fbpx

L’ex ministro agrigentino Calogero Mannino, attuale deputato alla Camera,  fa causa allo Stato, presentando la domanda di “riparazione per l’ingiusta detenzione patita”. Circa 23 mesi fra carcere e arresti domiciliari, ma senza quantificare il danno che ritiene di avere subito. Con questa il fondatore del movimento di Iniziativa Popolare, si è rivolto alla quinta sezione della Corte d’appello di Palermo. L’udienza é stata fissata per il mese prossimo. Mannino, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, è stato tenuto in stato di custodia cautelare, tra carcere e domiciliari, dal 13 febbraio 1995 fino al 3 gennaio 1997. La lunga odissea durata 17 anni si concluse il 14 gennaio 2010 con la sua assoluzione.