Aveva da poco razziato più di due quintali di rame. Acciuffato ed arrestato un 35 enne di Porto Empedocle.

I Carabinieri hanno sorpreso  in flagranza di reato un empedoclino 35 enne, Calogero Trameli, che era riuscito ad impossessarsi di circa 220 chili di cavi di rame, dopo essere penetrato all’interno di una nota azienda in contrada Vincenzella, a Porto Empedocle. L’uomo si sarebbe arrampicato sulla recinzione dell’azienda ed era riuscito ad entrare all’interno dello stabilimento produttivo. Successivamente, avvalendosi di un grosso seghetto, sarebbe riuscito ad impossessarsi di due grandi bobine di cavi di rame. A notarlo un addetto dell’azienda, che ha subito dato l’allarme alle forze dell’ordine.   L’uomo avrrebbe tentato di fuggire ma è stato beccato da due Carabinieri che lo hanno arrestato, ai domiliciari, con l’accusa di “Tentato furto aggravato”.