“5 ore per la vita”

Tutto pronto per il Rally dei Templi 2018, organizzato dall’automobil clun di Agrigento,  in programma il prossimo week-end.  Ieri, un’anteprima all’Autodromo Valle dei Templicon la manifestazione ” 5 ORE IN PISTA PER LA VITA ” riservata alle persone diversamente abili e con svantaggi sociali, che hanno avuto la possibilità di scendere in pista gratuitamente su auto da competizione condotte dai piloti dell’agrigentino e non solo. Ospite d’onore il Pluri Campione Mondiale Miki Biasion.
Una giornata di gioia  per ricordare che lo sport supera ogni barriera.
Nel pomeriggio un corso sulla Sicurezza Stradale con la partecipazione dei Componenti del Consorzio Autoscuole della Provincia di Agrigento ( C.A.P.A) la partecipazione dei Componenti del Consiglio Direttivo dell’ Automobile Club Agrigento e l’intervento di Miki Biasion.

SEAP Aragona: altro colpo di mercato, arriva la centrale Ambra Composto

La società SEAP Pallavolo Aragona ufficializza l’ingaggio della forte centrale palermitana, Ambra Composto, 29 anni, proveniente dal Volley Palermo di serie B2.

Si tratta di un’atleta di grande esperienza e di indiscusso valore, che il presidente Nino Di Giacomo è riuscita a strappare alla concorrenza di tanti club, anche di categoria superiore.

Curriculum di tutto rispetto per Ambra Composto con un passato anche in serie B2 e B1 con la squadra agrigentina dell’Akragas Volley.

Agrigento. Sale la febbre “rosa”: il percorso della quinta tappa del Giro d’Italia

Alle ore 13:20, i 175 ciclisti, in gruppo scenderanno da piazza Vittorio Emanuele verso piazza Stazione, dopo aver affrontato la prima curva della tappa, percorreranno la Via Crispi, giunti nei pressi di Bonamorone poi la svolta a destra lungo la suggestiva Panoramica dei Templi per poi proseguire ancora, sempre in discesa, lungo la Passeggiata Archeologica.

Sicuramente un bel colpo d’occhio per il gruppo dei corridori che dopo le iniziali curve vedranno all’orizzonte il maestoso Tempio della Concordia. L’onda rosa proseguirà passando da Porta Aurea e da via Luca Crescente da dove poi, sulla Statale, l’avvio della vera gare verso Santa Ninfa. Nella città dei Templi, il passaggio dei mezzi lungo il circuito, sarà consentito sino alle ore 07:30.

Primo centro urbano toccato in corsa sarà Porto Empeodcle, dopo un breve tratto di Statale, gli atleti delle 22 squadre partecipanti, vireranno in zona Caos, faranno ingresso a Vigata dalla galleria, attraversarenno la via Empedocle costeggiando l’area portuale e ad andatura certamente sostenuta, passerano dinanzi la Torre di Carlo V per poi proseguire lungo costa e dalla curva Capizzi risaliranno verso la Strada Statale 115.

In mattinata, lavori straordinari a Porto Empeodcle dove operai e mezzi hanno provveduto a rendere più agevole il passaggo della carovana. A Vigata la chiusura delle strade, sia quelle interessate dal passaggio delle bici sia il tratto di Statale che attraversa il territorio comunale, si effettuerà alle ore 11:00.

Dopo Porto Empecole, altro centro agrigentino attraversato dai corridori sarà Sciacca, poi il 101° Giro d’Italia tocca alcuni dei centri della Valle del Belice devsatati dal tragico terremoto del 1968.

Dopo Menfi e la risalita verso Santa Margherita di Belice e Montevago dove è stato fissato il primo dei tre gran premi della montagna di quarta categoria. Altro traguardo che assegnerà punti per la classifica degli scalatori sarà a Partanna da dove si scenderà verso Poggioreale, nella città vecchia è stato disposto il terzo e ultimo GPM di tappa che spianerà ai corridori la strada vesro il traguardo di Santa Ninfa.

Fortitudo: Agrigento lotta ma non vince.

E’ la Fortitudo Bologna ad accedere ai quarti di finale dei play off. Agrigento lotta fino all’ultimo ma vincono gli ospiti. La serie finisce al PalaMoncada, con gli uomini di coach Pozzecco che vincono con il risultato di 71 a 74.

Partono forte la Fortitudo Bologna, avvio sontuoso. Agrigento alza la testa e lo fa con i canestri di Penny Williams. Cinciarini e Mancinelli fanno le fortune di Bologna e gli ospiti chiudono il primo periodo di gioco avanti: 16-21.

Il secondo periodo di gioco si apre l’assist di Cannon per Williams che riapre di fatto la partita – 3. Sorpasso Fortitudo, assist di Guariglia che tenta la tripla ma sbaglia, ci pensa Cannon + 1 Agrigento. Azione pregevole di Ruben Zugno che in volata supera in uno contro uno Okereafor e va a canestro + 7 Agrigento. Coach Ciani chiama dentro Ruben, tre falli per lui, sul parquet Simone Pepe. E’ proprio lui ad accendersi ed a trovare una tripla: 37-28.

Il terzo periodo di gioco, si apre con un errore di Pepe, palla alla Fortitudo Bologna e canestro facile. Cannon fa a sportellate e  spinge avanti Agrigento. Bolgona torna sul parquet convinta, poche sbavature e margine ridotto: 45-43 ad opera di Cinciarini.

Coach Ciani chiama dentro Zilli per Guariglia e Evangelisti per Zugno. E’ Rosselli a portare i suoi sul 45-45, ma poi Ambrosin fissa ancora il +3. Fallo tecnico alla Fortitudo Bologna, coach Pozzecco espulso lascia la panchina. Agrigento ritrova le forze e si porta sul 53-45. Amici torna al canestro, i biancazzurri vengono puniti con 4 falli di Ruben Zugno. Il terzo periodo di gioco è, però, opera dei biancazzurri: 58-52 Nell’ultimo periodo di gioco, errori da ambedue le parti. Gli ospiti aumentano l’intensità e tornano in partita, è Amici a schiacciare e Rosselli porta via Bologna + 2. Sono ancora gli ospiti a fare meglio, con Mancinelli che porta la Fortitudo Bologna a + 5. Agrigento si affida ancora a Simone Pepe che tenta il canestro della disperazione. Gli ospiti sono attenti, Ambrosin imbuca il canestro ma non è buono. Si gioca fino all’ultimo secondo, la Fortitudo Bologna chiude gli spazi e la serie:3 a 0.  Finisce tra gli applausi la post season della Fortitudo Agrigento.

“ Colleverde Cup”, una bella domenica di sport

Il centro sportivo Maracanà soccer club è stato testimone di una
bellissima giornata di calcio giovanile.
La I^ edizione della “Colleverde Cup” è stata interamente
dedicata all’ amico Pietro Delfino, responsabile dell’ Angelo Cuffaro Raffadali, venuto a mancare nella notte  tra sabato e domenica per un malore improvviso. “Pietro Delfino ha lasciato un vuoto in tutto il calcio agrigentino e la sua scomparsa ha turbato parecchio tutti noi” sono queste le parole pronunciate dagli organizzatori della “Colleverde” Nuccio Spataro, Gaetano Longo, Sossio Aruta e Lucio Rigano. Per dovere di cronoca la manifestazione ha visto il trionfo nella categoria Piccoli Amici dell’ Invicta Amagione del mister Tascarella e nelle categorie Primi Calci e Pulcini sono stati i padroni di casa della Colleverde ad avere la meglio.
La Colleverde ha coinvolto e regalato una splendida Domenica di Sport a circa 500 persone, come è solito dire negli ambiti sportivi, il calcio è dei bambini e il loro sorriso ripaga ogni momento difficile di una vita che a volte ci mette di fronte a momenti duri. 

” Colleverde Cup”

La Colleverde calcio affiliata Udinese Academy in collaborazione con l’ente sportivo ACSI di Agrigento ha organizzato per domani mattina, 6 maggio, al centro sportivo “Maracanà Soccer club” una manifestazione sportiva a partire dalle 9.30.

Alla manifestazione, prenderanno parte le categorie piccoli amici, primi calci e pulcini delle società: Asd River ’66; Don Bosco Mussomeli; Ponte di Ferro; Juventus Academy Ficarra; Angelo Cuffaro Raffadali; Favara Academy.

Durante lo svolgimento delle gare sarà presente personale sanitario del 118 coordinato da Sandro Bennici. Al termine della manifestazione tutte le squadre verranno premiate e come assicurano i dirigenti della Colleverde calcio ” questa è solo la prima di una serie di tornei prima della fine della stagione”.

Akragas in vista della sfida contro il Catania.

Ultimo intenso allenamento dei biancoazzurri in vista del derby siciliano di domani contro il Catania allo stadio Nicola De Simone di Siracusa. La squadra akragantina, ieri pomeriggio, ha svolto una seduta tecnico – tattica alla quale hanno partecipato tutti i giocatori in organico, tranne gli infortunati Carrotta e Gjuci.  L’ allenamento si è concluso con una partita a campo ridotto. Questa mattina la seduta di rifinitura allo stadio Esseneto.

La Fortitudo vince all’Overtime, battuto Napoli.

Serve l’Over time alla Fortitudo Agrigento per battere Cuore Napoli basket. I padroni di casa si impongono con il risultato di 93 a 86. Super partita di  Cannon che chiude con 36 punti e 16 rimbalzi. Al pronti via Napoli ha un approccio superbo, Agrigento prova a reagire ma Mascolo – ex biancazzurro – trova combinazioni vincenti, portando via il primo periodo gioco con punteggio di 14 a 21. Nel secondo periodo la Fortitudo reagisce bene, è Zugno subentrato dalla panchina a non sbagliare.

Pepe con il gioco da tre punti porta Agrigento in avanti e Guariglia schiaccia e fa applaudire il PalaMoncada. I biancazzurri, però, frenano con le triple di Turner, l’americano chiuderà con 38 punti. E’ Agrigento a cercare e conquistare spazio ancora con il duo Cannon-Zilli. Il secondo periodo di gioco si chiude con il punteggio di 41 a 40, grazie ad una tripla nel finale di Pepe. Nel terzo quarto Agrigento cambia volto. Il parziale di 7 a 0 ingabbia Napoli, Cannon non sbaglia nulla e Zilli continua a fare bene con Ambrosin a supporto. Il terzo periodo di gioco si chiude con il punteggio di 66 a 55. Nell’ultimo quarto succede di tutto, Cannon trova canestri figli della caparbietà, Ciani chiama alta la concentrazione e Napoli capisce che Agrigento perde lucidità. Gli ospiti alzano il tiro e da – 7 si portano in parità. Mascolo si gioca il tutto per tutto, i campani raggiungono Agrigento 77-77,  Pepe tenta il colpo ma sbaglia: è over time. Turner scappa via alla difesa, Agrigento si “riprende” la partita e la vince, gioco da tre punti di Cannon e partita che si chiude sul 93 a 86.

Basket, il derby di Sicilia è della Fortitudo Agrigento.

Il derby di Sicilia è della Fortitudo Agrigento, i biancazzurri battono Trapani con il punteggio di 64 a 62. Agrigento priva di Zugno e Guariglia, ritrova – seppur in panchina – Paolo Rotondo.

I biancazzurri partono forte, grazie alle due triple di Lorenzo Ambrosin. Zilli mette muscoli e talento e Parente è costretto a chiamare il time out. Agrigento si impone  bene e porta a casa il primo periodo di gioco: 23 a 17.

Nel secondo periodo di gioco Trapani parte meglio, ma Agrigento si affida ancora a Lorenzo Ambrosin, suoi i canestri del +11. Trapani prova a riaprirla ma sbatte contro il “muro” chiamato Giacomo Zilli. Nel terzo periodo di gioco cambia l’inerzia della partita, i granata alzano il ritmo e Perry porta con sé Trapani. I padroni di casa fanno girare palla grazie a Marco Evangelisti, in campo anche Cuffaro. E’ il capitano a giocate d’esperienza, impostando il gioco. Agrigento al comando della partita, per circa 38′ ma poi il match cambia volto. Bossi porta la squadra a – 7. Nell’ultimo periodo di gioco la partita cambia volto, Trapani si porta  a meno 1 ed una tripla di Jefferson porta avanti gli ospiti. Pepe tiene alta la tensione e mette dentro il momentaneo pareggio 54 a 54. Ultimo minuto al cardio palma. Williams serve Cannon che porta i biancazzurri sul momentaneo + 3. I granata vanno in lunetta e non sbagliano, Agrigento subisce fallo e Pepe chiude la partita: 64 a 62.

La Fortitudo Agrigento batte Rieti.

La Fortitudo Agrigento vince, domina e batte Rieti. I biancazzurri si impongono con il risultato di 83 a 74. Superba e corale la prova della Fortitudo che dal primo minuto mette al sicuro la partita. I biancazzurri ancora orfani di Ruben Zugno, schierano nel quintetto iniziale: Cannon, Evangelisti, Williams, Ambrosin e Zilli.Al pronti via è Agrigento a dettare il ritmo, riuscendo a chiudere il primo quarto con il punteggio di 28 a 13.
Nel secondo periodo di gioco Rieti prova a farsi avanti con Hearst, ma la Fortitudo si affida ai canestri di Pepe ed Evangelisti e chiude il secondo periodo di gioco con il punteggio di 43-32.
La Fortitudo Moncada torna dal riposo lungo e Jalen Cannon mette muscoli e canestri, sua la tripla del 56 a 47. I biancazzurri mettono al segno il più undici e coach Ciani regala minuti a Giuseppe Cuffaro. Agrigento chiude bene tutti gli spazi, Pepe e Ambrosin mettono a segno canestri pesanti e Williams e Cannon si dividono il canestro. I biancazzurri battono Rieti con il punteggio di 83 a 74. “Sotto il profilo del morale e della convinzione questa vittoria ci ha fatto bene – ha commentato coah Franco Ciani-. Abbiamo avuto minuti di straordinaria concentrazione, alternati a qualche disattenzione. Fortunatamente non abbiamo mai mollato e siamo riusciti a concedere poco. Hearst? Era un giocatore difficilmente marcabile. Williams era uno dei giocatori preposti alla marcatura, ma abbiamo dovuto fare i conti troppo presto con i falli”.

Pesante sconfitta dell’Akragas contro la Juve Stabia.

Pesantissima batosta per l’Akragas che esce sconfitta, subendo ben 7 gol sul campo della Juve Stabia. Gara senza troppe storie, fino al 20’ sostanziale equilibrio poi dominio totale delle Vespe. C’è poco da commentare, da segnalare i tanti giovani lanciati in campo da Di Napoli tra l’intervallo e metà ripresa. Ma a commentare è il pesante risultato finale è il presidente Silvio Alessi che invita mister Di Napoli a dimettersi:  “È stata una sconfitta impietosa ed umiliante – afferma-per la quale non possiamo che chiedere scusa a tutti. Oggi si è toccato il fondo e mi sono davvero vergognato. Pensavo che dopo una sconfitta del genere ed in vista dei due derby siciliani consecutivi, l’ allenatore Di Napoli tornasse ad Agrigento con la squadra ed invece è rimasto a Castellammare di Stabia. Una decisione che non condivido e che mi lascia molto perplesso. Invito il mister a riflettere sulla situazione che sta attraversando la squadra e a valutare l’opportunità di fare un passo indietro, rassegnare le dimissioni, per dare una scossa all’ambiente, ormai triste e sconsolato. Le sue eventuali dimissioni potrebbero servire per dare nuovi stimoli ai calciatori. Voglio ricordare a tutti – conclude Alessi- che sono rimasto da solo a finanziare la società e i sacrifici sono enormi, ed è per questo che chiedo ai calciatori di avere più rispetto per questa maglia”.

Akragas, l’analisi di Di Napoli.

“La nostra classifica è deficitaria ma posso assicurare che non molleremo di un centimetro e che venderemo cara la pelle contro qualsiasi avversario con l’obiettivo di centrare i play out e provare a salvare la categoria”. Sono le parole di mister Raffaele Di Napoli che, in una nota analizza il momento poco felice dei bianoazzurri. Domenica l’ennesima sconfitta al De Simone di Sicuracusa contro il Catanzaro , ieri la “botta” della Procura federale che ha deferito il club e Silvio Alessi, nel ruolo di amministratore unico,  a seguito di segnalazione della CO.VI.SO.C.  per alcune irregolarità amministrative risalenti alle scadenze economiche di dicembre scorso. La società è stata  deferite a titolo di responsabilità diretta e a titolo di responsabilità propria e  potrebbe andare in contro ad una penalizzazione. “In un anno e mezzo alla guida dell’Akragas- afferma mister Di NAPOLI- non ho mai cercato alibi e mai li cercherò, nonostante si è sempre lavorato tra mille difficoltà. Non abbandono la nave nel mezzo della tempesta. Non mi dimetto per dignità personale e professionalità. Non ho mai pensato di lasciare l’Akragas e mai lo farò.   Agrigento è  la mia seconda casa. Ed ancora voglio ricordare a quanti sponsorizzano altri allenatori,  che  in un anno e mezzo, ho lavorato in situazioni molto difficili e precari, e nonostante tutte le avversità.  Nonostante le ristrettezze economiche del budget a disposizione siamo una squadra  che gode del rispetto di tutti. Ancora una volta ci metto la faccia e continuerò a farlo sempre. Nel mercato di gennaio società di Serie B e C hanno preferito mandare i loro giocatori da noi, nonostante le note difficoltà, per valorizzarli ulteriormente. Tutto questo non fa altro che darmi uno stimolo in più. Posso dire a testa alta che sono un professionista serio ed un uomo che ha il Gigante nel cuoreù”. E nel frattempo i biancoazzurri hanno ripreso la preparazione in vista della partita di domenica 25 febbraio, all 16:30, in trasferta contro il Bisceglie.

Si allontanano sempre di più le speranze salvezza per l’Akragas.

Si allontanano sempre di più le speranze salvezza per l’Akragas che dopo la sconfitta di Siracusa nel derby siciliano, resta ferma a quota 11 punti in classifica, -9 rispetto alla penultima Fidelis Andria. Nonostante il gioco espresso dall’Akragas, il derby è andato agli aretusini grazie ad un goal di Liotti. Vediamo insieme come i due allenatori, Di Napoli e Bianco, hanno commentato la gara nel post partita.

Basket. Casale Monferrato espugna il PalaMoncada.

Per  metà gara la Fortitudo Moncada Agrigento è quasi riuscita a mantenere in equilibrio il match contro la forte capolista Casale Monferrato, ma il divario tecnico tra le due formazioni, condizionato anche dagli infortuni a Williams e Zugno, è emerso negli ultimi due periodi, fissando sul tabellone del Palamoncada il risultato finale di 75 a 64 per gli ospiti. Sono stati i piemontesi dunque ad aggiudicarsi il derby delle città candidate a capitale italana della cultura 2020. 

Nel secondo quarto un ispirato  Lovisotto aveva scaldato il PalaMoncada, con la Fortitudo che  si era portata a – 4 da  Casale, pronta però è stata la reazione dei piemontesi  che non solo rimonta ma incrementa anche il vantaggio fino alla fine. 

Prossimo impegno adesso per i  I biancazzurri è la trasferta di Cagliari. 

“ E’ l’avversario peggiore da affrontare in tutti i momenti – ha detto a fine gara coach Franco Ciani – Loro sono una squadra che ti aggredisce sempre, ti obbliga a non fare mai errori a non arrivare mai ad un tiro affrettato.  Non abbiamo fatto una cattiva partita difensiva. Sono contento  – ha aggiunto il tecnico friulano – che siamo riusciti a fare una partita di questa entità.

Sfida alla capolista, coach Ciani “Contro Casale partite di rispetto e correttezza”

La Fortitudo Agrigento, torna a giocare al PalaMoncada. Turno infrasettimanale per i biancazzurri. Archiviata la vittoria contro Tortona, i biancazzurri affrontano Casale Monferrato. La squadra di coach Ramondino è la prima della classe, del campionato di serie A2, girone Ovest. La partita si gioca questa sera al PalaMoncada, palla a 2 alle 20 e 30.
Hanno presentato la 20esima giornata del campionato di A2, il coach Franco Ciani e Giacomo Zilli.

Russello e Di Napoli al lavoro per rinforzare la squadra. In casa Akragas arriva Ferdinando Raucci. News Agrigentotv

Primo intenso giorno di lavoro quello di ieri al calciomercato di Milano per il direttore sportivo Ernesto Russello e l’allenatore Raffaele Di Napoli. I due, tra mille difficoltà, stanno lavorando incessantemente per rinforzare l’Akragas in questa sessione di mercato invernale. Sia Russello che Di Napoli sono alla ricerca di quei profili idonei per dare un nuovo volto alla squadra che punta, senza mezzi termini, alla salvezza. Sono state intavolate diverse trattative importanti che i due esponenti dell’Akragas sperano di concludere nelle prossime ore per regalare ai tifosi un’ Akragas più competitiva. Tanti giocatori si sono pure proposti con l’intenzione di dare il proprio contributo per salvare la categoria. Ed ecco che arrivano i primi nomi. L’Akragas , infatti, ha perfezionato l’ingaggio di Ferdinando Raucci in prestito dal Bisceglie fino al termine della stagione. Raucci , 21 anni, è un terzino sinistro.  È cresciuto nel settore giovanile dell’Avellino e nel recente passato ha indossato anche le maglie di Lumezzane (Serie C) e Torres (Serie D).

 L’Akragas, inoltre, comunica di aver ceduto a titolo definitivo al Bisceglie, il terzino Genny Russo.

“A Russo va il ringraziamento della società- si legge in una nota- per la professionalità e per l’impegno dimostrato nei suoi mesi trascorsi con l’Akragas.”

Colpo di scena in casa Akragas.

Finalmente una buona notizia in casa Akragas. A comunicarla ieri sera è stato il legale della società biancoazzurra, Enzo Caponnetto. “Negli ultimi giorni si è registrata un’accelerazione della trattativa con il gruppo imprenditoriale Iraniano per la cessione del club”. Parole queste che fanno ben sperare per il futuro della squadra agrigentina. “Nelle more della definizione della trattativa – ha spiegato Caponnetto- è stato chiesto al Presidente Silvio Alessi di dare continuità alla gestione societaria. Quest’ultimo pur rimanendo fermo sulla sua posizione di soggetto dimissionario, si è dimostrato ancora una volta sensibile e disponibile ad attendere qualche altro giorno la formalizzazione degli accordi”. Escono di scena tutti i vecchi soci, da Marcello Giavarini fino a Silvio Alessi. Si tratta di una operazione piuttosto delicata perché, come è noto, l’Iran è sottoposto a sanzioni e dunque gli investimenti all’estero sono sotto controllo. Ma il gruppo di imprenditori, che ha già una squadra in Iran, intende entrare nel calcio europeo. “Il club- ha spiegato ancora Enzo Caponnetto- ha deciso di intervenire urgentemente nel mercato in entrata al fine di rafforzare l’organico dei giocatori per cercare di raggiungere la salvezza o quantomeno di raggiungere i play out, nell’attesa che si concretizzi positivamente, come ci auguriamo tutti, il passaggio della società nelle mani dei nuovi proprietari”. Tra i giocatori che potrebbero arrivare si parla dell’ex Catania Anastasi, ma anche del Nazionale maltese Muscatt e di Zibert. E inoltre anche dopo la chiusura del mercato il ds Ernesto Russello – al quale è stato affidato il mercato in entrata – avrebbe la possibilità di fare arrivare ad Agrigento un paio di fuori lista delle squadra di serie B. Incubo finito? Staremo a vedere.

La Fortitudo Moncada Agrigento perde contro Treviglio.

La Fortitudo Moncada Agrigento perde contro Treviglio, i biancazzurri non riescono a centrare la prima vittoria del 2018. Al PalaFacchetti passano i padroni di casa, imponendosi con il punteggio di 82 a 76.

Nel primo periodo di gioco, Ciani si affida ai muscoli di Cannon e Zilli, è quest’ultimo a fare meglio. Al pronti via sono i padroni di casa a partire col piede giusto, il primo quarto di gioco si chiude con il punteggio di 24 a 15. I biancazzurri lottano sotto canestro, ma sbagliano dei tiri semplici.

Coach Ciani cambia quintetto. Sul parquet Ambrosin e Pepe, Agrigento insegue Treviglio, siglando sette punti consecutivi. La panchina regala il parziale a coach Ciani, ma non il secondo periodo, Pepe non basta e Marino sigla il momentaneo + 8.

Alla Fortitudo mancano i tiri facili, a riposo lungo Ciani carica i suoi ed il terzo periodo di gioco i biancazzurro si trovano a 4 punti dai padroni di casa. Nell’ultimo periodo di gioco, Agrigento tenta il tutto per tutto ma alla è Treviglio a vincere la partita.

Treviglio vs Fortitudo Agrigento su Sportitalia, le parole di coach Franco Ciani e Tommaso Guariglia.

La Fortitudo Moncada Agrigento, domani sarà di scena a Treviglio. I biancazzurri giocheranno a mezzogiorno, in campo per la 18esima giornata del campionato di  A2 Old Wild West. Treviglio vs Fortitudo Agrigento, si giocherà al PalaFacchetti e sarà visibile anche su Sportitalia, canale 60 del digitale terrestre. Hanno presentato la partita, coach Franco Ciani e Tommaso Guariglia.

Terremoto Akragas, Silvio Alessi si dimette e la società rischia il fallimento News Agrigentotv

Terremoto Akragas, Silvio Alessi non è più il presidente, le dimissioni sono sopraggiunte a causa dell’impossibilità economia dello stesso di portare avanti la squadra.
“Da solo – ha detto l’ex presidente -non posso più farcela, oggi – ha aggiunto – è morto il calcio ad Agrigento”. Alessi, ha anche lasciato il consiglio di amministrazione della società, rimettendo tutto nelle mani del sindaco. “lascio tutto alla città” ha detto ancora Alessi.
Finisce così un’era che per lo sport agrigentino ha significato il ritorno nel calcio professionistico dopo 30 anni di assenza. Come spesso accade, specie nel calcio, dall’entusiasmo della promozione in Lega Pro del 2015, si è passati alle contestazioni attuali della tifoseria, dovute alla crisi dei risultati e all’esilio delle squadra a Siracusa, Supporter che hanno più volte espresso il loro dissenso nei confronti della società, rimostranze si sono avute anche durante un animato incontro con Silvio Alessi alla vigilia delle dimissioni.
La speranza di salvare la società bianco azzurra era legata all’acquisizione della stessa da parte di una holding iraniana, ma i tempi burocratici di chiusura dell’accordo avrebbero indotto Silvio Alessi a prendere la drastica decisione di uscire in anticipo dal Cda.
Durante l’incontro con i tifosi, l’ex patron dell’Akragas, avrebbe prospettato la volontà di proseguire il campionato con i giovani della rosa per poter così salvare il titolo e, in caso di retrocessione, ripartire dalla serie D. Questa ipotesi però non sarebbe stata accolta positivamente dagli Ultras.

Quale futuro adesso per la squadra e per il campionato in corso, per domenica prossima, Silvio Alessi ha promesso di sostenere la trasferta di Pagani, da lunedì però, se nessuno si farà avanti, gli impegni dell’Akragas non potranno essere più rispettati, in poche parole si andrà verso il fallimento.

Akragas Calcio. Alessi verso la consegna della squadra al sindaco.

L’era Alessi alla guida dall’Akragas calcio, sembra essere giunta al capolinea. L’annuncio delle dimissioni del numero uno della società bianco azzurra potrebbe giungere oggi stesso. Intanto si allunga l’elenco dei giocatori che hanno già lasciato la città dei Templi,  a Sepe e Parigi, si è aggiunto anche Longo che è stato  ceduto al Fidelis Andria.

Silvio Alessi, il presidente che ha riportato Agrigento nel calcio professionistico,  già in serata potrebbe consegnare la squadra al sindaco Lillo Firetto. 

Le trattative con la cordata iraniana, che in molti davano pronta ad acquisire  ila società, si sarebbe arenata, a causa della morsa del fisco, cavilli burocratici che rallenterebbero il trasferimento dei fondi necessari dall’Asia all’Europa. Per questo motivo, la trattativa per essere chiusa, necessita di ulteriore tempo. Intanto, il mercato di gennaio, si sta quasi per chiudere e la rosa, viste le partenze, può essere completata solo con le risorse interne, ovvero con i giovani atleti della beretti. 

Forze probabilmente inadeguate per sostenere l’impegnativo campionato di serie C. 

Una crisi, che senza le dovute soluzioni, porterà ad una retrocessione certa anche se il timore adesso è quello del crack societario che sprofonderebbe l’Akragas, negli abissi del calcio dilettantistico.

Settimana decisiva per l’Akragas, si attende la risposta della cordata iraniana News Agrigentotv

Gli imprenditori iraniani, la scorsa settimana erano ad Agrigento e una volta tornati in Asia avrebbero dovuto riferiranno ai vertici del loro gruppo. Saranno loro, dopo avere esaminato i bilanci del club e la relazione dei loro collaboratori, a dare una risposta alla proposta di acquisto dell’Akragas. E quella risposta  si attende. Da quella risposta potrebbe arrivare l’unica speranza  per salvare il club in preda a una crisi societaria e finanziaria senza vie di uscita. Quella con gli iraniani  è l’unica trattativa rimasta in piedi dopo vari acquirenti che alla fine non hanno acquistato le quote societarie. Sono rimasti solo proclami. 

I potenziali acquirenti hanno invitato nel loro Paese i dirigenti agrigentini per vedere personalmente le strutture sportive del loro club di massima Serie e, possibilmente, anche una partita ufficiale. Il destino del club, particolarmente incerto per la crisi finanziaria nota da mesi, è adesso a un bivio decisivo. 

L’interesse degli iraniani è vivo, ma il telefono di Silvio Alessi non è ancora squillato. Sul campo, dopo l’addio di Sepe ed il quasi certo di Bramati, Di Napoli rischia di perdere i suoi giocatori migliori. Fanno gola ai grandi club i senior del gruppo: Longo, Vicente e Vono, ma sul taccuino di alcuni direttori sportivi spunta anche il nome di Salvemini. L’Akragas attende gli iraniani, i giocatori tornano ad allenarsi e Di Napoli spera in una reazione d’orgoglio. L’addio di Sepe verrà sopperito dalla presenza fissa di Scrugli, potrebbe essere lui il sostituto naturale dell’ormai ex biancazzurro. 

Cessione Akragas. Il presidente Alessi incontra rappresentanti società iraniana News Agrigentotv

Per l’Akragas potrebbe, il condizionale è però d’obbligo, essere la volta buona. Dopo varie voci  e il susseguirsi di personaggi interessati all’acquisto della società, pare che qualcosa di concreto adesso c’è.   Il presidente Alessi ha incontrato rappresentanti della società sportiva iraniana di cuui si sente parlare da qualche giorno. Nello studio dell’avvocato Caponnetto, le massime cariche della società biancazzurra, hanno incontrato il Consulente Legale ed il Direttore del Marketing della società che milita nelle Persian Pro League.

“Nel corso degli incontri – fa sapere Silvio Alessi- sono stati esposti tutti gli aspetti amministrativi e sportivi riguardanti la società, nonchè quelli strutturali relativi lo stadio Esseneto”.

La delegazione, accompagnata dal presidente Silvio Alessi e dal Direttore Sportivo Ernesto Russello, inoltre, nella giornata di lunedì, ha dapprima visitato il campo di Fontanelle per avere un primo contatto con la squadra, lo staff tecnico e sanitario, successivamente si è recata allo stadio Esseneto per visionare la struttura. “La delegazione- continua Silvio Alessi- preso atto di tutte le componenti relative all’eventuale subentro in società, si è detta comunque soddisfatta ed interessata a sposare il progetto Akragas, poiché la società dei templi potrebbe rientrare in un progetto molto più ampio anche per la crescita sportiva della stessa società calcistica iraniana. La società si sarebbe riservata  di comunicare quanto prima una definitiva decisione.

Brutta sconfitta della Fortitudo ieri al Palamoncada News Agrigentotv

Il 2018 si apre con una brutta sconfitta, la Fortitudo Agrigento perde in casa contro l’Eurobasket. I biancazzurri si arrendono con il punteggio di 40 a 78. La partita si è aperta con il caloroso saluto a Paolo Rotondo, il giocatore della Fortitudo torna al PalaMoncada. Nella girandola degli ex, torna al palazzo anche Ale Piazza. Al giocatore  Cristian Mayer ha consegnato una targa a nome della Fortitudo Agrigento. In partita, la Fortitudo è priva per la seconda partita di fila di Marco Evangelisti. Coach Ciani cambia ancora e si affida a Lorenzo Ambrosin. In cabina di regia Ruben Zugno, nel quintetto anche Cannon, Williams e Guariglia. Partono forte gli ospiti, Guariglia spende due falli al pronti via e Ciani cambia. Gli ospiti si affidano ad Ale Piazza che suggerisce per Sims. Il primo quarto si chiude con il punteggio di 16 a 17.

Nel secondo periodo la Moncada sbaglia tanto. Ambrosin insacca una tripla, ma Agrigento non trova la giusta quadratura. Piazza e Sims combinano bene e la Fortitudo chiude il secondo periodo di gioco con il parziale di 4 a 19. I biancazzurri vanno al riposo lungo con il punteggio di 20 a 36. La musica non cambia, l’Eurobasket ha in mano la partita, Pierich trascina i suoi ed i biancazzurri chiudono il terzo quarto sul 33 a 56. Gli ospiti nel finale consolidano il risultato, Agrigento prova a reagire ma non basta, vince l’Eurobasket imponendosi con il punteggio di 40-78.

Fortitudo Eurobasket Roma Le interviste del dopo gara News Agrigentotv

Il 2018 si apre con una brutta sconfitta, la Fortitudo Agrigento perde in casa contro l’Eurobasket. I biancazzurri si arrendono con il punteggio di 40 a 78. La partita si è aperta con il caloroso saluto a Paolo Rotondo, il giocatore della Fortitudo torna al PalaMoncada. Nella girandola degli ex, torna al palazzo anche Ale Piazza. Al giocatore  Cristian Mayer ha consegnato una targa a nome della Fortitudo Agrigento. In partita, la Fortitudo è priva per la seconda partita di fila di Marco Evangelisti. Coach Ciani cambia ancora e si affida a Lorenzo Ambrosin. In cabina di regia Ruben Zugno, nel quintetto anche Cannon, Williams e Guariglia. Partono forte gli ospiti, Guariglia spende due falli al pronti via e Ciani cambia. Gli ospiti si affidano ad Ale Piazza che suggerisce per Sims. Il primo quarto si chiude con il punteggio di 16 a 17.

Nel secondo periodo la Moncada sbaglia tanto. Ambrosin insacca una tripla, ma Agrigento non trova la giusta quadratura. Piazza e Sims combinano bene e la Fortitudo chiude il secondo periodo di gioco con il parziale di 4 a 19. I biancazzurri vanno al riposo lungo con il punteggio di 20 a 36. La musica non cambia, l’Eurobasket ha in mano la partita, Pierich trascina i suoi ed i biancazzurri chiudono il terzo quarto sul 33 a 56. Gli ospiti nel finale consolidano il risultato, Agrigento prova a reagire ma non basta, vince l’Eurobasket imponendosi con il punteggio di 40-78.

Vince la Fortitudo Agrigento contro la Virtus Roma News Agrigentotv

La Fortitudo Agrigento vince e convince contro la Virtus Roma. Superba la prova dei biancazzurri che riescono ad imporsi con il punteggio di 101 a 72. In partita coach Ciani si affida al quintetto formato da: Cannon, Zugno, Evangelisti, Williams e Guariglia. I biancazzurri partono bene, ma la Virtus non si lascia intimorire, provando ad imporre il proprio gioco.Thomas e Landi tentano di ingabbiare la difesa biancazzurra, il primo periodo di gioco si conclude con il punteggio di 26 a 24 a favore di Agrigento. Nel secondo quarto la Moncada si affida a Zugno, il playmaker non sbaglia praticamente niente, assist per Evangelisti e Fortitudo ancora avanti: 25-21. La Moncada nel terzo periodo di gioco riesce a costruire di fatto i punti utili alla vittoria. E’ ancora Zugno a fare bene, il parziale di Agrigento è di 5 a 0. Ambrosin intercetta un pallone velenoso e va solo a canestro. La Moncada vola a + 10. I biancazzurri giocano di gruppo, costruendo un + 18 figlio del bel gioco. Gli ospiti perdono palla e Agrigento sale in cattedra il terzo periodo si chiude con il punteggio di 70 a 59. Nell’ultimo quarto di gara, la Virtus Roma inizia bene con Baldasso, coach Ciani chiama in campo Pepe e la partita cambia volto. Il biancazzurro piazza tre triple consecutive, mettendo in cassaforte la partita. Pepe spacca la gara, mettendo a segno 11 punti in una manciata di minuti. La Virtus va in difficoltà e la Fortitudo inizia la “fiera” dei canestri. In campo anche Savoca, Cuffaro e Magro. I tre giovani biancazzurri vanno a referto, ma a toccare quota cento e Ruben Zugno, partita sontuosa del playmaker. Agrigento vince e convince e fa divertire. I biancazzurri portano a casa il secondo successo consecutivo.

Akragas, i chiarimenti di Alessi e Giavarini News Agrigentotv

Il presidente dell’Akragas, Silvio Alessi, chiarisce la situazione dopo le indiscrezioni su una possibile frenata nella trattativa per la cessione all’imprenditore italo-svizzero Roberto Nava.  A parlare è anche l’azionista di maggioranza, Marcello Giavarini. Ma Roberto Nava rassicura: “voglio l’Akragas”.

La Fortitudo Moncada Agrigento, domenica  3 dicembre, affronterà la Virtus Roma News Agrigentotv

Conferenza stampa questa mattina della Fortitudo Moncada Agrigento di presentazione della decima giornata di campionato A2 Ovest, stagione 2017/2018.

 La Fortitudo Moncada Agrigento, domenica  3 dicembre, affronterà la Virtus Roma.  La partita si giocherà al PalaMoncada di Porto Empedocle, palla a 2 alle 18. Interviste a coach Franco Ciani e a Simone Pepe.

L’Akragas nelle mani di Alessandro Nuccilli

“Io nuovo presidente dell’Akragas? Ammetto che è tutto vero quanto è emerso nelle ultime ore. Stiamo ancora in trattativa e stiamo definendo gli ultimi dettagli”. Domani dovrebbe esserci la fumata bianca e così Alessandro Nuccilli potrebbe diventare il nuovo proprietario del club biancoazzurro. L’imprenditore romano con trascorsi tra Foligno e Pavia, è pronto a rilevare il pacchetto di maggioranza della formazione agrigentina da Marcello Giavarini. “Ho sentito lo studio notarile Fanara di Agrigento – ha detto Nuccilli – siamo avanti con la trattative. Alessi mi ha chiesto gli ultimi documenti ed ho fornito quello che serviva”. Nuccilli ha delle priorità: “Una mia ditta si occuperà dell’impianto di illuminazione, avremo subito la deroga e potremo giocare allo stadio ‘Esseneto’”. Alessandro Nuccilli parla quasi da presidente: “Ho letto delle dimissioni di Nobile e Nigrelli, è prematuro dirlo ma li vorrei con me”. In panchina fiducia a Lello Di Napoli.
“Di Napoli è confermato. Poi dipende da lui- ha detto in una intervista alla gazzetta dello sport-. Se avrà voglia di continuare con noi, non ci saranno problemi. Comunque preferisco addentrarmi in queste cose dopo aver completato pratiche notarili relative all’acquisizione del club”. E alla domanda come è stato il primo impatto con Agrigento? Nuccilli risponde: “A ottobre in occasione del primo incontro ho ricevuto un’accoglienza calorosissima. Mi hanno trasmesso un entusiasmo incredibile”.

Akragas. “Sfugge” la cordata romana

Il matrimonio non si fa, almeno per quest’anno. La tanto discussa cordata romana che avrebbe dovuto investire nel progetto Akragas non è al momento disponibile a dare il proprio contributo nel progetto di rilancio del calcio akragantino e , allo stato attuale, non vi è nessuna altra trattativa per la cessione del club. A comunicarlo, attraverso una nota stampa, è il presidente e azionista di maggioranza dell’Akragas, Marcello Giavarini. Lui stesso ha voluto informare la stampa e i tifosi del Gigante sulle ultime novità che riguardano il futuro della società e la trattativa con un gruppo di imprenditori romani per l’eventuale cessione delle quote. Giavarini dichiara: “Purtroppo la cordata romana che doveva risolvere i problemi economici dell’Akragas ci ha comunicato, attraverso una email di alcuni giorni fa, che per quest’ anno, per motivi di tempo, non è in grado di investire nel progetto Akragas. Il signor De Luca della cordata romana si è riservato di riprendere le trattative per l’inizio della prossima stagione agonistica 2018/2019. E ribadisco e sottolineo, senza ombra di smentita, che ho offerto a loro le mie quote a titolo gratuito per il bene dell’Akragas. Il signor De Luca, che sono convinto leggera questo comunicato, sa benissimo che ciò che dico è la verità. Ho voluto specificare quanto sopra perché girano voci, false e tendenziose, secondo le quali avrei preteso dei soldi per cedere le mie quote. Sono solo bugie, destabilizzanti per la Società e la squadra, messe in giro, probabilmente, da chi vorrebbe trarre vantaggio e beneficio dall’ingresso in Società della cordata Romana”.

Primo test di stagione, vince la Moncada

Parte bene la fortitudo Moncada Agrigento. I biancoazzurri vincono e convincono contro gli americani dell’Umass Lowell. Era il primo test stagionale, dopo solo quattro giorni di preparazione, per il roster allenato da coach Franco Ciani e Agrigento vince con il punteggio di 92 a 91. Ciani, nel suo quintetto iniziale schiera: Zugno, Williams, Evangelisti, Cannon e Guariglia. A “battezzare” il canestro del PalaMoncada è Cannon. Ritmi alti e partita divertente. Il primo quarto si chiude a favore di Agrigento con il punteggio di 30-21. Il secondo quarto è a favore degli ospiti con il punteggio di 51 a 49. La Moncada torna in partita, sugli scudi Evangelisti e l’eterno Penny Williams. Nel terzo periodo di gioco reazione Agrigento, Cannon e Pepe mettono i muscoli e Zugno ispira ancora una volta la manovra. Nell’ultimo quarto sugli scudi Evangelisti, bene Rotondo e Lovisotto. Gli ospiti tentano la rimonta ma la Fortitudo Agrigento, chiude gli spazi e conquista la prima vittoria di questo precampionato. Al PalaMoncada una buona cornice di pubblico, in tanti hanno scelto di seguire la prima uscita di stagione. Il 30 agosto alle 20, la Fortitudo Moncada sarà di scena a Caltanissetta dove affronterà l’Orlandina, palla a due alle 20.

Soddisfatto nel post-gara, coach Franco Ciani. “Siamo molto soddisfatti- ha detto- è la prima volta in assoluto che facciamo qualcosa a tutto campo. Sono stati 40’ molto intensi. I nostri avversari hanno giocato con atletismo e intensità, la nostra capacità di riprendere il vantaggio quando loro ci avevano raggiunti e superati, questi sono segnali di una mentalità positiva. Poi tutto il resto è davvero presto per essere giudicato”.

Calcio. Falsa partenza in Coppa Italia per l’Akragas sconfitta in casa dalla Sicula Leonzio

Falsa partenza per l’Akragas che all’esordio stagionale casalingo in coppa Italia cede il passo ai siracusani della neo promossa Sicula Leonzio. Gli uomini dell’ex tecnico bianco azzurro Pino Rigoli tornano a Lentini con i tre punti ottenuti grazie ad un 3 – 1 rifilato ai padroni di casa, di Tavares, Camilleri e Arcidiacono le reti decisive, per l’Akragas invece il goal della bandiera è stato realizzato da Longo su rigore.

Torna il Giro d’Italia ad Agrigento, sarà la 5a tappa della 101° edizione, passaggi previsti anche a Ferla

Dieci anni dopo l’ultima volta, il Giro d’Italia torna ad Agrigento e lo farà in occasione della 101^ edizione della maggiore competizione ciclistica nazionale. L’arrivo della carovana rosa nella città di Agrigento si inserisce nell’ambito di un accordo istituito tra l’organizzazione della gara, la Rcs Sport e l’assessorato regionale al ramo e vuole rendere un omaggio ai territori del Belice colpiti dal tremendo sisma nell’anno del 50° anniversario. L’ultima volta del giro d’Italia ad Agrigento era stata nel 2008 quando nella tappa Cefalù – Agrigento a tagliare per primo il traguardo, al viale della Vittoria fu Riccardo Riccò. Per  l’edizione 101 invece, la tappa che partirà da Agrigento sarà la quinta, con i corridori che attraverso la valle del Belice da Agrigento giungeranno fino a Santa Ninfa. Giro d’Italia 101 in Sicilia comunque non solo ad Agrigento, ma anche nel catanese, nel ragusano e nel siracusano dove la carovana si muoverà attraverso la maremonti toccando suggestive località quali Ferla e Palazzolo Acreide.  L’appuntamento quindi con la gara ciclistica più attesa è fissato per la prossima primavera.

La piscina di Villaseta sarà fruibile gratuitamente ai disabili

L’iniziativa consentirà ai disabili di approcciarsi alla disciplina del nuoto avendo l’opportunità di frequentare gratuitamente la piscina comunale. Il Libero Consorzio , il Comune di Agrigento e l’Associazione SSD Nuoto Accademy insieme per permettere ai soggetti disabili, dal prossimo 4 settembre, di accedere gratuitamente alla piscina di Villaseta per svolgere attività natatoria. Il nuoto, per le sue caratteristiche, è lo sport per eccellenza che contribuisce a migliorare il benessere fisico e mentale soprattutto in soggetti con problemi derivanti da patologie neuromotorie. Saranno messi a disposizione personale qualificato, locali riservati ai disabili e alle loro famiglie e l’equipaggiamento per accedere direttamente in acqua come il Panda Pool. L’iniziativa di garantire ai disabili di poter accedere a titolo gratuito alle attività natatorie libere della Piscina Comunale di Villaseta è parte di un progetto di integrazione e fruizione delle risorse del territorio che l’ex provincia di Agrigento sta portando a compimento in collaborazione alle associazioni dei genitori con figli disabili. L’iniziativa segue la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra l’Ente e la Federazione “Movimento Noi Liberi Regionale” per porre in essere una stretta collaborazione per conseguire finalità di solidarietà e promozione sociale in tutti i campi in cui sono coinvolte persone in situazione di handicap e le loro famiglie anche attraverso l’organizzazione di progetti ed azioni a carattere socio-educativi, finalizzati all’inclusione sociale di persone con disabilità.

Jalen Cannon è un nuovo giocatore della Fortitudo Moncada Agrigento

Jalen Cannon  è un nuovo giocatore della Fortitudo Moncada Agrigento. Lo statunitense nell’ultima stagione è stato impegnato nella seconda serie israeliana.  L’ala americana classe ’93, è stato autore di 17,3 punti di media, tirando con il 60 per cento da 2, il 38, 5 per cento da 3. Forte fisicamente con una media di nove rimbalzi a partita, 198 centimetri, nella stagione 2015/2016 è stato un giocatore di una squadra di basket messicana.

Akragas, Alessi scrive ai tifosi

Con una lettera il presidente dell’Akragas , Silvio Alessi, parla ai tifosi akragantini in vista della sfida di domenica prossima, all’Esseneto, calcio d’inizio ore 16, contro il Melfi. Alla squadra basterà non perdere per mantenere la categoria. Una partita, dunque, importarnte , la più importante del campionato. Ecco perchè Alessi ha preso carta e penna e scritto ai tifosi consapevbole del ruolo non indifferente che giocano. “Mi rivolgo a tutti voi- dice il patron biancoazzurro-affinché capiate l’importanza della sfida che ci attende domenica contro il Melfi. Sarà una vera e propria battaglia sportiva che ci deve condurre alla realizzazione di un sogno chiamato ” salvezza “. Il nostro meraviglioso pubblico- continua Alessi deve essere il dodicesimo uomo in campo, per dare un ulteriore spinta a questi meravigliosi giocatori e al nostro allenatore Raffaele Di Napoli, che per tutta la stagione hanno dimostrato professionalità, attaccamento alla maglia che indossano e nei confronti della nostra città. Dobbiamo salvaguardare tutto quello che la società ha realizzato in questi anni e avere un proseguo, per un futuro sempre più ambizioso. Gli organi competenti – conclude il presidente dell’Akragas-ci hanno preso come modello delle società professionistiche, poiché siamo tra i pochi club con i conti in regola ed ad aver utilizzato “la politica di valorizzazione dei giovani”. E in vista della sfida di domenica contro il Melfi la Società comunica che le biglietterie dei due botteghini dello stadio Esseneto di Agrigento, posti dinanzi la via Toniolo (lato curva Nord) e accanto il palasport Pippo Nicosia (lato curva Sud), saranno aperti a partire dalle 10 e fino alle 16:45 di domenica 28 maggio prossimo. Vista la prevista alta affluenza di pubblico, la Società Akragas Città dei Templi, consiglia a tifosi ed appassionati, se possibile, di acquistare il proprio biglietto in prevendita nei vari punti vendita della città, e comunque di non recarsi alla biglietteria all’ultimo momento.

Akragas in cerca di continuità con il Catanzaro degli ex Zanini e Gomez

L’entusiasmo per la vittoria interna nel derby di domenica scorsa contro il Catania, in casa Akragas è già stata assimilata e alla vigilia della delicata trasferta di Catanzaro, mister Di Napoli è  in cerca di continuità. Una sfida salvezza, quella che si gioca domani in terra calabra che vede contrapporsi da un lato, una squadra, quella agrigentina, che dalla vittoria ha probabilmente preso coscienza delle proprie forze e dall’altro, un Catanzaro motivato dal ritorno in panchina del tecnico Erra e rinforzato nel mercato di gennaio, con gli ex akragantini Zanini e Gomez.

Nel TG le interviste al mister dell’Akragas Raffaele Di Napoli e al capitano Pasquale Pane.

 

[wp-rss-aggregator]

Basket. Finale al cardiopalma per i supporter della Fortitudo Agrigento che cede il passo alla capolista Biella

C’è rammarico in casa Fortitudo Moncada Agrigento che dopo sette vittorie consecutive in campionato, ha interrotto la straordinaria serie, allo scadere dell’entusiasmante gara contro la capolista Biella 83-84 il risultato finale, giunto in seguito alla giocata di Ferguson, folletto americano dei piemontesi che si conferma uno dei giocatori meno contenibili del campionato. Al PalaMoncada di Porto Empedocle, è stata una gara dai due volti per i ragazzi di coach Ciani, decisamente impalpabili nella prima metà, con Biella nettamente superiore. I piemontesi hanno dominato per lunghi tratti, esibendo una pallacanestro offensiva di grande qualità, toccando anche i 18 punti di vantaggio nel terzo quarto. Da lì, però, cambia tutto: la Fortitudo ritrova sé stessa soprattutto nella propria metà campo, e questo le regala maggiore fiducia in attacco. L’intensità di Innocenzo Ferraro, le mani rapide di Alessandro Piazza e la verve di Ryan Bucci hanno apparecchiato la tavola per un finale punto a punto in cui Perrin Buford ha vestito i panni del protagonista: punti, rimbalzi, energia dell’americano che firma con una fantastica schiacciata il vantaggio (l’unico della partita) sull’83-81. Non gli va altrettanto bene, però, sull’ultima palla a disposizione: dopo il recupero difensivo, l’americano si trova in post basso contro De Vico, che gli “toglie la sedia” e provoca una chiara infrazione di passi. Il finale è per cuori fortissimi: Agrigento spende i due falli rimasti prima del bonus e l’ultima rimessa è per Ferguson, con 2.9 secondi da giocare. Il biellese, nonostante la pressione difensiva, trova l’equilibrio per una tripla pazzesca allo scadere, che regala i due punti all’Angelico ma nulla toglie allo sforzo dei biancazzurri per rimettere in piedi una gara che sembrava andata, e per questo sono arrivati gli applausi di un bellissimo PalaMoncada. Una gara che finisce nel modo più “drammatico”, in senso cestisti, ma che ha dimostrato una volta di più la qualità di queste due formazioni. Prossimo impegno per la Fortitudo Moncada domenica prossima a Latina.

 

[wp-rss-aggregator]

Verso Fortitudo – Biella, al PalaMoncada è tutto pronto per il big match

Lo sport agrigentino attende con entusiasmo e trepidazione anche il match che domenica al PalaMoncada vede contrapporsi i padroni di casa della Fortitudo e la capolista Biella. Una sfida al vertice che potrebbe significare l’aggancio al primato dei bianco azzurri. A differenza dei cugini dell’Akragas calcio, in casa Fortitudo regna la tranquillità. Consci delle loro potenzialità e spinti dall’entusiasmo delle sette vittorie consecutive ottenute, il roster di coach Ciani, si prepara al meglio alla sfida determinante in chiave play off.  Nel TG  le voci di Franco Ciani e Marco Evangelisti alla vigilia di Fortitudo – Biella.

[wp-rss-aggregator]

Calcio. Futuro incerto per l’Akragas che riprende il campionato da Reggio Calabria

Alla vigilia della sfida salvezza Akragas – Reggina, la ripresa del campionato in casa bianco azzurra è indubbiamente segnata dalle incertezze societarie. Dopo le cessioni dei giorni scorsi, il presidente Silvio Alessi, ha lasciato intendere che altri pezzi preziosi della squadra potrebbero lasciare la Città dei Templi se una cordata di imprenditori interessati alla società, non concretizzeranno l’accordo. La prossima settimana sarà fondamentale per il destino dell’Akragas. Intanto, prima della partenza per la delicata trasferta calabrese, in mattinata, nel consueto incontro con la stampa abbiamo sentito i difensori Luigi Carillo e Luigi Zanini, giocatore quest’ultimo che in molti danno in partenza.

Nel tg le interviste ai due calciatori dell’Akragas.

Basket. Quinta qualificazione alle finali di coppa Italia per la Fortitudo Moncada Agrigento

Soddisfazioni per lo sport agrigentino giungono ancora dal Basket. La sconfitta rimediata ieri sera dalla Remer Treviglio, contro Benacquista Latina, ha infatti significato la matematica qualificazione della Fortitudo Moncada Agrigento ai Final Figth di Coppa Italia. Il roster di coach Ciani per la quinta volta in sei stagioni, giocherà quindi la fase finale del torneo nazionale. I bianco azzurri, dovranno vedersela con la Segafredo Virtus Bologna, gli incontri si giocano all’ Unipol Arena dal 3 al 5 marzo prossimi. Qualificate alle finali sono anche Legnano, Treviglio, Treviso, Roma e Mantova. Il calendario completo degli accoppiamenti si conoscerà nei prossimi giorni. C’è entusiasmo quindi in casa Fortitudo per il raggiungimento del primo step stagionale, che arriva in un momento di splendida forma per la squadra agrigentina che domenica prossima è impegnata ad Agropoli nella sfida valevole per la diciassettesima giornata di campionato.

[wp-rss-aggregator]

La Fortitudo Moncada chiude l’anno in bellezza con una cinquina.

81-70 il risultato finale che ha fatto conquistare la cinquina alla Fortitudo Moncada a discapito dello Scafati, ieri sera al PalaMoncada.

I biancazzurri di coach Ciani hanno dovuto fare i conti, ancora una volta, con importanti assenze: il capitano Chiarastella, Evangelisti mancato per un problema muscolare e agli ultimi minuti del terzo quarto l’uscita per infortunio di De Laurentiis. Anche i campani hanno dovuto contrastare le assenze degli americani Fischer e Johnson.

Entrambi i roster venivano però da importanti vittorie, sul Trapani per la Fortitudo e sul Reggio Calabria per lo Scafati, che avevano previsto uno scontro carico di grinta.

Il primo quarto inizia bene per Agrigento con un canestro di Buford dopo soli 20 secondi e prosegue con equilibrio; eppure con un vantaggio di tre punti va agli avversari il primo periodo, ma è l’unico che riescono a far proprio. Il secondo e il terzo quarto li apre Piazza rispettivamente con un +2 ed una tripla, distintosi in questa gara con il tiro da fuori. Il playmaker ospite Naimy è stato oggetto di una dispendiosa strategia difensiva dei biancazzuri, molto aggressivi sul pick and roll. Nell’ultimo periodo Scafati prova a colmare lo squilibrio, ma Agrigento in attacco raggiunge il +10, con un gioco di squadra che ha distinto le ultime gare agrigentine.

Così la Fortitudo Moncada si rilancia in classifica, adesso si attende l’esito dei recuperi per sapere se parteciperà alla sua quinta Coppa Italia in sei anni. Prossimo impegno per i biancazzurri il 6 gennaio, sempre al PalaMoncada: arriverà l’UniCusano Virtus Roma.

Fortitudo Moncada Agrigento – Givova Scafati 81-70 (18-21; 38-37; 55-49)

Fortitudo Moncada Agrigento: Bucci 12 (4/7, 1/3, 1/1 tl), Buford 16 (8/19, 0/3), Cuffaro 2 (1/2), Zugno 9 (3/7, 1/3), Evangelisti ne, A. Tartaglia ne, Ferraro 8 (2/3, 1/1, 1/2 tl), M. Tartaglia, Chiarastella ne, De Laurentiis 4 (2/3), Piazza 19 (3/9, 3/3, 4/6 tl), Bell-Holter 11 (1/5, 2/3, 3/6 tl). All. Franco Ciani

Givova Scafati: Di Palma ne, Crow 14 (2/4, 3/9, 1/2 tl), Fantoni 11 (4/9, 3/5 tl), Naimy 22 (4/10, 3/9, 5/6 tl), Baldassarre 5 (2/6, 0/2, 1/2 tl), Ammannato 9 (3/6, 1/3), Panzini (0/1), Perez (0/1), Matrone ne, Santiangeli 9 (0/1, 3/6). All. Giovanni Perdichizzi

 

[wp-rss-aggregator]

Fortitudo avanti tutta, i banco azzurri si aggiudicano il derby di Trapani

Un fantastico Natale per la Fortitudo Moncada Agrigento, che si aggiudica il derby con la Lighthouse Trapani fissando il tabellone con il risultato finale di 76-69 per la squadra ospite. Per il roster di coach Ciani si tratta della quarta vittoria consecutiva, che spinge i bianco azzurri sul terzo gradino della graduatoria, facendo un passo importante per la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia.

Una partita iniziata alla grande per gli agrigentini, con un break di 12-1.

Come ogni derby che si rispetti, non è mancato l’agonismo.

Durante il match, da segnalare le superpe prestazioni del trapanese Viglianisi e del bianco azzurro Ferraro, a cui si aggiungono anche le giocate di un Perrin Buford autore di 20 punti e 9.2 rimbalzi di media nelle ultime 4 gare.

Per la Fortitudo ora si tratta di chiudere bene il 2016, con il match del prossimo 29 dicembre in casa con la Givova Scafati, al PalaMoncada.

 

[wp-rss-aggregator]

L’Akragas ha ripreso gli allenamenti

Dopo due giorni di riposo, ieri pomeriggio i biancoazzurri si sono ritrovati nell’impianto di gioco di Fontanelle per riprendere gli allenamenti in vista della partita casalinga di sabato 17 dicembre, alle 14.30, contro il Monopoli. La partita è valida per l’ultima giornata del girone d’andata.

Prima di lavorare sul campo, l’allenatore Raffaele Di Napoli ha analizzato, insieme ai giocatori, la prestazione di Castellammare di Stabia. Poi vi è stato il riscaldamento, anche con alcune situazioni di gioco, curato dal preparatore atletico, Nicola Albarella.

La squadra ha successivamente lavorato agli ordini dell’allenatore Di Napoli ed ha svolto parecchi esercizi tecnico tattici e alcune partitelle a tema.

Sono tornati in gruppo, dopo aver saltato la Juve Stabia, i centrocampisti, Carrotta e Privitera.  

Non ha preso parte all’allenamento il capitano Daniele Marino che la scorsa settimana ha subito un trauma muscolare. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Basket. Passo falso della Fortitudo Moncada contro la capolista Legnano

Fortitudo Moncada Agrigento vicina al colpaccio in casa della capolista Legnano, ma la grinta dei biancoazzurri non basta. 80-76 il risultato finale del match.

Impresa sfumata che lascia l’amaro in bocca in casa Fortituido capace, di rimontare 19 lunghezze di svantaggio lottando su tutti i palloni per 40 minuti.

In avvio di gara, qualche imprecisione offensiva di troppo e una mira sbilenca nel primo quarto hanno permesso ai padroni di casa di prendersi un vantaggio importante nel primo periodo, parzialmente recuperato però dagli agrigentini prima dell’intervallo grazie a un notevole sforzo difensivo e ai punti di Perrin Buford.

Dopo l’intervallo, stesso copione.

Nel finale, qualche episodio sfortunato e la precisione dei legnanesi dalla lunetta hanno fatto pendere la bilancia dalla parte della capolista.

Neanche il tempo di recuperare le forze e assimilare la sconfitta che la Fortitudo Moncada Agrigento torna in campo giovedì prossimo alle ore 18:00, nella sfida contro Tortona al Pala Moncada. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

L’Akragas batte la Casertana, le parole di mister Di Napoli

L’Akragas è tornata alla vittoria nella 16esima giornata del campionato di Lega Pro, girone C. I biancoazzurri hanno espugnato lo stadio “Pinto” di Caserta grazie ad una rete nel finale dell’attaccante, Francesco Salvemini. L’Akragas ha disputato un’ottima partita ed ha concesso poco alla Casertana. Con questi tre punti la formazione akragantina sale in classifica a quota 17. Mister Raffaele Di Napoli dichiara: “Voglio dedicare la vittoria alle nostre mogli che ci sono state vicine e ci hanno anche inviato un bellissimo videomessaggio di affetto e incoraggiamento. Questo è sintomo che l’Akragas è un grande gruppo”.  [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

“Crea con la Effe” il progetto che avvicina i bambini al basket

Si è svolto questa mattina, presso il PalaMoncada di Porto Empedocle, il progetto “Crea con la Effe”, che vede coinvolti gli alunni delle scuole elementari. Sul parquet, oggi gli scolari del plesso Nuova Manhattan, dell’istituto comprensivo “Rita Levi Montalcini” di Agrigento. I bambini hanno avuto l’occasione di decorare, con addobbi creati da loro stessi, l’albero di Natale; il tutto insieme ai giocatori della Fortitudo Moncada.

Un progetto che mira ad avvicinare i bambini al mondo dello sport, ma in particolare a quello del basket. Con l’iniziativa odierna, la Fortitudo Moncada dimostra di credere molto nei giovani e sopratutto nell’educazione allo sport. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

 

Una vittoria schiaccia crisi per la Fortitudo Moncada

Domenica con il sorriso per la Fortitudo Moncada Agrigento di basket che sul proprio parquet, è ritornata alla vittoria e lo ha fatto a discapito di Rieti. 81-67 è stato il punteggio finale. Un successo, trovato grazie al travolgente secondo quarto giocato dai “giganti” agrigentini.

Entrambi i coach cercavano le giuste dinamiche per ovviare alle rilevanti assenze del capitano dei bianco azzurri Albano Chiarastella e del cestista Matteo Chillo del Rieti. Situazione in cui merita nota Rino De Laurentiis (doppia-doppia, con 10 rimbalzi di cui 4 in attacco, 4 assist e 6 falli subiti), uno dei quattro uomini in doppia cifra per Agrigento. Partita difficile ma al servizio degli altri per Buford, mentre Bell-Holter ha saputo riequilibrare il duello con Sims sotto canestro, dopo un grande inizio del centro ospite.

Tutti i giocatori sono stati importanti mattoncini per la costruita vittoria, ma è stato Marco Evangelisti fondamentale con i suoi 22 punti realizzati, che al primo tentativo ha trovato la tripla che ha portato in vantaggio i biancoazzurri .

Mi fa molto piacere che i tifosi mi vogliono bene – ha detto l’atleta ai giornalisti nel post gara – mi da – ha aggiunto Evangelisti – quella carica in più che mi serve.”

Grande la volontà dei padroni di casa di cancellare la prestazione di domenica scorsa a Treviglio, e di dare un segnale importante di presenza, anche emotiva, al proprio pubblico. Pubblico che ha ricambiato calorosamente. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Basket. Vittoria con l’amaro in bocca per la Fortitudo Moncada Agrigento

Vittoria con amaro in bocca per la Fortitudo Moncada Agrigento che sul proprio parquet di gioco
è tornata alla vittoria archiviando il match con la Novipiù Casale Monferrato con il risultato di 75
– 67.
Una vittoria che da sicuramente morale al roster di coach Ciani, in casa Fortitudo comunque è
apprensione per gli infortuni accorsi agli atleti Chiarastella e De Laurentis. Condizioni che si
stabiliranno nelle prossime ore, dopo gli esami strumentali che evidenzieranno il quadro clinico
dei giocatori.
Una vittoria quella contro i piemontesi, ottenuta grazie ad un lavoro di squadra.
Nel primo quarto, Casale Monferrato subito avanti e Agrigento a rincorrere. Situazione di
svantaggio recuperato grazie alle triple di Evangelisti che hanno acceso il PalaMoncada.
Nella conferenza post gara il tecnico bianco azzurro ha evidenziato come la vittoria maturata sia
stata frutto del gioco collettivo. Parole di merito Ciani le ha riservate comunque anche al giovane Innocenzo Ferraro.
In cerca di continuità di risultato, prossimo impegno per la Fortitudo Moncada Agrigento è per
domenica prossima a Treviglio.
[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Sport tv

Gli highlights (le immagini salienti) di Siracusa – Akragas, analisi, collegamenti, interviste e approfondimenti di Lega Pro e Serie A2 saranno al centro dell’approfondimento di TV SPORT, trasmissione sportiva condotta da Angelo Gelo e Domenico Vecchio  in onda questa sera alle 21 su Agrigento Tv, canale 96 del Digitale terreste. Ospiti della puntanta un giocatore della Fortitudo, un rappresentante dell’Akragas ed altri opinionisti. Nel corso della puntata son previsti interventi del pubblico. In studio, assieme ad una rappresentanza di tifosi, la squadra di Pattinaggio Polisportiva ACIS. Spazio e parentesi anche su altri sport, comprese le gare di nuoto che si sono tenute nella piscina di Aragona.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Si Prepara il Trofeo podistico ACSI Città di Ravanusa

Comincia a prendere forma il Trofeo Podistico ACSI Città di Ravanusa, tradizionale appuntamento podistico di mezz’estate, in programma come di consueto il 16 Agosto di ogni anno. La manifestazione organizzata dall’ACSI Sicilia con la collaborazione della Fidal e del Comune di Ravanusa, anche quest’anno si preannuncia di un alto livello tecnico come del resto gli organizzatori del Città di Ravanusa ci hanno abituati, va ricordato che lo scorso anno la manifestazione ha avuto come testimonial l’olimpionico Salvatore Antibo. Nonostante la concomitanza delle Olimpiadi di Rio, dice Salvatore Balsano presidente dell’ACSI Sicilia, stiamo lavorando per far sì che a Ravanusa sia mantenuta la tradizione che contrappone i migliori azzurri agli atleti africani, già abbiamo chiuso molti accordi che più avanti renderemo pubblici. Molte le aziende che stanno investendo a Ravanusa, come il marchio Medal in Frame, prestigiosa azienda mondiale che realizza e produce medaglieri personalizzati, la Bracco Freelever, inoltre attraverso la sinergia con gli amici dell’Atletica Sciuto di Reggio Calabria, vi sarà uno stand che promuoverà la Reggio Calabria half Marathon in programma a Novembre. Solito percorso veloce e solito calore del pubblico Ravanusano come sempre il miglior biglietto da visita, la gara sarà commentata dal solito Giuseppe Marcellino, mentre la parte promozionale sarà curata da Siciliarunning.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

XVIII Trofeo Travelgate di tennis  

Si rinnova anche quest’anno, per i tennisti amatoriali l’immancabile appuntamento con il trofeo Travelgate di tennis (doppio giallo), giunto alla XVIII edizione. Il torneo, come da tradizione, si svolgerà presso il villaggio turistico di Città del Mare a Terrasini, nel week-end dal 10 al 12 giugno prossimi. Come ogni anno, la partecipazione di tennisti agrigentini, e non solo, sarà molto nutrita e si prevede battaglia per aggiudicarsi l’ambito trofeo e il relativo premio, vale a dire il soggiorno gratuito per l’edizione successiva.  Lo scorso anno ad aggiudicarsi il trofeo è stata la coppia formata da Alfonso Palmisano e Salvo Di Benedetto che, oltre ai premi, si sono assicurati il diritto alla partecipazione gratuita all’edizione 2016.  Il torneo è organizzato da Gero Bellavia, in collaborazione con il Circolo Tennis di Agrigento e in particolare con il segretario Alfonso Pace.  Per partecipare alla tre giorni in riva al golfo ci si può rivolgere direttamente all’agenzia Travelgate, per competere nel torneo o semplicemente per trascorrere un week-end all’insegna della tranquillità e del divertimento e assistere a delle partite tiratissime di ottimo livello.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

La Targa Florio Classic e il Ferrari Tribute nella Valle dei Templi

Una pioggia battente ha fatto da cornice alla tappa agrigentina della Targa Florio Classic e del Ferrari Tribute. Un centinaio di vetture hanno lasciato Palermo per raggiungere il capoluogo dopo un percorso che si è snodato per le strade montane della provincia agrigentina. Poi una breve sosta nella suggestiva Valle dei Templi di Agrigento. I primi ad arrivare, secondo il programma di gara, sono state le Ferrari. In tutto una cinquantina: vari modelli, nuove e storiche, di tutte le cilindrate, di tutti i colori. Uno spettacolo agli occhi degli appassionati che con cellulari e macchine fotografiche hanno immortalato i momenti piu’ belli del Ferrari Tribute. Il brutto tempo non ha fermato la corsa, ma ha tenuto lontano i turisti dalla Valle dei Templi. Poi l’arrivo delle auto d’epoca, le vetture senza tempo che hanno fatto e scritto la storia della Targa Florio, la corsa piu’ antica del mondo che quest’anno festeggia la centesima edizione. Si sono vissute emozioni di un tempo grazie alle auto piu’ belle del mondo, costruite dal 1906 al 1970, che sono tornate a sfidarsi sulle strade che all’epoca videro competere campioni di fama internazionale come Fangio, Varzi, Minoia, Nuvolari, Merzario, Vaccarella. Poi alle 12.30 ecco arrivare nella Valle dei Templi, il pilota piu’ vincente al mondo della Formula 1, Jean Todt. Mano nella mano con la sua giovane moglie ha voluto visitare la Valle dei Templi. In cinquant’anni di attività ha vinto tutto e in tutte le categorie delle competizioni su quattro ruote, e che oggi e’ presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

PALLAMANO GIRGENTI CHIUDE IN BELLEZZA

 Ieri in terra Iblea dello Scicli si è chiuso per la Pallamano Girgenti il campionato regionale di serie “B”. Ultima gara dove gli stessi atleti si erano imposti  di portare a casa gli ultimi tre punti.   Cosi è stato. La squadra di Maurizio Camilleri è scesa in campo con determinatezza. Sin dai primi minuti gli agrigentini si sono imposti agli avversari, infatti il risultato del primo tempo li vedeva avanti di ben 4 gol e poi lo chiudevano con un punteggio di 16 a 10. Sicuramente i troppi errori in fase offensiva avrebbe potuto staccare di gran più lunga i padroni di casa. Fischio d’inizio della ripresa e le cose non cambiano in casa biancoazzurra, infatti i super giovani della Città dei Templi  con un andamento costante affrontavano minuto dopo minuto la gara. Buone sono state le scelte fatte dal coatch, che ha schierato in campo una formazione che ha dimostrato di essere forte soprattutto in fase difensiva ,   dove il giovane Giuseppe Decaro ha fatto la differenza tenendo a bada tutto il tempo della partita il forte terzino sx sciclitano. In ottima forma il duo Cirasa- Pace che con i loro scambi arrivavano in area sciclitana  e concludevano. Un  Cavaleri che in diverse fase di gioco ha aiutato a rendere  impenetrabile la propria porta e in diversi contropiede ha fatto anche lui centro. Dalli Cardillo  che in varie occasioni ha contribuito al risultato battendo il portiere.  Sempre più in fase di crescita i  giovanissimi  biancoazzurri  Proietto, Vaiana, Cumbo A. e Podariu, alcuni di loro hanno messo in difficoltà la porta avversaria  riuscendo  a fare gol.  Il portiere Martino ha disputato  un’ottima gara e in diverse occasioni ha salvato la propria porta, un po’ meno attenti gli altri due portieri Mirotta e Pendolino e che però anche loro hanno contribuito al buon andamento della gara. Il mister agrigentino  Camilleri vedendo che la partita era sottocontrollo,ha deciso di far giocare buona parte della ripresa il piccolo Andrea Deacro, anche lui ha dimostrato la voglia di crescere e la determinazione.  Al 20° della ripresa il risultato di 27 a 21 per gli agrigentini , un respiro di sollievo per i biancoazzurri,  e i troppi errori commessi in fase offensiva avrebbero permesso il realizzo di  altri gol . Il  team agrigentino aveva intuito   che  ormai anche l’ultima gara di campionato marcava l’imbattibilità  in assoluto. Ultimi minuti giocati con più tranquillità  visto il risultato  l’unica cosa che si aspettava era il fischio finale  dei due arbitri.  Ultimi secondi di gioco ed ecco il fischio finale, il risultato Agriblù Scicli – Pallamano Girgenti 26- 32. Quarto posto assoluto e un probabile ripescaggio potrebbe far esultare la gioia dei giocatori agrigentini ottenendo il salto di categoria e partecipare il prossimo anno  al  campionato di serie A2. Il Presidente Filippo Napoli, i dirigenti Lillo Pendolino, Giancarlo Cirasa e Fabio Decaro ringraziano i loro atleti per essersi distinti in questo lunghissimo campionato che li ha visti partecipi e con la voglia di fare la differenza.

Tabellini :

Pallamano Girgenti: Pace 10, Cirasa 7, Cavaleri 7, Dalli Cardillo 3, Decaro G. 1, Cumbo 1, Proietto 1, Vaiana 2, Decaro A., Podariu, Martino, Pendolino, Mirotta, All. Camilleri .

Agriblu Scicli: Garofalo 3, Parisi Assenza 8, Ficili 4, Donzella 5, Ventura 1, Ficili G.1, Iurato 1, Garofalo 2, Dallaera 2, Stornello,Carpinteri, All. Ammatuna.

Gloria Peritore, atleta licatese, si riconferma campionessa Oktagon 2016

Foto Niccolò Celesti

“Gloria Peritore si riconferma campionessa di Oktagon, dopo la vittoria del 2015, l’atleta siciliana conquista nuovamente la vittoria in uno dei galà più importanti del mondo. Lo scorso 16 aprile al Pala Alpitour di Torino c’era il pubblico delle grandi occasioni, il palazzetto di Torino faceva registrare il tutto esaurito, oltre 16000 persone hanno assistito all’evento. Del resto si trattava di un’occasione unica per vedere combattere dal vivo campioni del calibro dei fratelli Petrosyan, di Alessio Sakara, Chingiz Allazov , Karim Ghajji e molti altri che è quasi impossibile elencare. L’edizione torinese di Oktagon era impreziosita anche dalla presenza del circuito statunitense di Bellator MMA, che, ricordiamo, è la seconda sigla più importante del mondo in materia di mixed martial arts. Gloria Peritore dopo la vittoria dello scorso anno partiva da favorita per la conquista di un posto nel Galà del 2016 e non ha deluso le aspettative , conquistando l’accesso alla serata più importante dell’anno battendo in uno slam a quattro le atlete più forti in circolazione. Vincere nuovamente la finale non era certamente un’impresa di poco conto, quest’anno si trovava di fronte alla campionessa cinese di K1 e di Sanda Li Mingrui, una giovanissima promessa delle arti maziali del sollevante, già atleta di importantissimi eventi come il Kunlun e con oltre quaranta incontri da professionista all’attivo. L’ingresso sul ring dell’atleta del Kickboxing Club di Firenze veniva salutato dal boato del pubblico, che da lì al termine dell’incontro non avrebbe smesso mai di incitarla neanche per un minuto. Dalle prime battute si capiva immediatamente che l’incontro era stato preparato nei minimi dettagli con il coach Paolo Morelli. L’atleta italiana appariva carica e motivata, vogliosa di stupire nuovamente i suoi sostenitori. Dopo una prima ripresa di studio, nel corso della quale le due atlete stavano più attente a non scoprirsi piuttosto che a prevalere, nella seconda ripresa la Peritore iniziava a prendere un vantaggio consistente, mettendo assegno colpi sempre più potenti, di braccia e di gambe, che inducevano l’avversaria ad indietreggiare sempre più frequentemente. All’inizio della terza ripresa il vantaggio dell’atleta italiana era già consistente e dopo uno spinning back fist andato a vuoto, la Peritore centrava in piena testa l’atleta cinese con un potentissimo diretto destro, facendola finire inesorabilmente al tappeto. Dopo il conteggio Li Mingrui non sembrava molto convinta di voler continuare l’incontro, fatto sta che spinta anche dal suo angolo decideva di continuare a combattere. Tuttavia, dopo altre due potenti combinazioni di braccia portate dalla Peritore, l’atleta cinese alzava le mani in segno di resa. Un vero e proprio trionfo per Gloria che veniva salutata da una magnifica ovazione dal pubblico del Pala Alpitur. La seconda vittoria consecutiva ad Oktagon proietta la Peritore tra le fighter più forti in circolazione e le apre le porte per la partecipazione a molti altri eventi internazionali. In via ufficiosa la delegazione cinese ha già chiesto la rivincita da disputarsi in Cina in uno dei prossimi galà internazionali. Per adesso la nostra atleta ha regalato al nostro paese una splendida vittoria in uno sport che sta riscuotendo sempre più successo nelle giovani generazioni anche tra le ragazze. Del resto l’atleta licatese è un esempio di grinta, determinazione e coraggio.”

Foto in alto a destra Copyright Niccolò Celesti – fotografo.

Foto a seguire Copyright Maurizio Parise – fotografo.

[wp-rss-aggregator]

 

 

Torneo Csi, il “Don Guanella” si qualifica alla fase regionale

La squadra di calcio a sette del centro sportivo e religioso “Don Guanella” di Agrigento, allenata da Lillo Volpe, si e’ qualificata per la fase regionale del torneo Csi, centro sportivo italiano. La formazione del presidente don Aldo Mosca e del responsabile Enzo Castelli ha concluso al secondo posto la fase provinciale. La fase finale e’ in programma il prossimo 25 aprile a Messina.

Palestra piazzale Ugo La Malfa, sopralluogo V commissione consiliare

I consiglieri comunali di Agrigento della V commissione Sport, Pasquale Spataro, Giovanni Civiltà e Maria Grazia Fantauzzo, hanno compiuto un sopralluogo nella degradata palestra distrettuale nei pressi di Piazzale Ugo La Malfa, che da circa 40 anni attende di essere completata. La struttura versa in totale stato abbandono, ricettacolo di topi e animali randagi, luogo utilizzato anche dalle persone per soddisfare i loro bisogni fisiologici. Nel passato tutte le amministrazioni che si sono succedute hanno promesso il completamento dell’opera che e’ costata migliaia e migliaia di soldi pubblici. Ma la palestra distrettuale continua ad essere l’eterna incompiuta di Agrigento. Adesso ci prova la nuova amministrazione comunale e le novità sono importanti. A gennaio la Giunta comunale ha approvato il progetto dei lavori di completamento della Palestra distrettuale di Piazzale Ugo La Malfa, finanziati dal ministero dell’Interno nell’ambito del P.A.G., il Piano Azione Giovani – Sicurezza e Legalità” Pon Sicurezza – Iniziativa “Io gioco Legale”, per un importo di 2.400.000,00 Euro. Si attende adesso l’aggiudicazione dei lavori.

Schermata 2016-03-23 alle 13.15.14 Schermata 2016-03-23 alle 13.14.54

Conclusa la Mezza maratona della Concordia

Anche quest’anno e’ stato un grande successo la mezza maratona della Concordia giunta alla 13esima edizione. La manifestazione sportiva e’ stata inserita nel cartellone degli eventi collaterali alla 71esima edizione della Sagra del Mandorlo in Fiore. Ad organizzarla il gruppo sportivo Valle dei Templi con il supporto del comune di Agrigento, del Lions Club Agrigento Host e di parecchi sponsor. Al via, per l’edizione del 2016, piu di mille atleti di ogni eta’ e provenienti da ogni parte della Sicilia ma anche da altre nazioni. Grande agonismo e tantissimo divertimento. In gara sia uomini che donne, lungo un percorso che ha attraversato le strade di San Leone, Villaggio Peruzzo e la via Sacra della Valle dei Templi. Un passaggio della corsa emozionante per i numerosi partecipanti. La bella giornata di sole ha poi favorito la riuscita dell’evento che ha richiamato in citta’ tantissima gente, che per un paio di giorni ha soggiornato ad Agrigento. I favoriti della vigilia hanno rispettato i pronostici degli organizzatori. Ma al di la’ della competizione sportiva, la Mezza Maratona della Concordia ha centrato l’obiettivo principale, cioe’ quello di dare una boccata d’ossigeno all’economia cittadina e consentire ai commercianti, ristoratori e albergatori di far cassa nel weekend che si e’ appena concluso.

CAMPIONATO REGIONALE PATTINAGGIO INDOOR

La pista di pattinaggio indoor dello Sport Village, tra Favara e Agrigento, ha ospitato una tappa del campionato regionale. In gara oltre 200 atleti di tutte le categorie, dai bambini agli adulti, in viaggio da tutta la Sicilia. Presenti anche campioni italiani, europei ed internazionali che hanno dato lustro alla manifestazione, organizzata dalla Polisportiva Acis di Agrigento, in collaborazione con la Federazione Italiana Pattinaggio nella persona del presidente Massimiliano Trovato. Altissimo l’agonismo tra i concorrenti che si sono dati battaglia a suon di velocità, di equilibrio e di forza fisica. I pattinatori agrigentini hanno conquistato parecchi primi posti, certificando l’ottimo livello agonistico della provincia di Agrigento. In particolare gli atleti della Polisportiva Acis di Agrigento, allenati da Angelo Turano, hanno portato a casa due titoli regionali grazie alle prestazioni pressoché perfette di Federico Maltese, primo nella categoria Esordienti “2”, e di Simona Vaccaro, prima nella categoria Esordienti “2” femminile. Ed ancora, la giovanissima e talentuosa Asia Catanese, con una superlativa gara, si è laureata vice campione regionale nella categoria Esordienti “1”. Buon secondo posto per Paolo Sciume’ e terzi posti per Cristiano Collura e Flavio Turano. Successi anche per la squadra Skating Akragas. Gli allievi, del tecnico Calogero Argento, hanno conquistato un primo posto nella categoria Ragazzi Femminili con Maria Pia Nicotra ed un terzo posto con Alessia Lantieri. Infine, la Roller Agrigento ha ottenuto un terzo posto con l’atleta Buscarino. Prossima tappa del campionato regionale a Caltagirone nel prossimo mese di Aprile. In gara su strada le categorie le giovanissimi, esordienti e pulcini.

 Ad Agrigento la finale del ciclocross “Trinacria”

Domenica scorsa, presso la scuola di Moutain Bike dell’Ads Racing Team Agrigento, si è svolta la finale del ciclocross Trinacria. Vi hanno partecipato 300 atleti tra giovanissimi, agonisti e master. Gli atleti della Racing Team Agrigento hanno vinto sette maglie di campione regionale con Leopoldo Ceserani, Siria Modica, Matteo Amella, Giuseppe Greco, Giorgia e Federica Dellomini e Tarcisio Sarcuto. E’ stato, comunque, positivo il bilancio dell’Ads Racing Team Agrigento che ha  piazzato quasi tutti gli atleti in buone posizioni di classifica. Alla gara hanno partecipato anche tre atleti professionisti del reparto sport “Lee Cuugan”, Luca Ronchi, Adriano Caratide e Mattia Setti, presenti ad Agrigento per la preparazione invernale.

Nuova seduta della commissione sportiva dell’Aci

Si è riunita ad Agrigento, in via San Vito, la Commissione sportiva dell’ Aci, l’ Automobile Club. La seduta, presieduta dal presidente Gerlando Amato, ha trattato tutti gli argomenti all’ordine del giorno, tra l’organizzazione e la premiazione del Campionato sociale, che dovrebbe svolgersi il prossimo 28 febbraio al Castello Chiaramonte di Favara, poi l’organizzazione diretta da parte dell’Aci di Agrigento del Fabaria Rally – Rally dei Templi che, dopo un anno di pausa, dovrebbe svolgersi il prossimo 11 settembre, e poi, ancora tra l’altro, l’organizzazione della tappa in provincia di Agrigento della Targa Florio Classic che attraverserà la Sicilia dal 5 al 7 maggio 2016. Hanno partecipato all’incontro, tra gli altri, il Presidente dell’Aci di Agrigento, Salvatore Bellanca, e il suo vice Angelo Agrò, E Bellanca ha proposto alla Commissione sportiva di istituire un premio per il pilota agrigentino più brillante per meriti sportivi.

Favara, nasce la scuderia FR MotorSport

E’ stata inaugurata, lunedì scorso, a Favara la nuova Scuderia Fr MotorSport. Presidente e’ stato nominato Gabriele Morreale, uno dei piu’ forti piloti della Sicilia. La nuova scuderia conta gia’ 70 soci fondatori. L’obiettivo e’ quello di portare avanti la passione per le auto e i rally in un paese, come quello di Favara, che conta migliaia di appassionati delle quattro ruote a livello agonistico. Favara, al momento, conta all’incirca 80 macchine da corsa. Prossimamente sara’ organizzato un campionato sociale sia per le corse in pista che per le gare di rally.

Impianto di illuminazione stadio Esseneto, intervento di Spataro

E’ un momento buio, in tutti i sensi, per l’Akragas. Alle tante sconfitte in campionato, alla classifica pericolosa e alle difficolta’ economiche che hanno penalizzato il mercato di riparazione, adesso si aggiunge un altro problema e non di poco conto: l’impianto di illuminazione allo stadio Esseneto. Da accordi precedenti, tra società e amministrazione Firetto, l’impianto di illuminazione, entro il prossimo 31 marzo, pena divieto all’Akragas di giocare all’Esseneto le partite interne, dovrebbe realizzarlo il club anche attraverso i soldi del Main Sponsor, Enel. Come contropartita il comune darebbe in gestione lo stadio all’Akragas. Accordo che sembra saltato perche’ il responsabile marketing dell’Akragas, Nino Di Giacomo, annuncia che il Comune di Agrigento puo’ realizzare l’impianto di illuminazione accedendo al credito sportivo. Per Di Giacomo, i dirigenti dell’Akragas, hanno gia’ investito parecchi quattrini per rimettere in sesto lo stadio e non sarebbero disponibili a sborsarne altri per la realizzazione dell’impianto di illuminazione. Nino Di Giacomo, inoltre, rincara la dose, e’ dichiara: “Se l’impianto non venisse realizzata, sarebbe certamente la fine del progetto Akragas”. Oggi sulla vicenda interviene il consigliere comunale e presidente della quinta commissione, che si occupa anche di sport, Pasquale Spataro, il quale si dichiara disponibile a riunione le due parti per trovare un accordo alla risoluzione del problema.

Ieri LA STAFFETTA INTERNAZIONALE “PEACE RUN”

Grande successo per LA STAFFETTA INTERNAZIONALE “PEACE RUN” che ieri ha fatto tappa ad Agrigento e ha avuto il suo fulcro nella Valle Dei Templi. Una bella giornata di sport dove Peace Run ha letto la valle tra i luoghi simbolo di Pace Mondiale con la la staffetta per la pace più lunga del mondo. I membri del team Peace Run provenienti da oltre 30 nazioni e atleti siciliani hanno portato la fiaccola della pace. L’evento patrocinato dal Comune di Agrigento, dal Parco Archeologico della Valle dei Templi e dal Distretto Turistico Valle dei Templi, in collaborazione con l’associazione sportiva Valle dei Templi, ha avuto il via alle 9:30 da Casa San Filippo con arrivo nello stesso luogo alle 11 e consegna fiaccola alle autorità. Successivamente In corteo autorità e corridori si sono recati verso il Tempio di Giunone, dove è stata scoperta la targa di dedica della Valle dei Templi quale monumento internazionale di pace. Presente anche il Sindaco di Agrigento Lillo Firetto che ha collegato la bella iniziativo con la Sagra del Mandorlo in Fiore. Presente anche Furman che ha un particolare record, quello di avere il numero maggiore di record.

 

 Fortitudo, saranno tre giorni intensi

Vacanze? No grazie. Questa la risposta della Fortitudo Agrigento che tra domenica e mercoledi al PalaMoncada, chiuderà il girone di andata con Omegna e aprirà quello di ritorno con Biella. Due gare importantissime e piene di significati. Dopo ben 5 vittorie vittorie consecutive e un mese di dicembre senza precedenti il roster di coach Franco Ciani ha la strada spianata verso due sfide che potrebbero proiettare i biancoazzurri sempre più in alto. Omegna e Biella, classifica alla mano non sono due ostacoli insuperabili, la squadra del presidente Moncada in questo momento si. Ecco perchè puntare su Piazza e comnpagni. Il gruppo è più unito che mai, gli americani Martin e Eatherton sono state due scommesse riuscitissime e il panorama agrigentino è uno dei più invidiati in questo momento. Un momento magico dove Ciani però non vuole cali di concentrazioni. Il coach di Udine sa che è vietato avere dei cali di concentrazione o pensare sia tutto facile perchè il torneo di A2 si è dimostrato ancora una volta difficilissimo e pieno di insidie. A partire dai quattro quarti di domani bisognerà essere umili e vigili contro avversari che vogliono ripartire. Iannuzzi 14.2 di media e More Keon, 12.4, sono i due atleti più pericolosi. La Fortitudo Agrigento è avvisata. Per diventare grandi bisogna far bene con le piccole.

L’isola dei campioni!

Nasce un nuovo reality show televisivo dedicato agli appassionati del gioco del calcio balilla. I Club Elite, associati alla FICB (Federazione Italiana Calcio Balilla), hanno già partecipato alle selezioni nazionali per concorrere al Best National Tour 2015, abbinato al nuovo format ideato dalla CR Event e distribuito da Rebel Production. I migliori 16 giocatori delle categorie donne, uomini, senior, veterani si sfideranno in una serie di appassionanti gare sull’Isola di Sal a Capo Verde dal 17 al 24 febbraio 2016.

Oltre alle gare di calcio balilla, sono previsti giochi, escursioni sull’isola e votazioni di preferenze tra gli sfidanti.

Tutte le gare saranno visibili giornalmente in streaming, Face book , You tube e sul calendario FICB al sito www.ficb.it

Ogni giorno si potrà votare, da casa, il miglior giocatore o il proprio beniamino regalandogli voti preziosi.

Tra i 64 partecipanti a questo nuovo entusiasmante reality televisivo, saranno messi in palio 2 premi da sogno… il primo premio sarà una vacanza in un villaggio all inclusive a Zanzibar, un secondo premio denominato “premio Robinson” andrà al giocatore che ha ricevuto più voti da casa.

Sul sito della FICB si possono trovare tutte le informazioni e il calendario delle gare.

REGOLAMENTO DELL’ ISOLA DEI CAMPIONI

 

Quattro siciliani all’Isola dei campioni

Hanno partecipato e vinto le selezioni nelle categorie uomini e senior del Best National Tour 2015, la passione per il gioco del calcio balilla ora li premia con un soggiorno al villaggio Bravo dell’isola di Sal a Capo Verde dove concorrerranno, con altri 60 giocatori, al nuovo Reality televisivo dedicato agli amanti del calcio balilla.

Sono quattro siciliani in gara:

Messina Antonio       di Siracusa

Moscuzza Francesco di Siracusa

Danna Alfredo          di Caltanisetta

Ficili Guglielmo       di Ragusa

che si faranno di certo onore e che impareremo a conoscere durante le gare.

Questo nuovo reality, ideato dalla CR Event, riservato gli appassionati del gioco del calcio balilla verrà realizzato dal 17 al 24 febbraio 2016 e potremo seguirlo giornalmente in streaming, su facebook e su you tube.

Potremo votare, da casa, i nostri beniamini tramite facebook e cercare di portare alla vittoria i nostri atleti.

Sul sito della Federazione sono visibili tutte le date del calendario gare Nazionale 2015: www.ficb.it

Firetto riceve i premiati dall’Ussi

Pomeriggio di sport ieri al Comune di Agrigento. Il sindaco Lillo Firetto ha ricevuto gli atleti agrigentini che si sono distinti lo scorso anno a livello regionale e nazionale e che la scorsa settimana hanno ricevuto il Premio Ussi Sicilia. Nel complimentarsi con gli atleti che tengono alto il nome della città dei templi il sindaco Firetto ha voluto fare una disamina della situazione degli impianti sportivi cittadini che molti, dopo anni di chiusura e abbandono, adesso si riapriranno grazie alle attività di esternalizzazione.  In particolare Firetto ha ricevuto Giusy Parolino, campionessa di atletica leggera e Franco Ciani, allenatore della Fortitudo Moncada Agrigento, entrambi premiati a Palermo assieme alla società Akragas calcio per i risultati sportivi conseguiti. 

Gara di pesca a Porto Empedocle

Ieri, domenica 22 novembre, il molo di Ponente del porto di Porto Empedocle, ha ospitato il 1° trofeo Citta’ di Porto Empedocle, gara individuale e per societa’ di canna da riva. Circa 50 gli appassionati della pesca che hanno partecipato alla competizione. I pescatori iscritti sono arrivati da ogni parte della Sicilia. Prima dell’inizio della gara gli sportivi e gli amanti della pesca, in collaborazione con la Capitaneria, hanno bonificato la zona della gara, che versava in totale stato d’abbandono. Poi la competizione, bella ed avvincente. Alla fine il primo posto se lo e’ aggiudicato Giuseppe Pasili di Sambuca di Sicila. Secondo posto e terzo posto, rispettivamente, per Salvatore Calabrese e Guglielmo Puzze, entrambi di Modica. I giudici di gara hanno dato un punto per ogni pesce pescato ed un punto per ogni grammo di pesce. Il pesce e’ stato poi conferito in vasca e dopo la pesatura e’ stato liberato nuovamente in mare. Tra gli agrigentini che hanno riscosso un buon piazzamento, l’avvocato ed ex assessore allo sport del comune di Agrigento, Davide Lo Presti.

Schermata 2015-11-23 alle 13.06.40 Schermata 2015-11-23 alle 13.06.27 Schermata 2015-11-23 alle 13.01.18 Schermata 2015-11-23 alle 13.04.01

PASQUALE SPATARO INTERVIENE SULLA CHIUSURA  DEL CANCELLO DEI CAMPI DI FONTANELLE 

“Ha trionfato la legalità nell’interesse del bene comune”.  Esprime soddisfazione il consigliere comunale di Agrigento del gruppo “Uniti per la Città”, Pasquale Spataro, per il proficuo elavoro degli operai di Palazzo dei Giganti che, dopo la sua denuncia nelle vesti di presidente della commissione sport, sono intervenuti per chiudere l’ingresso, attraverso anche varchi di fortuna, al campetto di calcio di Fontanelle, che risulta ufficialmente non autorizzato alla fruizione pubblica.

Campionati minori, a Raffadali e Kamarat i derby

Raffadali e Kamarat hanno avuto la meglio nei due derby di giornata. A farne le spese Libertas e Pro Favara. Al Comunale è arrivata la prima vittoria casalinga per i gialloverdi di Pino La Bianca che trascinati dall’argentino Martin Gonzales hanno condannato la squadra di Balsamo ad una pesante sconfitta per 3 a 0. Successo esterno per il Kamarat invece al Bruccoleri di Favara. Un 2 a 0 che è costato la panchina a Gaetano Longo, dimessosi nella giornata di ieri.

Questi tutti i risu7ltati di Eccellenza A

7A Giornata Eccellenza A

A.Campofranco- Paceco 2-2

Cus Palermo- Folgore 0-2

Dattilo- Alba Alcamo 1-1

Gela-Parmonval 2-0

Mazara – Mussomeli 0-1

PolCastelbuono- Sancataldese 0-0

Pro Favara-Kamarat 0-2

Raffadali-Libertas 3-0

Nel campionato di Promozione continua la cavalcato dell’Aragona sempre più protagonista nel girone D. A farne le spese questa volta è stato l’Atl.Gela, battuto 2 a 1. 3 punti importanti che portano gli aragonesi al secondo posto solitario dietro la Nissa. Vittoria importantissima anche per il Licata di Mimmo Bellomo che espugnando Gela, sponda Macchitella, sale al terzo posto in classifica. Prima vittoria in campionato per la Pol.Palma, 2 a 0 con il Comiso, mentre perdono Canicattì e Ravanusa.

7a Giornata Promozione D

Aragona-Atletico Gela 2-1

Atl.Caltanissetta- Ragusa 0-0

Macchitella-Licata

Marina Ragusa- Canicattì 2-0

New Team- Sc Nissa 0-1

Pol.Palma- Comiso 2-0

Santa Croce- Ravanusa 3-0

Ha riposato il Casteltermini

Spataro, sopralluogo al campo di Fontanelle

Continua il tour tra gli impianti sportivi della citta’ del presidente della quinta commissione consiliare del comune di Agrigento Pasquale Spataro. Ieri pomeriggio, tappa nella frazione di Fontanelle per constatare le condizioni strutturali del campo di calcio. L’impianto di gioco e’ stato ultimato un paio di anni fa, inaugurato dall’allora sindaco Marco Zambuto, ma ironia della sorte non e’ a norma con le misure standard per ospitare gare di calcio dalla seconda categoria in poi. Qui’, su questo rettangolo di gioco, possono disputarsi partite di terza categoria e del settore giovanile ma non a livello professionistico. Un campo di calcio, dunque, pressoché inutilizzabile per competizioni ufficiali di un certo livello agonistico.

Campionati minori, i risultati della 6a giornata

Si sono giocate anche questo week end le gare dei campionati minori. Qualche buona notizia arriva dall’Eccellenza dove non cambia il trend negativo delle agrigentine ma tuttavia arrivano due scosse. La prima è del Raffadali del nuovo allenatore Pino La Bianca che all’esordio sulla panchina gialloverde riesce a cambiare anima alla squadra e ottiene il primo punto stagionale al Comunale. Al Salaci arriva la seconda vittoria del Kamarat che battendo 2 a 0 l’A.Campofranco prende una boccata d’ossigeno. Male, anzi malissimo invece Pro Favara, 2 a 0 in casa della Sancataldese e Libertas 2-3 tra le mura amiche contro il Mussomeli.

Questa la giornata:

6a Giornata Eccellenza A

Alba Alcamo- PolCastelbuono 2-0

Folgore-Dattilo 1-2

Kamarat-Campofranco 2-0

Libertas-Mussomeli 2-3

Paceco-Gela 1-2

Parmonval-Mazara 2-2

Raffadali-Cus Palermo 1-1

SanCataldese- Pro Favara 2-0

Classifica: Dattilo 16, Sancataldese 13, Mazara 12, Gela 12, PoCastelbuono 11, Folgore 10, Paceco 10, Alba Alcamo 9, Parmonval 8, Cus Palermo 8, Kamarat 6, Mussomeli 6, Atl.Campofranco 4, Libertas 4, Rffadali 4, Pro Favara 1.

Le cose vanno decisamente meglio nel campionato di Promozione dove tutte le agrigentine hanno centrato la vittoria.

Questi i risultati

Promozione Sicilia, girone D, 6^ giornata, 18/10/2015:

  • ·         Atletico Gela – Atletico Caltanisetta  2-1
  • ·         Canicattì – Macchitella Gela  3-2
  • ·         Casteltermini – Polisportiva Palma  2-0
  • ·         Comiso – Aragona  1-2
  • ·         Licata – Santa Croce  2-0
  • ·         Ragusa Calcio – New Team Ragusa  0-0
  • ·         Sport Club Nissa  1962 – Marina di Ragusa  3-0

Akragas da sogno, vittoria a Pagani e primo posto

Sabato pomeriggio da sogno per l’Akragas di Nicola Legrottaglie che nella gara valida per la 7a giornata del campionato di Lega Pro ha sbancato Pagani e ottenuto il primo posto in classifica. Una classifica che i tifosi del Gigante guardano da quasi 48 ore con orgoglio e felicità grazie alla rete di Salandria che ha firmato sia il successo che il sogno. Un gradino che i biancoazzurri condividono con un’altra siciliana, il Messina, vittorioso contro la stessa Fidelis Andria aveva sbancato l’Esseneto solo 8 giorni fa. Piccola parentesi che la squadra del presidente Giavarini ha subito messo da parte. L’obiettivo era ripartire l’Akragas lo ha fatto alla grande portando a casa il massimo risultato con il minimo sforzo proiettandosi alla prossima gara nel migliore dei modi. Una giornata la settima che ha regalato molte sorprese, in primis la vittoria del Messina ad Andria. Successi anche per Foggia, Monopoli e Lecce.

Questi tutti i risultati

7a Giornata Lega Pro C

Matera-Benevento 0-0

Monopoli- Melfi 2-1

Catanzaro-Martina Franca 1-0

Juve Stabia-Cosenza 1-1

Paganese- Akragas 0-1

Andria-Messina 0-1

Castelli Romani-Foggia 0-4

Lecce -Ischia 1-0

Casertana-Catania stasera 20:00

Questa la classifica

  1. Messina 13
  2. Akragas 13
  3. Benevento 12
  4. Andria 12
  5. Foggia 11
  6. Casertana 11
  7. Monopoli 10
  8. Ischia 10
  9. Cosenza 10
  10. Paganese 9
  11. Lecce 9
  12. Melfi 7
  13. Catania 5
  14. Martina Franca 5
  15. Juve Stabia 5
  16. Catanzaro 5
  17. Castelli Romani 5
  18. Matera 4

Paganese – Akragas 0-1

Vittoria e primato. L’Akragas dimentica la sconfitta contro la Fidelis Andria con una superba prestazione sul campo della Paganese. Il successo e’ stato meritato. Condotta di gara pressoché perfetta per i siciliani, ben messi in campo dal tecnico Legrottaglie. Ancora una volta e’ stata un’Akragas formato trasferta: cinica e spietata. I padroni di casa, invece, hanno provato a fare la partita ma con poco mordente e tanti errori, soprattutto sottoporta. La formazione agrigentina, in maglia granata, parte subito bene. L’inizio e’ di chiara marca Akragas. A centrocampo Almiron e Zibert giganteggiano e fioccano le occasioni per gli ospiti. Aloi dalla destra impegna severamente il portiere della Paganese, Marruocco. L’argentino Almiron su punizione sfiora il vantaggio. Pallone fuori di pochissimo. Dalla sinistra Salandria si accentra, prova la conclusione ma non inquadra la porta. La Paganese da segnala di vita su palla inattiva. Il punteggio non cambia. L’Akragas e’ piu’ pimpante dell’avversario, sembra avere una marcia in piu’ e va ancora vicina al vantaggio con Zibert, tiro respinto dal portiere. Nel finale di primo tempo altre occasioni per sbloccare lo zero a zero. La Paganese con Deli spreca il possibile 1 a 0. Poi e’ il bomber Caccavallo ad avere una chance importantissima. In contropiede l’Akragas, con Madonia, servito da Di Piazza, va ad un passo dal vantaggio. Nella ripresa si accendono le luci dello stadio Torre. La Paganese ci prova ancora con Cunzi, ma Maurantonio e’ bravo ad intervenire sui piedi dell’attaccante. Nel momento migliore dei padroni di casa, l’Akragas sblocca la partita. Al 59’ Almiron, tra i migliori in campo, invita all’azione Salandria, che fa tutto bene e batte Marruocco. Prima rete in campionato per il centrocampista ex Reggina. Sulle ali dell’entusiasmo l’Akragas continua ad attaccare. Madonia per Di Piazza, acrobazia dell’attaccante che meritava maggiore fortuna. La Paganese non ci sta a perdere in casa, davanti agli oltre 2 mila tifosi e continua a pressare l’Akragas. Capuano perde palla e Cunzi si presenta a tu per tu con Maurantonio. Pallone fuori. Pericolo scampato per la squadra akragantina. Azione caparbia del neo entrato, Leonetti, che da pochi passi non riesce a buttarla dentro. L’Akragas non chiude la partita. Altra palla gol per gli ospiti nel finale, con lo sloveno Zibert. Il punteggio non cambia, rimane ancora in bilico. Poi non accade piu’ nulla. La partita termina 1 a zero per gli uomini di Legrottaglie. E’ la quarta vittoria in campionato per l’Akragas, la seconda in trasferta. E Sabato all’Esseneto l’affascinante sfida alla Juve Stabia per continuare a sognare il salto di categoria.

Lega pro, domani la 7a giornata

Sabato inglese domani per le squadre di Lega Pro girone C che disputeranno la settima giornata tutte nella giornata di sabato tranne un posticipo lunedi. Occhi puntati sulla capolista Fidelis Andria che dopo ilo successo esterno ad Agrigento e il primo posto conquistato ospita il Messina per continuare a stupire. L’Akragas di Nicola Legrottaglie si trova già a Pagani dove ad attenderla ci sarà la Paganese che dopo la brutta sconfitta con la Lupa Castelli Romani cercherà vendetta. La terza in classifica Benevento andrà a Matera per rinsaldare la posizione e avere la meglio su una squadra, quella della città dei sassi, in piena crisi. Sfida interessante anche quella tra la sorpresa Ischia e il fin qui deludente Lecce. Trasferte per Cosenza, Foggia e Melfi che saranno ospitate da Juve Stabia, Castelli Romani e Monopoli. A chiudere il quadro invece sarà il big match di giornata tra Casertana e Catania, che si disputerà lunedi sera alle 20. Una gara entusiasmante tra i padroni di casa vogliosi di riprendersi la leadership e i siciliani che azzerata la penalizzazione stanno iniziando a risalire la china.

Questo il quadro

7a Giornata Lega Pro C

Andria- Messina 15:00

Castelli Romani- Foggia 15:00

Lecce- Ischia 15:00

Catanzaro-Martina Franca 17:30

Juve Stabia-Cosenza 17:30

Paganese- Akragas 17:30

Matera- Benevento 20:30

Monopoli- Melfi 20:30

Casertana- Catania lunedi 20:00

Akragas a Trapani contro il Monopoli

Akragas ancora in esilio a Trapani. La partita di recupero della seconda di campionato contro il Monopoli si giochera’, domani alle 15, al “Provinciale”. Lo stadio Esseneto, seppur dichiarato agibile per le gare diurne di calcio professionistico, non ha ancora ricevuto l’omologazione ufficiale dai vertici della Figc e della Lega Pro. L’augurio dei tifosi e del club biancoazzurro e’ quello che la prossima gara casalinga, in calendario domenica 11 ottobre, contro la Fidelis Andria, possa finalmente disputarsi all’Esseneto. L’Akragas e’ partita oggi pomeriggio alla volta di Trapani. Il Monopoli, invece, e’ gia sbarcato in Sicilia. Ieri pomeriggio, vi e’ stata la conferenza stampa di presentazione del match. Hanno parlato il tecnico Nicola Legrottaglie e l’attaccante Matteo Di Piazza.

Sfilata equestre ad Aragona: terzo memorial Giacomo Vaccarello 

Ad Aragona, sabato prossimo, 5 settembre, si svolgera’ la sfilata equestre “terzo memorial Giacomo Vaccarello”. L’evento e’ organizzato da Carmelo Buscemi, nipote di Giacomo Vaccarello. Il programma della sfila equestre prevede il raduno dei partecipanti alle 18.30 nei pressi del mercatino coperto. A seguire la sfilata per le vie: De Nicola, Cirasa, Albero Mario, Roma e Salvatore La Rosa con arrivo al campo sportivo. All’interno dello stadio vi sara’ l’esibizione dei cavalli e la premiazione.

Tutto pronto per il 5° Raduno di mountain bike “Citta di Siculiana”.

Il programma della manifestazione sportiva prevede il ritrovo alle ore 08:00 presso la Piazzetta di Siculiana Marina. alle ore 09:00 è prevista la partenza, mentre al ritorno vi sarà una degustazione di prodotti tipici locali, alla presenza del Sindaco, Leonardo Lauricella, dell’assessore allo sport, Enzo Zambito, dei Vigili Urbani e dei Carabinieri. L’evento prevede la partecipazione di oltre trecento iscritti che avranno modo di percorrere in bici un percorso di circa 28 chilometri attraverso il territorio siculianese e all’interno della riserva naturale orientata di Torre Salsa.

Amichevole Akragas – Palermo all’Esseneto ?

Prestigiosa gara amichevole per l’Akragas che giovedì prossimo 3 settembre, alle ore 16, affronterà il Palermo di Serie A. Ad organizzare la partita sono stati Nicola Legrottaglie e Beppe Iachini, i due allenatori sono molto amici tra di loro. La società rosanero ha mostrato parecchio interesse allo svolgimento della gara ed ha immediatamente dato il via libera per il test amichevole che dovrebbe giocarsi allo stadio Esseneto di Agrigento. Il condizionale però è d’obbligo a causa dei lavori in corso all’interno della struttura, che impedirebbero il regolare svolgimento del match. La società akragantina, tramite l’avvocato Enzo Caponnetto, ha chiesto al comune l’autorizzazione per la disputa del match. L’obiettivo è quello di consentire l’accesso allo stadio di almeno 4 mila persone, ma in totale sicurezza. L’amministrazione Firetto, ed in particolare l’assessore allo Sport, ed ex dirigente dell’Akragas, Giovanni Amico, ha promesso il massimo impegno per rilasciare il nulla osta, in tempi brevissimi, per la disputa dell’incontro. Per assistere all’amichevole si pagherà un biglietto d’ingresso.

Trofeo Internazionale Challenge

Si è svolto  il trofeo internazionale di challenge  al quale ha preso parte anche la Polisportiva ACIS di Agrigento con tre dei suoi atleti.  Per la categoria esordiente , Maria Pia Nicotra, conquista tre podi.  Federico Mantese,Atleta già confermato, si conferma a San Benedetto del Tronto con buone doti di velocista sui 400m, salendo sul podio al terzo posto.  Marzia Volpe pur non salendo sul podio, ha raggiunto discreti piazzamenti dimostrando caparbietà e impegno.  L’allenatore Angelo Turano si Ritiene soddisfatto della buona prestazione dei suoi atleti.

image4 image3 image2 image1

Trofeo delle Regioni Mini Enduro 2015

Sono 8 i piloti siciliani che quest’anno sono stati selezionati dalla Federazione Motociclistica Italiana Sezione Sicilia,che il 29 e 30 Agosto ad Anghiari (Ar) Formeranno la squadra che rappresenterà la Regione Sicilia nel Trofeo delle Regioni Mini Enduro 2015.Tra i selezionati quest’anno un giovane Pilota tredicenne Agrigentino,, Salvatore Natalello che quest’anno ha già ben iniziato la stagione nel Campionato Regionale Minienduro Siciliano,nella classe 85 occupando la 2′ Posizione in classifica.Attualmente,anche in questi mesi caldissimi estivi,Natalello pilota appartenente al Team del Motoclub Enduristi Agrigentini,si sta allenando in vista dei prossimi impegni ,Trofeo delle Regioni a fine agosto e prossima gara di campionato Regionale prevista a fine settembre.Siamo sicuri che sentiremo parlare in futuro di questo giovane Centauro che ricordiamo è il primo Pilota Agrigentino che viene chiamato a disputare un gara a livello Nazionale in questa disciplina Sportiva.

IMG_6444 IMG_6445 IMG_6446 IMG_6447 IMG_6448 IMG_6449 IMG_6450 IMG_6451 IMG_6452 IMG_6457

 

 

 

 

 

 

Akragas, Legrottaglie è il nuovo allenatore. Con lui anche Capuano.

Nicola Legrottaglie è il nuovo allenatore dell’Akragas. Questa la notizia arrivata da Gianluca Di Marzio nella tarda serata di ieri e ufficializzata dallo stesso presidente Giavarini che ha confermato l’avanzamento della trattativa e l’iimminente firma nella giornata di Lunedi. Un colpo a sorpresa che ha lasciato increduli i tifosi biancoazzurri che dal prossimo anno potranno ammirare sulla panchina del Gigante un ex giocatore di Serie A. Per l’ex Catania e Juve si tratta della prima panchina da professionista dopo aver raggiunto un modesto settimo posto guidando gli allievi nazionali del Bari. Con lui in dirittura d’arrivo anche Ciro Capuano, terzino sinistro ex Catania e amico stretto di Legrottaglie. Nel 2012 è stato battezzato come Atleta di Cristo proprio dal neo allenatore biancoazzurro. Due grossi innesti last minute che hanno proiettato l’Akragas sui media nazionali e che lasciano presagire un futuro in Lega Pro da protagonisti. Un doppio colpo che farà sicuramente rumore. Il primo a pagarne le conseguenze è stato Vincenzo Feola, ad un passo dal rinnovo, e Andrea Sottil, ipotizzato per molto tempo sulla panchina del Gigante. Importanti conseguenza potrebbe avere anche l’assetto societario con il Direttore Sportivo Laneri che potrebbe sposare altri progetti. Con lui via anche Baiocco che potrebbe accettare la proposta degli etnei. Insomma un asse Agrigento-Catania che si infiamma sempre di più.

Al via il 1° memorial “Piercarlo Messina”

La famiglia Messina, nel ricordare le doti del proprio congiunto venuto a mancare nel 2011, ha voluto organizzare il 1° MEMORIAL PIERCARLO MESSINA. Tale manifestazione è stata organizzata grazie alla collaborazione importante di Cinzia Li Causi, Filippo Miceli e Gianfranco Bambino, proprietari del campetto sportivo “Bernini Soccer” sito in c/da Calcarelle. L’evento sportivo – che raffigura in pieno lo spirito sociale ed altruista di Piercarlo – vedrà la partecipazione degli ospiti della comunità “Il quadrifoglio” con la squadra denominata “Dream Team”. La presenza dei ragazzi della squadra “Dream Team” si ricollega al gesto posto in essere dalla Famiglia Messina alla luce della tragedia di Lampedusa (furono donate, al Cimitero di Piano Gatta, tante targhette nominali quanti erano i sepolti presso il medesimo campo santo) e che vuole ancora una volta sottolineare il grande sforzo che tutti noi dobbiamo fare per aiutare chi ha di bisogno, sforzo che in tempi passati il popolo italiano ha chiesto quanto i migranti erano i nostri avi. Le categorie di iscrizione sono tre: i nati nell’anno 2004/2005, i nati nell’anno 2007/2008 e la categoria open aperta a tutte le classi di età. Tra le associazioni sportive presenti si ringrazia per la partecipazione: A.S.C. Attività sportive confederate di Antonio D’Anna S.D. Agrigentum, S.D. AKRASOCCER, SOCCER FAVARA, DON GUANELLA, A.S.D. TRINACRIA E LA POLISPORTIVA INVICTA AMAZZONE. Il Torneo avrà inizio il giorno 01/07/2015 presso la struttura sportiva “Bernini Soccer” e termineranno con la premiazione che si terrà il 31/07/2015 sempre presso la struttura sportiva “Bernini Soccer”.

IMG_6203 IMG-20150701-WA0001

Akragas iscrizione ok, ora si pensa al mercato

L’Akragas e’ ufficialmente nel calcio professionistico. Nel primo pomeriggio di ieri, ultimo giorno utile, la società biancoazzurra ha presentato la domanda di iscrizione al prossimo campionato di Lega Pro. A Firenze, nella sede della Lega Pro, il direttore sportivo Antonello Laneri ed il segretario Pino Fichera, hanno consegnato tutta la documentazione, mentre la prima parte della tassa d’iscrizione, 35 mila euro, era gia’ stata versata in precedenza. Il plico presentato include la fideiussione bancaria di 400 mila euro, tutta la documentazione relativa al rilascio della Licenza Nazionale e ulteriori 100 mila euro utili all’iscrizione al Campionato di Lega Pro 2015/2016 di 3° serie professionistica. La domanda e’ passata regolarmente con grande soddisfazione da parte di tutti i soci. L’avventura dell’Akragas, dunque, nel calcio che conta e’ finalmente iniziata. Oggi, primo luglio, si apre ufficialmente il calcio mercato. La triade biancoazzurra, composta dagli esperti di mercato, Laneri, Tirri, Russello, e’ a lavoro per la costruzione della nuova squadra. A giorni saranno annunciati i primi acquisti e il nome del nuovo allenatore. Probabile l’arrivo di giovani e promettenti calciatori della Bulgaria, ma anche del resto del mondo. Probabili le riconferme dei difensori, Vindigni, De Rossi, Chiavaro, dei centrocampisti Bonaffini, Baiocco, Trofo, e degli attaccanti Savanarola, Catania e Tiscione. Sarebbe stato individuato anche il responsabile del settore giovanile. Si tratta dell’ex direttore sportivo e generale dell’Akragas, Toto’ Catania, che metterebbe a disposizione della societa’ biancoazzurra anche il campo in erba sintetica di Palma di Montechiaro per gli allenamenti e le partite delle formazioni giovanili.  Il campionato di Lega Pro, in previsione dei processi sportivi sul calcio scommesse, dovrebbe cominciare il 6 settembre.

 

Fortitudo, Albano Chiarastella e’ riconfermato 

Un’altra riconferma in casa Fortitudo Agrigento per il prossimo campionato di Lega A2. Il capitano Albano Chiarastella ha rinnovato il contratto con la società del presidente Salvatore Moncada. Soddisfatto anche il coach Franco Ciani che afferma:  Albano Chiarastella incarna molte delle qualità e delle caratteristiche che noi cerchiamo in un giocatore: grandi motivazioni, costante voglia di migliorarsi, grande applicazione nel lavoro quotidiano, grande concentrazione. E’ un giocatore con cui lavoro ormai da sei anni, quindi ci conosciamo molto bene e ci capiamo con uno sguardo. Dovrebbero invece lasciare la Fortitudo Agrigento i due americani: Penny Williams e Dave Dudznski. Entrambi i giocatori sono richiesti da club di categoria superiore, anche europei.

 

Campus Real Basket, e’ gia’ successo 

Si e’ conclusa la terza settimana della quarta edizione del Campus Estivo, organizzato dalla Real Basket Agrigento, in corso di svolgimento presso la struttura sportiva della Pinetina. La manifestazione, che coinvolge oltre 100 bambini, si conludera’ il prossimo 3 luglio. Soddisfatto l’organizzatore, Alessandro Bazan, che afferma:  “Il successo è stato pieno e siamo andati oltre le previsioni. La formula vincente, a nostro parere, e’ quella di mettere in condizione i bambini di svolgere più attività sportive e farli scegliere di giocare assecondando le loro volontà del momento senza l’assillo di dover fare qualcosa che non gli va di fare”.

Incontro delegazione abitanti villaggio mose e sindaco Firetto 

 

Una delegazione di abitanti del Villaggio Mose’, rappresentati dall’associazione culturale “A. C. Mose’”, ha incontrato il neo sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. Alla riunione hanno partecipato il presidente Alessandro De Caro, il suo vice Davide Cibella ed il responsabile dell’area tecnica Eric Rizzo. I tre rappresentanti dell’Ac Mose’ hanno illustrato al sindaco Firetto i problemi della popolosa frazione ed hanno chiesto l’intervento dell’amministrazione comunale per riqualificare e rilanciare il Villaggio Mose’. Firetto ha promesso la massima attenzione per la risoluzione delle problematiche del quartiere.

 Fortitudo, il PalaMoncada si rifà il look

La notizia era nell’area e ieri è stata confermata: il PalaMoncada passerà da 2000 a 3500 posti. Creazione di nuovi settori e una rinnovata disposizione delle tribune. Questo il piano scelto dal Presidente Salvatore Moncada per confermare la Fortitudo su quei piani alti che l’ha vista protagonista nell’ultima stagione in A2 Gold. “Puntiamo sull’affetto di tutto il territorio agrigentino,- afferma il patron dei biancoazzurri,- Al PalaMoncada bisogna sentirsi a casa e per questa ragione vogliamo renderlo ancora più bello e funzionale”.  Un passo importante, quindi a conferma della grande voglia di crescita da parte del basket agrigentino che in questa stagione ha raggiunto il livello più alto della sua storia. Per cercare di sfruttare tutto l’entusiasmo possibile da mercoledì partirà anche la nuova campagna abbonamenti 2015-2016 che presenterà ovviamente tante novità. Curve e parterre quelle più in evidenza con i prezzi che sono stati modificati in base alla qualità del posto. Fortitudo che comunque agevolerà il popolo con tante offerte a partire dal 20% di sconto per chi si abbona entro il 10 luglio o l’offerta famiglia. La proposta completa si trova sul sito della società biancoazzurra. Abbonarsi ora conviene e programmare il futuro ha sempre dato i suoi frutti.

Catania calcio, arrestato Pulvirenti

Clamoroso a Catania. La squadra rossoazzura e’ riuscita a salvarsi in Serie B perche’ ha comprato diverse partite. Sono stati arrestati dalla Polizia di Stato diversi esponenti del club catanese: il presidente Antonino Pulvirenti, il suo vice Pablo Casentino e l’ex direttore sportivo Daniele Delli Carri. La Digos della questura gli ha notificato un provvedimento agli arresti domiciliari per truffa e frode sportiva. Si parla di 5 partite dell’ultimo campionato, comprate per evitare la retrocessione del club, anche se al momento non sono coinvolti dirigenti o calciatori di altri club. Gli altri quattro destinatari di arresti domiciliari, emessi dal Gip di Catania, su richiesta dalla Dda della locale Procura, sono i procuratori sportivi, Giovanni Impellizzeri, Piero Di Luzio, Fabrizio Milozzi e Fernando Arbotti. Sotto inchiesta anche alcuni gestori di scommesse on line. Secondo l’accusa, alcune vittorie del Catania sarebbero state concordate a tavolino dietro il pagamento di denaro. Le gare incriminate dell’ultimo campionato sono Varese-Catania (0-3), Catania-Trapani (4-1, primo tempo uno a zero per il Trapani), Latina-Catania (1-2), Catania-Ternana (2-0) e Catania-Livorno. Si lavora anche, hanno specificato gli inquirenti durante la conferenza stampa, su Catania-Avellino (1-0): sono tutte partite giocate tra la fine di marzo e l’inizio di maggio scorsi, risultati positivi in sequenza che hanno consentito al Catania di tirarsi fuori dalla zona calda della classifica di serie B. Il nome del Catania calcio era emerso il 19 maggio scorso nell’ambito dell’inchiesta “Dirty Soccer” che portò all’arresto di 50 persone tra dirigenti sportivi, allenatori, giocatori, dirigenti e scommettitori italiani e stranieri che aveva truccato decine di partite del campionato di serie B. L’interesse dell’organizzazione criminale che combinava le partite si era rivolta anche all’incontro Catania-Crotone del 16 febbraio 2015.