fbpx

Primo congresso del Pdl ad Agrigento

Niente linea politica, niente candidato. Il Congresso provinciale del Pdl non ha sciolto alcun dubbio in merito alle elezioni comunali, in particolare per la Città dei Templi.
Serve l’intervento del segretario nazionale. Ma Angelino Alfano ieri non era presente al congresso della sua provincia. Era atteso ma non si è presentato.
E tra l’altro, a quanto pare, non aveva altri impegni istituzionali: sulla sua bacheca di facebook ieri scriveva augurando una buona domenica, di trascorrere la giornata in famiglia.
Allora cosa sta succedendo?
La linea del Pdl non è chiara. L’unica cosa certa è la conferma di Nino Bosco a coordinatore provinciale. Lo hanno votato in 3.178 recandosi nei vari seggi allestiti. Una conferma senza sorpresa visto che Bosco era l’unico candidato, e solo il suo nome era presente nella lista.
Quindi quali sono le prospettive elettorali?
Scalia interviene proponendo l’alleanza con l’Udc e perché no sostenendo Marco Zambuto. Ma la sua pare essere la voce fuori dal coro: Bosco ribatte di essere alternativi all’attuale amministrazione.
NINO BOSCO – COORDINATORE PROVINCIALE PDL
Ma il nome di Luparello pare perdere peso in questi ultimi giorni.
VINCENZO FONTANA – DEPUTATO NAZIONALE PDL
Niente primarie, questo ormai pare essere certo. Possibilità di un candidato esterno al partito. E soprattutto tentare di allearsi con i moderati.
E la possibilità di scegliere un nome esterno al partito è condivisa a livello regionale, come commenta Giuseppe Castiglione.
L’ultima parola spetterà ad Angelino Alfano: e secondo gli uomini del Pdl di Agrigento il responso dovrebbe arrivare entro la prossima settimana.