fbpx

Per il parcheggio della stazione dei bus di piazzale Rosselli, l’abbinamento con il termine “attesa” è ormai consuetudine. Per vedere, infatti, realizzata la copertura nell’autostazione, si dovrà attendere l’estate inoltrata. L’attività di montaggio richiede la chiusura della piazza per alcuni giorni, pertanto è sembrato più opportuno attendere il termine dell’anno scolastico. E in ogni caso si tratta comunque della copertura parziale. Per l’opera completata, l’attesa è ben più lunga, visto che “conditio sine qua” non è il finanziamento del secondo lotto dei lavori, che prevede anche la realizzazione degli impianti tecnologici che consentiranno una gestione più efficace dell’intero terminal. Non c’è che dire, il nuovo terminal degli autobus, non ha avuto decisamente vita facile. Quasi due anni per vederlo inaugurato, lo scorso 30 ottobre; dal giorno successivo, oggetto di diverse polemiche anche a livello regionale e nazionale, al punto da suscitare l’interesse dell’inviata di Striscia La Notizia, Stefania Petix e del suo cane bassotto. Il motivo: gli stalli, troppo piccoli; le manovre degli autobus troppo difficoltose e soprattutto pericolose per gli utenti in attesa. Poi la sua chiusura; “gli stalli non a norma di legge” si era detto, dopo un sopralluogo da parte dei tecnici dell’Assessorato regionale ai Trasporti. Infine la decisione di utilizzarlo solo per la sosta dei bus con lunghezza massima di 12 metri. Una struttura che rischia di logorarsi prima ancora di essere ultimata.