Tutto pronto per la conclusione del progetto sulla identità siciliana

Tutto pronto per la conclusione del III° progetto sulla identità siciliana. L’incontro e’ fissato per lunedi 14 maggio ore 10,30 nella splendida cornice della Chiesa di San Lorenzo in Piazza Purgatorio, Via Atenea .

Una iniziativa organizzata dal Ministero della Pubblica Istruzione, Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, per elaborare un progetto sulla identità siciliana e tutelare la cultura popolare ed in particolare la lingua siciliana.

Il progetto, ideato dal Val d’Akragas, e’ coordinato da Raffaele Zarbo, direttore dell’ufficio scolastico provinciale e da Stefania Ierna, responsabile sostegno alla persona ed alla partecipazione studentesca. I componenti del Centro ad inizio dell’anno hanno individuato il tema degli Spagnoli in terra di Sicilia oggetto di studio degli studenti delle scuole coinvolte.

Un progetto ”identità siciliana “ che intende tutelare la cultura siciliana attraverso lo studio e l’ approfondimento con gli studenti che presenteranno musiche, espressioni artistiche, lavori multimediali e naturalmente momenti di tradizione del Val d’Akragas sulla cultura popolare.

Previsto, inoltre, un tributo alla memoria di Tony Cucchiara, scomparso pochi giorni fa ed autore delle piu’ belle ed intense opere musicali : momento offerto dalla Compagnia “ le Maschere Sicane “ di Agrigento.

Tutto pronto per la conclusione del III° progetto sulla identità siciliana. L’incontro e’ fissato per lunedi 14 maggio ore 10,30 nella splendida cornice della Chiesa di San Lorenzo in Piazza Purgatorio, Via Atenea .

Una iniziativa organizzata dal Ministero della Pubblica Istruzione, Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, per elaborare un progetto sulla identità siciliana e tutelare la cultura popolare ed in particolare la lingua siciliana.

Il progetto, ideato dal Val d’Akragas, e’ coordinato da Raffaele Zarbo, direttore dell’ufficio scolastico provinciale e da Stefania Ierna, responsabile sostegno alla persona ed alla partecipazione studentesca. I componenti del Centro ad inizio dell’anno hanno individuato il tema degli Spagnoli in terra di Sicilia oggetto di studio degli studenti delle scuole coinvolte.

Un progetto ”identità siciliana “ che intende tutelare la cultura siciliana attraverso lo studio e l’ approfondimento con gli studenti che presenteranno musiche, espressioni artistiche, lavori multimediali e naturalmente momenti di tradizione del Val d’Akragas sulla cultura popolare.

Previsto, inoltre, un tributo alla memoria di Tony Cucchiara, scomparso pochi giorni fa ed autore delle piu’ belle ed intense opere musicali : momento offerto dalla Compagnia “ le Maschere Sicane “ di Agrigento.

Attesa la presenza dell’Assessore Regionale alla Pubblica Istruzione Roberto La Galla, del sindaco Calogero Firetto e naturalmente dei dirigenti scolastici della provincia ed alcuni tra le personalità del mondo artistico e culturale.

Attesa la presenza dell’Assessore Regionale alla Pubblica Istruzione Roberto La Galla, del sindaco Calogero Firetto e naturalmente dei dirigenti scolastici della provincia ed alcuni tra le personalità del mondo artistico e culturale.

“Tutti insieme per la legalità, facciamo strike alla mafia”

“Tutti insieme per la legalità, facciamo strike alla mafia”. E’ il progetto culturale formativo dell’istituto scolastico Rita Levi Montalcini, un percorso scolastico mirante ad inculcare nei giovani sempre più la cultura della legalità.  “La finalità del progetto- come ha sottolineato il dirigente scolastico Luigi Costanza- si inserisce nella consapevolezza della responsabilità che la scuola ha di intervenire per far acquisire agli alunni atteggiamenti sociali positivi e favorire lo sviluppo di un autonomia e di uno spi rito critico , strumenti mentali indispensabili per sapere discriminare le varie forme di comportamento ed arginare i fenomeni negativi emarginandoli nella coscienza civile .Ai giovani si è data la possibilità di acquisire piena coscienza e consapevolezza del valore della persona umana ed al contempo esaminare criticamente la realtà per prendere coscienza degli atteggiamenti illegali e contribuire a combatterli e a neutralizzarli, ha sostenuto il preside Costanza , inculcando loro l’importanza dell’acquisizione di regole e comportamenti corretti all’interno della scuola per cercare di comprendere e superare gli atti di vandalismo e bullismo per analizzarli e combatterli. In questo si inserisce l’esempio di padre Puglisi educatore instancabile delle giovani generazioni per vivere il messaggio non come esperienza di vita ma esperienza di vita che diventa messaggio. L’educazione alla legalità e alla giustizia come valore, nell’attuale momento storico in cui la nostra società diventa sempre più complessa e contraddittoria, rappresenta uno degli aspetti fondamentale della formazione integrale della persona ed un compito precipuo della scuola”. Un momento di riflessione per gli alunni è stato appunto l’esempio offerto da padre Puglisi il prete di brancaccio che combatte la mafia con il sorriso, persino nel momento stesso in cui un killer gli sparò sotto casa. Ma la giornata sarà anche un momento particolare poichè i ragazzi dell’istituto Rita levi Montalcini ,come ha sottolineato il preside costanza luigi hanno voluto ricordare il 25 anniversario della venuta di papa paolo Giovanni Paolo II ad Agrigento ed il suo anatema contro la mafia terminato con il forte grido rivolto a mafiosi “CONVERTITEVI”.
La manifestazione coordinata dalla prof. Zambuto si è svolta nell’auditorium dell’istituto N. Gallo in c/da calcarelle e ha viusto impegnati in un importante ruolo fattivo e creativo gli alunni di scuola “media” dei plessi Margherita Hack e Federico II che sotto la guida dei loro docenti hanno sviluppato concetti e idee per evidenziare i valori della legalità e contrastare la mafia e l’illegalità, approfondendo e facendo risaltare le gesta di varie personalità del territorio che si sono battuti per la legalità, come Livatino , il commissario Beppe Montana ed altri .

Al termine della manifestazione il dirigente scolastico ed una rappresentanza degli alunni hanno deposto una ghirlanda di fiori sotto la croce a Piano san Gregorio dove papa Paolo Giovanni II celebrò la messa.

Potrà insegnare vicino casa per assistere il figlio disabile, condannato l’Ufficio scolastico regionale

Battaglia vinta per una docente licatese alla quale è stata assegnata una sede di servizio vicino casa o, in subordine, in una struttura limitrofa, secondo l’ordine di preferenza espresso nella richiesta.Lo ha stabilito un’ordinanza del Giudice del Lavoro del Tribunale di Caltagirone che ha dato ragione alla donna, mamma di tre bambini, di cui uno portatore di handicap grave, che, per l’anno scolastico 2017-2018, aveva legittimamente chiesto, facendo leva su una apposita legge in materia, il temporaneo trasferimento da un Istituto Comprensivo in Provincia di Catania, dove ha una cattedra di ruolo, alla sede di Licata e in alternativa a quella di Palma o di Agrigento, in modo da potere accudire, curare e assistere il figlio disabile. A seguirla e ad accompagnarla in questo procedimento sono stati i legali agrigentini, Domenico Scarnà e Gianmarco Carnabuci.

Piedibus, alla Montessori e alla “Manhattan” il progetto per portare a scuola i bambini a piedi

Spingere i bambini ad andare a scuola a piedi. Si chiama “Piedibus” ed è un “autobus” che va a piedi. A formarlo è stata una carovana di bambini del plesso “Maria Montessori” di San Leone e del plesso “Manhattan” del Villaggio Peruzzo, dell’istituto “Rita Levi Montalcini” diretto da Luigi Costanza. Un progetto che si sta allargando a macchia d’olio in tutte le regioni d’Italia. Basta dare uno sguardo al sito www.piedibus.it per avere un’idea della ramificazione dell’iniziativa per sapere come entrare nel suo network. Il progetto e’ stato inaugurato prima a San Leone e poi al villaggio Peruzzo insieme, non solo al dirigente scolastico ma anche l’assessore alla Polizia municipale Gabriella Battaglia e al comandante Gaetano Di Giovanni. Il “Piedibus”, come un vero e proprio bus di linea, parte da un capolinea e segue un determinato percorso, raccoglie i passeggeri a determinate fermate ed è sempre in orario. Il progetto dell’ufficio Educazione alla salute dell’Asp di Agrigento serve per invogliare i più piccoloi all’attività fisica.   Numerosi i vantaggi del progetto “Piedibus: camminare fa bene, non inquina e , poi, i parcheggi di fronte alle scuole sono insufficienti per poter accogliere le automobili di tutti i genitori. Il progetto “Piedibus” permette di ridurre questo problema. Quello adottato dai due plessi è , sicuramente, un esempio per tutti. I bambini si sono anche divertiti, hanno socializzato e hanno anche fatto una sana attività fisica.

Campionato provinciale di scacchi: successo per gli studenti della Federico II

Successo al torneo provinciale di scacchi per gli studenti delle terzi classi della scuola media inferiore “Federico II” del villaggio Mosè facente parte dell’istituto comprensivo “Rina Levi Montalcini” guidato da Luigi Costanza. I ragazzi hanno partecipato per la fascia Under14 e , in questa sezione, a salire sul podio sono stati tre alunni dell’istituto Federico II. Ad aggiudicarsi il titolo di campione provinciale, Under14 maschile, Giorgio Bosco della III B; 2° classificato Giosuè Capraro della III C ; 3° classificato, sempre Under 14 maschile , Giuseppe Daino della III B. Per quanto riguarda la sezione femminile Giorgia Vaianella si aggiudica il titolo di campionessa provinciale. Seconda classificata Giulia Consiglio, seguita da Greta Delfino. Ludovica Vaianella, studentessa di 5a elementare dell’istituo De Cosmi, anche questo facente parte del comprensivo Montalcini, si è “laureata” campionessa provinciale Under 10. Quasi tutti i partecipanti dell’istituto , 30 su 33, hanno acquisito il diritto a partecipare al campionato regionale giovanile siciliano che si disputerà a Messina i prossimi 14 e 15 aprile. Gli studenti sono stati guidati dal docente Licata che , dopo un progetto extracurriculare di trenta ore che si è svolto nei mesi di dicembre e gennaio scorsi, ha dato i suoi frutti.

Gli alunni della Giovanni Paolo II “abbracciati” dalla festa del mandorlo

Settimana intensa, ricca di attività che ha coinvolto i bambini delle classi 2^A e 2^B della scuola G.Paolo II, dell’istituto R.L.Montalcini del villaggio Mosè di Agrigento, diretto da Luigi Costanza. I piccoli studenti hanno partecipato agli eventi del 73° Mandorlo in fiore. Il folklore è stato sempre l’anello che unisce i popoli del mondo,veicola i messaggi di pace e fratellanza e trasmette gioia ed allegria. L’approfondimento degli argomenti svolti in classe dai docenti Caldara, Fanara, Moncada, Presti e Vaccaro, si è realizzato con la partecipazione al 18^ festival “I bambini del mondo” nell’atmosfera magica del Palacongressi che ha plasmato suoni, canti e balli di diverse culture etniche e con la
visione di “Giufa’, una vita da fiaba” al teatro della Posta Vecchia di Agrigento, dove il dialetto classico è stato cornice di antiche tradizioni, usi e costumi siciliani. Momenti di incontro e di confronto per i piccoli studenti del plesso Giovanni Paolo II : occasioni per conoscere al meglio i propri compagni e le insegnanti fuori dalle mura scolastiche, per trascorrere con loro puri momenti di divertimento , di condivisione e anche di conoscenza di altre culture. Esperienze che rimarranno certamente impresse nei cuori e nelle menti degli studenti anche a distanza di anni.

Agrigento. Tutto pronto per il ritorno a scuola?

Vacanze agli sgoccioli per milioni di studenti italiani, in Sicilia entro giovedì prossimo quattordici settembre, la campanella suonerà in tutti gli istituti. Il ritorno tra i banchi richiede senz’altro un impegno organizzativo non indifferente per il personale della scuola che quest’anno deve confrontarsi anche con la novità introdotta dal Governo sulle vaccinazioni obbligatorie per le iscrizioni nelle scuole dell’obbligo. Il ritorno tra i banchi degli alunni quindi è stato curato dalle istituzioni scolastiche, sarà così anche per le città, nel senso che gli enti locali hanno predisposto le misure necessarie per non farsi trovare impreparati all’avvio delle attività didattiche? Oggi abbiamo fatto un giro in alcune scuole di Agrigento, ciò che ci è saltato subito all’occhio è la scarsa visibilità degli attraversamenti pedonali. Le strisce sono ovunque sbiadite e invisibili, l’auspicio ovviamente è che le migliaia di studenti agrigentini, nel loro primo giorno di scuola, possano avere aule pulite, spazi idonei alle lezioni, e perché no anche attraversamenti pedonali visibili e sicuri. Nel vasto calderone dei problemi che ogni cittadino fronteggia quotidianamente quella della carenza di segnaletica orizzontale può sembrare un problema secondario, ma come dice qualcuno, la bontà di un servizio si vede anche dalle piccole cose, del resto dovrebbe trattarsi di ordinaria amministrazione, basterebbe programmare il tutto nei tempi giusti, ma spesso, alle nostre latitudini, questo non avviene e non si capisce il perchè.

Obbligo vaccini, ecco cosa fare

Prosegue l’opera di Regioni e Uffici scolastici regionali al fine di facilitare, per scuole e famiglie, l’applicazione della legge 119/2017 che ha reso obbligatorie le vaccinazioni per i bambini da 0 a 16 anni, compresi i minori stranieri non accompagnati.  L’uffico scolastuico provinciale Sicilia, tramite un’apposita nota, nei giorni scorsi ha comunicato l’accordo raggiunto con le autorità sanitarie e fornisce allo stesso tempo indicazioni alle scuole. Al fine di semplificare gli adempimenti previsti, la nuova procedura concordata prevede che tutte le istituzioni scolastiche della Regione Sicilia invieranno gli elenchi degli alunni iscritti (che non hanno superato i 16 anni) alle A.S.P che, a loro volta, procederanno alla verifica della situazione vaccinale di ogni singolo alunno e, in caso di irregolarità, contatteranno le famiglie per la successiva regolarizzazione; a conclusione dei controlli le A.S.P. comunicheranno ad ogni singola scuola i nominativi degli alunni non in regola. Ma leggendo la normativa e alcune notizie on line sembra proprio che non si debba presentare alcun certificato: l’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento spiega cosa fare. Sulla home page del sito istituzionale è disponibile il modello di autocertificazione che può essere utilizzato per attestare le vaccinazioni obbligatorie effettuate o specificare i motivi di omissione. Il modello, nel caso in cui non si presenti all’istituto scolastico copia del libretto vidimato, il certificato vaccinale o un’attestazione delle vaccinazioni effettuate, consente ai genitori, tutor o affidatari dei minori di poter fruire, con il sistema dell’autodichiarazione, di un’alternativa da produrre entro la data dell’11 settembre, per quanto riguarda nidi e scuole dell’infanzia, e del 31 ottobre per gli altri gradi d’istruzione.E, intanto, anche nell’agrigentino è corsa ai vaccini. Il tempo stringe e la folla aumenta negli ambulatori messi a disposizione dall’Asp in cui vengono somministrati centinaia e centinaia di vaccini al giorno tanto che lo stesso responsabile del servizio di prevenzione dell’Asp ha chiesto alla direzione generale un potenziamento dell’ambulatorio.

 

Si torna a scuola! Ecco le date di inizio

Siamo giunti quasi al termine delle vacanze estive e genitori e studenti stanno iniziando ad informarsi su quando inizia la scuola. Come è noto, la data cambia da una regione all’altra ed è per questo motivo che ogni anno le varie regioni pubblicano il proprio calendario scolastico, in modo da rendere note le date di apertura e chiusura della scuola. La Regione Sicilia ha fissato l’inizio delle lezioni per il 14 settembre prossimo ma la data cambia da scuola a scuola in base all’autonomia scolastica. Ecco le date di inizio di alcuni istituti agrigentini, quelli che siamo riusciti a contattare: I primi a sedere sui banchi di scuola saranno gli studenti del liceo Politi, la data fissata per l’inizio delle lezioni è per dopodomani, il 7 settembre. Venerdì 8 toccherà a tutte le classi del liceo Classico Empedocle di Agrigento . Al Liceo scientifico Leonardo e al Majorana la campanella suonerà l’11 settembre. All’istituto Foderà-Brunelleschi l’inizio delle lezioni è fissato per il 14 settembre. All’istituo professionale Fermi si tonerà a scuola il 12 , un giorno prima, l’11 le prime. Stessa cosa per l’istituto Rita Levi Montalcini di Agrigento che comprende la materna Santa Chiara, le primarie Giovanni Paolo II, De Cosmi, Montessori , Nuova Manhattan e le secondarie di primo grado Federico II e Villaggio Peruzzo. Gli studenti dell’istituto Esseneto di Agrigento torneranno a scuola il 14 settembre prossimo mentre quelli dell’istituto “Agrigento – centro” , che comprende la primaria Lauricella e le secondarie di primo grado Pirandello e Garibaldi, l’11 settembre. Quest’anno alla preparazione per l’inizio dell’anno scolastico si è aggiunta la preoccupazione dei certificati da presentare per l’obbligo vaccinale. Ma non c’è nulla di ncui preoccuparsi, almeno per chi è in regola. L’Ufficio Scolastico Regione Sicilia e l’Assessorato alla Salute della Regione sono arrivati ad un accordo, al fine di semplificare gli adempimenti previsti. La nuova procedura concordata prevede che tutte le istituzioni scolastiche della Regione Sicilia invieranno gli elenchi degli alunni iscritti (che non hanno superato i 16 anni) alle A.S.P che, a loro volta, procederanno alla verifica della situazione vaccinale di ogni singolo alunno e, in caso di irregolarità, contatteranno le famiglie per la successiva regolarizzazione; a conclusione dei controlli le A.S.P. comunicheranno ad ogni singola scuola i nominativi degli alunni non in regola.

Una “classe” di mandolino al Bellini di Caltanissetta

Si sono aperte le iscrizioni per l’anno accademico 2017/2018 per il corso di mandolino nell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Bellini” di Caltanissetta. Una nuova e interessante realtà musicale che mira alla rivalutazione del repertorio colto dedicato al mandolino, strumento legatissimo alla tradizione popolare italiana e in particolar modo siciliana, che ha rischiato purtroppo negli anni di essere dimenticato. Fortemente voluto dal maestro Angelo Li Calsi, direttore dell’Istituto “Bellini” di Caltanissetta, il corso di Mandolino è rivolto a tutti coloro, senza alcun limite di età, che volessero intraprendere un percorso di studio e approfondimento su uno strumento che può costituire una valida e nuova opportunità professionale. Per informazioni rivolgersi alla segreteria studenti dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Bellini” di Caltanissetta. Tel. 0934/565997 – E-mail: segreteriastudenti@istitutobellini.cl.it

Scuola. Trasferimenti condizionati dalla 104

Nei giorni scorsi il ministero dell’Istruzione ha pubblicato i cosiddetti movimenti del personale della scuola primaria: trasferimenti, provinciali e interprovinciali, passaggi di cattedra e di ruolo. Sono oltre mille e cinquecento in Sicilia gli insegnanti che potranno lavorare nella propria Regione. In Provincia di Agrigento, ad esempio per la sola scuola primaria, sarebbero 29 i posti disponibili, di cui 13 di sostegno. Questi trasferimenti del personale, rientrano nell’ambito o delle assunzioni determinate due anni fa dalla riforma renziana definita la “Buona scuola” o dai docenti emigrati verso le regioni settentrionali che dopo diversi anni di servizio al Nord, hanno chiesto e ottenuto il trasferimento. La normativa prevede la “precedenza” nelle mobilità per i soggetti disabili o che assistono parenti in situazione di handicap, ovvero per quanti sono in possesso della ormai famosa legge 104. Si stima che in Sicilia, il personale trasferito che gode dei benefici di Legge sia circa il 68,3 per cento. In altre parole, due trasferimenti su tre sfrutterebbero le precedenze che consentono a docenti con minore punteggio di scavalcare i colleghi che hanno maturato più anni di servizio, e che comunque affidano alle assegnazioni provvisorie la speranza in una cattedra in Sicilia. Lo scandalo sul rilascio delle ormai famose 104 nell’agrigentino, ha ovviamente penalizzato numerose insegnanti, mamme di figli con disabilità gravissima in attesa di trasferimento a discapito invece di chi, può avere ottenuto una certificazione fittizia. Per capire meglio l’entità delle 104 in Sicilia, dove ricordiamo che il 68,3% del personale scolastico trasferito ne usufruisce, in Italia la media nazionale è pari al 21%. La Sicilia comunque in questa speciale classifica non ha il primato che invece spetterebbe alla Calabria.

[wp-rss-aggregator]

Le potenzialità del Liceo Musicale Majorana di Agrigento

Mancano pochi giorni alla chiusura delle iscrizioni per il prossimo anno scolastico. Per gli studenti agrigentini è tempo di scegliere, tra l’ampia offerta formativa degli istituti di scuola superiore dell’hinterland una menzione speciale va’ fatta sicuramente per il Liceo ad indirizzo musicale, “Ettore Majorana” di Agrigento. Un corso di studi rivolto agli amanti della musica. Capace comunque di offrire le competenze spendibili sia in ambito artistico che accademico. In merito, nel TG l’intervista alla dirigente scolastico Teresa Buscemi.

[wp-rss-aggregator]

Fortitudo School Cup II: i valori scendono in campo

Le rappresentative dei licei agrigentini, Leonardo, Majorana ed Empedocle e la squadra dell’Istituto Tecnico Sciascia, protagonisti in mattinata della seconda edizione della Fortitudo School Cup – Trofeo Erreà. La manifestazione sportiva promossa dall’Ufficio scolastico Provinciale in collaborazione con la società presieduta da Salvatore Moncada, nasce con l’obbiettivo di trasmettere ai giovani studenti, i veri valori dello sport. Al PalaMoncada comunque non è mancato neanche l’agonismo, con le squadre che si sono sfidate a suon di canestri e con il pubblico delle grandi occasioni che dagli spalti ha sostenuto i giovani cestisti scesi sul parquet del PalaMoncada a fianco degli atleti bianco azzurri. A fare il tifo per i propri studenti c’era anche la dirigente scolastico del Liceo Majorana, Istituto quest’ultimo detentore del titolo, la professoressa Teresa Buscemi. Nel TG l’intervista alla preside del Majorana.

 

[wp-rss-aggregator]

Diritti negati, il Tg 5 si occupa del calvario di una maestra di Favara

In un Paese paralizzato dalla burocrazia, dove dilaga la corruzione, i cittadini onesti per ottenere i propri diritti, spesso ricorrono alle denunce pubbliche tramite i media nazionali, nell’auspicio che le segnalazioni, grazie al clamore mediatico, possano trovare una risposta. Questo è stato il caso, ad esempio, di un’insegnante di Favara, che grazie all’intervento del TG5 e nello specifico del giornalista agrigentino Carmelo Sardo, ha potuto rendere noto il calvario a cui è sottoposta. Prima di addentrarci nella storia che la signora ha raccontato all’inviato di Mediaset però, occorre contestualizzare l’ambiente in cui questo accade. Siamo in Provincia di Agrigento, dove è in corso l’inchiesta “La carica delle 104”, l’indagine che vede coinvolte oltre un centinaio di persone, mira a fare luce su un presunto giro di truffe attuate da soggetti che, mediante certificazioni mendaci (ottenute grazie alla disponibilità di alcuni operatori sanitari) hanno usufruito i benefici previsti dalla Legge 104 che, nel caso degli insegnanti, serve ad ottenete l’assegnazione di una cattedra nella Provincia di residenza. Uno scandalo, questo dei furbetti delle 104, che vede proprio in Favara e Raffadali i centri più attivi nell’organizzazione dei rilasci delle certificazioni false che attualmente sono al vaglio della Magistratura. Fatta la dovuta premessa, passiamo ad esaminare il caso della signora Carmen. Una vita felice per la giovane docente, che con sacrifici, dopo un breve periodo da precaria, riesce finalmente ad ottenere la cattedra in una delle Province del Nord. Poi, con l’arrivo della prima figlia, il trasferimento provvisorio in Sicilia. IL calvario della signora Carmen però nasce con l’arrivo di Filippo, un bambino affetto da una rarissima encefalopatia e che proprio per la situazione clinica, necessita di assistenza continua. La mamma, inizia quindi a chiedere al Ministero dell’Istruzione di poter lavorare in un luogo vicino al proprio bambino. Richieste che non sono mai state accolte. Grazie ad una Legge, Carmen, comunque riesce a lavorare per tre anni alla Procura della Repubblica di Agrigento come cancelliere. Scaduti i 36 mesi però, Carmen è tornata ad insegnare a Palermo, centro distante circa a 3 ore di macchina dalla sua abitazione. Poi arriva la riforma della “Buona Scuola” di Renzi e paradossalmente, la mamma (insegnante di ruolo) che da circa 6 anni chiede al ministero di essere trasferita in una scuola della sua Provincia per poter essere vicina al figlio gravemente malato, non ottiene una cattedra nell’agrigentino perchè i posti, 52 per l’anno scolastico in corso, sono stati assegnati ad altrettanti docenti precari in possesso della famosa 104 personale. Carmen, anche lei è in possesso della 104, ma non quella personale, quindi ai fini della graduatoria, la mamma che al ritorno dal lavoro da Palermo anziché riposare è costretta a rimettersi in viaggio per Canicattì per portare Filippo in una struttura di riabilitazione, non può lavorare nella sua zona. Per esigenze che tutti, tranne lo Stato, comprendiamo, la mamma è spesso costretta ad usufruire dei congedi, in totale sono di due anni quelli concessi per la carriera degli insegnati. La signora Carmen li ha già quasi esauriti e da maggio prossimo, se le cose non cambiano, sarà costretta a lasciare il mondo dell’insegnamento. La signora si sente una vittima del sistema, gli abusi che negli anni si sono fatti dei benefici legati alla 104, dovrebbero far riflettere soprattutto chi, ottenendoli in modo illecito, toglie inesorabilmente il diritto a chi ne ha estremamente bisogno. L’auspicio naturalmente è che la dignità della lavoratrice e mamma, venga presa in considerazione dallo Stato che a volte, consentiteci, sembra quasi favorire i furbetti rispetto alla gente onesta che chiede solo ciò che gli spetta.

[wp-rss-aggregator]

Open Day all’Istituto Alberghiero “G. Ambrosini” di Favara

Tra le scuole superiori che effettivamente consentono ai propri studenti di avere reali opportunità occupazionali , ci sono sicuramente gli Istituti alberghieri. Sabato scorso, in occasione dell’open day, siamo stati ospiti dell’ Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera “Gaspare Ambrosini”di Favara, ad accoglierci il dirigente scolastico Milena Siracusa. Un tour speciale per la nostra troupe che ha trovato un istituto in fermento.

E’ possibile vedere le interviste nell’edizione odierna del TG.

Concerto di Natale del Majorana

Sotto i riflettori ieri pomeriggio gli studenti delle prime e seconde classi del liceo Majorana di Agrigento. Anche quest’anno il concerto di Natale che hanno proposto ha riscosso un grande successo riuscendo ad emozionare il pubblico presente nel foyer del teatro Pirandello. Una quantina tra cantanti, coristi ed orchestra , hanno sapito riecreare in pieno l’atmosfera natalizia. Un medley di canti natalizi in più lingue, pezzi di musica classica, brani interpretati con originalità da un’ “energica squadra” di professori e studenti. Gli studenti , seguiti da alcuni professori, hanno regalato alle famiglie e al dirigente scolastico, Teresa Maria Rita Buscemi, un’ora e mezza di musica giovane e di qualità, ricreando con il linguaggio universale delle note quell’atmosfera di serenità e speranza che contraddistingue il tempo natalizio.

Una performance curata nei minimi particolari, preparata dall’inizio dell’anno scolastico, che ha dato prova ancora una volta di  una scuola in cui l’insegnamento “tradizionale” si intreccia con l’arte, con la creatività, in un armonia che punta a “educare”, a tirare il meglio dagli studenti. Il concerto di Natale è stato presentato da Angelo Palermo. Presente in prima fila, tra gli altri, anche il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. A dirigere l’orchestra del “Majorana” il maestro Carmelo Farruggia.

 

[wp-rss-aggregator]

Agrigento: il Politi premia gli studenti modello.

Questa mattina al Liceo Scientifico e delle Scienze Umane “Raffaelo Politi di Agrigento, presso l’Aula Magna dell’istituto, si è tenuta la premiazione degli alunni distintisi per il merito negli studi. Gli studenti che hanno conseguito un brillante percorso scolastico nell’anno 2015/2016 ed un punteggio massimo all’esame Con quest’iniziativa il “Politi” punta a riconoscere ed a valorizzare il merito dei propri studenti.

La manifestazione di quest’anno presenta inoltre come novità, la prima edizione del premio “Cittadinanza Attiva”; ad essere premiati due studenti, uno per ciascun indirizzo di studi, Matteo Greco della VA ind. Scientifico e Francesco Gelo della VA ind. Scienze Umane. Questa novità dimostra che l’Istituto ha fatto proprie le più recenti istanze della cultura pedagogica italiana ed europea.

 

[wp-rss-aggregator]

Conclusa l’iniziativa del “Presepe delle scuole”

Grande successo per l’iniziativa “il presepe delle scuole” che ha visto oltre 4000 studenti, provenienti da Noto, Gela e da altre località della provincia agrigentina, “invadere” il suggestivo borgo di Montaperto per immergersi nella magica atmosfera natalizia. Quattro giornate de “Il presepe delle scuole” che non hanno soltanto arricchito gli studenti attraverso un profondo momento di “apprendimento divertente”, ma hanno cambiato anche ognuno delle circa 100 persone, tra organizzatori e figuranti che, dopo mesi di sacrifici e intenso lavoro, sono stati travolti dall’innocente entusiasmo e dalla coinvolgente meraviglia di questi piccoli visitatori. Protagonista di questi giorni, dunque, non soltanto l’immagine della Sacra famiglia riunita attorno al tenero Gesù bambino, ma anche lo stupore dei bambini davanti ad una realtà sconosciuta ma affascinante, che concretizza la vera atmosfera del Natale. Per la tanto attesa inaugurazione della nona edizione del “Presepe Vivente di Montaperto” si dovrà attendere lunedì 26 dicembre prossimo.

 

[wp-rss-aggregator]

Formazione in bilico in Sicilia

Non c’è pace per il settore della formazione professionale in Sicilia, adesso in bilico a causa di una sentenza del Tar. Il Tribunale amministrativo ha infatti accolto il ricorso di uno degli enti esclusi dalla graduatoria che rischia di rimettere in discussione tutti i corsi ordinari che avrebbero anche dato spazio a 3000 assunzioni. Il ricorso è quello della C&B Società Cooperativa Sociale per una serie di progetti che erano stati presentati all’amministrazione regionale ma ritenuti inammissibili.  Dal dipartimento regionale alla Formazione, assicurano: “La decisione del Tar riguarda il solo ente che ha presentato il ricorso, il resto della graduatoria andrà avanti regolarmente”. Intanto, partono ufficialmente oggi i corsi dell’obbligo scolastico, quelli che consentono ai ragazzi di frequentare percorsi d’istruzione alternativi alla scuola tradizionale e ottenere una qualifica professionale come ad esempio quella di cuoco, elettricista, operatore del benessere, grafico o edile. Si tratta di mille corsi di formazione destinati a una platea di 25 mila allievi a rischio dispersione scolastica che saranno seguiti da circa 1.500 tra docenti e personale amministrativo. Ieri l’assessorato alla Formazione ha pubblicato sul sito internet della Regione i due decreti relativi agli avvisi 4 e 7 che hanno ricevuto il via libera della Corte dei conti e che consentiranno l’avvio di altri 507 corsi degli anni scolastici 2015 e 2016.

 

[wp-rss-aggregator]

Viaggio nella legalità al Foderà

Ancora un “Viaggio nella legalita’” all’istituto Foderà di Agrigento grazie ai ragazzi del progetto “Legalità… un gioco da ragazzi”. Concorso di pittura, musical Grease, murales di Sergio Criminisi, esposizione della valle dei templi in miniatura: c’è questo e tanto altro in programma domani a partire dalle 9.30 nell’aula magna dell’istituto agrigentino. Il progetto , finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri diffuso su tutte le scuole superiori della provincia, è portato avanti dall’AICS , in collaborazione al gruppo di volontariato Vincenziano di Aragona ed alle Giubbe d’Italia di Cattolica Eraclea.

[wp-rss-aggregator]

Al Foderà giornata formativa sul pistacchio

Nell’ ambito delle attività dell’alternanza scuola lavoro si è svolta una giornata formativa sulla coltivazione del pistacchio organizzata dalla sezione Agrario dell’Istituto Fodera’ di Agrigento in collaborazione con l’Associazione per la Tutela del Pistacchio di Raffadali.

Gli alunni della 3 C,  dell’indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria, hanno avuto modo di apprendere  le tecniche di coltivazione e di potatura del pistacchio presso una azienda posta nello splendido scenario della valle templi. Durante la pausa dei lavori hanno inoltre potuto gustare una semplice colazione a base di pane e crema di pistacchio artigianale. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

In pagamento i contributi per la borsa di studio

Il sindaco di Agrigento Calogero Firetto e l’Assessore alle Politiche dell’Istruzione Beniamino Biondi comunicano che con determinazione dirigenziale n. 2267 del 8/11/2016 si è proceduto alla liquidazione del contributo per la borsa di studio agli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado per l’anno scolastico 2011/2012.

Gli aventi diritto potranno recarsi presso la tesoreria comunale presso la Banca Carige. [kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Quattro classi dell’Esseneto in visita al Giardino botanico del Libero Consorzio. Per votarlo come “luogo del cuore” c’è tempo fino al 30 novembre

Oltre 80 alunni di due classi dell’Istituto comprensivo Esseneto di Agrigento, sono stati in visita al Giardino Botanico del Libero consorzio in via Demetra ad Agrigento. A visitare il “parco” sono stati gli alunni delle seconde classi dei corsi A, B, C e D accompagnati da 8 dei loro insegnanti. Intanto continua a salire il numero di voti che sta raccogliendo proprio il Giardino Botanico a circa dieci giorni dalla presentazione della propria candidatura nell’ottavo censimento dei Luoghi del cuore indetto dal Fondo per l’Ambiente Italiano. Questa mattina infatti, le preferenze del Giardino, sono salite ad 82. Per votare, è sufficiente collegarsi al sito del FAI “www. I luoghi del cuore.it ” cliccando la propria preferenza sul “giardino botanico” di Agrigento. Per votare c’è tempo sino al 30 novembre prossimo.Tutti possono esprimere la propria preferenza per il Giardino Botanico dell’Ente collegandosi al sito “www.i luoghi del cuore.it”.

[wp-rss-aggregator]

Eduscopio, i migliori licei sono ad Agrigento e Canicattì

Sono i licei  Sciascia di Canicattì e il Leonardo di Agrigento i migliori scientifici della provincia. Lo dice la pagella di Eduscopio, per la fondazione Agnelli, che anche quest’anno ha stilato una classifica dei migliori licei d’Italia. Pagelle utili per aiutare studenti e genitori a sapere quali sono gli istituti che preparano meglio dopo il diploma agli studi universitari o al mondo del lavoro. Secondo chi redige la graduatoria, per il classico, invece, i migliori della provincia sono l’”Ugo Foscolo” di Canicattì e l’”Empedocle” di Agrigento.   L’istituto di ricerca ha vagliato, in tutta l’Italia, ben 4.378 scuole e ascoltato 700 mila studenti.Quella della scuola superiore è una delle scelte che può cambiare la vita. Liceo o istituto tecnico? Classico o scientifico? E come sarà il professionale? Le famiglie si interrogano, mediando tra i sogni dei ragazzi e le esigenze, spesso più concrete, dei genitori. E novembre è il mese della decisione. Certo, si considerano tanti aspetti ‘personali’ – vicinanza a casa, scelta del migliore amico, tam tam dei fratelli maggiori – ma può essere molto utile dare un’occhiata al portale delle migliori scuole superiori d’Italia.  Eduscopio.it è nato nel 2014: si possono vedere i risultati dei diplomati delle varie scuole dopo un anno di università oppure la percentuale di occupati dopo il diploma. In particolare per lo sbocco universitario sono stati ‘censiti’ ben 716.447 studenti.

[wp-rss-aggregator]

Agrigento. Progetto legalità al Liceo Majorana: estemporanea di pittura

Estemporanea di pittura sabato scorso al liceo “Majorana” di Agrigento , organizzata dal
progetto “Legalità… un gioco da ragazzi”. 16 i ragazzi che hanno preso parte all’iniziativa
disegnando sul tema della legalità. Il progetto, finanziato dalla Presidenza del Consiglio
dei Ministri,  diffuso su tutte le scuole superiori della provincia, è portato avanti dall’AICS  in
collaborazione al gruppo di volontariato Vincenziano di Aragona ed alle Giubbe d’Italia di
Cattolica Eraclea.
L’estemporanea, nei prossimi giorni, interesserà altri istituti superiori della provincia di
Agrigento e saranno coinvolti anche giovani delle scuole medie inferiori del territorio.
[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

FONTANA (NCD) su Ipia Fermi Agrigento: «L’istituto torni nel cuore della città»

«Plaudo alla notizia che i tecnici del Libero Consorzio di Agrigento stiano lavorando ad un progetto volto a recuperare il nucleo centrale dell’istituto Ipia Fermi di Via Mattarella».Così ha dichiarato il deputato regionale, vice capo gruppo NCD, Vincenzo Fontana, che ha aggiunto: «La strada che stanno percorrendo i tecnici del libero consorzio di Agrigento, ad oggi, è l’unica per riportare lo storico istituto nel cuore della città. Dal 2012, infatti, per una scelta inadeguata e inopportuna, l’istituto è stato trasferito nella zona industriale di Aragona, con gravi disagi per gli oltre 900 studenti e le loro famiglie – ha continuato l’onorevole Fontana -. Il progetto iniziale realizzato dal Libero Consorzio di Agrigento che comprendeva il recupero e consolidamento totale di tutti i nuclei dell’istituto, per una spesa totale di 90 milioni di euro, risulta essere insostenibile. Per questo, dopo 4 anni, ed i tanti disagi creati agli studenti – ha concluso Fontana – bisogna fare squadra per accelerare l’iter che consenta, in tempi brevi, l’inizio dei lavori».

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Presentato il progetto “La scuola adotta il FEC”

Si è svolta questa mattina in Prefettura ad Agrigento la conferenza stampa di presentazione del progetto “La scuola adotta il FEC”, che è il Fondo Edifici di Culto del ministero degli Interni, e la gestione è affidata alla Prefettura. Il patrimonio degli edifici di culto nella provincia agrigentina è costituito da 36 Chiese. Il progetto consiste in visite guidate delle scuole, giorno 7 maggio, nelle stesse Chiese, tra Agrigento, Burgio, Canicattì, Licata, Naro e Sciacca, con tante iniziative collaterali, tra mostre, esibizioni musicali, recitazioni teatrali e proiezioni. All’ iniziativa della Prefettura collaborano l’ Ufficio scolastico provinciale, la Soprintendenza ai beni culturali, la Curia arcivescovile e i Comuni interessati.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

LICEO POLITI, ‘LEZIONE -CONCERTO’

Una lezione concerto per avvicinare i giovani alla musica. E’ questa l’iniziativa che si è svolta questa mattina nell’aula Magna del liceo Politi di Agrigento. Protagonisti gli studenti delle classi del triennio  che hanno approfondito  un percorso interdisciplnare  tra letteratura, filosofia e musica. L’iniziativa rientra tra le attività del progetto ‘Sulle ali della lingua’  che punta al potenziamento delle competenze d’Italiano  anche attraverso l’ascolto, l’esecuzione e l’analisi di brani di musica classica. La lezione  ha compreso anche  l’esecuzione, al pianoforte ed al violino, di brani musicali da parte di docenti e alunni dell’Istituto . ‘ Le donne nella produzione artistica e musicale’ è stato  il tema centrale dell’attività, che ha puntato  ad analizzare la  creatività artistica, e musicale in particolare,  femminile tra ‘800 e ‘900 ed i pregiudizi sociali e culturali che hanno ostacolato il suo libero esplicarsi, relegando spesso le donne al ruolo di mere esecutrici, senza che venisse loro riconosciuto  il medesimo genio artistico nè lo stesso spazio  riservato agli uomini.

[kkstarratings][wp-rss-aggregator]

Liceo “Politi“: al Teatro Pirandello “Tenerezza” ,  un’iniziativa sul tema dell’autismo

Venerdì 22 aprile– gli alunni del biennio del Liceo Scientifico e del Liceo delle Scienze Umane „Politi“ di Agrigento assisteranno, presso il Teatro Pirandello, alle ore 9:30, allo spettacolo TENEREZZA di Lauro Versari, con gli attori Gaetano Aronica e Ivan Giambirtone, liberamente ispirato ai romanzi di Carmelo Samonà. Una pièce teatrale, incentrata sulla storia di due fratelli, uno dei quali affetto da autismo, che, con singolare sensibilità, scandaglia i molteplici e  complessi  aspetti del problema,  lasciando affiorare le umanissime e contrastanti sensazioni che la sindrome suscita nei familiari di chi ne è affetto: altruismo, generosità, rabbia, senso di frustrazione, di incapacità di reazione, di dolore, di impotenza … L’iniziativa, che rientra  nell’ambito del Progetto “Sulle ali della lingua”, rappresenta una straordinaria occasione formativa in quanto sottolinea l’importanza del teatro quale forma comunicativa e  strumento privilegiato di veicolazione di messaggi educativi.  Si tratta, inoltre, soltanto di una delle iniziative intraprese dall’Istituto in occasione della Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo, tenutasi il 2 aprile, sostenuta dallo stesso Miur  allo scopo di migliorare la qualità della vita degli alunni affetti da questa sindrome. Pertanto, alla rappresentazione teatrale seguirà un dibattito – coordinato dalla prof.ssa Rancatore – sul tema della diversità, cui parteciperanno alcuni esperti e gli stessi attori,  che punterà, attraverso l’informazione e la riflessione critica, a destrutturare pregiudizi e stereotiopi, concorrendo alla maturazione negli studenti di una maggiore consapevolezza sul tema e di un clima relazionale nelle scuole autenticamente improntato all’accoglienza ed all’inclusione.

[wp-rss-aggregator]

Bonus libri scuola, nota del comune di Agrigento 

Scade prossimo 16 aprile, al Comune di Agrigento, il termine di presentazione delle richieste di fornitura gratuita e semigratuita dei libri di scuola. Per accedere al beneficio, il reddito Isee di riferimento non dovrà essere superiore a 10mila e 632 euro all’ anno. Il modello della domanda può essere ritirato direttamente nelle scuole di appartenenza oppure può essere scaricato dal sito internet del Comune o ritirato all’ Ufficio Pubblica Istruzione del Comune di Agrigento in via Atenea 248 (ex tribunale), dove per le informazioni rispondono al numero telefonico 0922 59 04 48.

ALL’ISTITUTO  SCIASCIA SI PARLA DI BULLISMO 

‘Bullismo , cyber-bullismo  diritto alla diversità’ il tema di cui si è discusso oggi all’Istituto Leonardo Sciascia di Agrigento. All’interno dell’aula Magna, sotto il coordinamento della professoressa Giuseppina Parisi, gli alunni sono stati chiamati a confrontarsi con un tema di importante attualità alla presenza dei rappresentanti delle forze dell’ordine  e di psicologi. Durante l’incontro si è parlato non solo delle vittime del bullismo ma anche della debolezza dei bulli che spesso viene sottovalutata.  Altro argomento importante, il rispetto del diritto alla diversità

OPEN DAY AL LICEO POLITI 

Tempo di pensare al futuro per numerosi giovani in provincia di Agrigento ed è per questo che il Liceo Politi  ieri pomeriggio ha aperto le porte ai ragazzi che devono scegliere il loro percorso di studi che li accompagnerà per i prossimi cinque anni.  Un Open Day  che ha dato la possibilità ai partecipanti  di conoscere l’istituto e apprezzarne le offerte formative in modo da consentire la possibilità di effettuare una scelta consapevole.  Il liceo Politi propone, come risaputo, due indirizzi:quello Scientifico e quello delle Scienze Umane.  Dopo una cerimonia di benvenuto, i ragazzi accolti dagli studenti che frequentano già la scuola, hanno partecipato a dei momenti musicali, di sport  e tanto altro ancora.  Hanno ricevuto poi nei dettagli tutte le notizie dettagliate sul percorso di studi che potranno attuare in relazione alle proprie attitudini e aspirazioni professionali. Un momento importante la scelta del proprio futuro al quale si associano anche  numerosi dubbi , ed è per questo motivo che l’Open Day introdotto negli ultimi anni tra le scuole agrigentine, mira a fare adottare delle scelte consapevoli alle nuove generazioni.

Iscrizioni alle scuole d’infanzia di Agrigento

Il Comune di Agrigento informa che per l’anno scolastico 2016/2017 le iscrizioni nelle scuole d’infanzia comunali paritarie sono possibili fino al prossimo 22 febbraio, nelle sedi delle singole scuole d’ infanzia “II Cucciolo” in Via Capuana 8 al Villaggio Mosè, e “II Giardino Fiorito” in Via Regione Siciliana 91, oppure al servizio Pubblica Istruzione in Via Atenea 248, Piazza Gallo. L’iscrizione alla scuola d’infanzia comunale è gratuita.

LEGGE “104” NELLE SCUOLE DI AGRIGENTO E GLI IMMERITEVOLI 

E’ sempre lotta tra gli impiegati per usufruire dei benefici derivanti dalla legge 104. E cosi, dopo una serie di controlli, si è accertato  che, ad Agrigento, uno su cinque,  ha usufruito della legge senza che gli spettasse. Sul tavolo dell’ex Provveditorato della città, la documentazione per i provvedimenti di revoca  delle sedi ottenute proprio grazie alla 104. L’effetto  è stato dunque quello di rinviare nelle destinazioni prestabilite docenti e personale Ata che hanno lasciato Agrigento per prendere l’incarico nella sede loro assegnata.

Il “fascicolo” di ogni provvedimento di revoca è stato, inoltrato   alla Procura della Repubblica per gli accertamenti del caso da parte degli inquirenti. Un altro fascicolo, contenente una trentina di nomi  è stato inviato all’Inps. Tutte le persone elencate  e che,

dal primo settembre del 2015, grazie alla legge 104, hanno ottenuto il trasferimento, saranno controllate.

Germana Peritore: una scrittrice licatese che ha conquistato l’Italia

Oggi vi presentiamo una scrittrice di origini agrigentine: Germana Peritore, nata a Licata, laureata in Lettere Moderne all’Università di Palermo. Si è poi trasferita per insegnare Letteratura italiana e latina nei Licei piemontesi. Ha scritto testi e sceneggiature con il Laboratorio Teatro Settimo per l’Assessorato alla Gioventù della città di Torino sui temi della creatività, dell’espressività e della comunicazione attraverso il linguaggio teatrale. Successivamente ha scritto libri, saggi, memorie e racconti di cui vi consigliamo la lettura:
– “Giuseppe Giacosa. Dai castelli canavesani al sogno americano.” (un libro che ripropone il viaggio di Giuseppe Giacosa negli Stati Uniti, un’attuale testimonianza nonostante siano passati oltre cent’anni).
– “Tante Sicilie, tante Americhe” (i racconti di una famiglia licatese che emigra negli Stati Uniti, il punto di vista di una nonna sui parenti emigrati, l’esperienza del padre che visse lo sbarco degli americani a Licata, le guerre mondiali e gli intrecci personali).
– “Rosalia dei gatti” (un libro per tutti coloro che, come Germana, somigliano ai gatti e i gatti somigliano a loro. Intelligenti e curiosi, discreti e riservati, solitari e indipendenti, affettuosi ma anche cacciatori).
– “Eros, Catullo e le Ragazzacce” (un libro dove Germana ci sorprende, una contrapposizione affascinante tra Eros, mito epico e protagonista indiscusso e le nuove ragazzacce che sconvolgono le regole dell’amore con sms e email, con consapevolezza e passione. Un punto di vista molto femminile sul sesso, l’eros, l’amore, la seduzione e la passione).
Una scrittrice che porta nel cuore la sua Sicilia e ne fa riferimento in molti suoi scritti, una donna che ama le sue origini e la sua femminilità.

germana

Successo per il concerto di Natale del Majorana

L’atmosfera natalizia ricreata nella musica dagli studenti del Liceo Majorana. Un medley di canti natalizi in più lingue, pezzi di musica classica, brani interpretati con originalità da un’ “energica squadra” di professori e studenti. Così il Liceo Musicale “Ettore Majorana” di Agrigento ha fatto gli auguri di buone feste con un concerto natalizio che si è svolto nell’auditorium dell’Istituto Nicolò Gallo. Insieme, professori e studenti hanno regalato alle famiglie e al dirigente scolastico, Teresa Maria Rita Buscemi, due ore di musica giovane e di qualità, ricreando con il linguaggio universale delle note quell’atmosfera di serenità e speranza che contraddistingue il tempo natalizio. Una performance curata nei minimi particolari, preparata dall’inizio dell’anno scolastico, che ha dato prova ancora una volta di  una scuola in cui l’insegnamento “tradizionale” si intreccia con l’arte, con la creatività, in un armonia che punta a “educare”, a tirare il meglio dagli studenti. Il concerto di Natale è stato presentato dal giornalista Davide Sardo. Presente in prima fila, tra gli altri, il provveditore agli studi di Agrigento, Raffaele Zarbo. A dirigere l’orchestra del “Majorana” il maestro Carmelo Farruggia….

“Sei stato Convocato” , inaugurazione palestra Castagnolo

“Sei stato Convocato”. Questo il nome dell’evento di stamani  nella palestra coperta dell’Istituto Comprensivo “Campo Sportivo”. Ospiti degli alunni, dei docenti e del personale scolastico diretti dalla preside Maria Giovanna Cassaro è  stata la Fortitudo Agrigento.  L’occasione è stato un modo per dare evidenza alla recente consegna alla scuola della ristrutturata palestra del plesso “ex Castagnolo” da parte del Comune di Agrigento. I bambini della scuola elementare hanno incontrato i giocatori biancazzurri accompagnati dal d.s. Cristian Mayer e dal coach Franco Ciani. Un’iniziativa promossa dall’associazione “Arca di Noè” di Maurizio Bellia (che organizza i corsi di minibasket al PalaMoncada), impegnata come sempre nel valorizzare proposte formative, attività sportive e culturali.

MANIFESTAZIONE STUDENTI CONTRO LA LEGGE 107

Manifestazione studentesca questa mattina tra le vie della città. Gli studenti agrigentini sono scesi in piazza contro la legge 107, quella della”Buona Scuola, e soprattutto, contro ogni forma di violenza religiosa. Il lungo corteo è partita da piazza Cavour, attraversato Viale della Vittoria, Questura, Via Atenea per fermarsi in pizza Pirandello, sede del comune di Agrigento. Ad organizzare la manifestazione è dtata la neo eletta Consulta Provinciale studentesca che ci ha spiegato i motivi della scesa in campo di stamani. Oltre ai motivi prettamente didattici nella lunga mattinata c’è stato spazio anche per la commemorazione delle vittime della tragedia di Parigi attraverso l’inno francese. Presenti in gran numero anche tante scuole della Provincia di Agrigento che hanno raggiunto la Città dei Templi esclusivamente per manifestare insieme agli altri istituti.

Schermata 2015-11-17 alle 13.57.47 Schermata 2015-11-17 alle 13.57.33 Schermata 2015-11-17 alle 13.58.26

 Convocazione ad Agrigento per 485 insegnanti da immettere in ruolo

Arrivano buone notizie per gli insegnanti della provincia agrigentina. In 485 hanno ottenuto un contratto a tempo indeterminato. Gli uffici del Provveditorato agli studi di Agrigento ha pubblicato il calendario per le convocazioni relative alla scelta della sede provvisoria per l’immissione in ruolo. Il Ministero dell’Istruzione ha inviato nei giorni scorsi  una proposta di assunzione a tempo indeterminato nei ruoli agli insegnanti che ne hanno fatto richiesta  dei tre ordini d’istruzione primaria, media di primo e secondo grado. Prevista per il 26 novembre la convocazione dei selezionati nei locali dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Michele Foderà” in via Matteo Cimarra ad Agrigento. In tutto sono 485 gli insegnanti tra precari e vincitori di concorso  che sono rientrati nella fase “C”  della legge 107 della riforma scolastica “La Buona Scuola”. Con la fase C della Riforma sono stati assunti, in una prima tranche,  i vincitori  del  concorso bandito nel 2012  e che prevedeva l’abilitazione  come titolo di accesso. Per i restanti posti il Ministero ha attinto   agli iscritti alla graduatoria ad esaurimento. Giovedì 26 saranno assegnate 152 cattedre ad insegnanti delle scuole elementari. In base alle classi di concorso, il venerdì successivo verranno assegnate le cattedre a settanta docenti.  Nella scuola media  di primo grado sette i posti assegnati per l’insegnamento del sostegno. Ma non mancano le lamentele. A molti di questi insegnanti sono state assegnate città al nord Italia e molti di loro si vedranno costretti a rifiutare l’immissione in ruolo a causa dei problemi sia organizzativi che economici legati ad un eventuale trasferimento, specialmente se ad averlo ottenuto è un insegnate che ha figli o il consorte che lavora  nella nostra provincia .

Faraone e la Buona Scuola ad Agrigento

E’ stato un sabato colmo di lavoro per il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone. Un tour in provincia di Agrigento, dalla montagna al mare, per incontrare imprenditori, studenti, docenti, genitori, dirigenti scolastici e dirigenti del partito democratico. Sabato mattina, Faraone, e’ intervenuto a Bivona dove ha presieduto l’iniziativa sullo sviluppo locale “Sicani Lab”. Poi ha incontrato le scuole Manzoni e Pirandello. Nel pomeriggio e’ sceso a Favara per un sopralluogo alla scuola “Don Bosco”, chiusa dopo il recente crollo di calcinacci. Da Favara poi si e’ spostato ad Agrigento. Faraone ha partecipato alla conferenza provinciale dei dirigenti scolastici della provincia di Agrigento, convocata dal Direttore dell’Ufficio scolastico provinciale, Raffaele Zarbo. Riflettori puntati sulla riforma della scuola detta “La Buona Scuola”.  Nel tardo pomeriggio Davide Faraone e’ intervenuto nella sede del Partito democratico per incontrare i vertici provinciali del Pd e fare il punto anche sull’attuale crisi politica siciliana.

I giovani scelgono gli studi negli istituti agrari e alberghieri

La crisi occupazionale dei giovani sta evidentemente portando gli studenti a dirigere le proprie scelte per il futuro verso settori che prima erano in calo. È quanto è emerso da una analisi di Coldiretti Giovani Impresa che ha analizzato le iscrizioni alle prime classi nell’anno scolastico 2015/2016. Quello che è emerso è un incremento di iscrizioni alle prime classi degli istituti tecnici di amministrazione, finanza e marketing che sono più di 42mila giovani. Quelli che invece hanno optato per l’enogastronomia e l’alberghiera sono stati oltre 46mila, ai quali si aggiungono altri 15mila iscritti alle prime classi degli istituti tecnici e professionali agrari. Oltre il 20% hanno scelto un indirizzo legato all’agricoltura. Il dato fa pensare che gli italiani vedano una prospettiva di lavoro nell’agricoltura e nel cibo. Scese al minimo storico invece, secondo Coldiretti, le iscrizioni agli istituti professionali con indirizzo industriale. Al primo anno ad iscriversi poco più di 19mila giovani, in calo rispetto all’anno precedente e più che dimezzati rispetto al 2007/2008 quando erano stati in 48mila. In pratica in forte crisi figure come ragionieri e tute blu, a prendere la scena è ora il settore legato al cibo. Sempre secondo Coldiretti su Ipr Marketing, questo tipo di scelta sarebbe dovuta alla conferma di un rinnovato prestigio sociale del lavoro nei campi, ed il fatto che quasi un genitore su tre consiglierebbe ai propri figli di fare l’agricoltore e che il 55% sarebbe contento se il figlio o la figlia sposasse un agricoltore. Grazie all’ingresso dei giovani agricoltori, che hanno scelto di vivere e lavorare in campagna per realizzare il proprio sogno imprenditoriale, in Italia è nata una azienda agricola su tre negli ultimi dieci anni. A dimostrazione che i giovani, prima e meglio di altri, hanno capito che il nostro paese per crescere deve puntare su quegli asset di distintività nazionale che garantiscono un valore aggiunto nella competizione globale come il territorio, il turismo, la cultura, l’arte, il cibo e la cucina.

L’assessore Lo Bello al Liceo “Empedocle”

La presentazione del Piano dell’Offerta Formativa, una visita alle aule tematiche ed il benvenuto alle matricole del Ginnasio. Si è aperto così il nuovo anno scolastico del Liceo Classico “Empedocle” di Agrigento inaugurato questa mattina dall’assessore regionale alla pubblica istruzione, Mariella Lo Bello. L’assessore Lo Bello è stata accolta dal corpo docente, dagli studenti e dai genitori dei nuovi ginnasiali. Per un politico donna, anche un dirigente scolastico donna. La sensibilità “in rosa” del vice presidente della Regione ha incontrato quella di Annamaria Sermenghi, orgogliosa dell’istituzione scolastica che dirige.

12009607_10205913765735514_1192995952365645930_n

CERIMONIA CONSEGNA DIPLOMA FIRETTO 

Nel corso di una cerimonia,in vero e proprio “stile campus universitario americano”, presso l’area esterna del Liceo Classico Empedocle, il sindaco Lillo Firetto ha consegnato il diploma di Maturità ad alcuni tra gli oltre 200 giovani diplomati.  Alla cerimonia, presente la Dirigente scolastica Anna Maria Sermenghi anche in qualità di presidente della Fondazione Empedocle per la promozione della cultura classica, oltre al sindaco Firetto è intervenuto l’ex rettore dell’Università Tor Vergata di Roma, prof. Finanzzi Agrò, ex alunno del liceo Empedocle.

11175042_1093161020713498_6562899716979761666_n 11248058_1093160340713566_2437481524810017329_n

A settembre assunzione di 100 nuovi docenti nella scuola agrigentina 

Buone notizie nel mondo dell’insegnamento della provincia agrigentina. Il Provveditore agli studi di Agrigento ha predisposto l’assegnazione di 100 cattedre, comprese quelle di sostegno  alle  scuole di primo e secondo grado. Si tratta di posti liberi e saranno assegnati ai docenti aventi diritto. Sono posti che si sono liberati in seguito a  trasferimento dei docenti. Nel dettaglio sono  51 assunzioni nella scuola media di primo grado nelle materie curriculari e 29 negli istituti di istruzione secondaria superiore e 18 immissioni nei ruoli del sostegno nove per la media di prima grado ed altrettanti nelle medie  superiori. Entro il 15 settembre,  dopo le disposizioni ministeriali, si potrà dare corso all’immissione in ruolo. I docenti che hanno diritto all’assunzione  sono per il 50% i vincitori dei concorsi a cattedra del 1990, 1999 e 2012. Per l’altro 50 % dei docenti il Provveditorato attingerà alle graduatorie ad esaurimento. Esclusi i posti resi liberi che saranno inseriti nelle assunzioni previsti dalla recente riforma La Buona Scuola. Assunzioni dovrebbero essere in 1500 nelle provincie  siciliane per dare vita anche all’organico funzionale, docenti che avranno la particolare funzione di portare avanti progetti di formazione. Insomma per i docenti agrigentini in attesa di occupazione il nuovo anno scolastico sarà un anno di svolta positivo.

MATURITA’, OGGI TERZA PROVA 

Terza ed ultima prova scritta per i maturandi al confronto oggi con degli esami non ministeriali ma preparati da un consiglio di classe che decidE su argomenti e domande e con la particolarità di essere differenti per ogni istituto.  Dopo l’ansia delle prime due giornate, oggi ultimo sforzo alle prese con un compito che desta varie preoccupazioni tra gli studenti. Un fine settimana trascorso a provare le varie simulazioni  tramite il consulto di siti internet che hanno proposto  domande, adeguate per ogni indirizzo di studi. Variegati quesiti hanno consentito agli studenti di acquisire velocità e confidenza con gli argomenti. Tutti pronti con schemi e riassunti sottobraccio per un ripasso veloce prima di entrare a scuola. Dopo la prova di oggi, si attenderà il confronto con il round finale, ovvero la prova orale su tutte le materie. Ultimo esame che metterà i ragazzi e i professori uno di fronte all’altro  sulle materie studiate durante l’ultimo anno scolastico. L’inizio degli orali avverrà non prima delle 48 ore successive alla pubblicazione dell’esito delle prove scritte.

La  VC del geometra Brunelleschi festeggia i 50 anni dalla maturità

Eccola la VC del 1965 dell’Istituto tecnico per geometri Brunelleschi. Sono passati 50 anni dalla maturità e si sono voluti incontrare nella loro vecchia scuola. L’ex collegio dei Filippini 50 anni fa era il loro istituto scolastico e fra quelle mure gli ex alunni hanno ricordato ogni singolo momento vissuto tra i corridoi e le vecchie aule. Tanta emozione anche per Mario Li Causi, uno degli alunni che ha anche avuto l’onore di essere il progettista del restauro dell’istituto. Come tutti gli studenti anche loro hanno ricordato le marachelle compiute da ragazzi, come l’entrare in seconda ora perchè impreparati per la materia della prima e per lo più con un permesso auto firmato. La ricreazione vissuta come un momento di libertà. La sofferenza durante il compito in classe.  Hanno ricordato le figure che li hanno accompagnati durante gli studi come i bidelli, gli insegnati e il Preside Alletto e hanno raccontato aneddoti curiosi che non dimenticheranno mai. Dopo 50 anni per un giorno sono ritornati i ragazzi di un tempo, con qualche capello bianco in più, ma con la stessa voglia di vivere un’amicizia consolidata nel tempo.

IMG_6099 IMG_6098 IMG_6097

ESAMI DI MATURITA’, OGGI SECONDA PROVA

Sono ritornati sui banchi di scuola oggi i maturandi per affrontare la seconda prova, diversa per ogni istituto. Ed ecco alcune tracce con le quali i ragazzi oggi si sono dovuti confrontare.  Per i ragionieri un compito  di Economia aziendale, con  domande sul conto economico e lo stato patrimoniale e un estratto di Relazione sulla Gestione di società che opera nel settore industriale.  Al liceo classico, Tacito per la versione di latino con un brano tratto da “Gli ultimi giorni di Tiberio”; lo studio di funzioni e uno dei due problemi sul piano tariffario di un operatore telefonico per chiamate all’estero, allo scientifico. Ed ancora un pezzo dedicato al cibo, per i maturandi del linguistico. Per l’Istituto alberghiero  il tema sull’obesità, per analizzarne le possibili cause e le strategie per contrastarla, mentre a Scienze umane, l’elaborato sull’importanza del lavoro nel processo educativo. Progettazione, costruzione e impianti per i Geometri, alle prese con la costruzione del padiglione di una struttura ricettiva.  Adesso, occhi puntati a lunedi prossimo, 22 giugno, per la terza ed ultima prova scritta che accerterà competenze, abilità e conoscenze dei ragazzi e poi round finale con l’esame orale.

Al via gli esami di maturita’ 2015

Quasi mezzo milione di studenti ha affrontato stamattina la prima prova dell’esame di Stato che chiude il ciclo delle superiori. Si è cominciato con lo scritto di Italiano, uguale per tutti, dal Classico ai Tecnici. Loro sono i maturandi del liceo Empedocle alle prese con l’analisi del testo, la redazione di un articolo di giornale/saggio breve, temi di argomento storico e di ordine generale. Hanno avuto sei ore a disposizione per lo svolgimento di una delle tante tracce. Un brano de “Il sentiero dei nidi di ragno” di Italo Calvino per l’analisi del testo. La traccia storica e’ stata, invece, una riflessione sulla Resistenza. Nel tema di ordine generale proposto ai maturandi si e’ partito da un brano di Malala, “I libri e le penne sono le nostre armi piu’ potenti”, per riflettere sul diritto all’istruzione. Quattro i temi relativi alla redazione del saggio breve. In ambito letterario la traccia e’ stata sulla letteratura come esperienza di vita. Ed ancora tematiche relative all’immigrazione nella traccia sociale riguardo al Mediterraneo atlate geopolitica d’Europa e come specchio di un popolo. Inoltre una traccia sulle sfide del XXI secolo e la competenza del cittadino nella vita economica e sociale, con allegato un testo di Visco. Giovedi’ tocca alla seconda prova, diversa per ciascun indirizzo e quest’anno con qualche new entry visto che fanno il loro debutto alla Maturita’ i nuovi indirizzi della riforma Gelmini, liceo coreutico e musicale in testa. Lunedi’ si chiude il tris degli scritti con il cosiddetto quizzone, messo a punto dalla singole commissioni.

ESAMI DI STATO , IMPAZZA IL TOTOTEMA 

Ultimi giorni per il ripasso che mercoledi porterà i maturandi ad affrontare la prima prova di Stato. Come da tradizione, si inizia con quella di italiano, uguale per tutte le scuole. Si procederà poi con la seconda prova giovedi 18 giugno, mentre lunedi 22, appuntamento con la terza prova, diversa per ogni istituto. Occhi puntati adesso per giorno 17 quando, i ragazzi si confronteranno con l’impatto della prima prova e, inutile a dirsi, impazza il tototema. Al via dunque le ipotesi sulle tracce che sceglierà il Miur  con riferimento al saggio breve tema storico, articolo di giornale, tema di attualità e  analisi del testo letterario. Ed ecco che alcuni siti internet provano ad aiutare i maturandi con delle tracce papabili, anche se, è impossibile conoscere il contenuto degli argomenti che verranno proposti. Tra gli argomenti che si consiglia di approfondire, i 750 anni dalla nascita di  Dante, Quasimodo, Italo Svevo ed Italo Calvino, Umberto Saba, Foscolo e Ungaretti. E poi ancora l’Expo di Milano, l’Isis e il terrorismo, il fenomeno dell’immigrazione , l’elezione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dunque , ultime ore per preparare il tutto e poi appuntamento alle 8.30 a scuola per l’appuntamento con la maturità.

INSEGNANTI IN PROTESTA CONTRO “LA BUONA SCUOLA”

Tutti in protesta contro “La Buona scuola” oggi ad Agrigento come in numerose piazze italiane. Gli insegnanti hanno manifestato contro il disegno di legge  del governo Renzi  che, nelle scorse settimane,  è stato esaminato dalla Settima commissione della Camera generando il malcontento dei diretti interessati. Cosi, questa mattina, traffico veicolare  bloccato, ad Agrigento, gli insegnanti si sono messi in marcia per manifestare la loro contrarietà ad una riforma ritenuta ingiusta e inaccettabile.Quella di oggi è stata anche una protesta contro le 104 assegnate ingiustamente.

PROGETTO SIMIT , ESERCITAZIONE DI SOCCORSO AL POLITI

Al liceo Politi di Agrigento questa mattina si è svolto un incontro nell’ambito del SIMIT, il progetto strategico di protezione civile Italo-Maltese per la prevenzione e la mitigazione dei rischi nell’area del Canale di Sicilia e per la realizzazione di un piano di Protezione Civile nelle isole di Lampedusa e Gozo. Per l’occasione, i ragazzi hanno assistito ad una esercitazione di soccorso.

“Make Yourself” tra gli studenti per costruire il futuro Il Distretto turistico Valle dei Templi apre ai giovani per la cultura d’impresa

“Make Yourself” è il tour informativo che prenderà il via il prossimo 28 marzo nelle scuole superiori di Agrigento, al fine di promuovere la cultura d’impresa tra i giovani ed organizzato dal Distretto Turistico Valle dei Templi. Sabato, dalle 10, al Liceo Scientifico Leonardo, saranno presentate agli studenti agrigentini le possibili iniziative imprenditoriali derivanti anche dall’utilizzo delle stampanti 3D e dalla condivisione di idee e nozioni che possono nascere all’interno di reti tematiche e comunità.  Il tour informativo farà tappa il 13 aprile, alle 9, all’ITC Sciascia, il 14 aprile, alle 11, al Liceo Classico Empedocle. Seguiranno altri appuntamenti al Polo universitario e in altre scuole di Agrigento.

“Nontiscordardime -operazione scuole pulite”

Si chiama “Nontiscordardime -operazione scuole pulite” ed è un’iniziativa promossa da Legambiente e che ha coinvolto nel fine settimana  i ragazzi  dell’Istituto Comprensivo  “Esseneto di Agrigento”. Un’attività  dedicata alla qualità  e alla vivibilità degli edifici scolastici intesa sia come recupero delle carenze strutturali ma, soprattutto, delle relazioni con il territorio. Adulti e bambini, sotto la guida dei membri di Legambiente,  hanno condiviso la volontà di comprendere e vivere la “SOSTENIBILITA’ Ambientale” affinchè da futuri cittadini, con atteggiamenti di autentica Cittadinanza Attiva, possano avere cura del territorio, e fare del CAMBIAMENTO il loro nuovo stile di Vita Sostenibile. UNA SFIDA diretta a ricostruire il concetto  di bene  comune ed incoraggiare l’orgoglio dell’appartenenza e della partecipazione alla vita collettiva incentivando piccoli gesti all’insegna del rispetto dell’Ambiente.

 

 

Manifestazione studenti del Cupa al grido “la cultura è il nostro futuro”

Un calvario quello degli studenti del Polo Universitario di Agrigento che ogni anno mette in croce i ragazzi che vogliono studiare nella propria città. Questa mattina una manifestazione  per gridare con megafoni e fischietti tutto il loro malessere dovuto alle incertezze che regnano costantemente sulle sorti del Cupa. Una croce di legno realizzata dai ragazzi di architettura e corone di fiori che simboleggiano la morte del Polo. Non ci stanno gli studenti e Il Presidente del Cupa che ha manifestato con loro chiedendo soluzioni vere. (intervista a  Maria Immordino, Pres. Cupa) Al grido la cultura è il nostro futuro gli studenti hanno sfidato la pioggia ed il vento per protestare contro chi ha fatto morire il Polo di Agrigento che senza finanziamenti economici e con  un consorzio universitario ormai inesistente, prossimo alla liquidazione. Rischia di chiudere battenti a settembre. (Intervista a studenti) Rabbia e amarezza perchè gli studenti non vogliono studiare in un altra città ma qui ad Agrigento. (intervista a studenti) + (Stund up) Presente alla manifestazione oltre ad alcuni esponenti politici, anche il Cardinale Francesco Montenegro che accanto ai ragazzi si oppone alla chiusura del Polo universitario. (intervista a Don Franco Montenegro, Cardinale) La manifestazione ha attraversato la via Imera per giungere nel Palazzo Della Provincia per chiedere un incontro con il Commissario Straordinario del Libero Consorzio Giusy Di Liberto che ha incontrato una delegazione di studenti insieme al Prefetto Nicola Diomede e il Presidente del Cupa Immordino. La situazione economica rientrerà solo per permettere di completare l’anno accademico, per il futuro, se i vertici regionali e nazionali non prenderanno in mano la situazione  la sorte del polo universitario di Agrigento  è tristemente segnata.

IMG_4872 IMG_4873 IMG_4874 IMG_4875 IMG_4876 IMG_4877 IMG_4878 IMG_4879 IMG_4871 IMG_4870 IMG_4869 IMG_4868 IMG_4867 IMG_4867 IMG_4866 IMG_4865IMG_4880 IMG_4881

Nuovo indirizzo Tecnico Nautico all’istituto Nicolò Gallo di Agrigento

Il territorio agrigentino si arricchisce di un nuovo indirizzo formativo e culturale grazie ad un nuovo percorso di studio dell’Istituto per il commercio ed il turismo Nicolò Gallo nella sede distaccata di Porto Empedocle. L’indirizzo Tecnico nautico. Un territorio che dopo trent’anni ha nuovamente questo tipo di corso, in una città di mare come Porto Empedocle che vede all’interno dello scalo portuale navi traghetto, mercantili, e navi crociere. Per il sindaco Lillo Firetto ha per la città,  a cui nel passato è stato negato il mare, un significato particolare.   Un’impegno per il quale ha creduto e che dal 2007 ha lottato per riportarlo nella città naturalmente vocata. (Intervista a Lillo Firetto, sindaco di Porto Empedocle) Il nuovo indirizzo è stato fortemente voluto dal corpo docenti e dal provveditore agli studi di Agrigento Raffaele Zarbo.  (intervista a  Raffaele Zarbo, provveditore agli studi di Agrigento)Saranno coinvolte le capitanerie di Porto dell’isola e gli studenti potranno scegliere tra due diverse specializzazioni Costruzione e conduzione dei mezzi navali. Le iscrizioni, visto il ritardo con cui sono partite, sono attualmente aperte. (intervista Girolama Casà,  dir.  Istituto Nicolò Gallo) Il nuovo indirizzo tecnico nautico darà la possibilità agli studenti del nostro territorio  di rimanere nella propria città, ma soprattutto avere maggiori possibilità occupazionali in un territorio naturalmente vocato alla nautica come Porto Empedocle. (intervista  a studentessa)

 

 

 

Gli alunni del Politi incontrano il regista “Agli uomini Piace Uccidere”

Questa mattina al cinema Astor , nell’ambito del “Progetto Cinema”  le classi del primo biennio del liceo scientifico e delle scienze Umane Raffaello Politi, gli alunni hanno assistito alla proiezione del film “Agli uomini piace uccidere” un giallo psicologico. Obiettivo dell’incontro affrontare tematiche come la lotta alla pedofilia, tutela dell’infanzia e della vita umana con il regista del film PierFrancesco Laghi. A curare il Progetto la docente Rossana Neri.

Protesta inoltrata degli studenti nelle scuole agrigentine per mancanza di riscaldamenti

Continua senza sosta la protesta degli studenti nelle scuole agrigentine per il freddo e per la mancanza di riscaldamenti che impedisce il regolare svolgimento delle lezioni in quasi tutti gli istituti della città. A quattro giorni di distanza dal piccolo e particolare sciopero tra i banchi di scuola in pigiama ieri e’ stato nuovamente il turno dell ’Istituto “Leonardo Sciascia” di Agrigento che con una piccola manifestazione ha cercato nuovamente  di attirare l’attenzione dei dirigenti scolastici e dell’opinione pubblica. Sciopero che ha visto la partecipazione di tutti gli studenti dell’istituto uniti e compatti per un unico obiettivo. Danno oltre la beffa, però, per i ragazzi del Leonardo Sciascia che hanno si ottenuto l’appoggio della preside Patrizio Marino che tuttavia non ha condiviso i modi della protesta e punito i partecipanti.

OPEN DAY AL NICOLO’ GALLO

Open day ieri pomeriggio all’istituto professionale di Agrigento Nicolo’ Gallo. La scuola, ha ospitato gli alunni che il prossimo anno sceglieranno il loro percorso di studio che li avvierà al diploma. Un cammino  di conoscenza che ha portato i ragazzi nelle varie aule della scuola dove sono state presentate tutte le offerte formative. Tappa obbligatoria dunque nei laboratori. Non sono mancati i consigli di qualche studente che ha espresso la convinzione di aver fatto la scelta giusta nel frequentare i corsi proposti dall’istituto professionale. Dai laboratori , direttamente ai fornelli della cucina per acquisire nozioni basilari.UN salto poi alla recepiton per le operazioni di check -in e check -out.

 

OPEN DAY AL LICEO EMPEDOCLE

Open day ieri pomeriggio al liceo classico Empedocle di Agrigento. Nella sede centrale di via Empedocle, una iniziativa rivolta  agli alunni che frequentano  la terza classe delle scuole secondarie di primo grado di Agrigento e della provincia in vista dell’iscrizione all’anno scolastico 2015/2016. Un’occasione per  visitare l’istituto, conoscere i docenti e i numerosi laboratori didattici con  le offerte formative della scuola. Un pomeriggio, trascorso a conoscere la scuola con tutte le sue offerte  che intendono promuovere  l’unitarietà della cultura umanistica e scientifica.

 

 

Caldaia rotta, alunni della De Cosmi al freddo

Nessun scherzo di Carnevale ma anche questa mattina l’intera scuola elementare “De Cosmi” del Villaggio Mose’, frazione di Agrigento, e’ rimasta al freddo per il perdurante guasto della caldaia. Nei giorni scorsi c’e’ chi ha dovuto tenersi i giubbotti per l’intera durata delle lezioni per evitare di battere i denti. Adesso i genitori degli oltre 200 bambini del plesso hanno detto basta e hanno manifestato dinanzi la scuola per tenere alta l’attenzione sul problema. Ed ha del clamoroso la singolare protesta degli alunni che questa mattina, dinanzi l’ingresso della scuola, si sono scaldati con un paio di coperte.

Al Cupa assemblea generale tra studenti e politici

Non c’è più tempo per il polo universitario di Agrigento. Il Commissario Straordinario del Libero Consorzio dei Comuni deve rientrare nel consorzio universitario ed erogare i fondi necessari per fare sopravvivere il Cupa. È quanto emerso oggi nell’assemblea generale voluta dalle associazioni studentesche e che si è svolta nell’auditorium “Rosario Livatino”. ( Interista a Maria Immordino, Presidente del Polo) Le associazioni studentesche hanno invitato la deputazione nazionale e regionale perché vogliono che si intestino questa battaglia e che portino risposte certe. (Intervista a Ivan Marchese, Vivere Ateneo e Domenico Catuara R.U.N.) Intenzione della deputazione regionale e’ quella di portare dei fondi che la Regione Sicilia dovrà provvedere a bypassare al Libero Consorzio e permettere così la sopravvivenza del polo. Se la norma non dovesse passare l’intera deputazione agrigentina occuperà l’Ars. Questo il loro impegno. Per il vice Presidente della Regione Mariella Lo Bello i fondi verrano stanziati. (Intervista a Mariella Lo Bello, vice Pres. reg. sic., ass. Formazione) Ad esortare tutti dalle famiglie degli studenti alla deputazione Lello Analfino. (Intervista a Lello Analfino, cantante) Adesso si attende che alla prossima riunione di bilancio regionale vengano stanziati i fondi necessari  che non portino  più il polo a rivivere annualmente  questa condizione di incertezza economica.

In merito alla questione presente anche il Prefetto di Agrigento Nicola Diomede (int. Al Prefetto)

Presenti in assemblea numerosi deputati nazionali e regionali come Michele Cimino (PDR), Margherita La Rocca (UDC), Roberto Di Mauro (MPA). Abbiamo intervistato Maria Iacono (PD),  Tonino Moscatt (PD) ed Enzo Fontana (NCD).

Presente anche in rappresentanza dell’arcivescovo  Montenegro Don Giuseppe Livatino.

In assemblea anche alcuni consiglieri comunali e rappresentati di movimenti cittadini.

image      image

ESAMI DI MATURITA’ , SI INIZIA IL 17 GIUGNO

Sara’ il 17 giugno prossimo la data che metterà alla prova i maturandi con gli esami di Stato. Si inizierà con la prova di italiano, come tutti gli anni  e, da qui, poi, il confronto con le materie tipiche per ogni indirizzo giorno 18.  Unitamente alla data dell’inizio degli esami,  sono state rese note anche  le discipline scelte  per i principali indirizzi. Al Liceo Classico i ragazzi si confronteranno con la prova di latino. Allo Scientifico, la matematica sarà la seconda prova  che terrà gli studenti concentrati risolvere  formule e problemi.  Al Linguistico , arrivano i cambiamenti. Se lo studente fino allo scorso anno  sceglieva durante il giorno dello scritto la lingua  con la quale confrontarsi, quest’anno la scelta spetta al Ministro dell’Istruzione secondo il quale materia di seconda prova sarà la lingua piu’ studiata nel corso del quinquennio e che varia da istituto a istituto. Negli Istituti Tecnici ci sara’ l’Economia Aziendale nell’indirizzo  Amministrazione e, poi, secondo i vari indirizzi, l’elenco diventa molto piu’ approfondito. Negli Istituti Professionali,  le materie saranno quelle che vanno dalla psicologia generale alla scienza e alla cultura dell’alimentazione  e alle tecniche di produzione industriale.  E’ vero che manca ancora qualche mese, ma la notizia inizia a rendere ansiosi gli studenti che iniziano già a confrontare le proprie idee su  twitter e facebook.

Refezione scolastica: la IV commissione di Aragona visita la scuola Fontes Episcopi

Ad Aragona, la quarta commissione consiliare, presieduta da Giacomo Moncada, e della quale fanno parte i consiglieri, Francesco Chiarelli e Angelo Galluzzo, ha compiuto un sopralluogo presso la scuola “Fontes Episcopi” ed ha constatato il corretto funzionamento e l’ottima qualità del servizio di refezione scolastica. Il presidente della Commissione Moncada afferma: “Siamo soddisfatti. Abbiamo appurato l’efficacia e l’efficienza anche del personale comunale addetto alla distribuzione e dell’impresa aggiudicataria per il confezionamento dei pasti, che sono conformi alla tabella nutrizionale adottata. Ulteriori controlli sono gia’ stati avviati da parte del comitato di garanzia della scuola “Fontes Episcopi” di Aragona – conclude Giacomo Moncada”.

Cinzia Puleri sollecita il riscaldamento nelle scuole di Agrigento

“La Commissario del Comune di Agrigento, Luciana Giammanco, intervenga prontamente a rimedio del non funzionamento dei riscaldamento in parecchie scuole della città in occasione dei mesi invernali più freddi”. Così il capogruppo di Forza Italia al Comune di Agrigento, Cinzia Puleri, si rivolge alla responsabile dell’ Amministrazione comunale. La coordinatrice del gruppo azzurro a Sala Sollano aggiunge : “la Giammanco solleciti la Dirigenza comunale del settore affinchè sia avviato subito un monitoraggio degli impianti di riscaldamento nelle scuole. Nel frattempo, sia destinata un’apposita squadra comunale di operai per le necessarie riparazioni”.

 

Cupa, Di Rosa chiede chiarimenti e lancia un appello

Il consigliere comunale indipendente Giuseppe Di Rosa stamattina ha incontrato la stampa per denunciare la situazione poco chiara del Cupa. Il Libero consorzio, l’ex provincia, ufficialmente fuori dal consorzio universitario dal 14 dicembre, continua ha conferire incarichi all’interno dello stesso. Ed è anche per questo che Di Rosa chiede chiarimenti e soprattutto fa un appello affinchè si trovino delle soluzioni.(intervista a Giuseppe Di Rosa) Intanto i 3000 ragazzi che frequentano i corsi di laurea ad Agrigento attendono di sapere cosa ne sarà del polo universitario della città.

Liceo Politi: iscrizioni on -line a.s. 2015/16

Sino al 15 febbraio  sono aperte –  in modalità on line sul sito www.iscrizioni.istruzione.it le iscrizioni per il prossimo anno scolastico.Il Liceo Scientifico e Liceo delle Scienze Umane “Raffaello Politi” di Agrigento ha già predisposto un modello guida cartaceo disponibile, su richiesta di alunni e famiglie,  nelle segreterie degli stessi istituti.Per  ulteriori informazioni, la segreteria del Liceo Politi,  in via Acrone,12, restera’ a disposizione dell’utenza tutti i giorni dalle ore 08,30 alle ore 13,30 ed il martedì ed il giovedì anche dalle ore 14,30 alle ore 17,30. Lunedì 02 febbraio, inoltre, a partire dalle ore 15,30, il Liceo Politi sarà aperto a studenti e famiglie in occasione dell’Open day.

Enzo Fontana e il Cupa

Vincenzo Fontana, deputato regionale del Nuovo centrodestra, interviene nell’ ambito delle difficoltà finanziarie e di prospettiva del Consorzio universitario di Agrigento. Fontana afferma : “3000 studenti reclamano il diritto alla formazione e allo studio. Il recesso da parte dell’ ex Provincia è stato precipitoso ma sono convinto che possa rientrare. E così spero anche da parte della Camera di Commercio. Il governo e l’assessore alla Istruzione Mariella Lo Bello devono trovare una soluzione che non sia emergenziale ma che abbia costrutto e un percorso nel medio e lungo periodo”.

 

 

 

La Camera di Commercio di Agrigento conferma i fondi al Cupa

Il Cupa di Agrigento ormai si sa, versa in gravi condizioni economiche. Appare chiaro come questo importante strumento di formazione abbia i giorni contati con le conseguenze drammatiche di impedire alle famiglie meno abbienti di dare una cultura universitaria ai propri figli.  Il Consorzio Universitario è composto da Comune di Agrigento, Libero consorzio dei comuni, l’ex provincia per intenderci, e dalla Camera di Commercio. Dopo il recesso sia del Libero consorzio, socio maggioritario che detiene il 90 per cento delle quote per un valore di più di un milione di euro, e sia del comune di Agrigento che non  garantisce la sua quota di 260 mila euro, in controtendenza la Camera di Commercio, credendo nell’importanza dello studio nel polo agrigentino, conferma, anche per il bilancio di previsione 2015, le 100 quote (Euro 51.000) da loro detenute, con la differenza che verranno versate direttamente al Cupa visto la recessione dal consorzio universitario. (Intervista a Vittorio Messina, Pres. Camera di Commercio di Agrigento) Le Camere di commercio della Sicilia stanno subendo una riforma del sistema Camerale che dovrebbe completarsi nel maggio del 2016. Verranno accorpate le Camere di Commercio di Trapani, Agrigento e Caltanissetta. In questa fase sono state dismesse dall’ente tutte le partecipate  disponendo le delibere di recesso anche per quanto riguarda il Consorzio Universitario. Nonostante il taglio economico del 35 per cento subito dall’ente,  il loro contributo al Cupa continuerà ad esserci  grazie a parte dei diritti annuali delle imprese. Inoltre il presidente Messina ha preso l’impegno di trasferire alla costituendo Camera di Commercio i finanziamenti dedicati alla formazione universitaria agrigentina.

STUDENTI CONTRO CHIUSURA CUPA

Rischia di chiudere per motivi economici/finanziari il Cupa di Agrigento. Insorgono gli studenti, che temono di non potersi permettere economicamente di frequentare, come fuori sede, universita’ di altre citta’ e dunque di non laurearsi. Il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, ribadisce il concetto che i tre consorzi universitari siciliani non chiuderanno e che il governo si attivera’ in tempi brevi per trovare le soluzioni piu’ adeguate per risolvere la questione. Nel frattempo fra le proposte avanzate, è stata accolta il lancio di una raccolta firme online per salvare il polo universitario agrigentino. Un modo per sensibilizzare anche l’opinione pubblica sul problema.

Intervento di Moscatt su diritti dello studente

“Sosteniamo le battaglie degli studenti per il diritto all’accesso e al successo della nostra generazione nella società. Partiamo dagli studenti di giurisprudenza per semplificare il loro accesso all’ordine professionale ed alla carriera forense”. Con queste  parole il deputato nazionale del Pd Antonino Moscatt, durante una conferenza stampa alla Camera dei deputati, ha riportato al centro il tema della definizione delle regole per il tirocinio anticipato nella professione forense. Secondo il deputato del Pd, occorre ridurre da  18 a 6 i mesi di pratica forense per anticipare l’ingresso nel mondo del lavoro. “Adesso, si ipotizza una mozione parlamentare per impegnare i ministri competenti, perché la convenzione – conclude Moscatt – é un pezzo importante della riforma dell’avvocatura”.

PETIZIONE ON LINE PER SALVARE IL POLO UNIVERSITARIO

Sono diverse ormai le notizie che si susseguono sulle sorti del Polo Universitario di Agrigento. Dopo  la scelta del Commissario Straordinario del Libero Consorzio di Agrigento , della Camera di Commercio di recedere dal CUPA, si è fatta avanti l’ipotesi del rischio chiusura della struttura. E cosi, l’associazione universitaria RUN  e l’associazione culturale POMERIVM  stanno intraprendendo delle azioni di sensibilizzazione e di protesta finalizzate a far tornare sui propri passi i due dei tre soci fondatori. Nasce cosi  una petizione on line da parte degli studenti per salvare il polo agrigentino. La petizione, raggiunta la quota necessaria,  sarà presentata alle autorità competenti  per dimostrare l’importanza che l’università agrigentina riveste per migliaia di studenti e per dunque dire “No” fermamente alla chiusura. Le due associazioni, manifestano il malcontento degli studenti e delle loro famiglie e tramite un comunicato dichiarano di “chiedere ai politici e alle istituzioni agrigentine di agire unitamente e concretamente per scongiurare la chiusura del Polo evitando di utilizzare le solite dichiarazioni di circostanza che, se non accompagnate da interventi mirati e tangibili, porterebbero al nulla”.

Topi al Nicolo’ Gallo

Aule deserte questa mattina al Nicolo’ Gallo di Agrigento, uno degli istituti con il maggior numero di iscritti. Gli studenti del Professionale, settore Alberghiero, hanno manifestato all’Auditorium della scuola, per la presenza di topi, dentro e fuori l’istituto. I ratti salterebbero fuori anche da questo tombino, ormai fuori uso dopo, verosimilmente, lo scoppio della fogna. Dunque, gli alunni sono amareggiati per i tanti problemi del Nicolo’ Gallo. La struttura necessita’ di interventi di pulizia, ristrutturazione e derattizzazione, che la dirigente scolastico, Girolama Casa’, ha già’ predisposto. Anche il problema del malfunzionamento dei termosifoni e’ attenzionato dalla Preside che torna a chiedere l’intervento dell’ex Provincia regionale di Agrigento.

IL LICEO EMPEDOCLE, PROMUOVE CORSI DI LINGUA INGLESE

II Liceo Empedocle, promuove corsi di lingua inglese su misura nel senso che sono previsti ben n.7 livelli di apprendimento.I corsi, coordinati dal Prof. Antonino Mangione, consentono un approfondimento culturale e una spendibilita’ delle competenze acquisite nel mondo del lavoro.A tal fine è possibile, su richiesta, ottenere una certificazione delle abilita’ linguistiche raggiunte utile per la carriera universitaria dagli enti convenzionati che sono il Trinity e il Cambridge. II modulo di iscrizione puo essere scaricato dal sito della scuola www.liceoempedocle.it

GLI ALUNNI DEL LICEO ETTORE MAJORANA RACCONTANO LA LORO ESPERIENZA A LONDRA

Si è concluso il secondo progetto Pon C 1  del liceo Scientifico Ettore Majorana di Agrigento che ha previsto  uno stage linguistico  all’estero e precisamente a Londra. Una rappresentanza degli alunni dell’istituto, dal 19 agosto al 16 settembre, ha avuto l’occasione di vivere un’intensa esperienza all’estero con una full immersion nella vita londinese. Un’occasione per apprendere e conoscere non solo la lingua inglese ma anche una cultura diversa  che ha lasciato ai ragazzi un ricordo indelebile. Sono state intervallate ore di lezione scolastica a momenti di  conoscenza del territorio  e socializzazione con gli incglesi in modo da mettere in pratica quanto appreso durante le ore di studio teorico. Un buon risultato dunque non solo per i ragazzi protagonisti dell’esperienza, ma anche per gli insegnanti e per la dirigente che hanno consentito agli alunni un modo di apprendere sempre piu’ innovativo.

 

 

“La buona scuola” secondo la Cisl

«Il governo non può affidare una riforma come quella della scuola interfacciandosi con degli anonimi via e-mail e non contrattando con i sindacati, i professori o i genitori». Potrebbe riassumersi così il seminario di questa mattina voluto dalla Cisl al Nicolò Gallo di Agrigento sul tema “Noi e la buona scuola: senso, obiettivi e percorsi del cambiamento giusto e necessario”  per approfondire e analizzare le proposte e gli obiettivi del Sindacato dopo la presentazione delle linee guida del Governo sulla riforma della scuola.

Il sindacato chiede  una Partecipazione concreta e funzionale che porti realmente al coinvolgimento del Paese intero, rendendo protagonisti gli operatori scolastici nei processi di innovazione e ridando centralità alla scuola.  <<La “Buona Scuola” non si costruisce con riforme calate dall’alto- è stato ribadito al Nicolò Gallo- o con la semplice consultazione a mezzo mail>>.

INTERVISTE

  1. Dionisio Bonomo, reggente Cisl scuola Sicilia
  2. Rosanna Laplaca, segretario generale Cisl scuola Agrigento

Da Agrigento il sindacato chiede la partecipazione degli insegnanti.

INTERVISTA 

MAURIZIO SAIA, SGRETRAIO UST CISL 

 

Alunni del Ginnasio ospiti del Parco Archeologico

Una mattinata particolare per gli studenti del Liceo Classico “Empedocle” di Agrigento, ospiti del parco archeologico e del direttore Giuseppe Parello. Un tuffo nella Valle dei Templi, tra storia e archeologica per gli alunni, accompagnati dall’insegnante Russello. Le classe quarte ginnasiali hanno partecipato ad una visita guidata presso i cantieri di scavo aperti nei siti del quartiere ellenistico – romano, del retrostante il miseo archeologico San Nicola di Agrigento e del Tempio di Zeus…..

 

Iniziano le lezioni nelle scuole agrigentine tra problemi e aspettative.

E’ suonata la prima campanella  per gli studenti di quattro Licei agrigentini, ovvero il Liceo Classico Empedocle, il Liceo delle scienze umane Raffaello Politi, il Liceo Scientifico Leonardo ed il Liceo Scientifico Ettore Majorana. Anno nuovo problemi  vecchi: carenze di aule, istituti fortemente degradati, assenza di insegnanti. Ieri alcune scuole hanno organizzato l’accoglienza delle matricole. Il liceo Politi ad esempio ha organizzato  un triangolare di pallavolo al quale hanno preso parte alunni e personale docente insieme agli studenti veterani. Accoglienza anche al Ginnasio e al Liceo Leonardo, dove, come da tradizione, il dirigente scolastico ha portato il proprio saluto agli studenti delle prime classi. Oggi, dunque, secondo giorno di lezione, tra aspettative, emozioni ma anche delusioni.

INTERVISTE STUDENTI

Per alcuni giorni ancora orario ridotto, per consentire alle segreterie di completare l’organico dei docenti e stilare l’orario delle lezioni. Nelle altre scuole, come l’Istituto Tecnico e per Geometri Foderà di Agrigento, la prima campanella suonerà, invece, mercoledì prossimo 17 settembre. 

Inizio attività didattica e cerimonia di accoglienza al Politi

Domani, giovedì 11 settembre, anche il Liceo Politi di Agrigento darà avvio, per l’anno scolastico corrente, alle lezioni  dell’ indirizzo  Scientifico e di quello delle Scienze Umane.

Alle 08,15,  il Dirigente, Antonio Manzone, ed il corpo docente accoglieranno  gli alunni delle prime classi nell’Aula Magna, ubicata nella sede centrale di via Acrone 12.

Durante la cerimonia di accoglienza  alcuni alunni  veterani dell’Istituto presenteranno  degli originali lavori multimediali realizzati con la supervisione dei docenti.

Al fine di  garantire, inoltre, un sereno approccio degli alunni del primo e del terzo anno rispettivamente ad un nuovo grado e segmento di studi, il progetto accoglienza proporrà anche, in ciascuna delle palestre  delle due sedi dell’Istituto un triangolare di pallavolo al quale parteciperanno alunni e personale docente e non.

 

Inizia l’anno scolastico

Tutti i docenti di ruolo e i precari più fortunati sono ritornati da due giorni  a riempire le scuole agrigentine. In alcuni istituti si stanno svolgendo gli esami per il recupero debiti, per le scuole che non li hanno già organizzati a luglio e agosto,  che si concluderanno entro l’inizio delle lezioni fissato già da alcuni dirigenti scolastici. Ad anticipare il suono della campanella, rispetto alle date fissate nel calendario scolastico, sono il liceo classico Empedocle e il Politi. All’ “Empedocle”, le classi del IV Ginnasio e per le classi del I Liceo le lezioni avranno inizio giovedì 11 settembre 2014, alle 8, nella sede centrale di via Empedocle , ad Agrigento. Venerdì 12 settembre tutte le classi del Liceo, le classi IV B e V  B svolgeranno regolarmente le lezioni, dalle  8,10 alle  13,l0, sempre nella sede centrale; invece le rimanenti classi del IV e V Ginnasio dalle 8.15 alle  13.10, nella sede di via Diodoro Siculo. Per il primo giorno , l’istituto ha previsto  attività di accoglienza e di in serimento alla vita della scuola, al fine di creare,fin dall’inizio dell’anno scolastico,un clima serenoe attento alle attesedei propri studenti. Inizio lezioni e organizzazione classi anche al Liceo Scientifico e delle Scienze Umane Politi. Per il prossimo anno scolastico (2014/2015), l’istituto comunica che le lezioni avranno inizio  giovedì 11 settembre, alle  08,15. l’Istituto dispone di due sedi, quella centrale , in via Acrone, 12 , ospiterà tutte le classi del primo biennio (prime e seconde) nonchè le classi III e V sez. B del Liceo delle Scienze Umane, mentre la succursale di via Madonna delle Rocche accoglierà le restanti classi del secondo biennio (terze e quarte) e del quinto anno di entrambe gli indirizzi. Negli altri istituto agrigentini sembra che le lezioni avranno inizio il 17 così come deciso dal calendario scolastico. All’istituto comprensivo Esseneto di Agrigento soltanto le prima classi della materna, della primaria e della media torneranno in classe il 15 settembre, il resto, dunque, il 17.  E, nel frattempo, sono state assegnate ai presidi le sedi ai sei vincitori del concorso  bandito dal Ministero dell’Istruzione nel lontano 2004. Nuovo dirigente scolastico all’Ipia, scuola trasferita nell’aria industriale tra Agrigento ed Aragona, è Elisa Casalicchio. Gli altri dirigenti assunti sono Anna Lia Todaro, preside all’istituto comprensivo di Cattolica Eraclea; Luigi Costanza, ex vicario dell’Ipia Fermi di Agrigento che dirigerà  l’istituto comprensivo Salvatore Quasimodo di Licata; Carmelo La Porta vicario dell’istituto Anna Frank , destinata ad una scuola di Vittoria; Rosellina Greco, ex vicaria del liceo scientifico Leonardo di Agrigento, andrà a dirigere una scuola a Villarosa in provincia di Enna e Pasquale Mancuso che andrà a dirigere una struttura scolastica di Bagheria. I nuovi dirigenti hanno preso servizio nella giornata lo scorso primo settembre.