fbpx

I  carabinieri di Ribera hanno avviato le indagini dopo aver rinvenuto tre carcasse di cani meticci, in contrada “Magone”, dietro la segnalazione di un cittadino. Sul posto, oltre ai militari dell’Arma, è intervenuto anche il medico veterinario dell’Asp1 – distretto di Ribera-, che ha rilevato segni di avvelenamento e l’assenza di microchip sui cani. Si è proceduto, inoltre, ai prelievi biologici sulle carcasse da inviare successivamente all’Istituto Zooprofilattico di Palermo per le analisi di laboratorio, i cui esiti potranno fornire qualche indizio ai carabinieri per provare a individuare i responsabili di tali vili gesti.