Abusivismo commerciale e contraffazione, intervento di Confcommercio.

 

Con l’inizio della primavera si comincia a rivedere l’avvio di tutte quelle attività dedite al commercio abusivo e vendita prodotti contraffatti, principalmente nella frazione di San Leone. Ieri, giorno di Pasquetta, il lungomare è stato invaso da venditori  di merce contraffatta. Insomma stagione nuova problemi vecchi. A dire la sua, ancora una volta, è confocommercio Agrigento con in testa il suo presidente provinciale, Francesco Picarella, che denuncia anche la presenza di  venditori di bibite, alcolici e prodotti alimentari con tanto di gruppi elettrogeni al seguito. 

Di questi aspetti, ed anche della vendita senza controllo di alcolici, pure a minori, nei pressi della Valle dei templi, si discuterà venerdì prossimo, durante un incontro convocato dal Questore di Agrigento Maurizio Auriemma che ha come punto all’ordine del giorno proprio: “La stagione estiva 2018 e le attività dei pubblici esercizi”.   “Chi compra prodotti contraffatti – ricorda il presidente provinciale di Confcommercio –  non solo va incontro a pesanti sanzioni, ma danneggia lo Stato con la puntuale evasione fiscale perpetrata da questi venditori e alimenta la malavita considerato che dietro gli abusivi ci sono spesso organizzazioni criminali, che creano un danno sociale indescrivibile ai commercianti onesti che pagano le tasse e rispettano le regole. Per questo motivo Confcommercio Agrigento, chiederà ai massimi esponenti di polizia di intensificare i controlli per stanare i venditori abusivi. Da parte nostra – aggiunge Picarella –  vogliamo assicurare il massimo sostegno da parte dell’intera categoria per tutte le azioni che verranno messe in atto per debellare l’abusivismo commerciale e la vendita di prodotti contraffatti sul lungomare di San Leone. Uno scempio, un danno, non più tollerabile”.   All’incontro in questura, promosso da Confcommercio Fipe, oltre al presidente provinciale di Francesco Picarella, prenderanno parte anche il comandante della Polizia Municipale e un rappresentante della giunta comunale.