fbpx

Strappa un atto deliberativo dall’Albo pretorio del Comune e finisce sotto processo davanti al giudice monocratico della sezione di Licata del Tribunale. Protagotagonista della singolare vicenda è un imprenditore di Campobello di Licata, Michele Gueli Alletti, 56 anni, incensurato, titolare dell’omonima ditta locale iscritta all’albo delle imprese abilitate all’esecuzione dei lavori su impianti della pubblica illuminazione. L’imprenditore campobellese, difeso dall’avvocato Giuseppe Arnone, finì nei guai nel gennaio 2007 quando in un momento d’ira strappò dalla bacheca del palazzo comunale un provvedimento adottato dalla Commissione prefettizia che riguardava il bando di gara per l’aggiudicazione dei lavori per la manutenzione dell’impianto di pubblica illuminazione comunale.