Sciopero scongiurato

Scongiurata la giornata di sciopero che era stata annunciata dai sindacati e dai netturbini in servizio ad Agrigento. Sembra che sia arrivato il pagamento della mensilità di gennaio in scadenza lo scorso 15 febbraio. I netturbini lo scorso lunedì, 25 febbraio si erano riuniti in assemblea e da lì era emersa la volontà dello sciopero. I lavoratori delle società Iseda, Sea e Seap che operano per conto del Comune di Agrigento chiedono che gli stipendi vengano pagati puntualmente. L’assessore all’ecologia, Nello Hamel , aveva precisato:”Il Comune di Agrigento non ha alcun ritardo nel pagamento  delle ditte appaltatrici del servizio di raccolta e smaltimento  dei rifiuti”. Ieri, la raccolta straordinaria della carta – necessaria per recuperare il mancato recupero di lunedì scorso – è stata realizzata a singhiozzo e molte zone della città non hanno visto i mastelli svuotati. E, intanto, arriva un dato che potrebbe far infuriare chi rispetta l’ambiente attuando la differenziata: la raccolta dei sacchetti di rifiuti lanciati per strada da molti incivili costano agli agrigentini 10 mila euro al mese. Eo’ quanto emerge dalla fattura di gennaio liquidata ad una delle imprese che gestisce il servizio di igiene ambientale per il Comune di Agrigento. A Porto Empedocle, la situazione continua a rimanere critica. Resta ancora tanto il lavoro da fare per eliminare i cumuli di rifiuti presenti lungo le strade dopo i giorni di astensione da parte dei netturbini che reclamavano il pagamento delle spettanze loro dovute. Soprattutto nelle periferie numerosi sono ancora i sacchetti della spazzatura da raccogliere con le operazioni di bonifica che vanno al rilento.

Agrigento, schiaffi e pugni alla compagna: messa in salvo da poliziotti di quartiere

Schiaffi e pugni contro la moglie. Un trentenne agrigentino si sarebbe scagliato nell’area di piazza Vittorio Emanuele, ad Agrigento, contro la compagna che, dopo le richieste d’aiuto, ha visto il tempestivo intervento dei poliziotti di quartiere presenti in zona.

L’uomo è stato così identificato e la donna, una giovane ventitreenne, messa in sicurezza. Una posizione che resta al vaglio quella del trentenne poiché, in questi casi, occorre una denuncia a querela di parte. Ancora da accertare i motivi che hanno spinto l’uomo a usare violenza nei confronti della giovane compagna.

I Bambini del Mondo aprono il 74° Mandorlo in Fiore

I Bambini del Mondo sono pronti ad aprire, con il Festival Internazionale del folklore a loro dedicato, il 74° Mandorlo in Fiore. Alla kermesse, organizzata dall’Aifa, Associazione International Folk Agrigento, giunta alla 19^ edizione, partecipano otto gruppi folkloristici internazionali provenienti da Albania, Bulgaria, Germania, Indoneia, Lituania, Repubblica Ceca, Serbia e Ucraina.

Si tratta di gruppi di altissimo spessore artistico e culturale – dichiara il presidente del festival Giovanni Di Maida – nel loro repertorio hanno inseriti canti, danze e musiche dichiarati patrimonio immateriale dall’Unesco”.

Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura – aggiunge Luca Criscenzo, presidente AIfa – che per il terzo anno consecutivo ha concesso il proprio Patrocinio al Festival: “In considerazione dell’alto valore culturale ed educativo dell’iniziativa”.

Con gli ospiti internazionali i gruppi agrigentini di Gergent, Oratorio Don Guanella, I piccoli del Val d’Akragas, Fiori del mandorlo, Fabaria Folk, Herbessus di Grotte e Triscele di Aragona.

Tenendo fede al motto coniato dal loro “papà” Claudio Criscenzo, “i bambini aiutano i bambini” prima di iniziare la loro performace artistica il gruppo “Folk dance ensemble Taurum” della Serbia, com’è ormai tradizione andrà a far visita domani mattina, venerdì 1 marzo alle ore 10:30 ai piccoli degenti presso il reparto di Pediatria dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, portando in corsia un momento di Folklore.

Sempre Venerdì 1 marzo alle ore 17,00 apertura ufficiale del 74° Mandolro in Fiore e del 19° Festival Internazionale “I Bambini del Mondo” presso il Palacongressi del Villaggio Mosè con i gruppi internazionali che saranno ricevuti dal Sindaco del Comune di Agrigento Lillo Firetto e del Direttore del Parco Archeologico “Valle dei Templi” Giuseppe Parello.

Questi i Gruppi partecipanti

Ansambi – Sadi Halili” proveniente dalla città di Librazhd città dell’Albania che si trova a pochi chilometri dal confine con la Macedonia. Nel loro repertorio anche i canti di Iso-Polifonici albanesi dichiarati “Patrimonio Culturale dell’Umanità” dall’UNESCO dal 2005.

Children Folk Zvanche” dove zvanche sta per “piccola campana” proveniente dalla città di Shumen nella Bulgaria nord-orientale. Il gruppo è componente ufficiale del Festival del Folklore di Koprivshtitsa, un’antica città della Bulgaria, riconosciuto nel 2016 tra i patrimoni dell’Unesco per la diffusione della cultura e delle tradizioni bulgare.

Thuringer Tanzensemble” arrivano da Rudolstadt città della Germania. Il gruppo fa parte dell’organizzazione per la diffusione delle trazioni popolari della foresta della Turingia e del monumentale Castello di Wartburg, dichiarato patrimonio Unesco.

Children folk group“ Menteng School proveniente dalla città di Jacarta, capitale dell’Indonesia, che sorge sulla costa nord-occidentale dell’isola di Giava. Nel loro repertorio anche la danza Saman (letteralmente danza delle mille mani) che ha le sue origini nella tribù di Gayo originari dell’isola di Sumatra ed è caratterizzata da un ritmo veloce e dalla sincronia dei movimenti di tutti i danzatori dichiarata Patrimonio immateriale dell’Unesco nel novembre del 2011.

Chidlren & Youth Folk Dance “Seltinis” della città di Siauliai in Lituania, una delle tre Repubbliche baltiche i cui canti e le danze sono state dichiarate Patrimonio immateriale dall’Unesco nel 2008.

Children Group “Ostravichkadella città di Ostravichka in Repubblica Ceca. Tra i loro balli anche lo Slovácko verbunk una danza improvvisata eseguita da ragazzi vivono nei distretti della Moravia meridionale Il nome della danza deriva dal termine tedesco Werbung che significa “reclutamento”, che riflette le sue origini storiche nel reclutamento di ballerini e soldati per il servizio militari nel XVIII secolo, canti tradizionali dichiarati Patrimonio immateriale dell’Unesco nel 2008.

Folk dance ensemble Taurum” della città di Zemun, alle porte di Belgrado in Serbia. I balli sono caratterizzati dalla velocità dei passi e dai salti tipici della cultura montanara. Nel loro repertorio il gruppo propone la tipica danza slava Kolo dichiarata Patrimonio immateriale dall’Unesco nel 2017.

Chidlren Folk Group“ Vitaminchiki” arriva da Kiev la capitale dell’Ucraina. Parteciperà per la seconda volta al Festival “ I Bambini del Mondo”, insignito del premio “ Claudio Criscenzo” dedicato al fondatore del Festival. Punto di forza del loro repertorio I Canti Cosacchi della regione di Dnipropetrovsk, dichiarati patrimonio immateriale dall’Unesco nel 2016.

Special Guest dell’edizione 2019 del Festival “I Bambini del Mondo” la “Lviv State Choreographic School”, la Scuola coreografica nazionale presso il Teatro nazionale dell’opera e balletto di Leopoli, Ucraina. Il prestigioso istituto  nasce nel 1957 come un’istituzione educativa specializzata a sviluppare le tradizioni di balletto ucraino in contrapposizione alla scuola di balletto russo. Attuale direttore della scuola il famoso coreografo, Volodymyr Sabolta che sarà ad Agrigento accompagnato da Alla Serzeva, una delle più famose ballerine della scuola leopoliana. L’occasione della presenza della prestigiosa scuola ad Agrigento è data dal gemellaggio in corso tra il Parco Archeologico e il Teatro dell’Opera di Leopoli.

Nella mattinata di Sabato 2 marzo il primo bagno di folla del 74° Mandorlo in Fiore. I gruppi folkloristici internazionali e i gruppi agrigentini daranno vita alla “Passeggiata della Pace e della Fratellanza” lungo la via Sacra. Con loro anche il gruppo “Taratatà” di Casteltermini , il “Corteo storico” della scuola dell’infanzia San Secondo di Naro e la partecipazione di centinaia di studenti provenienti da diverse parti della Sicilia. Alle ore 12.00 presso il Tempio della Concordia esibizione dei gruppi internazionali partecipanti al 19° Festival Internazionale “I Bambini del Mondo”; alle ore 20.30 al Palacongressi spettacolo di apertura con l’esibizione dei gruppi internazionali e agrigentini

” Fontanelle Insieme”, ecco il direttivo

Il comitato di quartiere ” Fontanelle Insieme” durante l’assemblea che si è tenuta  lo scorso 25 febbraio ha eletto il suo direttivo : Presidente: Vito Lauricella; Vice, Francesco Sferrazza Papa; Tesoriere: Emanuele Montalbano; Segretario: Salvatore Ciulla. Durante l’assemblea è stato presentato anche il nuovo progetto di riqualificazione del quartiere, un progetto ancora in fase embrionale che verrà ampliato con le proposte da parte di tutta l’assemblea che si è dimostrata propositiva ed entusiasta.

Inoltre si è discusso della problematica che più sta a cuore al momento a tutti i membri del comitato ovvero quel che resta dell’isola ecologica attualmente collocata di fronte la scuola materna: il comitato chiede che venga spostata in maniera definitiva in un’area più idonea.

Sorpreso con oltre un etto di “Hashish”. In manette un 28enne libico.

Giovane libico sorpreso per strada con oltre un etto e mezzo di “Hashish”. E’ incappato ad un posto di blocco dei Carabinieri della Stazione di Raffadali. I militari lo hanno visto camminare a piedi e gli hanno intimato l’alt. L’uomo , approfittando dell’oscurità, ha lanciato qualcosa all’interno di una vicina aiuola. I Carabinieri tra i cespugli hanno scovato due panetti di “Hashish”, del peso complessivo di oltre un etto e mezzo, subito sequestrati. Subito dopo, è scattata anche una perquisizione nel domicilio dello straniero: rinvenuto un bilancino elettronico di precisione e materiale vario per il confezionamento delle dosi di sostanze stupefacenti. Lo straniero è stata arrestato ai domiciliari con l’accusa di “Detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti”.

Scoperta e sequestrata una discarica abusiva a Siculiana.

I Carabinieri della Compagnia di Agrigento hanno fatto scattare un’ispezione su un appezzamento di terreno ubicato in contrada Landro , a Siculiana. Giunti sul posto, i militari hanno effettuato un sopralluogo, scovando una discarica abusiva con rifiuti di varia tipologia, anche speciali e pericolosi. L’area interessata, estesa per circa 1.600 m.q., è stata delimitata e sequestrata e posta a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sono ora in corso accertamenti finalizzati ad individuarne la proprietà ed eventuali responsabilità di natura penale,  in attesa delle successive opere di bonifica del sito.

Montevago aderisce a“M’illumino di meno”

L’amministrazione comunale di Montevago comunica di aver aderito all’iniziativa “M’illumino di Meno”, la giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili ideata nel 2005 da Caterpillar e Rai Radio2.

M’illumino di Meno” del 1 marzo 2019 è dedicata in particolare all’economia circolare. L’imperativo è riutilizzare i materiali, ridurre gli sprechi, allontanare “il fine vita” delle cose.

Alle 20 di domani verranno spente per tre minuti le luci della Pubblica Illuminazione di Piazza della Repubblica. Il sindaco, La Rocca Ruvolo, invita la cittadinanza a partecipare  all’iniziativa e a fare altrettanto nelle proprie abitazioni.

74^ edizione del Mandorlo in Fiore. Ulteriori dettagli sul programma.

Ulteriori dettagli si aggiungono al programma della 74^ edizione del Mandorlo in Fiore, la kermesse che si svolge ad Agrigento dal 1 al 10 marzo prossimi. In mattinata, gli organizzatori hanno incontrato i giornalisti per illustrare alcune delle novità previste per l’imminente edizione della festa più attesa dagli agrigentini.

 

 

Fumata nera dall’incontro tra i commercianti e gli organizzatori.

Nulla di fatto, il programma non cambia: la sfilata conclusiva del Mandorlo in Fiore non attraverserà la via Atenea. La decisione è stata ribadita nel corso di un animato incontro tra i responsabili del Parco Archeologico, ente che organizza la kermesse, ed i commercianti ddella via del centro.I negozianti chiedevano il passaggio dell’ultima sfilata della festa, ma le nuove regole dettate dalla circolare “Gabrielli” in materia di pubblici spettacoli, secondo gli organizzatori non ammette riserve.

Dall’ente Parco, però, sono state avanzate due proposte alternative.

Piano Gatta, Carlisi invoca un tavolo tecnico.

Ancora nessuna soluzione per il cimitero di Piano Gatta e le salme nella camera mortuaria continuano ad aumentare. Per cercare di trovare una sepoltura alle salme in attesa, il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Agrigento,  Marcella Carlisi, invoca un tavolo tecnico in Prefettura. “Dopo 2 mesi- dice Carlisi- è stata mandata la replica degli uffici alla lettera della ditta che gestisce il cimitero, per incrociare le armi e condurre l’ennesima battaglia legale del Comune di Agrigento. Si contestano delle infrazioni del 2014, rinvenute solo adesso. Sicuramente era dovere della ditta inviare tempestivamente le variazioni societarie però nella vicenda balza agli occhi come gli uffici non abbiano tenuto sotto controllo e abbiano sottovalutato un problema che pagano gli agrigentini; in prima persona le famiglie che hanno i feretri custoditi nella camera mortuaria del cimitero”. Il consigliere evidenzia tra l’altro come le salme siano oggi conservate in un’area che non sembrerebbe avere le caratteristiche di legge previste per le camere mortuarie .  “C’è bisogno di una soluzione- conclude Carlisi- e che questa venga trovata subito. Bisogna che intervengano tutte le autorità competenti prima che le temperature, quella atmosferica e quella degli animi, si riscaldi troppo.”

Approvato dal Genio Civile il progetto del Ponte Petrusa.

Possono essere concretamente avviati i lavori per la realizzazione delle strutture del ponte Petrusa che collega Agrigento con la 640 e con Favara, già preceduti dalle opere di approntamento del cantiere. Il Genio Civile ha approvato il progetto esecutivo per la realizzazione della struttura. Dopo l’affidamento dei lavori da parte di Anas, la ditta che ha in appalto i lavori, nei giorni scorsi ha iniziato le opere. “Sin dal mio insediamento, ho riservato priorità assoluta allo snellimento delle procedure per il rilascio delle autorizzazioni di competenza dell’Ufficio ed, in particolare, all’approvazione di progetti importanti per il riscatto sociale ed economico del territorio agrigentino.” Con queste parole il nuovo Capo del Genio Civile, Rino La Mendola, ha espresso la sua soddisfazione per l’intervenuta approvazione del progetto strutturale dei lavori per la ricostruzione del “Ponte Petrusa”. “La ricostruzione del ponte, aggiunge il Capo del Genio Civile, traccerà un primo passo importante lungo un percorso per consentire alla città di Agrigento di uscire da quell’isolamento infrastrutturale.” Al vagli del genio civile anche un altro ponte, il Morandi. “Proseguendo lungo questo percorso, siamo già in contatto con i tecnici dell’ANAS – ha detto La Mendola- per affrontare concretamente il tema del Ponte Morandi, a giorni, potremo essere più precisi.” Un altro progetto che il Genio Civile intende portare avanti, in sinergia con il Dipartimento Regionale Tecnico, è quello dello studio degli ipogei che attraversano il sottosuolo del centro storico della Città dei Templi, con l’obiettivo di individuare le zone che manifestano segni di dissesto e che sono pertanto da consolidare. Il Genio Civile pensa anche alle emergenze idrogeologiche con cui devono fare i conti le Amministrazioni Locali, gran parte delle quali non dispongono delle risorse necessarie per realizzare interventi a tutela della pubblica incolumità. “A seguito di una riunione con il Presidente della Regione Musumeci, aggiunge La Mendola, abbiamo già avviato la progettazione per un intervento di regimentazione idraulica del Fiume Verdura di cinque milioni di euro”

M5s, l’Ars: “costa quanto la Casa Bianca, ma…”

Venti ore e trentadue minuti al mese di lavoro per costi simili alla Casa Bianca. E’ l’Ars a Palermo. La denuncia è del deputato Stefano Zito, Movimento Cinque Stelle. I dati sulla produttività del parlamento regionale siciliano nel 2018 sono stati presentati dal  M5S nel corso di una conferenza stampa tenuta da Zito (che ha raccolto i dati), dal capogruppo Francesco Cappello e dal deputata Elena Pagana. ” Da dicembre 2017 a dicembre 2018 – è stato detto durante l’incontro- l’aula si è riunita solo 87 volte per una media di 7,25 ore al mese. E in alcuni mesi ha lavorato ancora meno. A maggio del 2018, ad esempio,  quando sala d’Ercole chiamò a raccolta i deputati solo 4 volte per un totale di 4 ore e 34 minuti.”

Statali, riprendono i lavori

Riprenderanno domani i lavori sulla Palermo-Agrigento e sulla Agrigento-Caltanissetta. Lo ha annunciato Giusi Savarino, presidente della Commissione Territorio, Ambiente e Mobilità dell’Ars. Le società affidatarie proseguiranno i lavori già iniziati, impegnandosi ad ultimare nel giro di tre mesi sulla Caltanissetta-Agrigento i tratti in contrada Favarella e fino alla città nissena, e sulla Palermo-Agrigento per eliminare i semafori di Bolognetta, Vicari, e la deviazione a Villafrati, così da accelerare e snellire sensibilmente il traffico. I pagamenti alle società affidatarie saranno effettuati e garantiti direttamente da Anas che sbloccherà i fondi già accantonati. “In finanziaria – prosegue Savarino – è stato approvato un ordine del giorno volto ad impegnare Anas a garantire il pagamento del credito in favore delle aziende sub-appaltanti e dei fornitori, il presidente Musumeci ha scritto di suo pugno al ministro, questo impegno risoluto su più fronti ha portato a raggiungere il risultato odierno. Continuerò a vigilare sullo stato di avanzamento dei lavori, a partire da giovedì quando mi recherò personalmente sul cantiere per verificarne la riapertura. Riconvocherò tutti in Commissione fra tre mesi“. “Quando le volontà si uniscono è allora che si raggiungono i risultati”. Sono le parole del sindaco di Agrigento Lillo Firetto alla notizia dell’ormai prossima riapertura dei cantieri. “Decisiva è stata la protesta che i sindaci ad Agrigento hanno voluto esprimere in un documento con cui si chiedevano soluzioni immediate. Ora  vigileremo perché siano rispettate le scadenze per il completamento delle opere”.

“Mancata rimozione delle cassette per i depliant”, scattano le prime multe

Mancata rimozione delle cassette per la raccolta dei volantini pubblicitari, scattano le prime mmulte ad Agrigento. La Polizia municipale, in applicazione dell’ordinanza del sindaco che disponeva l’eliminazione dalla facciata dei palazzi di queste cassette metalliche aperte per la raccolta dei depliant, ha elevato ieri 12 verbali da 100 euro ciascuno nei confronti di altrettanti condomini del viale della Vittoria, rei, appunto, di non aver rispettato le nuove regole imposte dal Comune per limitare il fenomeno dell’abbandono dei volantini per strada.

I vigili hanno semplicemente percorso la popolosa zona del centro città e hanno provveduto a fotografare tutte le cassette ancora non eliminate, prevedendo quindi le sanzioni imposte con ordinanza del sindaco.

Ancora una rapina a Palma di Montechiaro

Ancora una rapina a Palma di Montechiaro, dove questa volta è stato preso di mira un centro scommesse.

Un malvivente sarebbe entrato in azione nel centro scommesse di via Italia, l’altra sera, quando armato di coltello e con il volto travisato avrebbe minacciato il titolare che non ha potuto fare altro che consegnare l’incasso, circa 500 euro.

Scattato l’allarme, sul posto sono giunti i militari dell’Arma dei Carabinieri che ora indagano sull’accaduto. Massimo il riserbo da parte degli investigatori.