fbpx

La Jolly Amaranto, la portacontainer della Compagnia Ignazio Messina di Genova rimasta in balia delle onde per tre giorni al largo di Alessandria d’Egitto a causa di un’avaria al motore, è affondata nella notte all’ingresso del porto egiziano. Tutti salvi – si apprende dalla Capitaneria di Porto italiana – i 21 marinai, di cui 16 italiani, che erano a bordo. Tra quewsti anche Pietro De Marco, 50 anni, di Licata, sposato e padre di una ragazzina dio 12 anni, residente nel quartiere del Villaggio dei Fiori. De Marco lavora per la compagnbia genovese da 12 anni. L’uomo ha già contattato telefonicamente la famiglia, rassicurando tutti sulloe sue condizioni di salute.