Agrigento Attualità Cronaca Politica Provincia Ultime news

Aumento Tari 2017, è polemica ad Agrigento News Agrigentotv

Aumento Tari 2017, è polemica ad Agrigento News Agrigentotv
Rate this post

Tra i 10 capoluoghi di provincia con la tassa sui rifiuti più cara, con una spesa annua che supera i 400 euro,  c’è anche  Agrigento. Lo rivela l’annuale rilevazione dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, prendendo come riferimento nel 2017 una famiglia di 3 persone e una casa di proprietà di 100 metri quadri. L’osservatorio ha presentato lo studio alla fine dello scorso mese di novembre e la situazione per Agrigento  , adesso, sembra peggiorare ancora. Si parla dell’ennesimo aumento della tassa sui rifiuti, la Tari appunto, da parte dell’amministrazione comunale di Agrigento. Il consiglio comunale, giovedì prossimo,  è stato convocato  per l’approvazione del Piano economico finanziario Tari 2017. “Il piano – dicono i consiglieri comunali Giovanni Civiltà e Pasquale Spataro – prevede un costo del servizio pari a 16milioni 586MILA euro, con un incremento di 2milioni194mila870 euro rispetto al 2016, ossia un aumento del 15% rispetto allo scorso anno.  Una famiglia di due componenti con una casa di circa 100 metri quadri – spiegano Civiltà e Spataro – subirà un aumento di almeno 80 euro. Ecco il regalo di Natale e di augurio di un buon 2018 da parte dell’amministrazione comunale alla città. Da una parte – continuano i due- il sindaco Firetto pretende enormi sacrifici dalla cittadinanza, mentre dall’altra parte la sua indennità e quella della sua giunta é la più alta della storia, con un aggravio per le casse comunali di circa 300.000 euro all’anno”. E i consiglieri Spataro e Civiltà aggiungono: “Come si possono chiedere tali ulteriori sacrifici ai cittadini agrigentini, già vessati e tartassati, quando il primo cittadino non si sacrifica, prima di tutti, azzerando la propria indennità? Forza Italia – dicono Civiltà e Spataro – si oppone e risponde ‘no’ al Piano economico finanziario Tari 2017, perché carica i cittadini, oltre l’Imu 2012 e la Tari 2012, di un altro pesante balzello senza che ciò sia minimamente proporzionato alla qualità del servizio. Si restituisca la parola ai cittadini- tuonano infine i due consiglieri-  ponendo termine alla fallimentare e dannosa esperienza dell’amministrazione Firetto”.