Debiti del Comune, saranno pagati “solo” otto milioni di euro a ditte e fornitori

Porto Empedocle, anche la Giunta ha deliberato: solo il 50% dei debiti riconosciuti ammissibili dall’organismo straordinario di liquidazione saranno pagati ai fornitori. In linea con quanto proposto dalla commissione di nomina statale, infatti, l’Amministrazione ha deciso di scegliere una via mediana che alla fine consentirà di sostenere “solo” otto milioni e 21mila euro sugli oltre 16 milioni di euro di debiti accertati.

Effetti “benefici” del dissesto, che consente appunto di schermarsi in parte da quanto dovuto nei confronti di imprese e società varie che hanno fornito servizi al Comune e che ora hanno due possibilità: accettare il 50% di quanto vantato oppure intraprendere le vie legali per ottenere le somme. I debiti complessivamente erano comunque più alti: i debiti ammontavano infatti ad oltre 21 milioni di euro, ma l’organismo straordinario per la liquidazione ha deciso di scendere di cinque milioni di euro circa ritenendo che le altre somme non fossero immediatamente da saldare, perché, ad esempio, potenzialmente oggetto di azioni di rivalsa o di compensazione da parte del Comune.

Favara e dissesto: nominati i commissari liquidatori dell’Ente

Sono attesi in settimana al Comune di Favara i tre commissari liquidatori, che la settimana scorsa sono stati incaricati dal Presidente della Repubblica,Sergio Mattarella, a loro l’arduo compito di risanare i debiti dell’Ente in dissesto, circa 40 milioni di euro. Si tratta del segretario generale Alessandra Melania La Spina, del funzionario comunale Giuseppe Gaeta e del dottore commercialista Paolo Ancona. Con la nomina dei commissari, prevista dal TUEL, si ufficializza quindi il crack finanziario del Comune che circa due mesi e mezzo fa’ era stato dichiarato dal consiglio comunale su proposta dell’amministrazione. Ai commissari quindi spetta adesso la gestione delle casse con pieni poteri sulle decisioni da adottare sul recupero delle somme necessarie a saldare i debiti regressi. I Commissari hanno anche il compito di accertare i danni cagionati all’Ente locale o all’erario, per i quali l’organo straordinario di liquidazione provvede alla denuncia dei fatti alla Corte dei Conti ed alla relativa segnalazione al ministero dell’Interno tramite le Prefetture. Tra le drastiche soluzioni che gli stessi liquidatori potranno intraprendere, anche la vendita degli immobili comunali, come ad esempio il noto castello Chiaramonte che, secondo quanto previsto dalla normativa, potrebbe essere ceduto ai privati.

[wp-rss-aggregator]

Proroga contrattuale per i precari dei comuni di Porto Empedocle e Sciacca

Inizio di anno meno duro per i precari degli enti pubblici in Sicilia, che in virtù dell’impegno assunto dalla Regione con l’approvazione dell’esercizio provvisorio, hanno avuto una proroga contrattuale. Tra loro anche i 57 dipendenti a tempo determinato in servizio al Comune di Porto Empedocle, ente quest’ultimo, il cui fallimento era stato decretato dal consiglio comunale nello scorso mese di ottobre. Sempre nella cittadina marinara, sono stati pagati anche gli stipendi arretrati, tredicesima compresa, ai dipendenti comunali di ruolo. Anche a Sciacca, la giunta guidata dal sindaco Fabrizio Di Paola, ha deliberato la proroga di un anno ai 58 contrattisti dell’Ente. Provvedimenti analoghi si stanno comunque attuando in tutti i Comuni siciliani che hanno in organico, dipendenti a tempo determinato.

[wp-rss-aggregator]

Dissesto finanziario a Favara. Nota del locale circolo del PD

Chiedevamo una prova di coraggio e di speranza per la città di Favara, nessun miracolo per carità, ma sicuramente il massimo sforzo per ripartire. Ci siamo trovati, invece, davanti ad una resa incondizionata”. Queste sono state le parole del segretario del circolo PD di Favara, Carmelo Vitello dopo la dichiarazione di dissesto dell’Ente. Il dissesto finanziario – spiega Vitello – causerà, purtroppo, conseguenze pesanti per la città ed i suoi abitanti. Bisognava – aggiunge – umiltà a servizio del nostro centro ed avere l’autorevolezza di lavorare per trovare la via d’uscita dai problemi e dalle difficoltà. Hanno dimostrato – conclude Vitello – incapacità ad affrontare i problemi amministrativi. Le scelte di questo governo cittadino peseranno gravosamente sul futuro di Favara”.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Favara. La dichiarazione di dissesto arriva in consiglio comunale

Il Presidente del consiglio comunale di Favara, Salvatore di Naro, ha convocato per questa sera, alle ore 19:00 una seduta straordinaria della pubblica assise cittadina con all’ordine del giorno: proposta di delibera consiliare – dichiarazione di dissesto finanziario.  Dopo Porto Empedocle quindi, anche il Comune di Favara si appresta alla dichiarazione di fallimento. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Agrigento. I sindacati incontrano l’A.C. sulla situazione economica del Comune

Al Comune di Agrigento si è svolto un incontro tra le
organizzazioni sindacali confederali CGIL, CISL e UIL e
l’amministrazione Firetto per discutere sulla situazione economica
dell’Ente.
La CGIL , presente con Alfonso Buscemi e Piero Mangione “ ha
apprezzato la decisione dell’amministrazione comunale – si legge
in una nota- di un confronto continuo nel tentativo di salvare il
Comune”. E’ stato chiesto di approfondire tutta la tematica che
investe le politiche sociali.
Infine, è stata rimandata ad un tavolo con l’assessore Fontana la
discussione sul possibile licenziamenti di altri venti netturbini.
[kkstarratings][wp-rss-aggregator]