Bilanci al Comune di Porto Empedocle, chiesto rinvio a giudizio per Firetto e altri sei indagati

Chiesto il rinvio a giudizio per l’attuale Sindaco di Agrigento e già primo cittadino di Porto Empedocle, Lillo Firetto e per altri sei indagati. La vicenda riguarda i presunti bilanci “gonfiati” al Comune empedoclino. Fra gli indagati, per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio, risultano anche il già responsabile dei Servizi finanziari del Comune marinaro Salvatore Alesci, nonché cinque revisori dei conti che si sono succeduti dal 2011 al 2014. Si tratta di Francesco Maria Coppa, Rosetta Prato, Carmelo Presti, Enrico Fiannaca ed Ezio Veneziano. Le ipotesi di reato contestate vanno dal falso in atto pubblico, riferite ad alcune attestazioni nei bilanci che – secondo l’accusa – sarebbero stati “gonfiati” al fine di occultare un “buco” di circa 3 milioni di euro evitando così le previste sanzioni per i Comuni che non rispettavano il cosiddetto “Patto di Stabilità”. Come si ricorderà, il Sindaco Firetto e l’ex responsabile dei Servizi finanziari Salvatore Alesci, erano stati chiamati a rispondere, per tali fatti, di danno erariale dalla Corte dei Conti ottenendo due proscioglimenti in primo e secondo grado.

L’udienza sarà il prossimo 29 gennaio, davanti il Gup del Tribunale di Agrigento Alessandra Vella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.