fbpx

La Corte di Cassazione ha in parte confermato la sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Palermo emessa nell’aprile 2010 al termine del processo scaturito dal blitz antimafia della Squadra mobile di Agrigento del luglio del 2007 e denominato “Domino 2” che fece luce su una decina di omicidi commessi negli anni Novanta fra Aragona, Racalmuto e Grotte. Sei gli ergastoli confermati per Salvatore Fragapane di Santa Elisabetta, ex reggente provinciale di Cosa nostra, Giovanni Aquilina di Grotte, Calogero Castronovo di Agrigento, Nicolo’ Cino di Racalmuto, Giuseppe Fanara di Santa Elisabetta e Giuseppe Sferrazza di Racalmuto. Ergastolo annullato con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello invece per i fratelli Diego ed Ignazio Agrò di Racalmuto. Annullata con rinvio anche la condanna a sedici anni per Diego Salvatore Pitruzzella di Racalmuto. Confermata, oltre ai sei ergastoli, anche le condanna a 14 anni per per l’ex latitante Gerlandino Messina di Porto Empedocle e a 2 anni e sei mesi per Gioacchino Emmanuele di Racalmuto. Domani su Grandangolo, il giornale di Agrigento, ampio resoconto, ricostruzione e foto.

;