fbpx

Sulle polemiche scatenate da Arnone in seno alla Camera di commercio, alla presenza dell’assessore alle Attività produttive Marco Venturi intervengono Cgil e Cisl, all’indomani delle dichiarazioni del segretario provinciale Aldo Broccio, che ha precisato la sua posizione in merito a dichiarazioni o comportamenti attribuitegli dallo stesso consigliere comunale del Pd. “Le Associazioni – scrivono i Segretari Generali di CGIL e CISL, Mariella Lo Bello e Totò Montalbano – si assumono la diretta responsabilità sul profilo etico-sociale della persona segnalata a fare parte dell’Assemblea della Camera di Commercio, così come di altri Enti. Il Segretario della UIL ha smentito le dichiarazioni attribuitegli da Arnone. Spetta e continua ad essere di competenza dell’Assessorato regionale confermare o revocare la nomina del Consigliere contestato il quale dovrebbe liberare l’Assemblea camerale dalla querelle invitando l’Associazione designante a formulare un’altra indicazione per sua rinuncia. La CGIL e la CISL ritengono che, al di la degli impedimenti dovuti ai percorsi giudiziari, in ogni caso ci siano fattori di opportunità, di etica e di garanzia che dovrebbero informare la scelta dei candidati a fare parte degli enti Pubblici”.