fbpx

E’ stata chiamata “Scempio” l’operazione che ha permesso agli agenti della Polizia municipale di Agrigento guidati dal comandante Cosimo Antonica, di scoprire una decina di terreni privati, adibite ad aree per lo scarico di materiali speciali, tra cui l’amianto. Sequestrati pure due laghetti artificiali realizzati mediante il blocco di un vallone naturale con riversamento di acqua e liquidi fognari, che servivano per irrigare alcune serre. Sul posto sono state trovate due elettropompe, una pompa e una serie di tubi, che sistemati in mezzo alla vegetazione di canne, scaricavano il liquido per irrigare le colture. I campioni prelevati e portati in laboratorio ha accertato l’inquinamento dei due invasi. Tre le aree d’intervento degli agenti della Municipale alcune si trovano a poche decine di metri dalla zona della Valle dei Templi. Le discariche abusive sono state realizzate nelle contrade Maddalusa, Torcicuda e Forgia e al Villaggio Mosè. I ripetuti scarichi e l’ingente quantità dei rifiuti versati e depositati hanno deturpato una grande fascia di terreno e arrecato danni all’ambiente circostante.

Un pensiero su “Agrigento, operazione per la tutela dell’ambiente: sequestrate discariche e due laghetti”
  1. EGREG.DIRETTORE,IN MERITO ALLE DISCARICHE ABUSIVE QUESTE NASCONO PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE I CITTADINI NON SANNO DOVE ANDARE A BUTTARE I RIFIUTI PROVENIENTI DALLA POTATURA DEGLI ALBERI,DELLA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI EDIFICI,DELLA SOSTITUZIONE DEI RECIPIENTI IN ETERNIT ETC.
    IL SINDACO MARCO ZAMBUTO INDICHI AI CITTADINI I SITI OVE ANDARE A BUTTARE QUESTO MATERIALE PER POI ESSERE PRELEVATO DALLE DITTE INCARICATE,VEDRA’ CHE LA CITTA’ ,CON L’AUSILIO DEL CONTROLLO DEL COMANDO VV.UU., SARA’ PULITA, ECCOME !!TANTO PER INCOMINCIARE I CASSONETTI PERCHE’ NON VENGONO LAVATI GIORNALMENETE COME PRESCRIVE IL CONTRATTO ? NON E’ CON L’AUMENTO DELLE BOLLETTE TARSU-TIA DOVUTO AD ULTERIORI SPESE CHE SI RISOLVE IL PROBLEMA .
    grazie dell’ospitalita’ e buona domenica
    giuseppe

I commenti sono chiusi.