Approdi culturali a Torre Salsa

Torre Salsa scenario incantato ed incontaminato della costa agrigentina, purtroppo spesso diventata meta di approdo di migranti in cerca di maggior fortuna, per il secondo anno non a caso diventa centro propulsore di idee del Mediterraneo. Approdi culturali a Torre Salsa, conversazioni letterarie e oltre, voluta dall’associazione Top Stage e con la direzione artistica di Peppe Zambito, mira a un sodalizio tra letteratura, musica, pittura, danza, nella ricerca di contaminazioni che arricchiscono il nostro bagaglio culturale, in un luogo magico come quello di Torre Salsa. (int. Peppe Zambito, direttore artistico) La manifestazione ha avuto inizio con un segno lasciato dai vari ospiti della serata la tela dell’approdo. (int. Peppe Zambito, dr. Art.) Una vera e propria Galleria sul mare allestita sulla terrazza dell’associazione “Contadini di Torre Salsa”, le antiche stanze del rudere sono state arricchite dalla storia dei nostri luoghi e dalle opere d’arte di artisti locali con un unico scopo valorizzare la nostra cultura, presente anche Gaetano Aronica, attore agrigentino di fama internazionale. (int. Aronica, attore) Un momento è stato dedicato al giornalista di SKY TG 24, Fulvio Viviano, che insieme alle scrittrici Anna Burgio e Daniela Gambino, ha parlato del suo libro “Come la mentos nella coca-cola”, un ironico romanzo d’amore tutto al maschile. (int. Viviano, giornalista e scrittore) L’evento in collaborazione con il WWF, Ente gestore della riserva, e con il patrocinio dell’Assessorato Regionale al Territorio e Ambiente, ha visto anche momenti di intrattenimento musicali curati da Piera Lo Leggio con l’esibizione degli “Ncurunati”. Incontri in una Galleria d’arte sul mare, povera nei materiali ma ricca di messaggi e contenuti culturali.

20140829_19592520140829_19593520140829_195017