Basket, il derby di Sicilia è della Fortitudo Agrigento.

Il derby di Sicilia è della Fortitudo Agrigento, i biancazzurri battono Trapani con il punteggio di 64 a 62. Agrigento priva di Zugno e Guariglia, ritrova – seppur in panchina – Paolo Rotondo.

I biancazzurri partono forte, grazie alle due triple di Lorenzo Ambrosin. Zilli mette muscoli e talento e Parente è costretto a chiamare il time out. Agrigento si impone  bene e porta a casa il primo periodo di gioco: 23 a 17.

Nel secondo periodo di gioco Trapani parte meglio, ma Agrigento si affida ancora a Lorenzo Ambrosin, suoi i canestri del +11. Trapani prova a riaprirla ma sbatte contro il “muro” chiamato Giacomo Zilli. Nel terzo periodo di gioco cambia l’inerzia della partita, i granata alzano il ritmo e Perry porta con sé Trapani. I padroni di casa fanno girare palla grazie a Marco Evangelisti, in campo anche Cuffaro. E’ il capitano a giocate d’esperienza, impostando il gioco. Agrigento al comando della partita, per circa 38′ ma poi il match cambia volto. Bossi porta la squadra a – 7. Nell’ultimo periodo di gioco la partita cambia volto, Trapani si porta  a meno 1 ed una tripla di Jefferson porta avanti gli ospiti. Pepe tiene alta la tensione e mette dentro il momentaneo pareggio 54 a 54. Ultimo minuto al cardio palma. Williams serve Cannon che porta i biancazzurri sul momentaneo + 3. I granata vanno in lunetta e non sbagliano, Agrigento subisce fallo e Pepe chiude la partita: 64 a 62.