Il consigliere comunale non può essere trasferito.Il TAR dà torto al Ministero della Giustizia

Il consigliere comunale non può essere trasferito.Il TAR dà torto al Ministero della Giustizia. La vicenda riguarda un 45enne , assistente capo di Polizia Penienziaria che ricopre la carica di consigliere comunale e  per effetto di provvedimenti di assegnazione temporanea presta servizio alla casa circondariale di Agrigento. Il Ministero della Giustizia, aveva disposto la revoca del provvedimento e il trasferimento nella casa circondariale di Palermo. Da qua la decisione del consigliere comunale di proporre un ricorso davanti al Tar Sicilia, con il patrocinio degli Avvocati Girolamo Rubino (nella foto) e Giuseppe Impiduglia. Condividendo la tesi difensiva sostenuta dagli avvocati Rubino e Impiduglia secondo cui gli amministratori lavoratori dipendenti, pubblici o privati, non possono essere soggetti a trasferimenti durante l’esercizio del mandato, il Tar ha accolto la richiesta di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato. Il consigliere comunale continuerà a prestare servizio ad Agrigento.

Tragico incidente ferroviario a Canicattì, un uomo travolto sui binari

Un uomo è stato travolto dal treno in corsa proveniente da Canicattì, il regionale 26655. Si tratta di Giovanni Di Grigoli, 48 anni , bracciante agricolo. Non è chiaro cosa facesse l’uomo nei pressi del binario, a poca distanza dal cosiddetto “ponte obbliquo”. Pare raccoglieva asparagi o altra verdura.

Sul posto gli agenti della polizia ferroviaria che, per prima cosa, hanno identificato la vittima e avvisato i familiari: il quarantottenne era celibe. Al lavoro anche i poliziotti della Scientifica del commissariato di Canicattì. La polizia, a quanto pare, escluderebbe il suicidio. Stando alle attuali informazioni, si sarebbe trattato di un vero e proprio incidente ferroviario mortale. La linea ferroviaria, quella che collega Canicattì con Agrigento, è stata, naturalmente, interdetta. Il treno che ha travolto ed ucciso il bracciante agricolo era quello partito da Canicattì verso il capoluogo provinciale alle 6,40 circa: quello utilizzato dagli studenti pendolari di Racalmuto e Grotte in maniera particolare.

Il Consiglio comunale di Agrigento ha approvato il piano Tari 2019

Dopo oltre cinque ore , il consiglio comunale di Agrigento ha approvato il piano tariffario della Tari, la tassa sui rifiuti, per l’anno 2019. Il piano approvato determina una riduzione del 16%, già nel 2019, delle bollette per le utenze commerciali e delle attività produttive. In prospettiva, secondo quanto già annunciato dall’amministrazione comunale, si procederà ad una riduzione allo stesso modo anche per le utenze domestiche nel 2020. E’ probabile una riduzione , anche se lieve, delle bollette per le utenze domestiche nel conguaglio per l’anno 2019.