fbpx

Cinque persone sarebbero state iscritte sul registro degli indagati nell’ambito di un fascicolo d’inchiesta aperto dalla Procura della Repubblica di Agrigento, riguardante l’Accademia di studi mediterranei “Lorenzo Gioeni”. L’inchiesta è in una fase avanzata. La sta conducendo il pm, Giacomo Forte, che insieme al procuratore aggiunto, Ignazio Fonzo, stanno indagando su una vicenda legata alla pubblica amministrazione e ruota attorno al ruolo dell’Accademia di studi mediterranei “Lorenzo Gioeni”, fondata dalla professoressa Assuntina Gallo ed ad una serie di fatturazioni che la Guardia di Finanza ritiene sospette. Una fattura, in buona sostanza, sarebbe stata pagata da Enti pubblici (Comune, Provincia, Regione) più di una volta. E la vicenda sarebbe stata ripetuta in più circostanze. All’esame degli inquirenti ci sono fatturazioni per 400 mila euro. E nel registro degli indagati, attualmente, sono state iscritte cinque persone. L’indagine, nata quest’anno ma avente come riferimento temporale il quadriennio 2005-2008, tende ad accertare se nel vorticoso giro di fatturazioni pagate più volte ci sia anche la complicità di dirigenti e funzionari della pubblica amministrazione.