A Giusi Nicolini il Premio della Pace 2015 del movimento civico Die Anstifter di Stoccarda.

In questi mesi si è parlato di una probabile candidatura al nobel per la pace a favore del sindaco di Lampedusa Giusy Nicolini  e mentre si ipotizzano i  nomi dei possibili assegnatari a Stoccarda riceve l’ambito premio della Pace 2015.  Il premio è stato assegnato alla Nicolini per il  messaggio politico venuto fuori dalla gestione del fenomeno migratorio in contrapposizione alle politiche europee.  L’onoreficenza conferita a Giusi Nicolini è stata affidata a Costantino Baratta, uno dei soccorritori del tragico naufragio del 3 ottobre 2013 di Lampedusa. La cerimonia di premiazione  si è tenuta  al Theaterhaus di Stoccarda, dove però la Nicolini non ha potuto presenziare per impegni  amministrativi delle isole e ove,  Baratta ha dato lettura di un messaggio firmato dalla prima cittadina delle Pelagie dove ha ribadito “il bisogno di lottare per spiegare che le migrazioni non sono la causa della crisi dell’occidente, semmai sono le politiche di rapina e di sfruttamento ad avere aggravato le condizioni di povertà e disagio che mettono in fuga le persone dall’Africa”. La cerimonia di premiazione si è pregiata dell’elogio del giornalista  tedesco Jakob Augstein nei confronti del sindaco e dei lampedusani. Il Premio del movimento civico  comprende anche una borsa da cinquemila euro, somma  che Giusi Nicolini ha deciso di devolvere in favore dei servizi sociali di Lampedusa e Linosa.  In coincidenza del Premio della Pace di Stoccarda anche Papa Francesco è tornato con la memoria alla tragedia in mare di Lampedusa durante il collegamento con Assisi, dove ai piedi dell’albero di Natale, acceso dal Santo Padre, è stata collocata una barca di migranti proveniente da Lampedusa e al cui interno è stata installata una natività.

Un momento della cerimonia al Theaterhaus Costantino Baratta durante la cerimonia