Cronaca Provincia

Campobello di Licata, non sparò poer uccidere il fratello: assolto

Secondo il giudice sparò un colpo di pistola all’indirizzo dell’autovettura del fratello, ma non aveva intenzione di ucciderlo. Il gup del Tribunale di Agrigento, Ottavio Mosti, ha assolto il campobellese Giuseppe Alaimo, 55 anni, dall’accusa di tentato omicidio. Condanna a due anni di reclusione, invece, per la detenzione illegale dell’arma e per avere esploso un colpo di pistola in un luogo pubblico.  Il pm Salvatore Vella aveva chiesto la condanna a 10 anni di carcere per tutte le imputazioni. Alaimo al momento è sottoposto al divieto di dimora a Campobello di Licata, da quando il 6 dicembre dell’anno scorso aveva sparato all’auto del fratello al culmine di un litigio.