fbpx

Un vero e proprio blitz è stato effettuato nei giorni scorsi dalla Guardia di finanza in tutti i negozi di giocattoli di Canicattì. L’obiettivo era quello di accertare se i commercianti fossero in possesso di giocattoli di fabbricazione cinese la cui vendita è vietata. I controlli sono stati estesi anche agli esercizi commerciali gestiti da famiglie provenienti dalla Cina sempre con lo stesso scopo.  Parecchio il materiale ritenuto illegale e di provenienza dubbia finito sotto sequestro.