgenti sulle modalità di erogazione dei finanziamenti che, con un decreto dell’assessore al turismo, assegnano più di 650 mila euro a quattro associazioni per eventi collegati alle festività natalizie da svolgere ad Agrigento”.

Lo afferma il deputato regionale del Movimento 5 Stelle, Giovanni Di Caro, che aggiunge:

“Vogliamo capire come è possibile spendere tutto questo denaro in così poco tempo. Con un atto ispettivo, rivolto all’assessore regionale Pappalardo, ho chiesto copia dei progetti presentati dalle associazioni: Sicilia Arte e Cultura, San Calogero, Dietro le Quinte e Cartoonia, nonché i criteri di valutazione che hanno portato a scegliere determinati eventi. La nostra regione – aggiunge il deputato favarese – sta attraversando un lungo periodo di profonda crisi. Il governo regionale deve dar conto di ogni centesimo che spende in feste, festini e ricorrenze”.

Il decreto a cui fa riferimento l’onorevole Di Caro è quello emanato dall’assessorato regionale al Turismo guidato da Sandro Pappalardo, che ha approvato il Calendario delle attività ed il piano di riparto relativamente alle istanze pervenute a seguito dell’Avviso volto a recepire iniziative sul territorio regionale a sostegno della destagionalizzazione e la valorizzazione delle eccellenze artistiche, avente per oggetto “Iniziative a sostegno della destagionalizzazione e la valorizzazione delle eccellenze artistiche” – relativamente all’Anno 2018.

Complessivamente sono 19 i progetti finanziati per un importo complessivo di poco inferiore ai due milioni di euro. Tra i progetti finanziati ci sono quelli di quattro associazioni che svolgeranno delle iniziative ad Agrigento, ecco chi sono: L’Associazione Sicilia Arte Cultura, riceverà 299.815 euro per iniziative promosse a Taormina e Augrigento nella città dei Templi la stessa porterà il “Mythos Opera Festival” che oltre a momenti di animazione con artisti di strada, prevede anche due appuntamenti al Palacongressi del Villaggio Mosè, il primo lo spettacolo di Nino Frassica e il secondo il concerto della Mythos Opera Giovane Orchestra Sicula. Per entrambi gli appuntamenti è previsto un ticket di ingresso da 22 euro ciascuno. Scorrendo la graduatoria delle associazioni finanziate dalla Regione troviamo anche la “San Calogero” a cui andranno 162.440 euro. Oggettivamente non abbiamo reperito ulteriori informazioni sulle iniziative che questa associazione, con sede ad Agrigento, promuoverà nel periodo compreso tra il 26 e il 30 dicembre prossimi. 105.300 euro invece saranno destinati all’associazione “Dietro Le Quinte” che ad Agrigento organizza il tradizionale appuntamento de “La settimana Russa”.

Quarta associazione baciata dall’assessorato al Turismo è la “Cartoonia” con sede al Villaggio Mosè che si occupa di animazione, a loro andranno 99.430 euro.

Complessivamente, per tre iniziative legate esclusivamente alla città dei Templi e un’altra che vedrà coinvolte Angrigento e Taormina, la Regione ha finanziato 666.895 euro.

Nell’attesa di conoscere il programma ufficiale delle manifestazioni, una cosa è certa, quest’anno per il Natale ad Agrigento non si è badati a spese, restando in tema Natale, lunedì prossimo, grazie a 15 mila euro messi a diposizione del Parco Archeologico, in diverse zone cittadine verranno istallate le luminarie.