Top Videos
  • Intervista al candidato sindaco di Agrigento Mario Gallo
    4789 76
  • Operazione “la carica dei 104″ : 19 arresti
    2910 76
  • Speciale Interviste ospite Simona Carisi 21 08 2014
    2526 76
  • Telegiornale del 10-04-2014 ore 14:00
    2332 76
  • Festa di San Martino Mpignulata e vino a Grotte
    2269 76
  • Piano giovani la procura apre un fascicolo
    2054 76
  • Crocetta e Piano Giovani: in bilico il nuovo bando
    1640 76
  • Piano giovani il bando della discordia
    1487 76
  • Obbligo accatastamento caldaie, intervento adoc
    1043 76
  • Grotte, inaugurato il presepe vivente della scuola roncalli
    1037 76
messina16-300x266

Mafia, Gerlandino Messina condannato per il possesso delle due pistole

I giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento hanno condannato a 9 anni e 6 mesi di reclusione il boss di Porto Empedocle, Gerlandino Messina, accusato di detenzione illegale di armi e munizioni e ricettazione con l’aggravante del favoreggiamento a Cosa Nostra. Le accuse a carico di Messina vennero formalizzate quando fu catturato, dopo circa 10 anni di latitanza, il 23 ottobre del 2010, nel covo di viale Stati Uniti, a Favara. Il capo mafia fu trovato in possesso di due pistole e un centinaio di munizioni. Il pubblico ministero della Dda, Rita Fulantelli aveva chiesto la condanna a 15 anni. Il suo difensore, l’avvocato Salvatore Pennica, aveva chiesto, invece, l’assoluzione spiegando che non c’era prova che le armi appartenessero a Messina perche’ la casa dove fu arrestato era frequentata anche da altre persone.

Condividi

Categorie: Cronaca, Porto Empedocle