“Cancellavano debiti tributari”, creando dei falsi crediti d’imposta: in manette anche due agrigentini

Cancellavano debiti tributari”, creando dei falsi crediti d’imposta, con questa accusa sono in 117 gli indagati in tutta Italia. Nell’ambito dell’operazione della Guardia di Finanza, sono finiti, tra gli altri, in manette anche due agrigentini. Si tratta di Salvatore Sambito, 38anni, consulente e revisore di conti e l’imprenditore Rosario Barragatto, 47 anni di Palma di Montechiaro.

A capo della banda ci sarebbe un imprenditore di 33 anni. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di sei persone accusate di avere costituito un’associazione a delinquere finalizzata all’indebita compensazione di crediti di imposta. La procura di Gela ha ipotizzato un sistema ben consolidato messo in piedi da una vera e propria associazione a delinquere che avrebbe beneficiato della cancellazione, appunto, di alcuni debiti tributari. Le cifre parlerebbero di oltre 22 milioni di euro.