fbpx

“Che in questa provincia riprenda nuovamente vigore il nostro progetto politico mi fa piacere”. Sono le prime parole del discorso che Pierferdinando Casini ha rivolto ieri pomeriggio ai tantissimi agrigentini che lo hanno accolto al discuri bay palace di San Leone. Il leader dell’Udc è arrivato ad Agrigento per discutere sui progetti del partito in provincia che, come ha sottolineato, non riparte ma sta andando avanti.
Elementi storici dell’Udc, tra questi l’ex presidente della Regione siciliana Cuffaro, sono andati via dal partito e Casini non si scompone.

L’Udc sta provvedendo all’azzeramento dell’esecutivo nazionale del partito in vista della nascita del partito della nazione. “Parliamo di nazione- ha spiegato Pierferdinando Casini- perchè vogliamo parlare di cose semplici . Tutti dobbiamo capire che c’è bisogno di un grande ricompattamento nazionale”. Casini ha anche ufficializzato la nomina del sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, a presidente provinciale del partito e quella del primo cittadino di Porto Empedocle, Calogero Firetto a coordinatore provinciale.
Pierferdinando Casini ad Agrigento ha parlato anche di un’Italia senza più ideali e rispetto della persona: “ un esempio- ha detto- ne è il magabro turismo ad Avetrana. Uno spaccato di un paese che non c’è più”.