fbpx

Un forte temporale si è abbattuto la scorsa sera su Agrigento, provocando danni e disagi. Il centralino dei vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento e il centralino della Polizia municipale hanno ricevuto diverse chiamate per allagamenti e autovetture rimaste impantanate. Inevitabili i disagi sulla viabilità che è stata messa a dura prova soprattutto per la caduta di grossi rami e di alberi sulle sedi stradali. Traffico rallentato al Villaggio Mosè e sulle statali 115 e 189, soprattutto per chi stava arrivando in città, ma anche in centro sono stati segnalati disagi a causa di numerosi semafori andati in tilt. Allagato il viadotto Garibaldi, che è stato chiuso alla circolazione stradale. Il tratto interessato è l’intera bretella, che dal piazzale Rosselli, immette sulla strada statale 189, fra l’altro due autovetture sono rimaste blocccate in mezzo all’acqua. Per liberarle è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco. Disagi pure sul viadotto Akragas, dove si sono allagati alcuni tratti di strada. A causa dell’asfalto scivoloso si sono verificati diversi incidenti stradali. Il più grave in via Passeggiata Archeologica. Quattro i feriti nello scontro che ha coinvolto tre auto, una Lancia Y, una Golf Volkswagen e una Peugeot 207. Per l’allagamento di alcune centraline, diverse zona della città dei templi si sono ritrovate senza elettricità. E’ successo nella parte sud est della città e anche in alcune zone del centro. Vicino la stazione centrale è venuta meno la corrente sulla linea. Lampioni spenti in via Atenea, Porta di Ponte e strade circostanti. Molti gli ascensori andati in tilt. Il nubifragio ha creato parecchi problemi alle strutture. Allagati alcuni negozi e uffici, non solo al pianterreno ma anche ai piani superiori. Per le infiltrazioni di acqua, crollati cornicioni, mentre dai vecchi palazzi si sono staccati pezzi di intonaco.