Incidente mortale sulla Fondovalle

Ancora sangue sull’asfalto. Un incidente mortale è avvenuto stamattina sulla Fondovalle: la strada statale Palermo-Sciacca, all’altezza dello svincolo per Altofonte. Nello scontro fra uno scooter e un’auto ha perso la vita un sedicenne, Federico Serio, che i soccorritori del 118 hanno cercato invano di rianimare.

Ancora dubbi sulla dinamica dello scontro tra una Volkswagen Golf e il Piaggio Liberty sul quale viaggiava l’adolescente. Sul posto sono intervenute le pattuglie della polizia municipale per effettuare i rilievi e ricostruire quanto accaduto sulla statale 624.

“Segnalavano sul gruppo Whatsapp la presenza delle pattuglie”, denunciate 62 persone

Facevano parte, in maniera attiva, di un gruppo Whatsapp il cui unico scopo era quello di segnalare la presenza sul territorio di pattuglie delle forze dell’ordine. I poliziotti del commissariato di Canicattì hanno avviato una complessa indagine.  62 le persone che sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Agrigento. Sono soprattutto giovani – hanno dai 30 ai 40 anni – le persone, di Canicattì e paesi limitrofi, che sono finiti nei guai. L’ipotesi di reato contestata è interruzione di pubblico servizio in concorso. Il gruppo conteneva centinaia di iscritti.

Scoperto un allaccio abusivo alla rete elettrica, arrestati due operai

Hanno 33 e 22 anni i due uomini, di nazionalità romena, arrestati perchè ritenuti responsabili di avere realizzato un allaccio abusivo alla rete elettrica per alimentare la propria abitazione, nel centro di Ravanusa. A entrare in azione sono stati i carabinieri della locale Stazione, che sono coordinati dal comando compagnia di Licata. I militari dell’Arma avrebbero fatto scattare il controllo nell’abitazione e avrebbero constatato sin da subito un allaccio abusivo. I due coinquilini, due operai, sono stati arrestati in flagranza di reato e posti agli arresti domiciliari, su disposizione del sostituto procuratore di turno.

Casteltermini isolata? L’attacco di Scozzari e la “difesa” del libero consorzio.

“Casteltermini è ufficialmente isolata dal mondo per una frana a causa delle piogge che ha reso momentaneamente impercorribile anche la strada provinciale di Passo Fonduto per il paese sicano”. A parlare è l’ Assessore comunal di Casteltermini, Toto’ Scozzari. Quello che è successo- dice- è il finale di un film terribile che sconvolge questo territorio da più di due anni e mezzo,prima la chiusura della Cozzo Disi a fine 2016,poi l’Acquaviva-Casteltermini e adesso con l’unica strada percorribile la Passo Fonduto con questa frana che era prevedibile anche perché non è stata fatta alcuna manutenzione,il paese è no-limits. Se in breve tempo gli operai della provincia non interverranno si bloccheranno tutti i normali spostamenti in entrata e uscita da Casteltermini. Chiediamo un incontro urgente al Prefetto per trovare le soluzioni immediate”. Immedita la precisazionedell’ex provincia Regionale di Agrigento che afferma: “Privo di fondamento il presunto mancato intervento del Libero Consorzio. La massa di fango che si è riversata tra il tardo pomeriggio e la prima serata di ieri è stata immediatamente rimossa dal personale stradale del Libero Consorzio di Agrigento, che dopo la segnalazione si è attivato subito per attuare la normale procedura di intervento, ovvero l’apertura di una pista e l’ammasso del fango intriso di acqua a lato della carreggiata in attesa di essere movimentata e rimossa dai mezzi meccanici, altrimenti impossibilitati alla rimozione.”