fbpx

“Piu’ va in alto il pallone gonfiato piu’ rovinosa e’ la sua caduta”. Esordisce così una nota di Giuseppe Arnone, consigliere comunale del Pd, che annuncia la sua contromossa, dopo che il segretario regionale Lupo ha confermato l’unità di intenti sulla ricandidatura di Emilio Messana a segretario provinciale del partito demovcratico. “Capodicasa e Messana non hanno alcuna saggezza – afferma Arnone- e hanno deciso di andare allo scontro, innanzi ai tribunali e innanzi all’opinione pubblica nazionale : questo e’ il senso delle fortissime pressioni correntizie attivate da Roma per “ convincere ” Lupo a “ convincere “ Panepinto e soprattutto Adragna. Adesso occorrera’ convincere i giudici e l’opinione pubblica siciliana e nazionale”. Ed infatti Arnone fa sapere in un documento diffuso stamattina che saranno notificati “i ricorsi per annullare il tesseramento truccato”, “i ricorsi per far radiare Messana dal Partito Democratico”. Inoltre annuncia: “Inonderemo Palermo e Catania di manifesti, che pubblicizzano l’istant – book su Messana e Capodicasa. E già domani piazzeremo sotto la sede del Partito Democratico Siciliano i poster bus. Col poster bus effettueremo il giro delle redazioni televisive agrigentine affinchè possano riprendere i grandi manifesti che denunciano lo scempio del PD operato dal gruppo di potere di Capodicasa con l’affaire Messana”.