fbpx


Nonostante gli sconti praticati dai negozi, che termineranno i primi di settembre, gli agrigentini dimostrano un basso potere d’acquisto. Infatti, rispetto agli anni precedenti si è ridotto non solo l’afflusso dei clienti, ma anche il generale bilancio che pare essere diminuito del 20%: i negozianti si lamentano pur comprendendo la situazione. La corsa agli sconti è durata solo i primi giorni, poi la situazione si è stabilizzata, ma in senso negativo: i clienti che acquistano ci sono, ma in numero sempre inferiore. Alcuni commercianti non notano grossi cambiamenti rispetto al passato, ma la maggior parte definisce la situazione assai problematica.