fbpx


Ancora una vittoria per l’Akragas volley che in occasione dell’ottava giornata di campionato si è affermata in campo contro una squadra che doveva essere una delle più combattive della stagione, ovvero il Cefalù. Tra le mura del Pala Nicosia, le akragantine hanno dato vita ad un primo set a senso unico. Le avversarie, sembravano essere completamente assenti abbandonandosi a diversi errori senza la capacità di riprendersi in alcun modo. Fondamentale poi l’ingresso in campo di Annalisa Sannino che ha giocato la sua prima partita di campionato dopo seguito di un infortunio durante un’amichevole. La Sannino ha reso più forte il muro della squadra agrigentina favorendo anche un ottimo attacco. 25-12 il risultato del primo macht.

Nessuna differenza durante al ritorno in campo per il secondo set. Sono state ancora le ragazze di Tani Frinzi Russo a dominare la partita e a condurre il gioco con le proprie azioni e con le proprie abilità sia fisiche che mentali riuscendo a chiudere con 25-11. Si è giocato alla pari nel terzo set dove le ragazze del Cefalù hanno cominciato a riscattarsi, dando vita ad una partita più equilibrata e quadagnando il match con un 24-26.

Anche nel quarto set la partita è apparsa più equilibrata tra le due formazioni, ma alla fine, degli errori imperdonabili commessi dalle avversarie e la crescente determinazione delle biancazzurre hanno dato la vittoria a queste ultime. Dunque l’Akragas volley guida da sola la vetta della classifica con 23 punti.

Adesso una pausa di due settimane e, il 16 dicembre prossimo, le agrigentine giocheranno fuori casa contro il Savio Messina.