fbpx

E’ atterrato nella notte a Il Cairo, l’areo partito da Catania con a bordo 70 immigrati di nazionalità egiziana bloccati dalla Polizia durante un blitz effettuato in un casolare diroccato situato nella campagne di Palma di Montechiaro. Su tre pullman il gruppo di clandestini ha lasciato la tensostruttura vicino al porto di Porto Empedocle alla volta dell’aeroporto Fontanarossa di Catania dove, con un volo di linea, sono stati riaccompagnati nella capitale egiziana. Ha funzionato la nuova direttiva dell’Unione Europea che garantirà rimpatri più facili, nella stessa linea tracciata dal governo Berlusconi. Gli altri 40 extracomunitari di varie nazionalità si trovano ancora all’interno della struttura empedoclina gestita dalla Protezione civile, in attesa di essere trasferiti in un centro di accoglienza della sicilia. Intanto i militari della Guardia Costiera nel corso di una perlustrazione tra Licata e Palma di Montechiaro hanno trovato e sequestrato due piccole imbarcazioni, tra cui un gommone, che i componenti dell’organizzazione che gestiva il traffico di essere umani, avrebbero utilizzato per fare arrivare sulle coste agrigentine gli immigrati. Nessuna traccia invece della “nave madre” che avrebbe scaricato i clandestini sui due natanti.