Fortitudo: Agrigento lotta ma non vince.

E’ la Fortitudo Bologna ad accedere ai quarti di finale dei play off. Agrigento lotta fino all’ultimo ma vincono gli ospiti. La serie finisce al PalaMoncada, con gli uomini di coach Pozzecco che vincono con il risultato di 71 a 74.

Partono forte la Fortitudo Bologna, avvio sontuoso. Agrigento alza la testa e lo fa con i canestri di Penny Williams. Cinciarini e Mancinelli fanno le fortune di Bologna e gli ospiti chiudono il primo periodo di gioco avanti: 16-21.

Il secondo periodo di gioco si apre l’assist di Cannon per Williams che riapre di fatto la partita – 3. Sorpasso Fortitudo, assist di Guariglia che tenta la tripla ma sbaglia, ci pensa Cannon + 1 Agrigento. Azione pregevole di Ruben Zugno che in volata supera in uno contro uno Okereafor e va a canestro + 7 Agrigento. Coach Ciani chiama dentro Ruben, tre falli per lui, sul parquet Simone Pepe. E’ proprio lui ad accendersi ed a trovare una tripla: 37-28.

Il terzo periodo di gioco, si apre con un errore di Pepe, palla alla Fortitudo Bologna e canestro facile. Cannon fa a sportellate e  spinge avanti Agrigento. Bolgona torna sul parquet convinta, poche sbavature e margine ridotto: 45-43 ad opera di Cinciarini.

Coach Ciani chiama dentro Zilli per Guariglia e Evangelisti per Zugno. E’ Rosselli a portare i suoi sul 45-45, ma poi Ambrosin fissa ancora il +3. Fallo tecnico alla Fortitudo Bologna, coach Pozzecco espulso lascia la panchina. Agrigento ritrova le forze e si porta sul 53-45. Amici torna al canestro, i biancazzurri vengono puniti con 4 falli di Ruben Zugno. Il terzo periodo di gioco è, però, opera dei biancazzurri: 58-52 Nell’ultimo periodo di gioco, errori da ambedue le parti. Gli ospiti aumentano l’intensità e tornano in partita, è Amici a schiacciare e Rosselli porta via Bologna + 2. Sono ancora gli ospiti a fare meglio, con Mancinelli che porta la Fortitudo Bologna a + 5. Agrigento si affida ancora a Simone Pepe che tenta il canestro della disperazione. Gli ospiti sono attenti, Ambrosin imbuca il canestro ma non è buono. Si gioca fino all’ultimo secondo, la Fortitudo Bologna chiude gli spazi e la serie:3 a 0.  Finisce tra gli applausi la post season della Fortitudo Agrigento.

La Fortitudo Agrigento sfiora l’impresa, ma anche Gara 2 va ai bolognesi

La Fortitudo Agrigento sfiora l’impresa al PalaDozza, ai bolognesi anche Gara 2. La serie si sposta al PalaMoncada, al termine di una partita bella e combattuta, dall’inizio alla fine. Pepe, ha tenuto sulle spine coach Pozzecco, tentando il “colpaccio” al fil di sirena. La Fortitudo Bologna dopo un avvio timido, vince Gara 2 con il punteggio di  78 a 72.
Agrigento parte forte, intensità e ritmo nelle mani degli uomini di coach Ciani. Ambrosin tenta di zittire il PalaDozza, che dopo 3’ vede i biancazzurri avanti 0-6. E’ Stefano Mancinelli a comandare il coro, alzano una tripla: 3-6. Ambrosin è l’uomo in più del primo periodo di gioco, palla sporcata a Rosselli e fuori dai blocchi. In campo Guariglia servito bene non sbaglia altra tripla.
Ad Agrigento il primo periodo di gioco 16-21. Pozzecco chiama sul parquet Amici, tripla rocambolesca e palla dentro. I padroni di casa prendono le misure di Agrigento e tentano il sorpasso: 24-23.
Ciani chiama sul parquet Ruben Zugno, assist per Pepe che lotta come un “leone” e non sbaglia è ancora Agrigento al comando. I biancazzurri giocano con fiducia, tanto da meritarsi un + 10 sul parquet del PalaDozza. Zilli serve Cannon, fallo su di lui ma lunetta per l’americano è stregata. Bologna gioca di pazienza recupera lo svantaggio e si porta a – 1.
Cambia volto la Fortitudo Bologna e quindi il match. Agrigento perde palloni ed i bolognesi a grandi falcate vanno a canestro in contro piede. Agrigento dalla lunetta ha il canestro stregato, nove la somma dei tiri liberi sbagliati. Jack Zilli va in panchina, fuori per quattro falli. La Fortitudo Bologna continua ad impostare e porta a casa il terzo periodo.
Nell’ultimo quarto Agrigento torna ad alzare il ritmo, Pepe semina panico nell’area piccola e si prende tiri di coraggio.  Williams imposta ed Evangelisti prova dalla distanza, ferro anche per lui.
Nell’ultimo periodo è ancora Pepe a volere ingabbiare Bologna, sono 17 i punti realizzati al PalaDozza, ma non basteranno perché i padroni di casa vincono e si portano due a zero nella serie. Adesso Agrigento giocherà Gara 3 al PalaMoncada, i biancazzuri sono pronti a dare il tutto per tutto.

Gara 1 alla Fortitudo Bologna: Agrigento non riesce a vincere

Al PalaDozza di Bologna , trionfano i padroni di casa che si impongono con il punteggio di:  di 85 a 68. Non riesce a vincere gara 1 dei play off la Fortitudo Moncada Agrigento.

I biancazzurri hanno giocato a viso aperto, dal primo fino all’ultimo minuto. Al pronti via, è capitan Evangelisti a scaldare la mano, supportato dai numeri di Ambrosin. I padroni di casa alzano il ritmo, affidandosi alla fisicità di Rosselli. I bolognesi portano a casa il primo periodo di gioco con il punteggio di 22 a 16.

Nel secondo periodo di gioco, coach Ciani porta sul parquet Ruben Zugno e Isacco Lovisotto. Fuori Ambrosin e Cannon. Al pronti via è Williams a liberare un assist per Lovisotto, che sotto canestro non sbaglia.  Simone Pepe, in campo, ruba un pallone velenoso prova il canestro ma sbaglia. Nel secondo periodo di gioco, è Williams a provare a scuotere i suoi con una tripla: ma anche per lui, canestro stregato. La Fortitudo Bologna nel secondo periodo di gioco, porta via punti pesanti.  Affidandosi a Chillo e Mancinelli. Nel terzo periodo di gioco, in campo: Cannon, Evangelisti, Williams, Zilli e Ambrosin. Biancazzurri partono con piede giusto, grazie al canestro di Pendarvis Williams. E’ proprio lui a servire Cannon, canestro e fallo: 51-33. Ma, i padroni di casa, fanno la voce grossa con Mancinelli. Per Agrigento è Evangelisti ad insaccare una tripla.Nell’ultimo periodo, Ambrosin e Zilli provano a svegliare la Fortitudo, coach Ciani inserisce Simone Pepe che prova a mettere dentro punti utili.  Pepe, lotta e ci prova da ogni angolo, ,a a lui risponde Chillo. I padroni di casa, spinti  dai 4mila del PalaDozza , portano a casa Gara 1, imponendosi con il punteggio di 85 a 88. Amaro in bocca, dunque, per i tifosi che hanno seguito la diretta della partita su Agrigento tv.Questa sera gara 2 sempre al PalaDozza di Bologna anche questa in diretta sulla nostra emittente ore 20.30.


Play off di Basket. Su AgrigentoTV alle ore 20:30 la diretta di Fortitudo Bologna Vs Fortitudo Agrigento

 

È tutto pronto al PalaDozza di Bolgna per la prima sfida play off , serie A2 di basket, tra i padroni di casa e la Fortitudo Agrigento.

Il match, diretto dai signori Bartoli, Rafadaeli e Machietti è valevole per gli ottavi di finale play off.

AgrigentoTV, media partner della Fortitudo Agrigento, trasmette in diretta l’atteso incontro con inizio alle ore 20:30.

Sarà possibile seguire la partita, in tutta la Sicilia e parte della Calabria in diretta TV al canale 96 del digitale terrestre.

Fortitudo Agrigento . Chiusa la preseason contro Trapani

Al PalaMoncada è stata partita vera. I due coach hanno scelto di azzerare il punteggio, la partita nella somma dei punteggi va alla Pallacanestro Trapani, che vince con il risultato di 55 a 60. Nel primo quarto parte forte Agrigento, con Cannon che sporca ogni pallone. Duello tutto di fisico tra Renzi e Rotondo, con Zugno in cabina di regia. Il primo periodo di gioco si chiude con il punteggio di 14 a 9 per Agrigento. Nel secondo periodo Ciani chiama sul parquet Cuffaro, Trapani mette intensità e ricomincia da Bossi. Sotto canestro Guariglia prova a frenare Renzi, uno dei “clienti” più difficili di questo Trapani. Sul parquet anche Lovisotto, Ambrosin e Pepe, è quest’ultimo a provare la tripla che riesce. Trapani non sta a guardare è Bossi il migliore dei suoi ma Jefferson mette la tripla sulla sirena chiudendo il secondo periodo di gioco con il punteggio di 9 a 19.  Nel terzo periodo di gioco, Agrigento recupera punti utili. Ambrosin si diverte e diverte il pubblico del PalaMoncada. I biancazzurri crescono bene in difesa, Trapani soffre e la Moncada porta a casa il terzo periodo di gioco.  Nell’ultimo quarto salgono ancora i ritmi e nessuno ci sta a perdere, una giusta combinazione offensiva serve Ambrosin che si abitua alla tripla. Trapani imposta ancora è Perry a servire Mollura che non sbaglia, ospiti avanti. Nell’ultimo periodo Ganeto limita Ambrosin,  i granata trovano tiri giusti. Sommando i punteggi parziali, il risultato è di 55-60 in favore degli ospiti. Si chiude così la preseason di Agrigento che adesso aspetta l’esordio casalingo la prossima settimana contro Latina.

Primo test di stagione, vince la Moncada

Parte bene la fortitudo Moncada Agrigento. I biancoazzurri vincono e convincono contro gli americani dell’Umass Lowell. Era il primo test stagionale, dopo solo quattro giorni di preparazione, per il roster allenato da coach Franco Ciani e Agrigento vince con il punteggio di 92 a 91. Ciani, nel suo quintetto iniziale schiera: Zugno, Williams, Evangelisti, Cannon e Guariglia. A “battezzare” il canestro del PalaMoncada è Cannon. Ritmi alti e partita divertente. Il primo quarto si chiude a favore di Agrigento con il punteggio di 30-21. Il secondo quarto è a favore degli ospiti con il punteggio di 51 a 49. La Moncada torna in partita, sugli scudi Evangelisti e l’eterno Penny Williams. Nel terzo periodo di gioco reazione Agrigento, Cannon e Pepe mettono i muscoli e Zugno ispira ancora una volta la manovra. Nell’ultimo quarto sugli scudi Evangelisti, bene Rotondo e Lovisotto. Gli ospiti tentano la rimonta ma la Fortitudo Agrigento, chiude gli spazi e conquista la prima vittoria di questo precampionato. Al PalaMoncada una buona cornice di pubblico, in tanti hanno scelto di seguire la prima uscita di stagione. Il 30 agosto alle 20, la Fortitudo Moncada sarà di scena a Caltanissetta dove affronterà l’Orlandina, palla a due alle 20.

Soddisfatto nel post-gara, coach Franco Ciani. “Siamo molto soddisfatti- ha detto- è la prima volta in assoluto che facciamo qualcosa a tutto campo. Sono stati 40’ molto intensi. I nostri avversari hanno giocato con atletismo e intensità, la nostra capacità di riprendere il vantaggio quando loro ci avevano raggiunti e superati, questi sono segnali di una mentalità positiva. Poi tutto il resto è davvero presto per essere giudicato”.

Definita la pre season della Fortitudo Moncada Agrigento

Dopo l’ufficializzazione della prima casalinga del girone Ovest di serie A2, al palamoncada il prossimo primo ottobre contro il Latina, è partito il conto alla rovescia per l’inizio della pre-season della Fortitudo Moncada Agrigento. I test della pre-season biancoazzurri saranno aperti il prossimo 25 agosto alle 18.30, al PalaMoncada contro Massachusetts Umass Lowell. Ma prima, il 20 agosto, alle 18.30, è previsto il raduno del roster allenato da coach Franco Ciani, che si ritroverà al PalaMoncada. Il primo allenamento è in programma il giorno dopo, il 21 agosto, alle 8. Il 30 agosto alle 20, la Fortitudo Moncada sarà di scena a Caltanissetta dove affronterà l’Orlandina, palla a due alle 20.
Il 6 settembre, Pallacanestro Trapani contro Fortitudo Moncada: inizio alle 18 e 30. L’8 settembre trasferta a Ferrara.
Il 9 settembre, la Fortitudo Moncada farà parte del torneo di Monfalcone, i biancazzurri affronteranno l’Alma Trieste. Le possibili finali si disputeranno giorno 10 settembre.
Il 20 settembre, al PalaMoncada la Fortitudo Agrigento affronterà la Pallacanestro Trapani, palla a due alle 18 e 30.
Il 23 ed il 24 settembre, la Fortitudo Moncada prenderà parte al torneo di Ragusa. Dal basket al calcio. Doppia seduta di allenamento , ieri, per l’Akragas. I biancoazzurri, sia ieri mattina che nel pomeriggio, hanno lavorato allo stadio Esseneto. La squadra ha svolto anche un allenamento tecnico – tattico. La preparazione proseguirà al ritmo di due sedute giornaliere. Giovedì, 3 agosto, alle 17, l’Akragas giocherà una gara amichevole contro il Raffadali che milita in Eccellenza. Il test match è in programma allo stadio comunale di Raffadali.

Ufficiale: Tommaso Guariglia è biancazzurro 

La Fortitudo comunica di avere raggiunto l’accordo con Tommaso Guariglia. Il centro, classe ’97 è un nuovo giocatore biancazzurro. La scorsa stagione, Tommaso, ha giocato nella Viola Reggio Calabria.Talentuoso e determinato, il neo arrivato è già nel giro delle giovanili della Nazionale. Proprio con l’Azzurro Guariglia ha disputato gli Europei Under 20 in Finlandia. Il giocatore  ha preso anche parte del Torneo United Colors of Basketball.

Fortitudo. Lorenzo Ambrosin è ufficialmente un giocatore biancazzurro

Lorenzo Ambrosin è ufficialmente un giocatore biancazzurro.Lo rende noto la Fortitudo Moncada Agrigento . La guardia classe 97, 190 cm di altezza, proviene dal Basket club Jesolo, serie C Gold, con una media di 14.4 punti in gara.  Non solo un realizzatore, ma decisivo anche a rimbalzo e in difesa. Lorenzo Ambrosin si è reso protagonista  nel settore giovanile dell’Umana Reyer Venezia dove è stato uno degli artefici dello scudetto Under 15 nella stagione 2011-2012. Nel  2014 è vicecampione italiano nella categoria under 17 e nel 2016 arriva ancora ad un passo dal titolo questa stavolta con l’under 20. Il suo talento non è mai passato inosservato.

Albano Chiarastella e la Fortitudo si separano. Rimane Cuffaro

Albano Chiarastella (nella foto) e la Fortitudo si separano.  Capitano di mille imprese, trascinatore di innumerevoli “battaglie”,  un viaggio che oggi si conclude con un forte in bocca al lupo.
Un cammino lungo sei stagioni, scandito da fotogrammi indelebili. La Fortitudo ringrazia Albano Chiarastella, mattatore che non si è mai risparmiato: dalla Dnb alla serie A2, un leader che Agrigento saluta con affetto. Vittorie, sconfitte e ancora vittorie, Chiarastella e la Fortitudo hanno scritto insieme la storia della “effe”. Giuseppe Cuffaro,invece, sarà ancora biancazzurro. Agrigentino doc e da sempre nella nostra grande famiglia.“Io sono onorato di indossare questi colori – dice Cuffaro – è quello che sogno fin da quando ero piccolo. Sono tifoso della Fortitudo e poterci giocare per me è davvero questione di onore e orgoglio”.Con la Fortitudo fin dall’Under 13, la trafila della giovanili e poi l’esordio in prima squadra.

Jalen Cannon è un nuovo giocatore della Fortitudo Moncada Agrigento

Jalen Cannon  è un nuovo giocatore della Fortitudo Moncada Agrigento. Lo statunitense nell’ultima stagione è stato impegnato nella seconda serie israeliana.  L’ala americana classe ’93, è stato autore di 17,3 punti di media, tirando con il 60 per cento da 2, il 38, 5 per cento da 3. Forte fisicamente con una media di nove rimbalzi a partita, 198 centimetri, nella stagione 2015/2016 è stato un giocatore di una squadra di basket messicana.

“Back to the Future”: parte la campagna abbonamenti della Fortitudo

“Back to the Future” ovvero un “ritorno al Futuro”: ha scelto questo slogan la Fortitudo Moncada Agrigento per la campagna abbonamenti 2017-18 . “E’ il momento di esserci. Il momento di iniziare con noi un nuovo viaggio, un nuovo percorso- scrivono dall staff-.” Un ritorno, per la quarta stagione consecutiva, nel grande basket di Serie A2. Un Futuro fatto di tante novità, un nuovo progetto tecnico, tanta voglia di tornare a esaltarsi per il grande spettacolo del PalaMoncada”. La campagna abbonamenti si svogerà in tre fasi. La prima partirà il prossimo 15 giugno per concludersi il 30. Le prime due settimane di sottoscrizione sono destinate soprattutto a coloro che vogliono sostenere in maniera più consistente la società. Durante questa prima fase si potranno acquistare gli abbonamenti con la possibilità di garantirsi (compresi nel prezzo) i posti per gli eventuali playoff o playout (finale esclusa). La seconda fase è in programma dal 6 al 27 luglio prossimi: i vecchi abbonati potranno godere di uno sconto del 20% e del diritto di prelazione sul posto. Dal 5 al 21 settembre prossimi si svolgerà la terza fase di abbonamenti che prevede la vendita libera di tutti i posti disponibili, una volta terminati anche la prelazione e lo sconto per i vecchi abbonati. Ci si può abbonare negli uffici del PalaMoncada ogni martedì e giovedì, dal 15 giugno, dalle 16.00 alle 18.00. Chi vuole sottoscrivere l’abbonamento “SOSTENITORE” o “SOSTENITORE PLUS” potrà inviare il modulo di sottoscrizione e copia dei documenti all’indirizzo email marketing@fortitudoagrigento.it, siglando la propria sottoscrizione al momento del ritiro. Tutti coloro che sottoscriveranno l’abbonamento alla stagione 2017-18 potranno versare una prima rata al momento della sottoscrizione e saldare al ritiro. E pensa al furuto annche l’Akragas calcio. Il club di Silvio Alessi, starebbe valutando l’ingresso di nuovi soci e non è escluso, secondo quanto scrive agrigentonotizie.it, che nel prossimo cda possa ancora sedersi Marcello Giavarini. L’ormai ex presidente dell’Akragas giorni fa ha chiarito la sua posizione: il mio aiuto ok, ma con la condizione che tutti facciano la sua parte.

 

Gaffe del main sponsor della Fortitudo Bologna su Agrigento, per dirla alla Nicolas de Chamfort “Ci sono sciocchezze ben presentate come ci sono sciocchi ben vestiti”

“Agrigento? Ma è ancora in Italia?”. Queste sono state le parole pronunciate in conferenza dallo sponsor della Fortitudo Bologna di basket, Federico Ballandi, frasi pronunciate alla vigilia dei playoff di A2 che vedrà il roster emiliano contro la Fortitudo Agrigento.

Le parole di Ballandi, patron di una maison di abbigliamento, hanno suscitato non poche polemiche,

L’imprenditore parlando anche della trasferta ad Agrigento, aveva ironizzato su una realtà, ovvero quella dei difficili collegamenti: “Siamo fortunati che i playoff sono vicini a casa, a me piacciono molto le trasferte. Vedremo se con dei Frecciarossa o se con dei canotti riusciremo a raggiungere questa località. Ma è ancora in Italia?”.

Frasi che ad Agrigento non sono state gradite dall’ambiente bianco azzurro ma neanche dagli stessi supporter bolognesi che si sono subito dissociati dalle affermazioni di Ballandi. Anche la società bolognese comunque ha voluto in qualche modo, evitare ulteriori polemiche.

Dal PalaMoncada incalzato dai giornalisti, il playmaker Alessandro Piazza, ex della Fortitudo Bologna, non ha voluto non commentare “faremo parlare il campo” ha detto piazzino.

Ballandi poteva certamente evitare, del resto, Agrigento la dovrebbe conoscere poiché proprio nella città dei Templi lo stesso ha un punto vendita e comunque, all’ironico imprenditore rinfreschiamo la memoria con le immagini dei luoghi patrimonio dell’Umanità e che hanno ottenuto il premio paesaggio d’Italia ed ambiscono anche al titolo europeo. Abbiamo voluto riportare un frase dello scrittore francese Sèbastien Roch Nicolas de Chamfort che recita: “Ci sono sciocchezze ben presentate come ci sono sciocchi ben vestiti”.

[wp-rss-aggregator]

Basket. La Fortitudo Agrigento torna a sorridere contro Reggio Calabria

La Fortitudo Moncada Agrigento domina la sfida con la Viola Reggio Calabria fissando il risultato finale con il punteggio di 90-58. Dopo due sconfitte consecutive, torna al successo quindi il roster biancoazzurro. Una gara interamente dominata dagli agrigentini, con un match in equilibrio solo per i primi 5′ di partita, fino alla tripla di Baldassarre per l’unico vantaggio reggino della gara, ma la grande energia espressa in difesa e l’ottima circolazione di palla di capitan Albano Chiarastella e compagni hanno permesso alla Fortitudo di riprendere immediatamente il controllo delle operazioni. Un match da incorniciare per il roster di coach Ciani, che nei minuti finali ha visto anche la scesa in campo dei giovani Giuseppe Cuffaro e dei gemelli Andrea e Mario Tartaglia. Ora, per la Fortitudo Moncada, arrivano due trasferte consecutive: a Siena, domenica prossima e a Casale Monferrato il 19 febbraio.

 

[wp-rss-aggregator]

Basket. Coach Ciani miglior allenatore di dicembre in A2

E’ franco Ciani il coach friulano della Fortitudo Moncada Agrigento, il miglior tecnico di dicembre della serie A2 girone Ovest. Il premio, giunto alla quarta stagione, è messo in palio da Lega Nazionale Pallacanestro, in collaborazione con il presenting sponsor “Viticoltori Ponte”, ed è riferito alle gare giocate nei turni di campionato disputati a dicembre 2016. Per stabilire il vincitore, come da regolamento, si è ricorso al punteggio totale delle avversarie affrontate nel mese. Nel dicembre scorso, Agrigento aveva aperto il mese con una sconfitta sul campo di Legnano, prima di infilare cinque vittorie consecutive: in casa su Tortona, a Ferentino, con l’Eurobasket Roma, nel derby siciliano di Trapani e tra le mura amiche su Scafati. Ciani sarà premiato, in occasione di una delle prossime gare casalinghe.

[wp-rss-aggregator]

Fortitudo School Cup II: i valori scendono in campo

Le rappresentative dei licei agrigentini, Leonardo, Majorana ed Empedocle e la squadra dell’Istituto Tecnico Sciascia, protagonisti in mattinata della seconda edizione della Fortitudo School Cup – Trofeo Erreà. La manifestazione sportiva promossa dall’Ufficio scolastico Provinciale in collaborazione con la società presieduta da Salvatore Moncada, nasce con l’obbiettivo di trasmettere ai giovani studenti, i veri valori dello sport. Al PalaMoncada comunque non è mancato neanche l’agonismo, con le squadre che si sono sfidate a suon di canestri e con il pubblico delle grandi occasioni che dagli spalti ha sostenuto i giovani cestisti scesi sul parquet del PalaMoncada a fianco degli atleti bianco azzurri. A fare il tifo per i propri studenti c’era anche la dirigente scolastico del Liceo Majorana, Istituto quest’ultimo detentore del titolo, la professoressa Teresa Buscemi. Nel TG l’intervista alla preside del Majorana.

 

[wp-rss-aggregator]

Basket. Secondo passo falso consecutivo per la Fortitudo sconfitta a Latina

A Latina la partita dura 20′, almeno fino al clamoroso “buzzer-beater” di Innocenzo Ferraro che, con una tripla di tabella dalla lunghissima distanza, fissa il 38-35 di metà gara. Poi la serata è tutta per la Benacquista, che vince con grande merito 80-62, il punteggio finale e aggancia i biancazzurri in classifica, ribaltando anche il -9 dell’andata. Una serata no, la seconda consecutiva per la Fortitudo Moncada Agrigento, eccezion fatta per un Perrin Buford che ha tenuto in piedi da solo l’attacco biancazzurro finché la gara è stata in equilibrio. Poco altro da salvare in una partita decisamente sottotono per Agrigento, su entrambi i lati del campo: Latina ha avuto maggiore attenzione e aggressività in difesa e più lucidità nel muovere la palla in attacco, trovando soluzioni per i suoi terminali principali. Da domani, archiviata questa partita, in casa Fortitudo è tempo di pensare alla sfida di domenica prossima, quando alle ore 18:00 al PalaMoncada, i padroni di casa dovranno vedersela contro la Viola Reggio Calabria.

 

[wp-rss-aggregator]

Basket. Finale al cardiopalma per i supporter della Fortitudo Agrigento che cede il passo alla capolista Biella

C’è rammarico in casa Fortitudo Moncada Agrigento che dopo sette vittorie consecutive in campionato, ha interrotto la straordinaria serie, allo scadere dell’entusiasmante gara contro la capolista Biella 83-84 il risultato finale, giunto in seguito alla giocata di Ferguson, folletto americano dei piemontesi che si conferma uno dei giocatori meno contenibili del campionato. Al PalaMoncada di Porto Empedocle, è stata una gara dai due volti per i ragazzi di coach Ciani, decisamente impalpabili nella prima metà, con Biella nettamente superiore. I piemontesi hanno dominato per lunghi tratti, esibendo una pallacanestro offensiva di grande qualità, toccando anche i 18 punti di vantaggio nel terzo quarto. Da lì, però, cambia tutto: la Fortitudo ritrova sé stessa soprattutto nella propria metà campo, e questo le regala maggiore fiducia in attacco. L’intensità di Innocenzo Ferraro, le mani rapide di Alessandro Piazza e la verve di Ryan Bucci hanno apparecchiato la tavola per un finale punto a punto in cui Perrin Buford ha vestito i panni del protagonista: punti, rimbalzi, energia dell’americano che firma con una fantastica schiacciata il vantaggio (l’unico della partita) sull’83-81. Non gli va altrettanto bene, però, sull’ultima palla a disposizione: dopo il recupero difensivo, l’americano si trova in post basso contro De Vico, che gli “toglie la sedia” e provoca una chiara infrazione di passi. Il finale è per cuori fortissimi: Agrigento spende i due falli rimasti prima del bonus e l’ultima rimessa è per Ferguson, con 2.9 secondi da giocare. Il biellese, nonostante la pressione difensiva, trova l’equilibrio per una tripla pazzesca allo scadere, che regala i due punti all’Angelico ma nulla toglie allo sforzo dei biancazzurri per rimettere in piedi una gara che sembrava andata, e per questo sono arrivati gli applausi di un bellissimo PalaMoncada. Una gara che finisce nel modo più “drammatico”, in senso cestisti, ma che ha dimostrato una volta di più la qualità di queste due formazioni. Prossimo impegno per la Fortitudo Moncada domenica prossima a Latina.

 

[wp-rss-aggregator]

Verso Fortitudo – Biella, al PalaMoncada è tutto pronto per il big match

Lo sport agrigentino attende con entusiasmo e trepidazione anche il match che domenica al PalaMoncada vede contrapporsi i padroni di casa della Fortitudo e la capolista Biella. Una sfida al vertice che potrebbe significare l’aggancio al primato dei bianco azzurri. A differenza dei cugini dell’Akragas calcio, in casa Fortitudo regna la tranquillità. Consci delle loro potenzialità e spinti dall’entusiasmo delle sette vittorie consecutive ottenute, il roster di coach Ciani, si prepara al meglio alla sfida determinante in chiave play off.  Nel TG  le voci di Franco Ciani e Marco Evangelisti alla vigilia di Fortitudo – Biella.

[wp-rss-aggregator]

Basket. Cresce l’attesa per il big match Agrigento Vs Biella

Al PalaMoncada di Porto Empedcole è iniziato il count down per il big match di domenica prossima che vedrà i padroni di casa della Fortitudo Agrigento giocare contro la capolista Biella, sfida che per il roster bianco azzurro, potrebbe significare anche l’aggancio dei piemontesi al vertice della classifica. Un periodo decisamente entusiasmante per la squadra agrigentina reduce da sette vittorie consecutive, l’impegno contro la capolista per la società bianco azzurra, rappresenta quasi una finale, la prima di una serie di match che vedrà la squadra di Agrigento protagonista fino alla fine della stagione. La Fortitudo, in vista della delicata sfida, continua incessantemente gli allenamenti, allo studio del tecnico Franco Ciani, gli schemi volti a bloccare le offensive dei piemontesi che a Porto Empedocle, proveranno a consolidare il loro primato. Domenica prossima per la Fortitudo, fondamentale sarà l’apporto dei propri sostenitori, di questo ne è consapevole il capitano Albano Chiarastella che dai nostri microfoni lancia un appello ai tifosi.

Nel TG il servizio con le interviste a coach Ciani e al capitano Chiarastella.

[wp-rss-aggregator]

Basket. La Fortitudo Agrigento riapre la campagna abbonamenti: presentata la trasferta di Agropoli

Dopo l’entusiasmante qualificazione alla fase finale di coppa Italia, la Fortitudo Moncada Agrigento, ha riaperto la campagna abbonamenti, con tariffe agevolate per le ultime sei gare casalinghe di campionato che il roster di coach Franco Ciani, giocherà al PalaMoncada. Intanto in mattinata, lo stesso tecnico friulano e il capitano bianco azzurro, Albano Chiarastella, hanno incontrato i giornalisti, nella consueta conferenza di presentazione del prossimo match in programma. Domenica, la Fortitudo sarà in Puglia, per la gara valida per la diciassettesima gara di campionato contro Agropoli.

(Nel TG le interviste a coach Ciani e capitan Chiarastella)

 

[wp-rss-aggregator]

Basket. Quinta qualificazione alle finali di coppa Italia per la Fortitudo Moncada Agrigento

Soddisfazioni per lo sport agrigentino giungono ancora dal Basket. La sconfitta rimediata ieri sera dalla Remer Treviglio, contro Benacquista Latina, ha infatti significato la matematica qualificazione della Fortitudo Moncada Agrigento ai Final Figth di Coppa Italia. Il roster di coach Ciani per la quinta volta in sei stagioni, giocherà quindi la fase finale del torneo nazionale. I bianco azzurri, dovranno vedersela con la Segafredo Virtus Bologna, gli incontri si giocano all’ Unipol Arena dal 3 al 5 marzo prossimi. Qualificate alle finali sono anche Legnano, Treviglio, Treviso, Roma e Mantova. Il calendario completo degli accoppiamenti si conoscerà nei prossimi giorni. C’è entusiasmo quindi in casa Fortitudo per il raggiungimento del primo step stagionale, che arriva in un momento di splendida forma per la squadra agrigentina che domenica prossima è impegnata ad Agropoli nella sfida valevole per la diciassettesima giornata di campionato.

[wp-rss-aggregator]

Basket. Fortitudo Agrigento batte Roma e ottiene la sesta vittoria consecutiva

Niente carbone nelle calze degli atleti della Fortitudo Moncada Agrigento a cui la Befana ha regalato la soddisfazione della sesta vittoria consecutiva, ai danni della Virtus Roma, battuta al PalaMoncada con il risultato di 95 – 83 per i padroni di casa. Gara spettacolare e molto intensa quella giocata dagli agrigentini con una prima metà caratterizzata soprattutto dal grande equilibrio, puntellato dalle due triple romane realizzate allo scadere sia del primo che del secondo periodo. Due formazioni che volevano fortemente vincere, al netto dei problemi fisici (out Chiarastella, acciaccati De Laurentis e Bell-Holter da una parte, fuori Maresca e Chessa dall’altra). Tutt’altra gara nella ripresa: con Rino De Laurentis a stringere i denti su una caviglia dolorante, i bianco azzurri iniziano a costruire il parziale che spacca la partita. Agrigento spinge fino al massimo vantaggio sul +26 (77-51), poi la reazione di Roma e un ultimo quarto carico di tensione agonistica, ma gestito in modo da conservare un vantaggio in doppia cifra e vincere il doppio confronto. Prossimo impegno per la Fortitudo il 15 gennaio in casa di Agropoli.

[wp-rss-aggregator]

“Concerto di Natale-Regalo per Agrigento” raggiunge l’obiettivo

Obbiettivo raggiunto dalla Fortitudo Moncada Agrigento e fondazione “AgireInsieme” che grazie ai proventi del concerto per Agrigento, hanno raddoppiato il Regalo di Natale prefissato.

Grazie al pubblico accorso numeroso ieri sera al PalaMoncada infatti, nella città dei Templi saranno installate delle maioliche artistiche nella scalinata che collega via Atenea a piazza San Francesco, e ristrutturati alcuni cortili del centro storico. Anche il Comune di Porto Empedocle godrà del progetto, con fondi destinati a piccli progetti di riqualificazione urbana nella città marinara.

Una serata speciale quindi quella svoltasi al PalaMoncada, allietata dalle note dell’orchestra giovanile mediterranea diretta da Alberto Maniaci e riscaldata dalla voce di Desirè Capaldo, giovane artista di origine campana nota soprattutto in Germania.

Melodie che hanno fatto vibrare il parquet della Fortitudo, con brani dell’ambio repertorio della musica internazionale e le immancabili colonne sonore del maestro Ennio Morricone.

Per la cronaca, a scegliere i brani della serata è stato lo stesso Salvatore Moncada che oltre alla passione per il Basket ha anche quella per la musica.

 

[wp-rss-aggregator]

La Fortitudo Moncada chiude l’anno in bellezza con una cinquina.

81-70 il risultato finale che ha fatto conquistare la cinquina alla Fortitudo Moncada a discapito dello Scafati, ieri sera al PalaMoncada.

I biancazzurri di coach Ciani hanno dovuto fare i conti, ancora una volta, con importanti assenze: il capitano Chiarastella, Evangelisti mancato per un problema muscolare e agli ultimi minuti del terzo quarto l’uscita per infortunio di De Laurentiis. Anche i campani hanno dovuto contrastare le assenze degli americani Fischer e Johnson.

Entrambi i roster venivano però da importanti vittorie, sul Trapani per la Fortitudo e sul Reggio Calabria per lo Scafati, che avevano previsto uno scontro carico di grinta.

Il primo quarto inizia bene per Agrigento con un canestro di Buford dopo soli 20 secondi e prosegue con equilibrio; eppure con un vantaggio di tre punti va agli avversari il primo periodo, ma è l’unico che riescono a far proprio. Il secondo e il terzo quarto li apre Piazza rispettivamente con un +2 ed una tripla, distintosi in questa gara con il tiro da fuori. Il playmaker ospite Naimy è stato oggetto di una dispendiosa strategia difensiva dei biancazzuri, molto aggressivi sul pick and roll. Nell’ultimo periodo Scafati prova a colmare lo squilibrio, ma Agrigento in attacco raggiunge il +10, con un gioco di squadra che ha distinto le ultime gare agrigentine.

Così la Fortitudo Moncada si rilancia in classifica, adesso si attende l’esito dei recuperi per sapere se parteciperà alla sua quinta Coppa Italia in sei anni. Prossimo impegno per i biancazzurri il 6 gennaio, sempre al PalaMoncada: arriverà l’UniCusano Virtus Roma.

Fortitudo Moncada Agrigento – Givova Scafati 81-70 (18-21; 38-37; 55-49)

Fortitudo Moncada Agrigento: Bucci 12 (4/7, 1/3, 1/1 tl), Buford 16 (8/19, 0/3), Cuffaro 2 (1/2), Zugno 9 (3/7, 1/3), Evangelisti ne, A. Tartaglia ne, Ferraro 8 (2/3, 1/1, 1/2 tl), M. Tartaglia, Chiarastella ne, De Laurentiis 4 (2/3), Piazza 19 (3/9, 3/3, 4/6 tl), Bell-Holter 11 (1/5, 2/3, 3/6 tl). All. Franco Ciani

Givova Scafati: Di Palma ne, Crow 14 (2/4, 3/9, 1/2 tl), Fantoni 11 (4/9, 3/5 tl), Naimy 22 (4/10, 3/9, 5/6 tl), Baldassarre 5 (2/6, 0/2, 1/2 tl), Ammannato 9 (3/6, 1/3), Panzini (0/1), Perez (0/1), Matrone ne, Santiangeli 9 (0/1, 3/6). All. Giovanni Perdichizzi

 

[wp-rss-aggregator]

Fortitudo avanti tutta, i banco azzurri si aggiudicano il derby di Trapani

Un fantastico Natale per la Fortitudo Moncada Agrigento, che si aggiudica il derby con la Lighthouse Trapani fissando il tabellone con il risultato finale di 76-69 per la squadra ospite. Per il roster di coach Ciani si tratta della quarta vittoria consecutiva, che spinge i bianco azzurri sul terzo gradino della graduatoria, facendo un passo importante per la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia.

Una partita iniziata alla grande per gli agrigentini, con un break di 12-1.

Come ogni derby che si rispetti, non è mancato l’agonismo.

Durante il match, da segnalare le superpe prestazioni del trapanese Viglianisi e del bianco azzurro Ferraro, a cui si aggiungono anche le giocate di un Perrin Buford autore di 20 punti e 9.2 rimbalzi di media nelle ultime 4 gare.

Per la Fortitudo ora si tratta di chiudere bene il 2016, con il match del prossimo 29 dicembre in casa con la Givova Scafati, al PalaMoncada.

 

[wp-rss-aggregator]

“Regalo di Natale – Concerto per Agrigento” evento di beneficenza al PalaMoncada.

La Fortitudo Agrigento e la fondazioneAGire Insieme hanno organizzato “Regalo di Natale – Concerto per Agrigento”, un evento musicale che permetterà ai cittadini di farsi un vero e proprio regalo. Lo show che si terrà al PalaMoncada il 30 dicembre alle 20:30, è stato finanziato completamente dalla Fortitudo e da “Agire Insieme”; l’incasso dei biglietti, che avranno un costo che varia dai 15-10 euro, sarà interamente investito in un progetto per la città.

A cavallo tra Natale e Capodanno sarà un momento per festeggiare e come ha detto il presidente Salvatore Moncadacreare una socialità condivisa”.

I cittadini di Agrigento sono invitati dagli organizzatori a proporre le proprie idee per la realizzazione di un progetto, 15.000 euro il valore complessivo.

Le proposte potranno essere inviate tramite email all’indirizzo info@fortitudoagrigento.it , oppure postandole sulla pagina “evento” dedicata al Concerto che potete trovare direttamente sulla pagina ufficiale Facebook della Fortitudo Agrigento.

Venerdì prossimo, dunque, sul parquet del PalaMoncada non troveremo come solito i “giganti azzurri”, ma potremo assistere ad uno show musicale che vedrà l’esibirsi di giovani talenti: la cantante Desirè Capaldo, molto nota anche all’estero, in particolare grazie al suo debutto ad un talent show tedesco; accompagnata dall’Orchestra Giovanile Mediterranea di Palermo, diretta da Alberto Maniaci.

 

[wp-rss-aggregator]

Basket. Fortitudo Agrigento Vs Gas & Power Roma 87 – 52. Si tratta della terza vittoria consecutiva

Arriva la terza vittoria consecutiva in campionato per la Fortitudo Moncada Agrigento (87-72 sulla Gas & Power Roma), la quarta in cinque gare, confermando dunque il trend positivo di risultati e di gioco che già si era visto nelle ultime settimane.
Contro la squadra di coach Davide Bonora, i biancazzurri avanti per 40 minuti, con giocate di qualità sia dal punto di vista collettivo che sul piano delle individualità.
Una partita purtroppo macchiata dall’infortunio del capitano romano Daniele Bonessio, grande amico e testimone di nozze di Alessandro Piazza.
Oltre alle brillanti prestazioni degli americani, da segnalare anche l’ennesima serata in doppia cifra per Rino De Laurentis autore di 8 rimbalzi, 4 recuperi e 3 assist. Al PalaMoncada esordio stagionale per Giuseppe Cuffaro classe 1998. I bianco azzurri continuano a crescere, e la prossima settimana c’è il derby siciliano nell’impegnativa trasferta di Trapani.

 

[wp-rss-aggregator]

Il 30 dicembre al PalaMoncada “Regalo di Natale – Concerto per Agrigento”

La Fortitudo Moncada Agrigento e la Fondazione “AGire Insieme” organizzano una speciale iniziativa per coinvolgere tutta la comunità agrigentina e festeggiare nel migliore dei modi la fine dell’anno.
Venerdì 30 dicembre alle 20.30 al PalaMoncada (Lungomare Pirandello, Porto Empedocle) si terrà “Regalo di Natale – Concerto per Agrigento”, una serata di musica e di… idee.
Il concerto proporrà brani di grande successo interpretati da Desirè Capaldo ed eseguiti dall’Orchestra Giovanile Mediterranea di Palermo diretta da Alberto Maniaci.
La finalità dell’evento, però, non è solamente quella di passare una serata insieme ascoltando musica di qualità. I cittadini agrigentini saranno chiamati a proporre dei progetti, per realizzare un regalo da fare alla nostra città. Idee che potranno essere proposte sfruttando la rete come strumento per condividere suggerimenti e progetti, in maniera trasparente e “orizzontale”, e che gli stessi cittadini potranno votare, per scegliere il progetto che sarà realizzato grazie al ricavato del concerto (per un valore massimo di 15mila euro). Tutti i dettagli su come inviare i progetti sono reperibili sulla pagina facebook della Fortitudo.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Seconda vittoria consecutiva per la Fortitudo Moncada e prima vittoria esterna stagionale.

La Fortitudo Moncada conquista la prima vittoria esterna stagionale, contro il Ferentino; secondo successo consecutivo, dopo quello casalingo di giovedì scorso contro Tortona.

La Fortitudo ha dimostrato una grande personalità anche fuori dal suo parquet, sfatando quindi i pregiudizi che vedevano la squadra di coach Ciani, incapace di vincere fuori da Porto Empedocle.

I “biancazzurri” bene per 40 minuti, cedendo l’iniziativa al Ferentino solo in seguito al suo veemente rientro dagli spogliatoi nel terzo quarto, quando i laziali sono riusciti a battere con continuità una difesa che per i primi due quarti era sembrata impermeabile.

82-69 è stato il punteggio finale, un risultato che rispecchia un match contraddistinto dal controllo del roster agrigentino. Importanti, come sempre, sono state le iniziative di Buford, Evangelisti e Zugno. Gioco di squadra quindi per costruire questo successo: buone anche le prestazioni di Piazza, Bucci e Ferraro.

Tenevamo molto a questa prima vittoria esterna – ha detto Piazza – dopo esserci andati molto vicini sul campo di Legnano.”Ora – ha aggiunto – è tempo di metterci in carreggiata e vincere”.

Prossimo impegno per la Fortitudo Agrigento è per domenica prossima al PalaMoncada contro la Gas & Power Roma.

 

FMC Ferentino – Fortitudo Moncada Agrigento 69-82 (14-23; 26-43; 59-65)

FMC Ferentino: Capuani ne, Musso 13 (2/3, 3/6), Gigli 7 (2/3, 1/1), Datuowei, Sabbatino (0/1), Imbrò 11 (1/2, 2/6, 3/4 tl), Gilbert 7 (1/4, 1/5), Carnovali (0/1, 0/2), Aatata ne, Bertocchi ne, Benvenuti 8 (4/7), Raymond 23 (5/10, 2/7, 7/7 tl). All. Luca Ansaloni

Fortitudo Moncada Agrigento: Bucci 8 (1/3, 2/2), Buford 15 (6/13, 0/2, 3/3 tl), Cuffaro ne, Zugno 12 (2/3, 1/2, 5/6 tl), Evangelisti 19 (5/5, 2/3, 3/3 tl), Ferraro (0/1 da tre), Chiarastella ne, De Laurentiis 10 (3/5, 1/2, 1/1 tl), Piazza 7 (2/5, 1/4), Bell-Holter 11 (4/10, 0/2, 3/3 tl). All. Franco Ciani [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Domenica da incorniciare per la Fortitudo Moncada Agrigento

La Fortitudo Moncada Agrigento è ritornata alla vittoria sul proprio parquet battendo il Tortona, 84-70 è stato il punteggio finale di una partita travolgente e attiva.

Un primo quarto iniziato con grande grinta; già nei primi minuti arriva una tripla di Evangelisti e ne segue subito dopo una di Bell-Holter. Segue un secondo quarto sottotono dove il Tortona riesce a recuperare con un +12, aggueriti in seguito alla loro ultima sconfitta contro il Reggio Calabria. Il terzo è un periodo combattuto da entrambe le parti, i “gianti azzurri” riescono ad acquisire un vantaggio di due punti sugli “orsi”. Ma è stato proprio l’ultimo quarto quello decisavamente devastante per il Tortona, dove i “biancoazzurri” riescono a dominare e tenere il vantaggio.

Durante la partita si distingue Buford (21 punti, 13 rimbalzi, 4 recuperi e 3 assist), sebbene debilitato da un lieve problema fisico è rimasto vigile e attivo durante l’intera gara. Eppure è stato decisivo l’intero roster per la vittoria guadagnata: Ferraro con la sua esperienza, doppia cifra per Zugno, De Laurentiis sempre pronto all’attacco e Piazza con 10 assist .

La Fortitudo Moncada Agrigento sta crescendo, sul piano del gioco e dello spirito, per diventare quella che si sperava potesse essere. Ne parla a riguardo il coach Franco Ciani, in un’intervista all’interno del tg. Una Fortitudo che mostra la sua crescita e vuole continuare a farlo . Prossimo appuntamento in casa della FMC Ferentino, domenica. Si torna al PalaMoncada domenica 18 dicembre con la Gas & Power Roma.

Fortitudo Moncada Agrigento – Orsi Tortona 84-70 (26-17; 38-39; 57-55)


Fortitudo Moncada Agrigento: Bucci 2 (1/3, 0/2), Buford 21 (10/15, 0/1, 1/2 tl), Cuffaro ne, Zugno 10 (3/3, 4/4 tl), Evangelisti 10 (3/4, 1/4, 1/1 tl), A. Tartaglia ne, Ferraro 5 (1/1, 0/2, 3/4 tl), M. Tartaglia ne, Chiarastella ne, De Laurentiis 12 (4/5, 0/1, 4/4 tl), Piazza 4 (2/4, 0/1), Bell-Holter 20 (6/14, 2/2, 2/4 tl). All. Franco Ciani


Orsi Tortona: Greene 11 (5/6, 0/3, 1/2 tl), Cosey 14 (5/7, 1/5, 1/2 tl), Alviti 5 (1/2, 1/2), Ricci 4 (1/4, 0/4, 2/4 tl), Sanna 10 (3/4, 1/2, 1/1 tl), Reati 4 (2/2, 0/2), Conti ne, Mascherpa 2 (1/1), Garri 18 (5/7, 2/4, 2/2 tl), Cucci 2 (1/2). All. Demis Cavina [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Basket. Passo falso della Fortitudo Moncada contro la capolista Legnano

Fortitudo Moncada Agrigento vicina al colpaccio in casa della capolista Legnano, ma la grinta dei biancoazzurri non basta. 80-76 il risultato finale del match.

Impresa sfumata che lascia l’amaro in bocca in casa Fortituido capace, di rimontare 19 lunghezze di svantaggio lottando su tutti i palloni per 40 minuti.

In avvio di gara, qualche imprecisione offensiva di troppo e una mira sbilenca nel primo quarto hanno permesso ai padroni di casa di prendersi un vantaggio importante nel primo periodo, parzialmente recuperato però dagli agrigentini prima dell’intervallo grazie a un notevole sforzo difensivo e ai punti di Perrin Buford.

Dopo l’intervallo, stesso copione.

Nel finale, qualche episodio sfortunato e la precisione dei legnanesi dalla lunetta hanno fatto pendere la bilancia dalla parte della capolista.

Neanche il tempo di recuperare le forze e assimilare la sconfitta che la Fortitudo Moncada Agrigento torna in campo giovedì prossimo alle ore 18:00, nella sfida contro Tortona al Pala Moncada. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Basket. La Fortitudo pronta per la trasferta di Legnano

Alla vigilia della partenza per l’impegnativa trasferta di Legnano, c’è ottimismo in casa Fortitudo.

Buone notizie anche dall’infermeria che a parte i problemi di routine, e l’indisponibilità di Chiarastella, dovrebbe consentire a Coach Ciani di affrontare il match con l’organico quasi al completo.

Secondo il tecnico friulano, Legnano che gode di ottimi realizzatori, deve essere bloccata tenendo alta la linea di difesa. Ma per i dettagli, seguiamo l’intervista a Coach Ciani. Lìintervista nel Tg. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

“Crea con la Effe” il progetto che avvicina i bambini al basket

Si è svolto questa mattina, presso il PalaMoncada di Porto Empedocle, il progetto “Crea con la Effe”, che vede coinvolti gli alunni delle scuole elementari. Sul parquet, oggi gli scolari del plesso Nuova Manhattan, dell’istituto comprensivo “Rita Levi Montalcini” di Agrigento. I bambini hanno avuto l’occasione di decorare, con addobbi creati da loro stessi, l’albero di Natale; il tutto insieme ai giocatori della Fortitudo Moncada.

Un progetto che mira ad avvicinare i bambini al mondo dello sport, ma in particolare a quello del basket. Con l’iniziativa odierna, la Fortitudo Moncada dimostra di credere molto nei giovani e sopratutto nell’educazione allo sport. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

 

Una vittoria schiaccia crisi per la Fortitudo Moncada

Domenica con il sorriso per la Fortitudo Moncada Agrigento di basket che sul proprio parquet, è ritornata alla vittoria e lo ha fatto a discapito di Rieti. 81-67 è stato il punteggio finale. Un successo, trovato grazie al travolgente secondo quarto giocato dai “giganti” agrigentini.

Entrambi i coach cercavano le giuste dinamiche per ovviare alle rilevanti assenze del capitano dei bianco azzurri Albano Chiarastella e del cestista Matteo Chillo del Rieti. Situazione in cui merita nota Rino De Laurentiis (doppia-doppia, con 10 rimbalzi di cui 4 in attacco, 4 assist e 6 falli subiti), uno dei quattro uomini in doppia cifra per Agrigento. Partita difficile ma al servizio degli altri per Buford, mentre Bell-Holter ha saputo riequilibrare il duello con Sims sotto canestro, dopo un grande inizio del centro ospite.

Tutti i giocatori sono stati importanti mattoncini per la costruita vittoria, ma è stato Marco Evangelisti fondamentale con i suoi 22 punti realizzati, che al primo tentativo ha trovato la tripla che ha portato in vantaggio i biancoazzurri .

Mi fa molto piacere che i tifosi mi vogliono bene – ha detto l’atleta ai giornalisti nel post gara – mi da – ha aggiunto Evangelisti – quella carica in più che mi serve.”

Grande la volontà dei padroni di casa di cancellare la prestazione di domenica scorsa a Treviglio, e di dare un segnale importante di presenza, anche emotiva, al proprio pubblico. Pubblico che ha ricambiato calorosamente. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

La trasferta resta un tabù, pesante k.o. a Treviglio

Fortitudo Moncada Agrigento battuta nettamente al PalaFacchetti di Treviglio dalla Remer: una partita che già si annunciava complicata per le condizioni precarie di ben tre giocatori (Chiarastella e De Laurentiis non si sono allenati per tutta la settimana con la squadra, solo spezzoni per Piazza), che è iniziata anche peggio (proprio con un altro infortunio al capitano) e che si è sviluppata a senso unico. Un monologo dei padroni di casa, che hanno approfittato di una formazione biancazzurra indebolita dai guai fisici e mai in partita dal punto di vista difensivo. I 50 punti concessi nella prima metà di gara rappresentano un’eccezione per una squadra che è entrata sul parquet come la seconda miglior difesa di tutto il campionato, i lombardi hanno sempre attaccato con grande fiducia (come dimostra il 3/3 da fuori di Genovese per iniziare la sua gara) e non hanno mai concesso ad Agrigento di entrare in partita. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, allarme infermeria: aggiornamento su Piazza, Chiarastella e De Laurentiis

Le situazioni di Alessandro Piazza (adduttore destro), Albano Chiarastella (polpaccio destro) e Rino De Laurentiis (caviglia destra) sono in evoluzione. I giocatori non sono ancora disponibili per allenarsi con la squadra e stanno effettuando terapie e lavoro individuale differenziato, saranno rivalutati nei prossimi giorni.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Basket. Vittoria con l’amaro in bocca per la Fortitudo Moncada Agrigento

Vittoria con amaro in bocca per la Fortitudo Moncada Agrigento che sul proprio parquet di gioco
è tornata alla vittoria archiviando il match con la Novipiù Casale Monferrato con il risultato di 75
– 67.
Una vittoria che da sicuramente morale al roster di coach Ciani, in casa Fortitudo comunque è
apprensione per gli infortuni accorsi agli atleti Chiarastella e De Laurentis. Condizioni che si
stabiliranno nelle prossime ore, dopo gli esami strumentali che evidenzieranno il quadro clinico
dei giocatori.
Una vittoria quella contro i piemontesi, ottenuta grazie ad un lavoro di squadra.
Nel primo quarto, Casale Monferrato subito avanti e Agrigento a rincorrere. Situazione di
svantaggio recuperato grazie alle triple di Evangelisti che hanno acceso il PalaMoncada.
Nella conferenza post gara il tecnico bianco azzurro ha evidenziato come la vittoria maturata sia
stata frutto del gioco collettivo. Parole di merito Ciani le ha riservate comunque anche al giovane Innocenzo Ferraro.
In cerca di continuità di risultato, prossimo impegno per la Fortitudo Moncada Agrigento è per
domenica prossima a Treviglio.
[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Basket. Vittoria con l’amaro in bocca per la Fortitudo Moncada Agrigento.

Vittoria con amaro in bocca per la Fortitudo Moncada Agrigento che sul proprio parquet di gioco è tornata alla vittoria archiviando il match con la Novipiù Casale Monferrato con il risultato di 75 – 67. Una vittoria che da sicuramente morale al roster di coach Ciani, in casa Fortitudo comunque è apprensione per gli  infortunio accorsi agli atleti Chiarastella e De Laurentis. Condizioni che si stabiliranno nelle prossime ore, dopo  gli esami strumentali che evidenzieranno il quadro clinico dei giocatori. Una vittoria quella contro i piemontesi, ottenuta grazie ad un lavoro di squadra. Nel primo quarto, Casale Monferrato subito avanti e Agrigento a rincorrere. Situazione di svantaggio recuperato grazie alle triple di Evangelisti che hanno acceso il PalaMoncada. Nella conferenza post gara il tecnico bianco azzurro ha evidenziato come la vittoria maturata sia stata frutto del gioco collettivo. Parole di merito Ciani le ha riservate comunque anche al giovane Innocenzo Ferraro. In cerca di continuità di risultato, prossimo impegno per la  Fortitudo Moncada Agrigento è per domenica prossima a Treviglio.

[wp-rss-aggregator][kkstarratings]

“Ricominciamo!” – La Fortitudo Moncada Agrigento lancia la Campagna Abbonamenti 2016-17!

La Fortitudo Moncada Agrigento lancia la campagna abbonamenti per la stagione 2016-17. Ecco tutte le informazioni utili per entrare a far parte del mondo biancazzurro, vivere insieme a noi un’altra stagione di grande sport e spettacolo ad altissimo livello, riempire il PalaMoncada di colori…e calore!

1a SESSIONE (28 giugno-28 luglio)

Promozioni:

-20% e diritto di prelazione sul proprio posto per i vecchi abbonati
-20% per chi ha acquistato il voucher durante i playoff
-10% per i nuovi abbonati

2a SESSIONE (1-25 settembre)

– Sarà mantenuto il diritto di prelazione sul posto per i vecchi abbonati

DOVE ABBONARSI?

– Presso gli uffici del PalaMoncada (Lungomare Pirandello, Porto Empedocle, AG)

COME ABBONARSI?

– Stampare e compilare il modulo, in duplice copia, scaricandolo dal sito
– Presentare la copia del documento di riconoscimento e dei documenti attestanti il diritto alle riduzioni (autocertificazione stato di famiglia, tesserini, ecc.)
– Possibilità di pagamento in due soluzioni, con saldo al momento del ritiro della tessera
– I vecchi abbonati potranno godere delle agevolazioni a loro riservate su presentazione della loro tessera 2015-16

QUANDO ABBONARSI?

– La prima sessione sarà attiva nei seguenti giorni orari:

1a settimana: 28 e 30 giugno dalle 16.00 alle 19.00
2a settimana: 5 e 7 luglio dalle 16.00 alle 19.00
3a settimana: 12 e 14 luglio dalle 16.00 alle 19.00
4a settimana: 19 e 21 luglio dalle 16.00 alle 19.00
5a settimana: 26 e 28 luglio dalle 16.00 alle 19.00

Date e orari della seconda sessione saranno comunicati prossimamente. Per ulteriori chiarimenti, scrivete a: info@fortitudoagrigento.it

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Marco Evangelisti e la Fortitudo Moncada Agrigento insieme fino al 2018

La Fortitudo Moncada Agrigento comunica di aver sottoscritto un nuovo accordo con il giocatore Marco Evangelisti (198 cm, 31 anni), che rimarrà nella città dei Templi fino al 2018. Evangelisti ha già disputato due stagioni in biancazzurro, durante le quali si è distinto, oltre che per le innegabili qualità tecniche, anche per la sua grande disponibilità in campo e fuori. Due anni di grandi numeri e risultati importantissimi (la finale per la promozione in Serie A nel 2015, la qualificazione in Coppa Italia e la miglior regular season di sempre per Agrigento nel 2016), due anni che hanno visto consolidarsi sempre più il rapporto tra il giocatore, la società e la città. Il numero 7 agrigentino ha chiuso la regular season 2015-16 con 15 punti, 2.1 rimbalzi e 2.3 assist di media (con il 39% da tre e il 92% ai liberi) e migliorato le sue cifre nei playoff (15.6 punti, 50% da due, 53% da tre, 2.4 rimbalzi, 2.7 assist). Le parole del d.s. Cristian Mayer: “C’è grande soddisfazione per questo rinnovo, anche perché dopo due stagioni con noi la scelta di Marco di rimanere ad Agrigento è una ulteriore conferma di come ad Agrigento ci sia un clima ideale per lavorare bene e con continuità. Siamo particolarmente felici perché Marco ha avuto molte richieste e si è confermato un giocatore importante, che da noi ha saputo migliorarsi: è arrivato come uno specialista, oggi ha dimostrato di poter contribuire a 360°, evidenziando una crescita importante. Appena finita la stagione lui stesso ci ha dato un segnale molto forte circa la sua volontà di rimanere, una cosa che è stata sicuramente piacevole e molto apprezzata da tutta la società”.
[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Continua senza sosta la stagione della Real Basket Agrigento

La quinta edizione del Campus estivo diretto da Alessandro Bazan è in arrivo. Il Campus rivolto a  bambini e bambine tra i 5 e i 13 anni, si svolgerà nell’impianto sportivo della Pinetina  da lunedì 6 giugno a venerdì 1 luglio esclusi sabato e domenica (dalle ore 8 alle ore 14). I bambini giocheranno e saranno assistiti da Lucia Zebri, Valentina Stagno, Alessio Bazan e Alessandro Bazan.  Diverse sono le attività sportive che si svolgono all’interno del campus (pallacanestro, pallavolo, calcio, pallamano. ping pong) accompagnate da momenti di relax, ballo, attività ricreative e giochi in piscina.  ” Siamo arrivati alla quinta edizione, la passata stagione sono stati con noi più di 110 bambini nelle 4 settimane e questo è motivo di grande soddisfazione perché raccogliamo sempre più consenso dalle famiglie che ci affidano i loro bambini. Un motivo per iscrivere il proprio figlio? Semplice, perché si diverte giocando come e quando vuole senza che nessun adulto lo costringa a fare una cosa che non vuol fare, sempre nel rispetto delle regole e del gioco. Noi li accompagnamo nelle varie attività cercando di renderli autonomi.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

La Fortitudo Agrigento prepara la stagione del riscatto

La prossima stagione sarà quella del riscatto. Parola di Christian Mayer, ex giocatore e da alcuni direttore sportivo della Fortitudo Moncada Agrigento. In A2 con un roster forte e completo in ogni reparto con ricambi all’altezza del quintetto tipo per sopperire ad eventuali infortuni, per una stagione lunga e dispendiosa di energie sia fisiche che mentali. Sulla panchina ancora Franco Ciani, coach di grandissima esperienza e capace di plasmare e tirar fuori il meglio da qualsiasi giocatore. La prossima settimana inizieranno i colloqui con i giocatori che la società intende riconfermare. Quasi certamente saranno lasciati liberi di accasarsi altrove i giovani Vai, Visentin e Marciano. Nel corso della conferenza stampa di ieri mattina, il direttore sportivo Christian Mayer, analizzando la stagione della Fortitudo Agrigento, ha “bacchettato” il pubblico agrigentino, che non avrebbe risposto in pieno alle aspettative del club del presidente Salvatore Moncada.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Le parole di Mayer al termine della stagione

Si è svolta stamattina, nella sala stampa del Palamoncada, la conferenza stampa di fine stagione di Christian Mayer, direttore sportivo della Fortitudo Agrigento. Il dirigente biancoazzurro ha toccato diversi argomenti al termine di una stagione che ha visto la squadra di coach Franco Ciani uscire sconfitta, prematuramente, dai play off per la promozione in A1. Il cammino di Martin e compagni si e’ fermato a Bologna, e nei quarti di finale. La compagine bolognese si e’ aggiudicata la serie, 3 vittorie a zero. Un’eliminazione dal sapore amaro per la Moncada Agrigento. Il direttore sportivo Christian Mayer e’ gia a lavoro per costruire il roster della prossima stagione e puntare al salto di categoria. La società e’ intenzionata a confermare il blocco degli italiani, mentre saranno ingaggiati due nuovi americani. Il coach Franco Ciani ha fatto sapere al direttore sportivo Mayer che intende onorare il contratto e quindi anche per la prossima stagione siederà sulla panchina della Fortitudo Agrigento.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, è tempo di futuro

In casa Fortitudo Agrigento è tempo di programmare il futuro. La stagione finita prematuramente a causa del pesante 3 a 0 subito nei quarti della serie play off con Bologna ha anticipato le vacanze. Vacanze ovviamente ristrette solo ai giocatori. Il presidente Moncada e il ds Christian Mayer sono già a lavoro per creare quello che deve essere il roster del prossimo anno. Obiettivo primario le riconferme. Una su tutte coach Franco Ciani. L’allenatore di Udine è sotto contratto con Agrigento ma ha tante richieste anche dalla Serie  A che tuttavia non dovrebbero interferire con il suo futuro biancoazzurro. Poi toccherà al roster. Stesso discorso per Piazza e De Laurentiis, sotto contratto con la Moncada. Il prossimo anno li rivedremo con la casacca agrigentina. Difficile ipotizzare altro anche se l’ideologia degli ultimi anni prevede una riconferma in massa. Chiarastella, messo da parte l’infortunio, tornerà ad indossare la fascia di capitano. Evangelisti, come sempre uno dei più richiesti, tratterà con la società che cercherà di non farlo andare via da Agrigento. Buone possibilità di rinnovo anche per Saccaggi e Federico Vai mentre situazione a parte sarà quella degli americani. Sarà teoricamente impossibile trattenere Kelvin Martin. Per lui richieste da tutta Europa. Dubbi anche su Scott Eatherton e su i giovani Morciano, Visentin. Insomma un bel cantiere aperto in un estate che si preannuncia bollente. La Fortitudo Agrigento è diventata una delle realtà più belle di basket a livello nazionale e molte squadre importanti verranno a bussare per portare con se qualche gigante.

 

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Pallavolo Santa Elisabetta in Serie D

La Pallavolo Santa Elisabetta corona il sogno Serie D. A sancire il salto di categoria la vittoria di ieri per 3 a 2 nella bella della finale play off di Prima Divisione contro il Ribera Team Volley. Nella palestra Comunale Luigi Capuana la squadra di mister Luigi Russo  ha venduto cara la pelle,  mollando solo al tie break una sfida che aveva riacciuffato per i capelli. Alla fine, però, a trionfare sono state le ragazze di  Ferrigno, brave a non farsi intimorire dalla rimonta ospite e portare a casa il prezioso successo, coronamento di una stagione straordinaria. La Pallavolo Santa Elisabetta parte benissimo e in meno di un’ora si porta sul 2 a 0. Russo, però, ragiona e, insieme alle sue giovani ed encomiabili giocatrici riesce a portare al quinto set una disputa che sembrava già chiusa. Al tie break a vincere è la maggiore esperienza della squadra sabettese che festeggia così la prima storica promozione nel campionato di Serie D. Un progetto quello sabettese che cresce anno dopo anno. La Pallavolo Santa Elisabetta è pronta al mondo dei grandi.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Bologna vince anche gara 3, stagione finita per Agrigento

Non riesce l’impresa alla Fortitudo Agrigento. Ieri sera in gara 3 il roster di coach Franco Ciani ha perso sul parquet del PalaDozza 68-64, uscendo dai play off ai quarti e abbandonando il sogno Serie A. 3 a 0  il risultato pesante della serie dove Bologna, alla fine, ha meritato di passare il turno e accedere alle semifinali. I biancoazzurri agrigentini ce l’hanno messa tutta anche ieri sera. Un vero  peccato per Piazza e compagni che ad un passo dal successo hanno subito l’ennesima rimonta del quintetto di coach Boniciolli. La Moncada, trascinata da un mostruoso Evangelisti con 27 punti, ha dominato su uno dei parquet più importanti d’Italia per oltre 30′. Poi, come un copione recitato in tutte e tre le gare, c’è stata la risposta di Amoroso e compagni che, sfruttando la poca profonda rotazione del Gigante, pian piano hanno raggiunto gli ospiti superandoli nel finale e chiudendo la disputa. Un altro suicidio targato Agrigento in una serie iniziata male e finita peggio. Bologna è stata brava ad attendere, riflettere, aggiustare qualcosa a gara in corso, restare lucida per poi vincere. La Moncada, invece, ancora una volta in questi quarti non ha saputo mantenere i nervi saldi, buttando al vento una partita fin li praticamente perfetta. I biancoazzurri si sono presentati a 10′ dalla fine sul 47-55 ma Boniciolli è stato nuovamente bravo a sistemare i suoi a gara in corso, bloccando i giganti e portando a casa il successo. Si chiude così quindi una stagione travagliata ma importante dove la Fortitudo si è confermata ad alti livelli nel secondo campionato cestistico italiano. Tanti infortuni ma anche grande carattere per la banda Ciani, brava ad essere versatile e a puntare tutto su un gruppo fatto di uomini prima che di giocatori. Aldilà di ogni possibile giudizio ad uscirne vittorioso è nuovamente il Presidente Moncada. A lui vanno i meriti e i ringraziamenti per  aver costruito una realtà importante oggi conosciuta a livello nazionale. La Serie A sul parquet può attendere, ma Agrigento ideologicamente l’ha già raggiunta.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Eternedile Bologna vs Moncada Agrigento in diretta su AgrigentoTV

Ricordiamo la bella notizia per tutti gli appassionati agrigentini: Gara-3 dei playoff di Serie A2 tra Eternedile Bologna e Fortitudo Moncada Agrigento sarà trasmessa in diretta su AgTV (canale 96 del Digitale Terrestre) .La trasmissione inizierà dalle 20.20, palla a due alle 20.30. La Fortitudo Agrigento ha reso possibile questa diretta, acquisendone i diritti e garantendo a tutti la possibilità di assistere all’importantissima sfida del PalaDozza.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, imperativo vincere

Vincere. E’ questo l’imperativo per la Fortitudo Agrigento. Stasera in gara 3 dei quarti play off i biancoazzurri con Bologna hanno un solo risultato a disposizione, ovvero il successo. Riaprire la serie, riaccendere le speranza e continuare ad inseguire il sogno Serie A l’obiettivo del roster di coach Franco Ciani,chiamato ad una delle imprese più difficili degli ultimi anni. Ribaltare il 2 a 0 nella serie, maturato sul parquet amico, non sarà cosa semplice ma Piazza e compagni venderanno cara la pelle e proveranno a regalare al popolo agrigentino un’altra serata da ricordare. L’impresa come detto più volte in questi giorni, è difficile ma non impossibile. Questa squadra nelle ultime stagioni è stata in grado di imporsi in alcuni dei palazzetti più importanti d’Italia. PalaOlimpia di Verona, PalaFerraris di Casale Monferrato, PalaRuffini di Torino sono solo alcuni nomi in grado di  far capire cosa la Fortitudo Agrigento ha rappresentato e ed espresso in giro per l’Italia. Nella lista, manca il PalaDozza, teatro stasera del primo match point per le semifinali della Fortitudo Bologna. 5700 anime inciteranno i colori biancoazzurri di casa ma di questo il quintetto di Ciani non ha paura. L’allenatore di Udine, sugli errori di gara 1 e 2 ha espresso chiaramente che cambierà qualcosa. Se la squadra di Boniciolli giocherà con la stessa intensità, precisione  concentranzione dei primi 80′ minuti non sarà facile contrastarla. Ecco perchè la Moncada deve fare la partita della vita per mantenere viva la serie e iniziare a mettere pressione al roster di casa. Ai punti fermi Martin, Eatherton, Evangelisti e Piazza servirà il riscatto di Andrea Saccaggi dall’arco, il miglior De Laurentiis sotto il tabellone in post basso e una rotazione utile e profonda con Mortellaro e Mascolo jolly. Questo il mix per far male. Agrigento, adesso o mai più.

 

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, la quiete “prima” della tempesta

Vigilia infuocata per la Fortitudo Moncada Agrigento. Dopo il doppio passo  falso interno in gara 1 e 2 il roster di coach Franco Ciani oggi raggiungerà Bologna. Domani alle ore 20:30 al PalaDozza i biancoazzurri affronteranno il quintetto di Boniciollo voglioso di chiudere subito la disputa e accedere in semifinale. Amoroso e compagni sono tornati a casa con il bottino pieno e con una grande dose di fiducia da voler dimostrare sul parquet amico. L’Eternedile, contro ogni possibile pronostico, ha sbancato il PalaMoncada non una ma due volte, dimostrando di poter puntare al salto nella massima serie cestitica, una serie che Bologna vuole ritrovare dopo sei anni di assenza. Le basi ci sono tutte. La formula Boniciolli funziona. Gioco veloce e fluido, rotazione profonda di 10 atleti, precisione alle stelle e un giusto mix di esperienza e gioventù che sta facendo la differenza. Ad impedire e a bloccare tutto questo ci proverà nuovamente Agrigento. Inutile negare il colpo che Piazza e compagni hanno ricevuto davanti il proprio pubblico. Una situazione, mai vissuta, almeno negli ultimi anni, dalla squadra del presidente Moncada chiamata adesso a reagire e tentare la missione difficile ma non impossibile. Il passato agrigentino parla chiaro. Il roster di coach Franco Ciani ha espugnato palazzetti storici e eliminato squadre blasonate con ogni favore del pronostico. Per farlo la Fortitudo Agrigento deve tornare a giocare da Fortitudo Agrigento, trovare  lucidità e soprattutto quella consapevolezza di poter ancora fare bene. Coach Franco Ciani ha lavorato sicuramente su questo, facendo ricordare ai suoi le gesta compiute in passato. Un passato non troppo lontano che deve trasformarsi in presente per tornare al PalaMoncada ancora una volta a tifare il Gigante.

 

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Bologna è perfetta, Agrigento perde anche gara2

La Fortitudo Bologna espugna per le seconda volta in due giorni il PalaMoncada e vede le semifinali. E’ questo il verdetto di gara 2 dei quarti play off di A2 che ha visto ancora una volta protagonista il roster di coach Matteo Boniciolli. 66- 74 il parziale di altri 40′ minuti targati Amoroso, 23 punti, e Candi che a soli 19 anni ha retto l’emozione e condotto una partita esemplare. Il risultato è il bottino pieno da parte dell’Eternedile che torna a Bologna con il massimo del raggiungibile e con la possibilità di chiudere tra due giorni sul parquet amico. La Moncada questa volta ha dato tutto e ha sfiorato il successo, stando avanti per una buona parte di gara e presentandosi a 10′ dalla fine sul +4. Ma nell’ultimo quarto a fare la differenza è stata la maggior tranquillità dei bolognesi, con meno pressioni e con la consapevolezza di non aver nulla da perdere. Risultato, il sorpasso nel finale a suon di triple e la gestione tranquilla degli ultimi minuti. Percentuali altissime, gioco veloce e  fluido, fortuna e anche una difesa biancoazzurra non perfetta in alcune situazioni, il mix dei ragazzi di Boniciolli che adesso possono puntare in alto. La Moncada, inutile negarlo, ne esce con le ossa rotta. Tra due giorni, venerdi al PalaDozza, più dell’impresa servirà un mezzo miracolo. Resettare, ripartire e sperare che la perfezione di Bologna sia stata solo un caso. Piazza e compagni, però, devono provarci. La squadra del presidente Moncada da il meglio di se in trasferta e, strano a dirsi, in situazioni sfavorevoli. Chissà non possa essere la svolta il dover per forza vincere. Coach Franco Ciani conosce i suoi e questo lo sa molto bene.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, in gara 2 obbligati a vincere

Vincere per portare la serie in parità. Questo l’imperativo in casa Fortitudo Agrigento. Stasera alle ore 20:30 al PalaMoncada i biancoazzurri ospiteranno nuovamente Bologna per i secondi quaranta minuti dei quarti play off di A2. Il roster di coach Franco Ciani dopo, la sconfitta di domenica, è obbligato a vincere. Per farlo basterà giocare da Fortitudo, difendere bene e meglio e sperare nella non perfezione degli ospiti. In gara 1 è mancata lucidità sia in fase difensiva che offensiva, ritrovare quella precisione al tiro che è mancata e sperare che a Bologna non entri qualsiasi tiro come due giorni fa. Una cosa è certa: i biancoazzurri sono artefici del proprio destino. Imparare dagli errori è stupire e il marchio di questo sqyadra pronta a scrivere un’altra pagina di storia di questo bellissimo libro. Bologna proverà a beffare nuovamente Piazza e compagni ma tenterà di farlo senza il punto di forza Flowers. Per lui tendine d’Achille rotto e stagione finita. Una cartuccia in meno da sparare per coach Boniciolli che aldilà dell’infermeria può contare su un giusto mix di senatori e giovani pronto a dire la sua in qualsiasi momento del match. Il quarto quarto di gara 1 insegna e questo Ciani lo sa bene. Ecco perchè servirà molta intelligenza tattica e non solo per riaprire una serie ancora apertissima. Un successo stasera e uno a Bologna, il minimo indispensabile per giocare gara 5 in casa e riprendere i favori sia del parquet che dei pronostici.  Di imprese la Moncada ne ha fatte anche di più grosse. Il verbo osare questo gruppo lo ha nel sangue.

Fortitudo ko, Bologna espugna il PalaMoncada in gara 1

Ko interno della Fortitudo Agrigento. Al PalaMoncada ieri in gara 1 dei quarti play off di A2 il roster di coach Franco Ciani ha perso con Bologna 67-74. Una sconfitta che compromette leggermente la serie e obbliga i biancoazzurri a vincere domani in gara 2 e portare a casa almeno un successo nelle due gare al PalaDozza. Nei quattro di ieri Piazza e compagni hanno dato tanto e raccolto poco, subendo la precisione al tiro degli avversari che hanno sbancato il tempio a suon di triple. La Moncada, trascinata da uno Scott Eatherton versione marziano è stata avanti per tanto tempo ma il finale ha premiato la maggiore lucidità di Amoroso e compagni, bravi a resistere all’assalto degli agrigentini e chiudere la disputa con un’altra bomba. Una gara punto a punto, combattuta minuto dopo minuto e mai scontata. Agrigento, dopo un buon inizio, ha dovuto fare a meno di Evangelisti, causa  tre falli prematuri già al secondo quarto. Un assenza pesante visto che al suo rientro nell’ultimo periodo ha fatto meglio di tutti, mettendo dentro tre canestri che avevano riacceso l’animo biancoazzurro di casa. La bagarre del PalaMoncada dopo 3 quarti tiratissimi, con il parziale di 53-51 per i padroni di casa, si decide negli ultimi 10′ minuti. Flowers, 14 punti per lui, mette dentro canestri da qualsiasi parte del parquet, ma a 5 minuti dalla fine è costretto ad uscire causa lesione del tendine d’achille. Il roster di coach Bonicioll,però, non molla e con la bombe di Amoroso gela il palazzetto. Eatherton con un gioco da tre riapre la disputa mentre Saccaggi torna Saccaggi e con una bomba fissa il parziale sul 67-69. L’Eternedile, però, non si scompone e con la tripla di Candi sbanca il PalaMoncada e si porta sull’1 a 0 nella serie. Per Flowers è stagione finita, per la Fortitudo Agrigento c’è una serie da riaprire. Domani , in gara2, sarà vietato sbagliare

 

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, domani arriva Bologna in gara 1

Lunga vigilia in casa Fortitudo Agrigento. Domani alle ore 18 i biancoazzurri ospiteranno un’altra Fortitudo, quella di Bologna, in gara 1 valida per i quarti di finale play off di A2. Una sfida affascinante e particolarmente insidiosa contro la squadra sorpresa di questa seconda serie. Il roster di coach Boniciolli agli ottavi ha battuto 3 a 1 la sorpresa del girone ovest Agropoli, mettendo sul parquet anima, cuore a anche un po’ di esperienza. Difficoltà ben conosciute da Franco Ciani che per la prima volta in due anni avrà i favori del campo. Un’ arma a doppio taglio da gestire al meglio. Di esperienza play off, acquisita soprattutto negli ultimi anni, la Moncada ne ha da vendere ma Piazza e compagni non devono peccare di sicurezza contro un avversario temibile e difficile da battere. Concentrazione massima e zero errori onde evitare brutti scherzi.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Agrigento-Bologna, per Piazza gara speciale

Fortitudo Agrigento- Fortitudo Bologna è la serie valida per i quarti di finale di A2. Gara speciale per il roster di coach Franco Ciani che affronterà una delle squadre più blasonate del panorama cestistico italiano. Nel corso della loro storia,prima della radiazione del 2012, i biancoaazurri di Bologna hanno messo in bacheca due scudetti, 1 coppa italia e 2 supercoppe. Numeri e titoli che un bolognese doc in forza alla Moncada conosce molto bene. Se per la squadra di Agrigento non sarà una semplice gara, per Alessandro Piazza sarà ricca di emozioni. Il play classe 87′ ha giocato con la casacca bolognese in Serie A nella stagione 2004-2005, conquistando l’ambito titolo. Un amore mai nascosto e sempre manifestato che domenica lascerà spazio alla professionalità. Il cuore per Piazza è diviso a metà ma la testa è tutta per la Fortitudo Agrigento.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

A2, equilibrio nei play-off

Negli ottavi play off di A2 regna l’equilibrio. Solo tre roster hanno strappato il pass per iquarti senza passare da gara 5. Si tratta di Agrigento, Scafati e Bologna. Le altre serie sono sul 2 a 2 e bisognerà giocare altri 40′ minuti per concludere la nuova griglia. La Moncada, contro quasi tutti i favori dei pronistici, ha battuto 3 a 1 il forte Mantova di Ndoja, Ferguson e Udanoh. La squadra di Martelossi ha detto addio prematuramente al sogno Serie A, pagando a proprie spese la prima impresa targata Piazza e compagni. Tenterà di spezzare lo straordinario ritmo play off dei giganti la Fortitudo Bologna. I ragazzi di Boniciolli, anche in questo caso a sorpresa, hanno battuto con lo stesso risultato Agropoli, una delle più grandi sorprese di questa regular season. Successo netto per 3 a 0 anche per Scafati. I campioni del girone ovest non hanno avuto grossi problemi nel far fuori la Scaligera Verona che anche quest’anno esce agli ottavi. Sul 2 a 2 anche prima e seconda del girone Est. Treviso ha recuperato la serie con Casale e stasera al PalaVerde cercherà di chiudere la disputa. Stesso discorso per Ferentino che dopo il 2 a 0 e la rimonta di Roseto, alle 20:45 proverà a raggiungere i quarti. Gara cinque anche per Imola-Siena, Derthona Trieste e soprattutto, contro tutti i pronostici per Brescia e Trapani. La Leonessa è uno dei roster più attrezzati al salto di categoria e gli 40′ dovrebbero essere una formalità.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo già al lavoro, obiettivo Bologna

Smaltito il successo in gara 4 con Mantova e il passaggio del turno la Fortitudo Agrigento oggi torna sul parquet per preparare il prossimo impegno. Domenica prossima in gara 1 i biancoazzurri ospiteranno la Fortitudo Bologna nel primo match valido per i quarti di finale. Una sfida quasi a sorpresa visto che le favorite per il passaggio del turno, i virgiliani e Agropoli, hanno perso lasciando spazio alla sesta del girone ovest e alle settima del girone est. Il parquet ha infatti detto altro. Il roster di coach Franco Ciani si è dimostrato una vera e propria macchina da guerra play off, battendo precisamente come lo scorso anno con Verona, una delle squadre più attrezzate al salto di categoria. Stesso discorso per Bologna che  senza esitare ha mandato in vacanza il gruppo rivelazione della stagione. Una serie quindi tutta da vivere e soprattutto vincere. Per la prima volta dopo tanto tempo la Moncada avrà i favori del campo. L’ultima volta era stato negli ottavi dello scorso anno con Treviso, dove i biancoazzurri si imposero per 2 a 1 e iniziarono la straordinaria scalata che li portò a 40′ dalla Serie A. Una prima volta  per Martin e compagni anche, sulla carta, da favoriti, in virtù della migliore posizione di classifica. Insomma tanti piccoli particolari positivi che non devono far abbassare la concentrazione o scendere sul parquet con meno intensità. Qualità del roster a parte il roster Bolognese è una delle società più blasonate della storia cestistica italiana. Prima della radiazione del 2012 gli altri biancoazzurri hanno messo in bacheca due scudetti, una Coppa Italia, due Supercoppe Italiane. Titoli a parte a far paura è anche il PalaDozza che ospita una delle tifoserie più calde d’Europa. Insomma una sfida incandescente verrebbe da dire tra due roster che vogliono stupire e raggiungere il massimo campionato nazionale. La Serie A, per Piazza e compagni, passa da Bologna

 

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo ai quarti, Martin schiaccia Mantova

La Fortitudo Agrigento batte Mantova 67-63 in gara 4 e vola ai quarti di finale. Eroe di giornata un marziano, di nome Kelvin Martin. E’ questa in sintesi l’ impresa targata Moncada che nell’ennesimo storico pomeriggio regala ad Agrigento un’altra gara da incorniciare e raccontare un giorno a figli e nipoti. Il roster di coach Franco Ciani versione play off fa paura e a pagarne le conseguenze questa volta è stata la Dinamica.  I virgiliani  ce l’hanno messa tutta. Non hanno commesso gli errori delle prime tre gare e sono partiti a mille, stando avanti per oltre 35 minuti. Ma le partite sul parquet durano 40′. I play off, inoltre, sono terreno fertile per i padroni di casa che negli ultimi minuti confezionano la rimonta, difendendo il vantaggio fino alla fine con le unghie e con i denti. Un altro successo in perfetto stile Fortitudo Agrigento. Dimostrazione della forza di un gruppo che anche sotto di 12 e con percentuali bassissime ha saputo subire, riflettere, organizzarsi e agire quando nessuno ormai credeva più nella vittoria. A trascinare i suoi con 24 punti l’ormai idolo biancoazzurro , Kelvin Martin. L’americano ha fatto l’americano mostrando al popolo di A2 le sue qualità, diventando uno degli atleti più forti di questi quarti di finale. Nel caldo pomeriggio empedoclino Mantova parte a razzo. Ndoja copre le lacune iniziali di Ferguson e Udanoh e mette dentro palle da qualsiasi parte del campo. Evangelisti prova a limitare i danni, portando i biancoazzurri al termine del primo quarto a un solo – 6. Al rientro sul parquet la gara diventa più equilibrata. Il roster di coach Franco Ciani entra definitivamente in gara ma i virgiliani alla fine con Moraschini riescono ad allungare sul +8. Nel terzo quarto la Fortitudo inizia a fare la Fortitudo e dopo una partenza lenta simboleggiata dal -10 ecco  Kelvin Martin che aiutato da Piazza ed Eatherton riapre la disputa portando i giganti a sole tre lunghezze dalla banda Ndoja. L’ultimo periodo non è adatto ai deboli di cuore. Moraschini gela il PalaMoncada con una tripla. Saccaggi, dopo una partita sofferta, trova la bomba e porta la Moncada a -1. A completare la rimonta ci pensa, ancora una volta, Martin che con una schiacciata stratosferica distrugge il ferro e manda in tilt gli ospiti. Nel finale Mantova ci prova. Piazza e compagni si complicano la vita ma l’eroe di giornata chiude il match confezionando un’altra giocata in perfetto stile Nba. Mantova recrimina un canestro non convalidato, i Giganti festeggiano l’accesso ai quarti di finale dove troveranno uno società storica, la Fortitudo Bologna. Una sfida affascinante e piena di insidie. Strano ma vero il roster di coach Franco Ciani ha i favori del campo. Si parte domenica in gara 1. Il sogno continua. Con questo Martin osare si può.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

La Fortitudo Agrigento batte Mantova in gara 3

La Fortitudo Agrigento vince, in casa, gara 3 contro la Dinamica Mantova e si porta sul 2 a 1 nella serie del primo turno dei play off per la promozione in A1. Risultato finale, 67 a 58, al termine di una partita spettacolare e colma di emozioni. Di fronte a circa tremila spettatori i due quintetti si sono dati gran battaglia. Bene le difese che hanno concesso il minimo sindacale ai singoli attacchi. Il match si è deciso nell’ultimo quarto con Piazza e Eatherton decisivi per i padroni di casa. La Dinamica Mantova ha dettato legge nel secondo e terzo quarto, vinti con grande merito, grazie ad un ottimo gioco di squadra e ai canestri del capitano Ndoja e Moraschini. Primo quarto senza storia: dominio totale della Fortitudo Moncada Agrigento con Martin protagonista sia in difesa che in attacco. Piazza gioca la migliore partita della stagione e per gli ospiti è dura fin dalla palla a due. Anche il secondo quarto inizia con il predominio del quintetto di coach Franco Ciani che sembra avere una marcia in piu’ rispetto agli avversari. Ma coach Martellossi cambia spesso uomini e schemi, fino a trovare la quadratura perfetta della squadra. E così, dopo 15 minuti, la partita si riapre con Ndoja che prende per mano il Mantova, trascinandolo alla clamorosa rimonta. La Moncada cala fisicamente, smarrisce la concentrazione, ma riesce a chiudere il primo tempo avanti di 4 punti, 34 a 30. Il ritorno in campo è senza dubbio a favore degli ospiti. La difesa del Mantova stoppa e cancella parecchi attacchi della Fortitudo. I canestri e le triple di Moraschini, Gergati, Fergusson e Di Bella fanno male e Mantova opera il sorpasso. Il terzo quarto si chiude con il vantaggio ospite, 47 a 46. Allora ecco l’apporto del pubblico: il Palamoncada si trasforma in una bolgia e la Fortitudo si gasa a tal punto da tornare a macinare gioco e avversari. E’ l’apoteosi: il quintetto agrigentino chiude in crescendo il match segnando canestri a raffica. Mantova esce anzitempo dalla partita e cede di schianto 67 a 58. Vittoria e grande festa al Palamoncada che domani, alle 16.15, ospiterà gara 4, il primo match point per Agrigento. In caso di vittoria è qualificazione ai quarti di finale. Se dovesse vincere Mantova, servirà la bella in casa della Dinamica.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, stasera gara 3 con Mantova

Vincere per riiniziare a sognare. Questo l’obiettivo in casa Fortitudo Agrigento. Stasera alle ore 20:30 i biancoazzurri sul parquet del  PalaMoncada sfideranno Mantova. In palio non c’è solo gara 3 ma i quasi quarti di finale. Il roster di coach Franco Ciani torna dalle due trasferta lombarde con il sorriso. L’obiettivo è stato raggiunto, ovvero quello di ribaltare il fattore campo e prendersi partire da favorita. A stupire di più, aldilà dei punteggi stretti , è stata la grande sicurezza con cui Piazza e compagni hanno dettato legge e portato a casa un buon risultato. La forma fisica è ottima e l’sperienza di un roster ormai abituato a giocare i play off può, ha, e deve continuare a fare la differenza. Evangelisti sembra un marziano, 38 punti in due gare.  Martin e Eatherton, come se fosse la cosa più facile al mondo, sono entrati nell’ottica fase finale in pochi secondi. In ombra, invece, gli altri nella speranza che il calore di casa possa ridare loro quella precisione che li caratterizza. In casa Mantova c’è invece voglia di rivalsa. Il roster di coach Martelossi è una delle squadre più attrezzate per il salto di categoria. Nodoja, Moraschini, Amici sono giocatori di alto livello e dopo una gara 1 da quasi da spettatori i due americani Ferguson e Udanoh hanno preso per mano i compagni. Insomma il pre gara ci preannuncia che sarà spettacolo assicurato A renderlo unico sarà poi la bolgia del PalaMoncada. Al tempio è quasi sold out. Gli ultimi biglietti disponibili potranno essere acquistati oggi pomeriggio al botteghino dalle 18.  Per gara 4, invece, in programma domenica alle ore 16:15 sempre al PalaMoncada sarà possibile acquistare il pass domani dalle 16 alle 18, domenica mattina dalle 10 alle 13 e dalle 14 fino ad inizio gara.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo-Mantova, domani atto terzo

Vigilia in casa Fortitudo Agrigento. Domani alle ore 20:30 al PalaMoncada i biancoazzurri ospiteranno Mantova. In Palio c’è gara tre e forse molto altro. Sarà questo il manifesto perfetto dei 40′ minuti del tempio. La serie è sull’ 1 a 1. Il roster di coach Franco Ciani è tornato dalla trasferta lombardo con un mezzo sorriso e con la consapevolezza di aver fatto tanto. Ribaltare i favori del campo con la possibilità di chiudere i conti davanti il proprio pubblico contro uno dei roster più attrezzati per il salto di categoria non è da poco. Farlo con stile poi non ha eguali. Sia in gara1 vinta da Piazza e compagni, che in gara 2 vinta dai ragazzi di coach Martelossi la Moncada ha dettato legge e dimostrato ancora una volta che i play off sono terreno fertile. A capirlo, e anche bene, sono stati i virgiliani che quasi sicuri del passaggio del turno si sono ricreduto chiamati adesso all’impresa. Impresa si, perchè il PalaMoncada versione play off è quasi un fortino. Una grossa base dove la banda Ciani ha costruito lo scorso anno un sogno, chiamato Serie A, sfumato solo a 40′ dalla fine. Lo stesso che i biancoazzurri proveranno a raggiungere a partire da domani. Per la prima delle due partitissime è caccia al biglietto. Nessuno vuole mancare ad uno degli appuntamenti più importanti della stagione. Al tempio sarà quasi sicuramente sold out sia domani che domenica, in gara 4. Una gara 4 che si presenterà in grande stile. I quattro quarti andranno in diretta su SkySport2. Lo spettacolo è pronto per andare in scena. Al PalaMoncada è tempo di grandi sfide.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, con Mantova è 1 a 1

1 a 1 nella serie e ritorno ad Agrigento. Alla Fortitudo non è riuscito il bis. Il roster di coach Franco Ciani ieri sera al PalaBam ha perso 63-62 contro Mantova che ha avuto la forza di portare in parità una serie fin qui di grande ritmo e intensità. Come in gara 1 Piazza e compagni hanno dettato legge ma stavolta a pochi secondi dalla fine non è riuscito il nuovo sorpasso che avrebbe chiuso definitivamente la pratica ottavi di finale. Una serie che tuttavia i biancoazzurri hanno girato a loro favore prendendosi nuovamente i favori del campo. Venerdi e domenica si preannunciano due gare, 3 e 4, entrambe al PalaMoncada ricche di  emozioni. Nella bolgia del Tempio Kelvin Martin e soci tenteranno la prima impresa dell’anno: eliminare il roster virgiliano, uno dei più attrezzati al salto di categoria. Un copione letto e riletto dalla Moncada che lo scorso anno ha avuto il merito di fare piazza pulita e abbandonare il sogno serie A solo a 40′ dalla fine. Ecco perchè superare il turno non sarà difficile ma potrebbe diventarlo. Fondamentale sarà resettare e partire da zero. Nelle due gare interne sarà vietato abbassare la guardia e giuocare sempre ad alta intensità, la stessa che i biancoazzurri hanno mostrato sul parquet lombardo. Al resto penseranno i tifosi.

Fortitudo versione play off, battuta Mantova in gara 1

Bentornata Fortitudo. I biancoazzurri versione play off non hanno deluso le aspettative battendo ieri Mantova in gara1 per 70-72. Quattro quarti straordinari e di grande intensità per Piazza e compagni che hanno dominato per tre quarti e rallentato solo nel finale. Il canestro decisivo a 1 secondo dalla fine è firmato Kelvin Martin che inaugura nel migliore dei modi i suoi primi 40′ minuti di play off. Al Palabam però a fare nuovamente la differenza è stato un mostruoso Marco Evangelisti autore di 18 punti è di tanto carattere.  Il roster di coach Franco Ciani è sceso sul parquet con le idee chiare chiudendo il primo quarto sull’ 8-24 e andando alla pausa lunga sul 26-43. Al rientro sul parquet, come immaginabile c’è stata la rimonta di Mantova vanificata dalla grande freddezza dei due americani agrigentini diventati ormai veri leader. Successo esterno importantissimo per la Moncada che inizia alla grande questi ottavi di finale contro uno se non il migliore roster di questi play off. 1 a 0 a parte però nulla è stato ancora fatto. La strada è lunga e in salita. Domani gara due sempre al PalaBam. Poi il ritorno al PalaMoncada. Una cosa adesso però è certa: i giganti sono già in forma. Questa squadra ha i play off nel sangue.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, con Mantova sarà difficile

Vigilia  in casa Fortitudo Agrigento. Domenica i biancoazzurri affronteranno Mantova in gara 1, inaugurando i play off. Ad attendere il roster di coach Franco Ciani ci sarà uno squadrone di nome Dinamica. Per Piazza e compagni non sarà una passeggiata, in virtù di un sesto posto che non gli ha dato i favori del campo. Aldilà del piazzamento in classifica, che poteva e doveva essere migliore, la squadra del presidente Moncada ha raggiunto l’obiettivo stagionale fissato ad inizio anno. Come lo scorso anno il roster di coach Franco Ciani sarà chiamato all’impresa. Mantova ha chiuso la regular season del girone est al terzo posto ma è stata sempre nei piani alti. A preoccupare anche il recente mercato ch ha portato in lombardia altri due marziani.

 

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, ecco Mortellaro

Tempo di play off per la Fortitudo Agrigento che domenica al Palabam di Mantova affronterà la Dinamica in gara 1 degli ottavi di play off. Una sfida difficilissima dove i biancoazzurri proveranno a bissare l’impresa dello scorso anno che ai quarti li mise di fronte ai marziani di Verona. Quel ruolo che quest’anno è passato proprio ai lombardi che al già forte roster hanno aggiunto altre due pedine fortissime. Mercato che ha interessato anche la Moncada. La società per sostituire Albano Chiarastella ha reggiunto l’accordo e portato ad Agrigento Chris Mortellaro. Per l’ex Rieti è un’occasione grandissima. Con l’arrivo dell’americano con passaporto italiano cambia l’anima della Fortitudo Agrigento. A dirlo è lo stesso coach Franco Ciani.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Dissequestrati i contatori di Girgenti Acque

Sono stati dissequestrati i contatori della Girgenti Acque e restituiti alla società che gestisce il servizio idrico e fognario in tanti comuni della provincia di Agrigento, compreso il capoluogo. Al tribunale di Agrigento, la Sezione per il Riesame, con propria ordinanza, e su ricorso presentato dall’avvocato Lillo Fiorello, ha annullato il decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip su richiesta della Procura, che ha sottoposto a sequestro i contatori idrici acquistati dalla Girgenti Acque, per presunte irregolarità tecniche. I contattori, dunque, sono stati dissequestrati e riconsegnati alla società Girgenti Acque. I vertici dell’azienda ribadiscono: “non sono stati sollevati, neppure in sede di sequestro, dubbi di sorta in ordine alla correttezza delle misurazioni, alla sicurezza e alla salute”. In particolare, gli apparecchi adibiti alla lettura del consumo di acqua, ancora non installati, sarebbero stati privi della certificazione europea. E le indagini sono state avviate dopo alcuni esposti e la segnalazione di una impresa che opera nel settore.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

A2, ecco la griglia dei play off

Nel campionato di basket di a2 è ufficialmente tempo di play off. Domenica sarà in programma gara 1. Tanta attesa per la Fortitudo Agrigento che al Palabam affronterà Mantova. I lombardi hanno chiuso la regular season al terzo posto, centrando in pieno il destino dei biancoazzurri. Entrambi i roster si sono rinforzati. Chris Mortellaro ad Agrigento e Jazz Ferguson a Mantova hanno reso una sfida già equilibrata ancora più spettacolare. Battaglie infuocate anche negli altri ottavi di finale. Nella griglia che interessa il roster di coach Franco Ciani c’è la vincitrice del girone est Treviso che se la vedrà con Casale Monferrato. Ironia del destino la Fortitudo Agrigento ha battuto entrambe le squadre lo scorso anno, una agli ottavi, l’altra in semifinale. Chi vince ai quarti se la vedrà con Ferentino o Roseto. Ipotesi di quarti difficile anche per la Moncada che se rieuscisse nell’impresa di battere Mantova ai quarti incontrerebbe Agropoli, seconda nel girone ovest o Bologna. Dall’altra parte ecco la sorpresa di questa stagione Scafati che si giocherà gli ottavi con gli ex marziani della Tezenis Verona. Siena sfiderà Imola, Tortona Trieste mentre a Trapani toccherà forse l’impresa più difficile con la Leonessa Brescia di David Moss:

Questa il programma di gara 1:

OTTAVI DI FINALE

GARA 1

DOMENICA 1 MAGGIO
18.00 De’ Longhi Treviso-Novipiù Casale Monferrato
18.00 FMC Ferentino-Mec Energy Roseto
18.00 Dinamica Generale Mantova-Moncada Agrigento
18.00 BCC Agropoli-Eternedile Bologna (a Scafati)
18.00 Centrale del Latte Amica Natura Brescia-Lighthouse Conad Trapani

LUNEDÌ 2 MAGGIO
20.30 Andrea Costa Imola-Mens Sana Basket 1871 Siena
20.30 Orsi Tortona-Alma Agenzia per il Lavoro Trieste (a Casale Monferrato)
21.00 Givova Scafati-Tezenis Verona

Gara due si giocherà invece tra il 3 e il 4 maggio.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, play off con Mantova: arriva Mortellaro 

La Fortitudo Agrigento ha perso l’ultima gara della stagione sabato con Omegna, chiudendo al sesto posto la regular season. Agli ottavi play off sfiderà Mantova. Per sostituire Albano Chiarastella la squadra del presidente Moncada ha ingaggiato il lungo ex Rieti Chris Mortellaro. Inizia così la prima settimana del roster di coach Franco Ciani destinazione play off. Cinque giorni intensi e di duro lavoro prima di gara 1 in programma domenica 1 maggio al PalaBam. Per la Fortitudo Agrigento il sesto posto era quasi scontato. Il terzo del roster di Alberto Martelossi no, quasi certa di essere la vice capolista, prima del suicidio interno con Recanati. Una sfida affascinante tra due squadre, inutile nasconderlo, che puntano al salto di categoria. Il cammino dei lombardi è stato straordinario fatto di 42 punti frutto di 21 vittorie e 9 sconfitte. A tirare il carro Hurtt, Ndoja, Moraschini e l’ultimo arrivato Jazz Ferguson. Arrivi che hanno interessato anche la Fortitudo Agrigento.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Colpo della Fortitudo Moncada: preso Christopher Mortellaro

La Fortitudo Moncada Agrigento comunica di aver ingaggiato fino al termine della stagione il giocatore americano di passaporto italiano Christopher Mortellaro (207 cm, 105 kg, classe 1982), che ha appena chiuso la regular season con la Npc Rieti (girone Ovest) facendo registrare 11.8 punti di media (con il 58% da due e l’83% ai liberi), 8.7 rimbalzi e una valutazione di 18.1 in 31 minuti a partita. Chris Mortellaro ha giocato in diverse squadre italiane nel corso della carriera protessionistica (Jesi, Ferentino, Rieti), dopo aver giocato alla Drury University fino al 2004. Vanta esperienze in Svizzera, Giappone, Spagna, Francia e Ungheria. Il giocatore, che arriva per irrobustire il reparto lunghi agrigentino, raggiungerà mercoledì i suoi nuovi compagni di squadra e sarà a disposizione di coach Franco Ciani e dello staff tecnico. “Siamo felici di essere riusciti ad aggiungere un giocatore in un momento del mercato non facile”, dice il direttore sportivo Cristian Mayer. “Si tratta di un ottimo giocatore e possiede grandi qualità umane. Tatticamente cambierà un po’ l’assetto della nostra squadra, ma l’importante era aggiungere un buon giocatore nelle rotazioni considerato che si giocherà ogni due giorni. Inoltre, Chris è un combattente, credo ci potrà dare una grossa mano in questi playoff”. Le prime parole biancazzurre di Chris Mortellaro: “Arrivo ad Agrigento dopo una bella stagione a Rieti, dove abbiamo centrato l’obiettivo del club che era quello di salvarsi. Raggiungere la Fortitudo Moncada è per me una grande opportunità: si tratta di un’ottima squadra, giocheremo i playoff e so che le aspettative sono alte, io farò tutto quello che serve per aiutare il coach e i miei nuovi compagni. Ricordo bene le due sfide di campionato da avversario: in questa squadra c’è molta qualità, con un bel mix di gioventù ed esperienza, al PalaMoncada ho anche visto grandi tifosi e una bella atmosfera per giocare a basket”.
Una curiosità: per Mortellaro si tratta di una sorta di ritorno a casa. Il giocatore, infatti, ha ottenuto il passaporto italiano grazie ai bisnonni, originari di Alessandria della Rocca: “Sì, è una cosa un po’ strana ritrovarmi ora così vicino al paese natale dei miei nonni! Non ero mai stato ad Agrigento prima di venirci a giocare con Rieti qualche mese fa, adesso avrò un po’ di tempo per conoscere meglio la città e la Sicilia”.

A2 Ovest, domani l’ultimo capitolo

Si disputerà interamente domani la 30a e ultima giornata del campionato di A2 ovest. Ultimi 40′ minuti per sancire ufficialmente la vincitrice della regular season e la griglia dei play off. Battaglia fino all’ultimo secondo per Scafati e Tortona, entrambe a quota 38 punti e pronte al guizzo finale. Tutto da decidere anche dalla terza alla sesta posizione dove Ferentino, Agropoli, Siena e Agrigento  lotteranno per il miglior piazzamento  per la fase finale. Trapani è  con un piede e mezzo tra le prime otto mentre si giocheranno l’ultimo posto utile Biella, Casale Monferrato. Nella parte bassa sembra tutto chiaro. Barcellona è aritmeticamente retrocessa. Omegna, prossima avversaria della Fortitudo Agrigento, è invece certa di fare i play out. A giocarsi la salvezza diretta saranno ben sei squadre con Casalpusterlengo la più quotata.

Questa l’ultima giornata:

30a A2 Ovest

Casale Monferrato- Roma

Latina-Casalpusterlengo

Omegna- Agrigento

Reggio Calabria- Rieti

Scafati- Ferentino

Siena-Biella

Tortona- Agropoli

Trapani- Barcellona

 

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Fortitudo, la testa e tra Omegna e play off

Battere Omegna e sperare con moderazione. Sarà questo il week end della Fortitudo Agrigento che sabato alle ore 21 disputrerà la trasferta piemontese, valida per l’ultima giornata del campionato di A2 ovest. Battere la Fulgor non dovrebbe essere un’impresa. Per il roster di coach Pippo Faina non è stata una stagione da incorniciare. Smith e compagni sono sicuri di disputare i play out e nei quattro quarti contro Agrigento quasi sicuramente si vedrà una formazione non troppo accanita con la testa già alla finale salvezza. Un contesto che comunque non deve far rilassare i biancoazzurri che sul parquet del Palamico non possono lasciare nulla al casa. I play off raggiunti con tre giornate di anticipo sono messi in cassaforte. La banda Ciani, però, cercherà di accedervi da una porta principale anche se sarà impossibile. Le due sconfitte di fila con Reggio Calabria e nel derby con Trapani hanno vanificato le speranze di un quarto posto adesso impossibile.Posizione di griglia fase finale a parte però nessun dramma. Piazza e compagni hanno alle spalle una storia fatta di tanti capitoli importanti e soprattutto di un ottavo posto che portò ad una finale quasi insperata. Il roster, aldilà di un periodo poco lucido, il quintetto è in forma. Gli atleti stanno bene e non vedono l’ora di iniziare a respirare l’aria intensa delle finali. Unico intoppo l’assenza del capitano. Chiarastella aldilà del valore tecnico che aggiunge alla squadra è un uomo singolo di questo gruppo ma siamo certi non lascerà i compagni nemmeno per un secondo. La società del presidente Moncada sta monitorando la situazione per provare a sostituirlo con un altro giocatore solo per questa fase finale ma non farà follie. Ciani punterà suoi suoi eroi e sulla loro voglia di ripredersi ciò che Torino lo scorso anno gli ha negato.

[wp-rss-aggregator]

A2 ovest, ultimi 40′ di regular season

Ultimi 40′ minuti nel campionato di A2 Ovest. Sabato prossimo ci sarà l’ultimo atto di una regual season piena di sorprese. La più eclatante è stata sicuramente quella legata a Scafati. I campani hanno dominato dalla prima all’ultima giornata e scossoni a parte chiuderanno in testa alla classifica. Subito dietro Tortona che con un mese di marzo straordinario si è assicurata la quasi seconda posizione. Dal terzo al sesto posto sarà bagarre fino alla fine. Ferentino e Agropoli a quota 36 e Siena e Agrigento a 34. Quattro squadre un unico obiettivo, evitare il sesto posto per non incontrare Brescia. Il roster Lombardo è uno dei più forti in assoluto di A2 e se il campionato finisse oggi a sfidarli sarebbe proprio la Fortitudo Moncada. Non un inizio in discesa per il roster di coach Franco Ciani che però lo scorso hanno ha fatto vedere di cosa è capace, eliminando al secondo turno la Scaligera dei record. A giocarsi gli ultimi due posti utili alla fase finale saranno Trapani, Biella e Casale Monferrato. Nella parte bassa, invece, con Barcellona aritmeticamente già retrocessa, a giocarsi i play out saranno Omegna e Casalpusterlengo. Insomma un torneo aperto fino alla fine che solo a maggio sancirà il nome della prossima squadra che andrà in Serie A.

Fortitudo, derby stregato: al PalaMoncada passa Trapani

Seconda sconfitta consecutiva per la Fortitudo Agrigento. Ieri al PalaMoncada nel derby siciliano della 29a giornata ad avere la meglio è stata la Pallacanestro Trapani con il parziale di 69-79. A fare la differenza, in negativo, il secondo quarto che ha regalato agli ospiti il +18. Inutile la rincorsa e rimonta riuscita ad Evangelisti e compagni che nell’ultimo minuto, stremati, hanno solo potuto subire l’ultimo affondo dei granata che con questi due punti si sono assicurati un posto nei play off. Un traguardo, invece, già raggiunto dalla Moncada da una posizione però sfavorevole, anche se il passato recente non può che far sorridere.  Pronti via e la gara è bella e avvincente. Il roster di coach Franco Ciani preme sull’acceleratore, quello di Ducarello, però , gli prende la scia chiudendo il primo quarto sul -1. Al rientro sul parquet si decide praticamente la gara. Mays e compagni canestro dopo canestro chiudono un parzialone di 28-9 portandosi alla pausa lunga su un + 18 che sa di vittoria. Dal terzo quarto in poi, però, riecco i biancoazzurri che trascinati da un immortale Evangelisti prima dimezzano lo svantaggio per poi completare la rimonta a pochi minuti dalla fine. Trapani alla fine però non ci sta e nell’ultima parte dilaga nuovamente sul +10 espugnando definitivamente il PalaMoncada. Per Piazza e compagni adesso c’è Omegna in trasferta e una situazione play off da chiarire. Se il torneo finisse oggi la squadra del presidente Moncada chiuderebbe al sesto posto sfidando Brescia. Non sarebbe l’avversario ideale, ma i play off, si sa, sono un campionato a parte.

            

Fortitudo, è tempo di derby

Tempo di derby per la Fortitudo Agrigento. Domenica al PalaMoncada di Porto Empedocle il roster di coach Franco Ciani ospiterà la Pallacanestro Trapani. Un derby ricco di significati da una parte e dall’altra che nessuno delle due squadre vorrà perdere. Per i biancoazzurri sarà l’ultima gara in casa della regular season. Piazza e compagni hanno già strappato il pass per i play off ma l’obiettivo è raggiungerli da una buona posizione per sfruttare al meglio il fattore campo. Ecco perchè la Moncada dovrà vincere entrambe le due ultime gare e cercare di scavalcare qualche avversario. Il gruppo è in forma e pronto alla scalata dei play off, magari bissando la grande storia dello scorso anno, cambiando il finale. Unico assente sarà il capitano Albano Chiarastella alle prese con un infortunio al braccio che quasi sicuramente lo terrà fuori per tutta la stagione. Dall’altra parte c’è invece un roster, quello granata, obbligato a vincere. Trapani ha 28 punti in classifica e si gioca insieme a Biella, Latina e Casale Monferrato gli ultimi due posti per la fase finali. Non raggiungerli quest’anno sarebbe un vero disastro e Renzi e compagni faranno di tutto, a partire da domenica, per assicurarsi un posto tra le prime otto.  A rendere ancora di più questi quattro quarti ricchi di significato il passato recento. La Fortitudo ha vinto la gara di andata mentre Trapani non batte i biancoazzurri dal 9 novembre 2014.

Fortitudo, inzia la settimana che porta al derby

Ripresa degli allenamenti in casa Fortitudo Agrigento.  A due giorni dalla sconfitta di Reggio Calabria i biancoazzurri torneranno oggi sul parquet per iniziare a preparare l’altro derby quello più importante. Domenica al PalaMoncada arriva Trapani per quattro quarti mai scontati e sempre intensi. Il roster di coach Franco Ciani deve ripartire. Il passo falso con la Viola ha rigettato nella mischia Piazza e compagni. Se il torneo finisse oggi la Moncada chiuderebbe la stagione al sesto posto in classifica. Non una posizione ottimale ma di certo non sarebbe una tragedia in virtù di un ottavo posto, quello dello scorso anno che ha regalato tante emozioni fino alla fine. Obiettivo per la banda Ciani è però entrare nelle prime quattro per sfruttare i favori delle prime gare tra le mura amiche. La squadra sta bene e deve contare una sola assenza quella del capitano Chiarastella. Dall’altra parte, tutta un’altra storia. I granata devono obbligatoriamente vincere per mantenere l’ultimo posto utile per l’accesso ai play off. Non centrarli quest’anno sarebbe un vero e proprio fallimento. Farlo contro i cugini di Agri9gento, invece, un successo. Ecco perchè aldilà delle rivalità domenica non sarà una gara normale. In palio c’è una grossa fetta di onore, ma anche di futuro.

Fortitudo, stop con Reggio: la Viola vince 82-69

La Fortitudo Agrigento cade a Reggio Calabria 82-69. Al PalaCalafiore ieri pomeriggio il roster di coach Fabrizio Frates ha battuto i biancoazzurri spezzando loro il sogno di agganciare il primo posto . La Viola ha controllato quasi tutto il match rischiando e andando sotto solo nel secondo quarto chiuso dalla banda Ciani sul 43-42. Martin e compagni hanno fatto il possibile ma la gara di nervi l’ha vinta una Viola  con più stimoli causa lotta salvezza. Per la squadra del presidente Moncada, inutile ribadirlo, scesa sul parquet ancora una volta senza un giocatore titolare del quintetto, il capitano Albano Chiarastella, adesso c’è da mettersi subito in riga. Domenica al PalaMoncada c’è un altro derby, quello con Trapani I granata sono in piena lotta play off e vorranno di certo vendicare la sconfitta dell’andata. Nelle altre gare nessuna è rimasta a guardare. Scafati è tornata al successo con il già retrocessa Barcellona, Tortona ha battuto Biella mentre continua a stupire la Mens Sana che battendo Casalpusterlengo è salita al terzo posto in classifica. Ecco perchè il derby di domenica diventa importantissimo. I biancoazzurri, dopo ungiorno di riposo, riprenderanno gli allenamenti domani. Sarà una settimana lunga e intensa. Il compito più difficile spetterà a coach Franco Ciani. Una cosa è certa sarà vietato rilassarsi.

Questi i risultati di giornata

SERIE A2 CITROËN GIRONE OVEST 28^ giornata
Benacquista Ass. Latina-Acea Roma 90-85
Paffoni Omegna-FMC Ferentino 75-74
Bermè Reggio Calabria-Moncada Agrigento 82-69
Mens Sana Basket 1871 Siena-Assigeco Casalpusterlengo 99-91
Givova Scafati-La Briosa Barcellona 89-78
Novipiu’ Casale Monferrato-BCC Agropoli 80-82
Lighthouse Conad Trapani-Npc Rieti 73-74
Orsi Tortona-Angelico Biella 87-72

Classifica:

Givova Scafati 38

Orsi Tortona 38

Mens Sana Basket 1871 Siena 34

Moncada Agrigento 34

FMC Ferentino 34

BCC Agropoli 34

Lighthouse Conad Trapani 28

Angelico Biella 28

Novipiù Casale Monferrato 26

Benacquista Ass. Latina 26

Acea Roma 24

Assigeco Casalpusterlengo 24

Bermè Reggio Calabria 24

NPC Rieti 24

Paffoni Omegna 20

La Briosa Barcellona 12

Fortitudo, con Reggio è derby

Impegno in trasferta per la Fortitudo Agrigento che domani al PalaCalafiore affronterà Reggio Calabria. Quattro quarti che aldilà dell’appartenenza regionale sono stati vissuti sempre come un derby. Alle ore 18 si affronteranno due squadre in piena lotta per i propri obiettivi. Il roster di coach Franco Ciani con la vittoria con Scafati è rientrata prepotentemente nella lotta per il primo posto. La vetta, occupata dai campani e da Tortona, dista solo solo due punti e non provarci a tre giornate dal termine sarebbe un peccato. La squadra dopo un periodo di appannaggio sta bene e può schierare sul parquet un quintetto da primi della classe. Unico problema l’assenza del capitano Albano Chairastella, per lui un problema al braccio. Tutto un’altra storia invece in casa Reggio Calabria. Il roster di coach Benedetto costruito per un torneo di vertice è costretta a lottare per non retrocedere. La Viola occupa il terzultimo posto in classifica a quota 22 punti e cercherà fino alla fine di evitare i play out, che significherebbe aver fallito drasticamente.  Il quintetto calabro vanta atleti del calibro di Brackins, 14 di punti media gara, Adegboye, 13.7, Austin Freeman 13.2, e Roberto Rullo 12.5 e non vorrà di certo fare da spettatore ad un”altra grande stagione targata Fortitudo Agrigento. Ecco perchè non sarà per niente una gara semplice anche in virtù del fatto che la Bermè in casa esprime sempre un ottimo basket, trascinata da una delle più calde tifoserie. Ma questo poco importerà alla banda Ciani. Tornare da Reggio Calabria con un successo significherebbe arrivare all’atro derby, quello con Trapani, con l’entusiasmo a mille.

Fortitudo, ad aprile si decide il futuro

Nel mese di aprile si decide il futuro della Fortitudo Agrigento. Ultime tre gare della regular season e poi saranno play off. Un finale di stagione intenso e pieno di insidie che speriamo possa regalare quelle stesse emozioni di circa un anno fa. I biancoazzurri, in realtà, si sono già migliorati. Scossoni a parte il roster di coach Franco Ciani chiuderà la stagione regolare tra le prime quattro posizioni. Un buon piazzamento che permetterebbe alla squadra del presidente Moncada di giocare gran parte della prima parte dei play off in casa. Un obiettivo di inizio stagione quindi raggiunto per Chiarastella e compagni che dovevano soltanto migliorare l’ottavo posto dello scorso anno. Da fine mese, invece, la Fortitudo Agrigento proverà a bissare la straordinaria cavalcata dello scorso anno che portò a gara cinque di finale con Torino. Le basi ci sono e la voglia pure. Il lavoro di coach Franco Ciani sembra arrivato a maturazione. La scelta di riconfermare 6/10 del roster, con l’intelligenza di rinforzarlo con due americani di livello, è stata azzeccata. Purtroppo i tanti infortuni non hanno permesso ai biancoazzurri di dominare un torneo che a pieno regime avrebbero giocato a occhi chiusi ma per farlo c’è ancora tempo. Ovviamente la cosa più importante, piazzamento play off a  parte, sarà azzerare tutto e ricominciare dall’inizio. Piazza e compagni sulle spalle avranno l’etichetta dei finalisti dello scorso anno e tutti vorranno battere gli agrigentini per annullare la loro forza e anche esperienza. Una cosa però è certa, non sarà facile. Il roster di coach Franco Ciani nell’arco di questa regular season è sceso sul parquet a pieno regime pochissime volte e quando lo ha fatto ha dimostrato di non avere difficoltà. Ma l’insidia è sempre dietro l’angolo e i play off sono un campionato a parte.

A2 Ovest, il torneo è ufficialmente riaperto

La vittoria di domenica della Fortitudo Agrigento su Scafati per 75-73 ha riaperto ufficialmente il campionato di A2 Ovest. La prova sontuosa dei biancoazzurri ha condannato il roster campano alla terza sconfitta consecutiva. Danno oltre la beffa per i ragazzi di Perdichizzi un primo posto non più solitario ma condiviso con Tortona che ha sfruttato alla grande l’ennesimo passo falso di Mayo e compagni raggiungendola in vetta a quota 36 punti. Dietro   in piena lotta per il primo posto ecco il roster di coach Franco Ciani e Ferentino che a sole due lunghezze dalla vetta sono in piena lotta per il gradino più alto. A conquistare un posto play off e stupire è stata la Mens Sana che battendo Roma ha dimostrato di poter dire la propria in ogni contesto. Agropoli è a un passo dalla fase finale mentre a contendersi gli ultimi due posti saranno Trapani, Biella e Casale Monferrato, con le prime due nettamente favorite. Nelle zone basse, invece, con Barcellona matematicamente retrocessa, cercheranno di evitare i play out Omegna, Rieti e Reggio Calabria.

Questa la classifica dopo la 27a giornata:
Givova Scafati 36

Orsi Tortona 36

Moncada Agrigento 34

FMC Ferentino 34

Mens Sana Basket 1871 Siena  32

BCC Agropoli 32

Angelico Biella 28

Lighthouse Conad Trapani  28

Novipiù Casale Monferrato 26

Acea Roma* 24

Assigeco Casalpusterlengo 24

Benacquista Ass. Latina 24

Bermè Reggio Calabria 22

NPC Rieti 20

Paffoni Omegna 18

La Briosa Barcellona 12

Bentornata Fortitudo, Scafati è ko

Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare. Il risultato è una Fortitudo Agrigento straordinaria che batte la capolista Scafati 75-73 e torna prepotentemente in corsa per il primo posto. Tutto in colpo solo per il roster di coach Franco Ciani che oltre ai due preziosi punti ha conquistato l’accesso ai play off con tre giornate di anticipo. Una vittoria sofferta ma meritata per Martin e compagni che questa volta hanno saputo gestire il moemnto più delicato del match e spinti dalla bolgia del PalaMoncada hanno portato a casa la vittoria fin qui più importante ndella stagione. L’inizio, pur con il forfait dell’ultim’ora di capitan Chiarastella è di carattere. Nei biancoazzurri rientra Piazza e la sua mano si vede sin da subito. I Giganti partono benissimo e chiudono il primo quarto sopra di 8 sul 24-16. Ma la banda di coach Perdichizzi ha dominato il torneo di A2 Ovest e con la ditta Simmons e Meyo, pareggiano i conti portando la gara alla pausa lunga sul 35-35. Al rientro sul parquet gli ospiti concludono la rimonta andando a 10′ dalla fine addirittura sul +5. Ma la Fortitudo ricorda di essere la Fortitudo e con un ultimo quarto da incorniciare chiude la disputa sul +2 condannando alla sconfitta per la seconda volta in stagione Scafati. Mattatori di giornata come sempre per i biancoazzurri Kelvin Martina con 19 punti e Marco Evangelisti con 16. Eccellente anche Alessandro Piazza che al reintro fa capire il perchè in molti rimpiangevano la sua assenza. Dall’altra parte il marziano ha il volto di Mayo, 22 punti con un Marco Portanssese, agrigentino doc, in ombra e poco incisivo. Per lui gli applausi del PalaMoncada, per la Fortitudo Agrigento il ritorno su quei livelli che la possono portare in alto. Mancano tre giornate alla fine. Sulla strada della squadra del presidente Moncada ci sono Reggio Calabria, Trapani e Omegna. Poi inizierà la vera battaglia dei play off. Un finale di stagione infuocato ma i biancoazzurri sono tornati.

Fortitudo, domani big match con Scafati

Ritorno ad Agrigento in grande stile per la Fortitudo Agrigento. Domenica al PalaMoncada il roster di coach Franco Ciani ospiterà la capolista Scafati. Quattro quarti importantissimi per i biancazzurri che messo da parte il periodo più difficile della stagione proveranno a conquistare un buon piazzamento play off. Per farlo Chiarastella e compagni devono conquistare la vittoria contro il roster più forte del torneo. I campani hanno dominato il campionato di a2 ovest senza trovare di fronte grossi ostacoli. Uno dei pochi passi falsi però è firmato Fortitudo Agrigento che nella gara di andata espugnò per la prima volta in stagione il PalaMangano. Ma erano altri tempi e altri situazioni. Nelle giornate successive il roster di Perdichizzi ha consolidato il primo posto solitario e ha messo in bacheca la Coppa Italia di A2. I biancoazzurri, invece, hanno trovato molte difficoltà. Continui infortuni, sfortune sul parquet che finalmente, facendo tutti i dovuti scongiuri, sembrano messi da parte. Vicissitudini a parte però domani sarà uno spot per il Basket. Si affronteranno due squadre fortissime che puntano al salto in Serie A. Chi arriva peggio strano a dirsi sono gli ospiti che dopo il successo di Coppa hanno abbassato i ritmi e portato a casa due sconfitte con Biella e Tortona. Nessun dramma comunque per la Givova che sul parquet agrigentino cercherà la riscossa. Mayo e Simmons sono pronti a riprendersi sulle spalle i compagni. Marco Portannese, agrigentino doc, cercherà in tutti i modi di fare un brutto scherzo alla sua città e ai tanti tifosi che lo amano. Ecco perchè la gara di domani sarà importante. Nessuno vorrà perdere. Sarà battaglia fino all’ultimo secondo.

Fortitudo, ad aprile si decide il futuro

Ultimo mese di battaglie nel campionato di A2 Ovest che ad Aprile metterà il sigillo sulla regular season e aprirà un nuovo capitolo, quello dei play off. La Fortitudo Agrigento se il torneo finisse oggi incontrerebbe agli ottavi di finali la quarta del girone est, in questo momento Brescia. Non l’avversario ideale per i biancoazzurri visto che i lombardi hanno appena piazzato il colpo David Moss, diventando una delle favorite al salto di categoria. Ecco perchè le ultime quattro giornate saranno fondamentali per il futuro agrigentino. Obiettivo vincerle tutte e puntare a questo punto al primo posto. Primo ostacolo, destino beffardo, sarà proprio la capolista Scafati. I campani vengono da due sconfitte consecutive con Biella e Tortona che hanno riaperto ilo torneo. Chiarastella e compagni si trovano a soli quattro punti dalla vetta e non provarci con lo scontro diretto in casa e dopo aver vinto quello di andata sarebbe un peccato. Poi il 10 aprile ci sarà la trasferta calabrese con Reggio Calabria. La Viola è in piena lotta salvezza e batterla al PalaCalafiore non sarà cosa semplice. Il 17 aprile toccherà invece al derby. Al PalaMoncada arriverà Trapani. Anche li nessun momento di relax. I granata si giocheranno fino alla fine una chance per giocare i play off, non disputati lo scorso anno e obiettivo minimo di questa stagione. Ultimo impegno, invece, il 23 aprile, sarà con Omegna. La Fulgor Paffoni, dovrà fare un miracolo per evitare i play out ma ci proverà fino alla fine. Insomma non una passeggiata per il roster di coach Franco Ciani. Un mese di aprile duro e intenso di preparazione alla cavalcata finale. L’arrivo è la Serie A.

Fortitudo, nella testa solo Scafati

Messe subito da parte le brevi vacanze pasquali per la Fortitudo Agrigento è nuovamente tempo di campionato. Domenica 3 aprile al PalaMoncada arriva la capolista Scafati. Una ghiotta occasione per il roster di coach Franco Ciani che in colpo solo può battere la prima della classe e riaprire la lotta per il primo posto. La vetta dista solo quattro lunghezze e a contendersela sono ben cinque squadre, in soli quattro punti. A generare ottimismo è la forma dei campani. Il roster di Giovanni Perdichizzi dopo aver vinto la Coppa Italia e raggiunto i play off sembra si sia rilassato. Due sconfitte di fila con Tortona e Biella e un torneo riaperto. Ecco perchè i biancoazzurri proveranno a bissare il successo dell’andata quando violarono per la prima volta in stagione il PalaMangano. Un’impresa resa possibile anche dal momento di Chiarasetella e compagni. La squadra del presidente Moncada dopo un periodo buio è tornata sui giusti binari nel momento più importante della stagione. Quattro gare e una fase finale che si preannuncia infuocata e soprattutto ricca di sorprese. Tutti gli occhi sono puntati su Alessandro Piazza. Il Play bolognese è sulla via del recupero e non è da escludere un suo utilizzo in queste ultime battaglie. Coach Franco Ciani, però, lo doserà bene onde evitare complicazioni in vista dei play off. Con Piazza i biancoazzurri completerebbero un mosaico mostruoso fatto di esperienza, tecnica e forza fisica. Un roster pronto per iol salto di categoria ma che nel farlo dovrà battere tutti. Non sarà facile ma neanche impossibile per la Fortitudo Agrigento ripetere la straordinaria cavalcata dello scorso anno ma nello sport mai dire mai. Il sogno rimane sempre lo stesso e sei atleti su 10 anche. Quindi perchè non crederci.

Buon complenanno coach Franco Ciani

Campionati, Coppa Italia, Promozioni e il grande amore che lo lega alla città di Agrigento. Questo, e tanto altro, è coach Franco Ciani. Oggi 24 marzo è il giorno del suo compleanno. 24 ore speciali per l’allenatore di Udine alla sua quinta stagione alla guida della Fortitudo Agrigento. Un giorno speciale, tanto particolare che Ciani ha deciso di trascorrere nel suo posto preferito, il parquet  di casa sua, quel PalaMoncada che segnerà per sempre oltre che la sua storia anche la sua vita. Una storia d’amore nata nel 2011 e fatta di successi, tanti successi che l’Agrigento del Basket non dimenticherà mai. Un legame indissolubile che anche nei momenti più difficile ha avuto la forza di rafforzarsi sempre di più e mai mostrare debolezze.Una cavalcata trionfale quella dell’allenatore di Udine sulla panchina bdella Fortitudo.  Passato, presente e futuro più che rosa bianco e azzurro, diventati ormai i suoi colori. Come un libro con ancora molte pagine da scrivere e un regalo ancora da ricevere. Buon compleanno coach Franco Ciani. Eroe agrigentino.

Fortitudo, vietato rilassarsi

Vacanze?  No grazie. La Fortitudo Agrigento passerà questa settimana sul parquet. Questo il volere di coach Franco Ciani a dieci giorni dalla sfida più importante della stagione. Domenica 3 aprile al PalaMoncada arriva la cxapolista Scafati. Una gara da vincere a tutti i costi per il roster biancoazzurro che dopo un periodo delicato con Casale Monferrato ha ritrovato fiducia. Una fiducia mai persa, solo messa da parte ,e che adesso, in un torneo che la Fortitudo conosce bene, può e deve fare la differenze. I play off sono a due punti, il primo posto a quattro. Davanti quattro gare intense da giocare al massimo. Il peggio è ormai alle spalle. Il quintetto ha ritrovato solidità , la panchina è tornata a fare la differenza e Alessandro Piazza è quasi pronto a riprendersi il suo ruolo, quello di protagonista. Quattro finali  e dopo saranno play off. Obiettivo, coronare il sogno accarezzato solo 10 mesi fa e salire nel massimo campionato cestistico italiano, la Serie A. Per farlo la squadra del Presidente Moncada ha tutte le carte in regola  e soprattutto un americano che fa la differenza. Una prima stagione in A2 Ovest che forse neanche lui si immaginava ma che sta vivendo al massimo.

A2 Ovest, il torneo è ufficialmente riaperto

Il torneo di Basket di A2 Ovest è ufficialmente riaperto. A sancirlo la capolista indiscussa fin qui Scafati. I campani dopo un campionato quasi perfetto dopo la vittoria della Coppa Italia hanno rallentato il passo, perdendo punti importanti e soprattutto facendo recuperare terreno alle inseguitrice. Chi ne ha approfittato più di tutte Tortona che nell’ultimo turno ha sbancato Reggio Calabria portandosi sul – 2. Subito dopo un grosso gruppo fermo a quota 32. Siena, Ferentino, Agrigento lotteranno fino alla fine per raggiungere il miglior piazzamento play off e partire da una posizione favorevole. Agropoli, a – 2, sembra aver perso ritmo. La sconfitta di Trapani le ha fatto abbandonare il gruppetto e i biancoazzurri dalla prossima saranno costretti a guardarsi le spalle. Dietro infatti Biella, Trapani, Casalpusterlengo, Roma Casale Monferrato e Latina, si giocano gli ultimi due posti di una fase finale molto interessante. Nella parte bassa della classifica, invece, quasi fuori dai giochi Barcellona che dalla prossima giornata potrebbe salutare ufficialmente l’A2. A giocarsi la salvezza diretta sono invece Omegna, Reggio e Rieti. Due di loro disputerà i play out, una potrà festeggiare la permanenza in A2 Ovest.

Questa la classifica a quattro gare dal termine

Givova Scafati 36

Orsi Tortona 34

Mens Sana Basket 1871 Siena 32

FMC Ferentino 32

Moncada Agrigento 32

BCC Agropoli 30

Angelico Biella 28

Lighthouse Conad Trapani 26

Assigeco Casalpusterlengo 24

Acea Roma 24

Novipiù Casale Monferrato 24

Benacquista Ass. Latina 24

NPC Rieti 20

Bermè Reggio Calabria 20

Paffoni Omegna 18

La Briosa Barcellona 12

Fortitudo bentornata, con Casale è +28

La Fortitudo Agrigento è tornata. A farne le spese e ad accorgersene oltre ai tifosi è stata Casale Monferrato che ieri al Palaferraris ha perso sul parquet amico 87-59. Una prova di autorità del roster di coach Franco Ciani che in colpo solo torna al successo dopo due sconfitte cosnecutive, mette da parte il periodo negativo e si conferma bestia nera dei piemontesi. Una gara combattuta solo nel primo quarto, chiuso dai biancoazzurri sul +1. Al rientro sul parquet Chiarastella e compagni, invece, ricordano di essere la Fortitudo Agrigento e iniziano a macinare punti su punti chiudendo la disputa in largo anticipo e dando un segnale importante alle dirette concorrenti nella lotta play off. Mattatori di giornata Kelvin Martin e Marco Evangelisti, 19 punti, Scott Eatherton, 16 e Andrea Saccaggi 15. Aldilà della vittoria, però, c’è da segnalare che la squadra del presidente Moncada è tornata su quei binari che l’hanno resa immortale, e non c’è momento migliore per iniziare quel viaggio che solo la banda Ciani sa organizzare. A quattro giornate dal termine la vetta dista solo 4 punti. Scafati non è più quella creatura mostruosa che distruggeva tutto ciò che trovava davanti e soprattutto al ritorno sul parquet se la vedrà contro Martin e compagni al PalaMoncada. Una grande occasione per riaprire i giochi quando tutto sembrava perso e la stagione diventata fallimentare. Ma si sa, questa squadra ha sette vite e lo ha dimostrato ancora una volta.  La Fortitudo è pronta a stupire ancora una volta in un mondo quello dei play off che conosce molto bene.

A2 Ovest, novità in classifica  

Ultimo turno di A2 ovest importantissimo ai fini della classifica. La sconfitta della Fortitudo ha portato i biancoazzurri dal secondo al sesto posto riaprendo di fatto l’intera griglia play off. Sconfitta indolore anche per Scafati che a cinque giornate dalla fine comanda con ben quattro lunghezze di vantaggio. La nuova vice capolista è invece Tortona, salita a quota 32 punti dopo il successo proprio contro i campani. Sorpresa di questo girone di ritorno è la Mens Sana che pian piano si è ritagliata un posto importante e punto a questo punto al secondo posto. Altre sconfitte eccellenti sono arrivate anche da Ferentino, con Casale Monferrato, e Agropoli, proprio contro la Mens Sana. Staccandoci dal gruppetto la favorita per il settimo posto è adesso Biella che battendo Trapani ha ottenuto il terzo successo di fila, staccando proprio i siciliani. Vittorie salvezza con uno sguardo verso l’alto per Roma , Latina e Reggio che in questo finale di stagione possono migliorare un’annata fin qui disastrosa. Rieti e Omegna perdono terreno mentre torna al successo dopo ben sette sconfitte Barcellona, anche se i sei punti da recuperare sono già una condanna alla retrocessione.  Questa la classifica aggiornata: 1) Scafati 36 2) Tortona 32 3) Siena 30 4) Ferentino 30 5) Agropoli 30 6) Agrigento 30 7) Biella 26 8) Trapani 24 9) Casale Monferrato 24 10) Casalpusterlengo 24 11) Roma 24 12) Latina 22 13) Reggio C. 20 14) Rieti 18 15) Omegna 18 16) Barcellona 12

Fortitudo, con Latina è un incubo

La peggiore sconfitta degli ultimi cinque anni. Questa la descrizione migliore dell’ennesimo passo falso della Fortitudo Agrigento. Ieri sera al PalaMoncada, nella gara valida per la 25a giornata del campionato di A2 Ovest, si è visto un solo quintetto, di colore non biancoazzurro. Il roster di coach Gramenzi non ha sbagliato nulla, quello di Ciani tutto. Risultato un 94-67 senza precedenti e un salto in classifica verso il basso che porta Chiarastella e compagni dal secondo al  sesto posto. Quattro quarti da buttare e una prestazione non da Fortitudo Agrigento. Tanti errori, innumerevoli palle perse e infiniti contropiedi di Latina: questo il mix perfetto di una serata da mettere subito da parte per ripartire, e  anche in fretta. Tavernelli e compagni hanno dominato dal primo all’ultimo minuto, non rischiando quasi mai e mantenendosi sempre sulla doppia cifra di vantaggio. Solo nel secondo quarto si è vista quella Fortitudo Agrigento, la nostra, ma il risveglio, che ha portato i biancoazzurri sul -5 è durato poco, troppo poco per impensierire i laziali. Martin e Saccaggi hanno provato a dare la scossa ma a mancare è stato il resto del roster. Uniche note positive sono arrivate da Bruno Mascolo. Il ragazzino, da pochi giorni arrivato nella Città dei Templi, ha dimostrato carattere e voglia di mettersi in mostra. Per Latina, invece, è andato tutto fin troppo bene. Percentuali altissime, pochissimi o quasi niente errori e una serata che forse Mosley e compagni non vivranno mai più, a meno che non decidano di vincere questa regular season, ma ormai è troppo tardi. Aldilà di tutto, però, nessun dramma. Cinque anni di successi non si cancellano e soprattutto dimenticano con una serata particolarmente negativa. Se oggi la Fortitudo da questi dispiaceri è perchè la stessa società del presidente Moncada ha dato la possibilità di crearseli. L’obiettivo ad inizio stagione era quello di migliorare l’ottavo posto della passata stagione. E fin qui è più che raggiunto. Adesso testa alle ultime cinque giornate di campionato. Recuperare gli infortunati e accedere ai play off da una posizione favorevole gli unici obiettivi. Il resto non conta. Questa squadra sa come stupire nei momenti che contano.

Fortitudo, con Latina obbligati a vincere

Ritorno al PalaMoncada per la Fortitudo Agrigento. Domani alle 18 il roster di coach Franco Ciani ospiterà Latina con un solo abiettivo: vincere. Ritornare al successo è infatti l’unica medicina possibile per guarire da un periodo non proprio dei migliori. I due punti per i biancoazzurri sono importantissimi visto il traffico che c’è al secondo posto. Ben 4 squadre sono infatti a quota 30 punti e con sei gare al termine ogni passo falso peserà come un macigno. Chiarastella e compagni devono subito mettere da parte un momento delicato fatto di poche vittorie, due nelle ultime cinque, e molti infortuni. Anche nella sfida di domani saranno assenti Alessandro Piazza e Marco Evangelisti. Il play bolognese è alle prese con un infortunio più grave che lo terrà fuori fino a Pasqua. Problema più lieve invece per Marco Evangelisti che rientrerà tra pochi giorni. Regolarmente sul parquet invece Kelvin Martin, allenatosi poco nell’arco della settimana causa febbre alta. Dando uno sguardo a Latina sulla carta non dovrebbe essere una sfida difficilissima. Il roster laziale si trova nella parte medio bassa della classifica, a quattro punti dai play off e a due dai play out. L’importante però non sarà abbasare la guardia. Per la squadra del presidente Moncada è vietato sbagliare.

Fortitudo, si ferma anche Evangelisti

Brutte notizie in casa Fortitudo Agrigento. Ieri è uscito il tanto atteso comunicato su Marco Evangelisti, infortunatosi durante i quarti di finale di Coppa Italia nella gara con Mantova. La guardia-ala di Montevarchi ha riportato una distrazione muscolare di lieve entità all’adduttore della coscia sinistra. Una situazione che costringerà il giocatore a riposare fino a nuovi controlli nel corso della settimana. Una notizia che si va ad aggiungere al già infortunio di Alessandro Piazza e che peggiora ulteriormente il momento delicato dei biancoazzurri. Alla squadra del presidente Moncada adesso serve la cosi detta scossa nel periodo più importante della stagione. Oggi il roster di coach Franco Ciani ha ripreso gli allenamenti in vista della prossima e importantissima sfida. Al PalaMoncada domenica arriva Latina. Parola d’ordine, vincere per ripartire e riprendere lo straordinario cammino che ha caratterizzato questa squadra negli ultimi anni. La stoffa da leader e lo spirito vincente questo roster ce l’ha nel sangue. Ecco perchè non bisogna farne drammi ma solo reagire e arrivare al meglio ai tanto e attesi play off. Affrontare periodi negativi nello sport è all’ordine del giorno. Meglio viverli adesso che in periodi molto più importanti. Latina potrebbe essere un nuovo inizio. Il roster laziale si trova a quattro punti dai play off e a due dai play out. Viene da quattro sconfitte consecutive e non sta attraversando il periodo migliore della stagione. Occasione migliore di riscatto per Chiarastella e compagni non potrebbe esserci.

Scafati vince la Coppa, la Fortitudo attende il Latina

Continua l’ottimo momento di Scafati che ieri nelle finali di Rimini ha vinto la Coppa Italia ai danni di Mantova. I campani in quattro quarti belli ed entusiasmanti hanno avuto la meglio sui lombardi per 72-62. Un trofeo che il roster di Perdichizzi porta a casa dopo 10 anni e sottolinea ancora una volta lo stato di forma sensazionale della capolista di A2 Ovest. A tirare il carro la guardia agrigentina Marco Portannese, Mvp del torneo. Tornando ad Agrigento, invece, una cosa è certa ,bisogna reagire. La sconfitta di venerdi con Mantova, che ha sancito l’uscita dalla stessa competizione, ha consegnatoi ai biancoazzurri l’ennessimo infortunio. A farne le spese questa volta è stato Marco Evangelisti, uscito a neanche metà gara. Per lui ancora nulla di certo e solo gli esami daranno il responso finale. Quello di Marco si aggiunge alla già zeppa lista di nomi che in questa stagione hanno dato forfait. Un problema che settimana dopo settimana inizia a farsi sentire sempre di più. Oltre ad Evangelisti coach Franco Ciani dovrà fare a meno di Ale Piazza, sulla via del recupero ma ancora senza una data certa di rientro. Unica nota positiva del week end, l’ottimo esordio di Bruno Mascolo che alla prima con i suoi nuovi compagni non ha deluso, anzi fatto vedere cose interessanti. La squadra tornerà ad allenarsi domani. Non c’è tempo per riflettere. Domenica al PalaMoncada arriva un avversario tosto come Latina, pronto a strappare importanti punti play off. Per i biancoazzurri inizierà il periodo più importante della stagione con le ultime sei gare della regular season prima dei tanto attesi play off. Tre gare in casa con Latina, Scafati e Trapani e tre in trasferta con Casale Monferrato, Reggio Calabria e Omegna prima di un’altra cavalcata, speriamo stupenda come quella dello scorso anno. Il peggio è alle spalle. E’ arrivato il momento di battere anche la sfortuna.

Fortitudo, domani al via la Coppa

Partirà oggi l’avventura di Coppa Italia della Fortitudo Agrigento. I biancoazzurri in giornata raggiungeranno Rimini per disputare i quarti di finale della competizione nazionale. Un torneo che Chiarastella e compagni hanno raggiunto al termine del girone di andata classificandosi tra le prime quattro e strappando il pass. Nella tre giorni nel cuore della Riviera Romagnola la squadra del presidente Moncada proverà a portare un titolo a casa anche se per farlo occorrerà dare il massimo contro i migliori quintetti di A2. Di fronte il roster di coach Franco Ciani, nella gara valida per i quarti di finale in programma domani alle ore 20 ci sarà la Dinamica Mantova, una delle squadre più in forma del momento. A dirlo è proprio coach Franco Ciani. Per soccombere alle tante assenze e per programmare e gestire meglio l’importante finale di stagione la società agrigentina ha tesserato Bruno Mascolo, playmaker di 1,90 nato a Castellammare di Stabia il 4 marzo 1996. Un rinforzo in perfetta linea con la teoria della realtà biancazzurra. La giovane promessa, 4.2 minuti di media in 5 presenza nella massima serie con i torinesi, si è ambientato alla grande. A dirlo è stato lo stesso capitano. Un tuffo ufficiale nella realtà di A2 che sarà proprio domani sera nella gara con Mantova quando Bruno Mascolo vivrà dal vivo le emozioni della Fortitudo Agrigento in un già così importante avvenimento prima dei play off di fine stagione.

Fortitudo, con Siena si punta in alto

Mens Sana Siena-Fortitudo Agrigento è una delle gare più importanti della 24a giornata del campionato di A2 Ovest. Sull’importantissimo parquet del PalaEstra i biancoazzurri proveranno tra mille difficoltà a espugnare una città storicamente cestistica e ridurre il gap con Scafati. Insomma quello a cui si punta è una domenica perfetta dove l’impresa sarà difficile ma non impossibile. Gli ex campioni d’Italia sono si uno dei roster più forti di questo torneo, soprattutto, tra le mura amiche dove hanno vinto quasi tutte le gare ma la nuova crisi societaria potrebbe scuotere, negativamente non poco, le sorti del match in favore degli ospiti. Cielo nuvoloso, tuttavià, anche per Agrigento anche se la società decidendo di pagare la multa su Andrea Saccaggi, avrà il toscana nella sua toscana a disposizione, limitando le assenze al solo Alessandro Piazza, out per 20 giorni. Chiarastella e compagni sembrano aver ritrovato il giusto equilibrio nella parte più importante della stagione. A tirare il carro molte volte è stato l’americano Scott Eatherthon, capace pur la sua giovane età di prendere per mano i compagni e portarli al trionfo.

Fortitudo, la testa è al prossimo impegno

Messa subito da parte la straordinaria prova con Rieti la Fortitudo Agrigento è già con la testa alla prossima sfida. Domenica i biancoazzurri andranno su uno dei parquet più belli d’Italia a sfidare una delle sorprese più belle di questa stagione. Ecco cosa sarà Mens Sana Siena- Fortitudo Agrigento, gara valida per la 24a giornata del campionato di A2 Ovest. Al Palaestra sarà sicuramente grande basket. La cornice sarà una delle migliori visto che fino a qualche anno fa quello stesso parquet è stato teatro di scudetti, coppe e supercoppe grazie alla Mens Sana dei 7 titoli consecutivi. Quattro quarti affascinanti e pieni di significato dove il roster di coach Franco Ciani sarà chiamato alla riconferma. Nel farlo però, oltre all’assenza ormai certa di Alessandro Pizza, Chiarastella e compagni non avranno al loro fianco anche Andrea Saccaggi. Il toscano non potrà giocare nella sua di Toscana perchè appiedato dal Giudice sportivo per aver usato espressione blasfema durante la gara. Un’assenza che peserà non poco in una gara difficilissima. Di fronte non ci sarà la Mens Sana dei record ma una squadra che quest’anno ha stupito e all’andata espugnato il PalaMoncada. 26 punti in classifica, 4 in meno dei biancoazzurri e un sesto posto meritato. Talenti del calibro di Roberts, Bryant e un ex di nome Mattia James Udom. Insomma una sfida da vivere e da vincere contro un avversario tosto e determinato. Il grande basket è alle porte.

A2 Ovest, si ferma Scafati

23a giornata particolare nel campionato di A2 Ovest che ha visto a sorpresa la sconfitta della capolista Scafati. I campani, in una gara intensa, hanno perso tra le mura amiche il derby con Agropoli 76-81, facendo gioire le inseguitrice. A non farselo dire due volte è stata la Fortitudo Agrigento che in quattro quarti per niente facili ha battuto Rieti per 84-72, portandosi a -4 dal roster di Perdichizzi. Stessa distanza per Tortona vincendo su Siena 85-65 si tiene stretta ai biancoazzurri per il secondo posto con un occhio di riguardo al primo. Quarta vittoria consecutiva per Ferentino , che espugna il PalAlberti mentre perde ancora Trapani con Reggio Calabria. Vittorie anche per Biella, Casale Monferrato e Casalpusterlengo.

Classifica:

  1. Givova Scafati 34
  2. Moncada Agrigento 30
  3. Orsi Tortona 30
  4. FMC Ferentino 28
  5. BCC Agropoli 28
  6. Mens Sana Basket 1871 Siena 26
  7. Assigeco Casalpusterlengo 24
  8. Lighthouse Conad Trapani 22
  9. Novipiù Casale Monferrato 22
  10. Angelico Biella 22
  11. Benacquista Ass. Latina 20
  12. Acea Roma 20
  13. NPC Rieti 18
  14. Bermè Reggio Calabria 18
  15. Paffoni Omegna 16
  16. La Briosa Barcellona 10

 

Prossimo turno (24^ giornata, nona di ritorno):
Benacquista Ass. Latina-Paffoni Omegna
FMC Ferentino-Orsi Tortona
Acea Roma-La Briosa Barcellona
Mens Sana Basket 1871 Siena-Moncada Agrigento
Assigeco Casalpusterlengo-Angelico Biella
BCC Agropoli-Berme’ Reggio Calabria
Lighthouse Conad Trapani-Novipiu’ Casale Monferrato
Npc Rieti-Givova Scafati

Fortitudo batte Rieti 84 a 72

Grazie ad un ultimo quarto pressoché perfetto la Fortitudo Moncada Agrigento è tornata al successo nel campionato di A2 girone Ovest. Una vittoria sofferta contro un ostico avversario, il Rieti che per oltre 30 minuti e’ stato sempre in partita con un Pepper in grande spolvero. Di fronte ad oltre mille spettatori, Agrigento e Rieti si danno da subito gran battaglia. L’equilibrio iniziale e’ interrotto dall’ennesimo infortunio al play bolognese, Alessandro Piazza, che assente per due partite, e’ tornato in campo ma si è di nuovo fermato per un problema all’inguine. Dentro Saccaggi che risuluterà determinante per la vittoria della Moncada. L’assenza di Piazza scombina per parecchi minuti i piani dei padroni di casa e Rieti ne approfitta per rimanere incollata alla partita. Il primo quarto termina 19  a 18 per i biancoazzurri. I due coach si affidano spesso ai giocatori della panchina per provare a dare scacco matto all’avversario. Agrigento, sorretta dal suo pubblico, e da un’ottima prova del collettivo aumenta il vantaggio. Il quintetto di Ciani difende benissimo e costringe Rieti a forzare i tiri dalla lunga distanza. Agrigento e’ più precisa nelle conclusioni e termina il primo tempo con un importante vantaggio, + 7: 37 a 30. Il ritorno sul parquet e’ da dimenticare per la Fortitudo che subisce canestri a raffica da parte di Pepper, Mortellaro e Bukles. Alla fine del terzo quarto il Rieti mette a referto 31 punti. La Moncada perde brillantezza ma rimane aggrappata al match. Il parziale dopo 30 minuti e’ di 61 a 59 per gli ospiti. L’ultimo quarto e’ colmo di emozioni. Rieti contesta anche alcune decisioni arbitrali e perde la concentrazione. Dall’altra parte sale in cattedra il bombardiere Andrea Saccaggi che piazza le triple del decisivo sorpasso. Poi Evangelisti e Eatearton certificano il successo della Fortitudo. Il finale e’ dominato dagli agrigentini che scacciano via la crisi e blindano il secondo posto. La partita finisce 84 a 72. Per Saccaggi 22 punti, seguito da Eatherton 18. Ma il platonico titolo di migliore marcatore della gara va a Pepper, con 28 punti.

Fortitudo, domani con Rieti per la riscossa

Si giocherà interamente di domenica la 23a giornata del campionato di a2 Ovest. Asoli due giorni dal turno infrasettimanale che ha affermato la supremazia di Scafati i quintetti saranno chiamati nuovamente sul parquet. Occhi puntati, ovviamente sui campani che saranno impegnati con Agropoli. Una sfida tra le due sorprese più belle di questa stagione. Impegno più facile, invece, per la Fortitudo che ospiterà Rieti. Per i biancoazzurri, dopo due sconfitte consecutive, è tempo di riscossa. Il roster di coach Franco Ciani proverà a farlo al PalaMoncada di fronte al proprio pubblico. Da valutare, ancora le condizioni di Alessandro Piazza. Altro big match si giocherà a Tortona dove i padroni di casa sfideranno la rivelazione dl girone di ritorno Men Sana Siena. In palio c’è il terzo posto. Trapani sarà impegnata a Reggio Calabria mentre l’altra siciliana Barcellona, ultima in classifica, ospiterà Ferentino, fresco di vittoria con la Fortitudo Agrigento.

Prossimo turno (23^ giornata, ottava di ritorno):
Novipiu’ Casale Monferrato-Benacquista Ass. Latina
Orsi Tortona-Mens Sana Basket 1871 Siena
Berme’ Reggio Calabria-Lighthouse Conad Trapani
Moncada Agrigento-Npc Rieti
Angelico Biella-Acea Roma
La Briosa Barcellona-FMC Ferentino
Paffoni Omegna-Assigeco Casalpusterlengo
Givova Scafati-BCC Agropoli

La Fortitudo cede a Ferentino

Turno infrasettimanale amaro per la Fortitudo Agrigento che ieri sera al Ponte Grande ha perso con Ferentino per 82-73. Nella gara valida per la 22a giornata del campionato di A2 Ovest i biancoazzurri si sono arresi alla quasi perfezione dei padroni di casa che con percentuali altissime hanno amministrato e vinto un match nel migliore dei modi. A fare la differenza, infatti, è stata la grandissima mira di Raimond e compagni con 9/11 da tre alla fine del secondo quarto e 76% dopo 30. Per la banda Ciani, ancora una volta privi di Alessandro Piazza questa volta ha pesato e tanto l’ennessima assenza di un atleta del quintetto base. Un piccolo dettaglio che sta iniziando a farsi notare. Solo in sette occasioni Chiarastella e compagni nel corso di questa regular season sono scesi sul parquet a pieno regime e gara dopo gara gli sforzi iniziano a farsi smentire. Ecco perchè i quattro quarti di Ferentino possono essere una piccola sirena. Aldilà di tutte le problematiche e della seconda sconfitta di fila, però, nessun dramma. La squadra del presidente Moncada si trova al secondo posto a paripunti con Tortona ma in vantaggio negli scontri diretti. Mancano otto gare al termine della stagione e poi sarà battaglia play off. L’importante sarà presentarsi nel migliore modi e soprattutto con una buona condizione fisica. L’appuntamento con la riscossa, fortunatamente, sarà già dopodomani. Al PalaMoncada arriva Rieti per ritrovare la vittoria.

Ferentino aspetta la Fortitudo Agrigento

Messa subito da parte la brutta sconfitto con Casalpusterlengo di domenica per la Fortitudo Agrigento è nuovamente vigilia. Domani sera al Ponte Grande il roster di coach Franco Ciani sarà atteso da Ferentino, quinta forza del campionato. I laziali si trovano a sole quattro lunghezze di distanza da Chiarestella e compagni e stanno attraversando un buon momento. Esattamente come la squadra del presidente Moncada il roster di Ansaloni nelle ultime 5 gare ha raccolto 4 successi e una solo sconfitta e nell’ultimo turno ha battuto un’altra siciliana, la Pallacanestro Trapani in trasferta. Una vera e propria banda da trasferta che all’andata espugno il PalaMoncada all’Over Time dopo una gara al cardiopalma. A tirare il carro in casa Ferentino sono Raymond Benjamin (15.1), Gigli (11.9) e Matteo Imbrò (11.2) ma attenzione a nche a Bowers , Raspino e Benevelli che a Novembre fecero tanto male ai colori biancoazzurri. Due squadre che puntano in alto e che si affronteranno per restare e consolidare la parte alta della classifica. La Fortitudo non può permettersi un ulteriore passo falso. Scafati non conosce sosta e un eventuale allungo metterebbe fine alle speranze di poter raggiungere il primo posto. Per i padroni di casa invece i due punti rappresenterebbero un altro passo verso le prime quattro. La novità più grande di questi quattro quarti dovrebbe essere legata ad Alessandro Piazza. Il play bolognese dopo lo stop casusa infortunio di domenica partirà con la squadra alla volta di Ferentino. Da valutare un suo impiego ma non è da escludere che possa giocare minuti importanti. Domani sera sarà una battaglia e con un Piazza in più la Fortitudo può ben sperare.