fbpx

Erano indiscrezioni, oggi continuano a esserlo ma segnali molto particolari arrivano dai partiti. Da alcuni giorni si parla di un tentativo di alleanza ad Agrigento Città tra Pdl e Udc ma anche Api.
Rientrerebbe all’interno della logica delle alleanze regionali. Nessuno conferma, ma il coordinatore provinciale del partito di Alfano Nino Bosco non aveva escluso categoricamente parlando di “tanti dialoghi in corso siamo interessati a creare una coalizione ad Agrigento.
Parole molto simili a quelle del leader dell’Api Nuccio Cusumano, al momento alleato dell’Udc a sostegno della ricandidatura di Zambuto.
Lo ha detto ieri nel corso del coordinamento dell’api parlando di una coalizione che dovrebbe vedere il Terzo Polo unito guardando al Pdl quanto al Pd. In questo caso però Mpa, Fli e Pd pare che ormai abbiano chiuso un saldo accordo pronti a decidere il nome del loro candidato sindaco. Rimane pertanto il Pdl. Ma c’è un problema: l’Udc (appoggiato dall’Api) ad Agrigento propone il sindaco uscente Marco Zambuto, nome che non convince gran parte della base agrigentina del partito di Alfano. Ma nulla può essere dato per scontato. Indiscrezioni parlano di un tentativo per cercare di convincere l’attuale primo cittadino a rinunciare alla ricandidatura. Possibile? Chissà. Interessanti proprio su questo punto le parole del coordinatore dell’Api.
Sembra tutto aperto pertanto. Bisognerà osservare l’evoluzione del dialogo senza escludere la possibilità di un appoggio diretto del Pdl allo stesso Zambuto, forse nell’eventuale ballottaggio.