Gela, c’è una vittima nell’incendio del mercatino.

Non ce l’ha fatta Tiziana Nicastro, 42 anni. La donna, madre di tre figli, era rimasta ferita dall’esplosione della bombola di gas al mercatino rionale di via Madonna del Rosario, a Gela. È stata ricoverata per otto giorni al Civico di Palermo con ustioni nel 60 per cento del corpo. Il suo cuore si è fermato questa mattina. Nicastro, il 5 giugno, era al mercatino per fare qualche acquisto quando è stata travolta dalla fiammata sprigionata dal camionicino che vendeva polli allo spiedo. Ora con la prima vittima potrebbe aggravarsi la posizione di Carlo Catanese, 45 anni di Grotte, proprietario del furgone alimentare. C’è un’indagine della Polizia, coordinata dalla Procura di Gela. In prognosi riservata, anche tre donne ricoverate al Cannizzaro di Catania e un ragazzino di 14 anni.Chi fuggiva, chi chiedeva aiuto, chi cercava di soccorrere i feriti: c’è stato il panico a Gela quella mattina del 5 giugno.Nell’area, interessata dall’incendio del camioncino ci sono ancora i segni dell’incendio. L’incendio sarebbe partito da una fuga di gas proveniente da una delle quattro bombole utilizzate dal furgone Iveco 50. Investigatori e inquirenti si stanno concentrando proprio sulla sicurezza e sulla manutenzione delle bombole. 

Scoppia lite in un bar, colluttazione tra padre e figli: un ferito

Dal diverbio alla lite, fino alle scazzottate. A Porto Empedocle, è scoppiata una violenta rissa tra un padre e i suoi due figli. Secondo quanto ricostruito dagli intervenuti, si sarebbe trattato di un diverbio degenerato in fretta.

In particolare, i fatti sono avvenuti la notte scorsa, poco prima della mezzanotte. Soltanto l’intervento dei militari è riuscito a riportare la calma tra i litiganti, i quali sono stati subito separati.Non è chiaro del tutto il motivo che avrebbe scatenato la lite, anche se non si esclude l’aspetto economico. Uno dei tre colluttanti, inoltre, è rimasto lievemente ferito. Per quest’ultimo, infatti, è stato necessario l’intervento del personale medico.

Affiancata e scippata da un malvivente: pensionata ottantenne sotto choc

I carabinieri della Tenenza di Favara hanno avviato le indagini per risalire all’identità di un borseggiatore che nella giornata di martedì ha scippato una collana d’oro, dal valore di duecento euro, ad un’anziana mentre stava camminando lungo via Nuova. 

La donna, che per fortuna non è rimasta ferita, ha chiamato aiuto e in suo soccorso sono sopraggiunti alcuni passanti. Immediata poi la chiamata ai carabinieri. Adesso al vaglio ci sono possibili immagini riprese dalle telecamere di esercizi commerciali per identificare il malvivente.