Agrigento. Sabato 16 marzo non si raccoglie l’umido previste anche altre modifiche al calendario

Secondo quanto inoltrato in una nota dall’assessore comunale all’Ecologia, Nello Hamel, in relazione alla chiusura temporanea dell’impianto di compostaggio di Belpasso, dove conferisce l’umido il Comune di Agrigento e quasi tutti i Comuni della provincia, si è creata una situazione di forte disagio che imporrà la temporanea riorganizzazione della raccolta. Pertanto domani, sabato 16 marzo non verrà effettuata la raccolta dell’umido mentre il vetro verrà regolarmente prelevato. Lunedì 18 marzo si effettuerà una raccolta straordinaria dell’indifferenziato e la regolare raccolta dell’umido mentre non si effettuerà la raccolta della carta.

Differenziata, disagi in vista

Chiude per alcuni giorni l’impianto di compostaggio di Belpasso e si prospettanno giorni non proprio felici nell’agrigentino per la raccolta dell’umido visto che non ci sono alternative. A partire da lunedì, infatti, rimarrà chiuso per una settimana l’impianto Rago di Belpasso in cui conferiscono praticamente tutti i comuni dell’Agrigentino, data la carenza sistematica di strutture dedicate specificatamente al compostaggio. Il privato, a quanto pare, dovrà effettuare alcuni interventi che richiedono la sospensione delle attività almeno fino a fine marzo. Un fatto di ordinaria amministrazione, se solo vi fossero delle alternative praticabili. Una situazione che ha subito messo in “allarme” l’amministrazione comunale di Agrigento con l’assessore Nello Hamel che ha fatto sapere di essersi messo a lavoro per la ricerca di un nuovo impianto: “abbiamo cercato di individuare un nuovo impianto- ha detto Hamel- ma non esistono strutture disponibili. Abbiamo anche cercato di coinvolgere il Dipartimento Rifiuti, ma ci hanno solo allargato le braccia”. Intanto è stata convocata una riunione alla Srr per capire come muoversi e soprattutto evitare disservizi ai cittadini.

Agrigento, ruba bonsai da 10 mila euro: denunciato 25enne

Un agrigentino di 25 anni è stato denunciato dai poliziotti della sezione Volanti della Questura di Agrigento per l’ipotesi di reato di furto. Il giovane è stato immortalato dalle telecamere di sorveglianza di un’attività commerciale, una cartolibreria al Quadrivio Spinasanta, mentre si impossessava di un “bonsai” dal valore di 10 mila euro.

L’autore del gesto è stato denunciato per furto.

Sequestrata struttura abusiva sorta vicino alla riserva di Torre Salsa. Denunciato il responsabile, un pensionato 67 enne.

I carabinieri hanno sequestrato una struttura di legno abusiva, sorta a due passi dalla Riserva naturale orientata di Torre Salsa. Nel comune di Montallegr, vicino alla strada provinciale 75, in prossimità della riserva naturale, i Carabinieri si sono accorti della presenza della struttura ampia circa 16 metri quadrati. Durante un servizio di pattugliamento, i militari hanno sorpreso e colto sul fatto il proprietario di un fondo, mentre stava realizzando e completando la struttura in legno. Durante le verifiche, è emerso che sul posto erano state effettuate anche delle operazioni di sbancamento, di circa 260 mq. di terreno. Inoltre, il proprietario del fondo, un 67 enne originario di Ribera, non era in possesso di alcun permesso per poter realizzare la struttura in un’area peraltro soggetta al vincolo anti-sismico. Il 67 enne è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.