Agrigento: arriva Cooking Med di Pino Cuttaia

Sostenibilità in tutte le sue accezioni, lotta all’inquinamento marino, stagionalità della pesca, valorizzazione dei pesci poveri, ruolo geopolitico del Mediterraneo: di tutto questo si parla a Cooking Med. Lo chef 2 stelle Michelin Pino Cuttaia, raccogliendo l’eredità del suo amico e collega Norbert Niedekofler di Care’s e Cook The Mountain, ha deciso di dar vita a un progetto che affronti le tematiche a lui da sempre vicine come la sostenibilità del mare e il ruolo culturale del Mediterraneo, quello che lui stesso ha sempre chiamato il mio orto. Questa mattina a casa Barbadoro, nel cuore dela valle dei templi di Agrigento, l’anteprira dell’evento che si svolgerà nel 2019, probabilmente nel mese di maggio. “Cooking Med- è stato ribadito- vuole essere un laboratorio di ricerca sulla gastronomia che indaga le diverse tradizioni legate ai diversi Paesi che vivono il Mediterraneo come risorsa, passione e patrimonio. Un momento di recupero di gesti antichi legati alla cucina ma anche alla pesca; un luogo dove i pescatori e i produttori sostenibili possano raccontarsi e parlare di come riappropriarsi del valore nutrizionale dei cibi, del km zero e dei sapori.” Il secondo momento dell’anteprima è in programma domani . Si inizierà con la presentazione del “Manifesto”, una carta condivisa con il partner tecnico scientifico Friend of the Sea,associazione dedita alla conservazione e tutela dell’habitat marino ormai leader a livello mondiale, in cui si enunciano i principi dì base da condividere per chi vuole e vorrà dichiararsi “sostenibile”, soprattutto tra gli addetti ai lavori. Insieme allo chef Pino Cuttaia ci sarà Paolo Bray Direttore e Fondatore di Friend of The Sea momento importante in cui si offre ai protagonisti di Cookin’Med delle future edizioni un momento di riflessione su cosa sia la sostenibilità e su come perseguirla.E gli Chef? Ci sono e rimangono il cuore pulsante di questo evento. Oltre ad aver animato il progetto sul pesce povero realizzato con Worldrise, durante la due giorni si alterneranno Nino Di Costanzo, Vito Mollica, Andrea Sarri, Martina Caruso, Moreno Cedroni, Belhassen Berbat, Jonathan Vassallo e Maksut Aksar, chedimostreranno la loro arte e il loro amore per il mare in vari momenti. Il primo durante la cena di benvenuto al Launch Beach Scala dei Turchi, poi per la cena di gala all’Hotel Villa Athena e poi in ultimo con una Masterclass session unica, con il coordinamento di Francesco Seminara di Soul Salad nella splendida cornice del Madison Scala dei Turchi.

Passeggiata e risveglio muscolare nella Valle, hanno partecipato oltre 500 persone

Sono stati in tanti a partecipare alla prima passeggiata veloce e risveglio muscolare nella Valle dei Templi organizzata dal Lions Club Agrigento Host e il Leo Club Agrigento Host, collaborati dalle numerose associazioni operanti nel territorio Agrigentino.

Ieri hanno visto l’alba oltre 500 persone di ogni età e provenienti anche da varie parti della Sicilia come Palermo e Siracusa, tra cui Sebastiano Lo Monaco (direttore artistico del Teatro Pirandello). L’evento, patrocinato dal Comune di Agrigento e dal Parco della Valle dei Templi, ha avuto inizio con il risveglio muscolare per proseguire con la passeggiata veloce all’interno del Parco Archeologico Patrimonio dell’Unesco, concludendosi con un accenno ai benefici cardiovascolari prodotti dall’attività fisica appena eseguita e la colazione biologica Slow Food

Nuovi percorsi di accesso alla Valle, il Parco pensa ad un concorso internazionale di idee

Nuovi percorsi di accesso alla Valle dei Templi e  una viabilità alternativa a servizio del patrimonio archeologico, il Parco cerca proposte e progetti.
Entro l’anno l’ente regionale bandirà infatti un concorso internazionale di idee che servirà a reperire idee che, partendo dall’esistente, possano
modificare il sistema di fruizione soprattutto della parte meno nota, quella che si trova oltre le mura della città greca e lontana dalla via Sacra.
Stiamo
parlando della fascia di Parco che ospita beni come la tomba di Terone o la necropoli Giambertoni e che comunque conserva un’importante valore id tipo paesaggistico sul quale si èdi recente investito grazie ad Enel, che ha provveduto ad eliminare i vecchi pali del servizio elettrico.
Le idee dovranno individuare soluzioni concrete e poco impattanti per consentire la visita diretta a questa porzione di Parco, magari utilizzando l’area di San Gregorio  e il cosiddetto “viale alberato”, cioè via La Loggia, come nuovo percorso di ingresso e visita.

Scazzottata fra commercianti di souvenir nella Valle, c’è un ferito

Se le sarebbero date di santa ragioni due ambulanti di souvenir nei pressi della Valle dei Templi di Agrigento. 

Calci, pugni e spintoni che hanno reso necessario l’intervento della Polizia che ha dovuto sedare gli animi dei contendenti che hanno dato spettacolo davanti a numerosi turisti presenti nella zona. I due, secondo una prima ricostruzione, avrebbero prima discusso animatamente per poi finire alle mani.

Intervenuta anche un’ambulanza del 118 per soccorrere uno dei due, rimasto lievemente ferito.

Nuovo ingresso al parco della valle dei templi

Agrigento e il Parco della Valle dei Templi sono il fiore all’occhiello della nostra offerta culturale in Sicilia. Passi in avanti come quello di stasera, sono quindi per noi lo stimolo ad esportare queste buone pratiche al resto dell’Isola. Questo parco, con la sua eccellente direzione e gestione, può essere esempio e traino per la riforma dei parchi archeologici siciliani”.
Con queste parole l’Assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana Sebastiano Tusa, ha inaugurato ieri pomeriggio il nuovo ingresso al Parco della Valle dei Templi dell’ex scuola rurale di San Nicola. Un nuovo sentiero che accompagna i visitatori lungo un percorso immerso nella natura e che pian piano svela le bellezze, attraverso un inedito approccio che cambia radicalmente la percezione della visita. E non solo un nuovo modo di visitare il Parco ma anche un modo per decongestionare i classici punti di accesso; inoltre la possibilità di usufruire di vetture elettriche che saranno disponibili lungo questo nuovo itinerario. La recente scoperta, il Teatro Ellenistico, sarà la prima “emozione” che i visitatori vivranno lungo questo percorso; un cammino fra ulivi, mandorli, essenze mediterranee, porterà verso i Templi.
“Una progressione lenta che ti porta a far capire, in maniera forse più ragionata e più logica, il valore della Valle” – ha concluso Tusa.
Il nuovo accesso sarà fondamentale per la valorizzazione del biglietto cumulativo, ticket che permetterà di visitare sia il Parco archeologico che il museo “Pietro Griffo”. La nuova biglietteria, arricchita da uno spazio polifunzionale progettato anche per l’accoglienza e l’orientamento, è dedicata al visitatore, alle sue esigenze e al miglioramento della fruizione. Uno spazio all’aperto, immerso in un giardino mediterraneo con caffetteria e bookshop al Museo “Pietro Griffo”, completa la nuova offerta gestita da CoopCulture.
All’inaugurazione erano presenti il Direttore del Parco Giuseppe Parello, la Direttrice del Polo museale di Agrigento Gioconda Lamagna, il Sindaco di Agrigento Lillo Firetto, il Presidente del consiglio del Parco Bernardo Campo e il Direttore Generale di CoopCulture centro sud Letizia Casuccio.

Oggi è la festa dell’autonomia siciliana: la ricorrenza alla valle dei templi

Il 15 maggio del 1946 re Umberto II firmò lo Statuto della Regione siciliana con il quale veniva riconosciuta alla Sicilia la propria autonomia politica, legislativa, amministrativa e finanziaria, frutto di un accordo tra lo stato italiano e la consulta regionale composta dai partiti politici e dai ceti maggiormente produttivi dell’isola.  La regione dunque nacque e venne riconosciuta prima ancora della nascita della Repubblica Italiana e la Sicilia fu la prima tra le cinque a statuto speciale. In occasione della ricorrenza della firma dello Statuto della Regione, è stata fissata la festa dell’Autonomia Siciliana. Una celebrazione fortemente voluta nel 2010 dall’ex presidente della Regione siciliana , Raffaele Lombardo. Oggi gli uffici pubblici e tutte le scuole di ogni ordine e grado sono chiuse. Il settantaduesimo anniversario dalla nascita dello Statuto siciliano sarà festeggiato, questa sera, nella valle dei Templi di Agrigento: il presidente della Regione, Nello Musumeci, presiederà una riunione di giunta proprio all’interno dell’area archeologica e, successivamente, dinnanzi al tempio della Concordia si terrà un concerto dell’orchestra sinfonica siciliana. “Dopo oltre settant’anni, la Sicilia rimane ancora fra le Terre italiane più povere-ha detto il governatore siciliano in occasione della ricorrenza- e non certo per colpa dell’Autonomia, ma di quanti ne hanno fatto un uso distorto e spregiudicato. Lo Statuto doveva essere una ‘prerogativa’ per tutti e invece è stato un ‘privilegio’ per pochi. “Non serve adesso ricercare responsabilità che appartengono – seppure in misura diversa – a tutte le classi dirigenti e politiche avvicendatesi in questo lungo periodo alla guida della Regione e sui banchi dell’Assemblea Regionale Siciliana. Dobbiamo guardare avanti con rinnovata fiducia. Lavoriamo insieme – il Governo, i deputati di tutti i Gruppi, l’apparato burocratico, ciascun cittadino – in questo grande ‘cantiere Sicilia’, per ridare coraggio alle imprese, futuro ai giovani, diritti ai più deboli, speranza ai rassegnati. Per ritrovare, insomma, l’orgoglio di essere Siciliani e la forza di risalire la china”.

“Lets Clean up Europe” arriva ad Agrigento

Agrigento e la sua Valle dei Templi sono state scelte come sede dell’edizione 2018 di “Lets Clean up Europe”. L’associazione nazionale Fise Assoambiente ha promosso, in collaborazione con l’azienda Iseda, il Parco della Valle dei Templi ed il Comune di Agrigento, un’attività di pulizia del piazzale Hardcastlel in programma questa mattina proprio nell’ambito della campagna europea, nata per sensibilizzare l’opinione pubblica sul fenomeno del littering, ovvero l’abbandono dei rifiuti sul territorio. Protagonisti sono stati alcuni giovani studenti.

La campagna europea Let’s Clean Up Europe  è nata per sensibilizzare l’opinione pubblica sul fenomeno del littering, ovvero l’abbandono dei rifiuti sul territorio. L’associazione Fise assoambiente, che ha tra i suoi componenti proprio l’amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi, ha voluto scegliere Agrigento, per l’edizione 2018 dell’iniziativa, anche per il recente avvio della differenziata su tutto il territorio comunale e dunque sensibilizzare sia i cittadini che gli studenti più giovani.

“Da sempre – spiega Giancarlo Alongi – Fise Assoambiente è attenta alle attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica in campo ambientale e anche per questo motivo, abbiamo deciso di coinvolgere gli studenti di alcune scuole cittadine  per insegnare e ricordare loro che “il miglior rifiuto è quello che non viene prodotto. Questa azione da un’opportunità unica per sensibilizzare i cittadini ma anche i bambini, sui problemi dell’abbandono dei rifiuti e per aiutare a cambiare i loro comportamenti. Quello di mantenere il territorio che ci circonda pulito, è un gesto semplice ma non scontato”.

Domeniche al parco: attività didattiche e laboratoriali nella valle

Ogni prima domenica del mese, con ingresso gratuito, il Parco della Valle dei Templi organizza attività didattiche e laboratoriali dal titolo Agrigentum. Vita da Romani, dedicati alla scoperta della storia, dei monumenti e degli usi della città romana.

Domani il tema riguarderà lo sport e gli atleti di Agrigentum. Gli archeologi racconteranno le storie affascinanti degli antichi campioni  e delle divinità tutelari delle attività sportive in uno dei luoghi più suggestivi della Valle, il ginnasio, dove si svolgevano le gare e gli allenamenti.

Appuntamento nell’aula multimediale (accanto all’altare del Tempio di Zeus), dalle 15.30 alle 18.30. Ingresso libero dal Tempio di Giunone o da Porta V.

Agrigento. Cercasi viglianti volontari , paga irrisoria.

In periodi di grave crisi economica e di dilagante disoccupazione, sono molti i lavoratori che pur di garantirsi un salario, accettano le condizioni di lavoro imposte, questo accade principalmente nelle imprese del settore privato, orari extra non retribuiti, contributi previdenziali non versati, contratti part time che nella realtà si trasformano il full time, pesanti ritardi nei pagamenti, insomma la rosa delle vessazioni subite dai lavoratori è ampia.

Ma se a chiedere prestazioni non congrue è un Ente pubblico? In questi giorni ad esempio, l’Ente Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento ha pubblicato un avviso rivolto alle associazioni di volontariato, in pratica il Parco vuole stipulare una convenzione per impiegare, nel triennio 2018 – 2020, dei volontari per coadiuvare il servizio di vigilanza.

In pratica, l’associazione che risponde ai requisiti richiesti dal bando e che sarà scelta a “insindacabile e discrezionale giudizio” del Parco stesso, dovrà fornire dei volontari che a spese della stessa associazione, dovranno essere dotati di uniformi ed equipaggiamento idoneo al servizio da svolgere.

Per ciascun volontario inoltre, l’associazione dovrà garantire la copertura assicurativa contro malattie , infortuni e responsabilità civili.

Insomma un impegno abbastanza oneroso per l’associazione che stipulerà la convenzione con il Parco. Ma l’Ente pubblico per questo servizio, quanto sborserà?

Nell’avviso pubblico, alla voce “rimborso spese” si legge “Il Parco si impegna a rimborsare, in modo forfettario, le spese sostenute per l’ attività svolta dagli operatori volontari impegnati nelle attività comprensiva degli oneri relativi alla copertura assicurativa. Detto rimborso – specifica il Parco – viene concordato in ero 20,00 giornalieri per ogni unità impiegata.”

20 euro al giorno per ciascun volontario dunque è il rimborso che il Parco corrisponderà alle associazioni, nell’avviso pubblico non è specificato il numero delle ore per le quali i volontari dovranno essere impegnati.

Ogni ulteriore commento, potrebbe essere superfluo.

Topolino torna nella Valle dei Templi e racconta “La giara di Cariddi”

Di celebrità la valle dei templi di Agrigento ne ospita tante, basti pensare al google camp, ma quello più simpatico è di certo Topolino che torna tra le colonne doriche. Nel numero 3223 del 30 agosto, del popolare settimanale con i personaggi della Walt Disney, una delle storie a fumetti, “La giara di Cariddi”, è ambientata proprio tra le rovine della Valle dei Templi.

La vicenda inizia con questa didascalica informazione ai lettori: “La Valle dei Templi è il più grande parco archeologico del mondo e una delle meraviglie della Sicilia”. Il concept e i disegni sono firmati dall’illustratore Paolo Mottura che dimostra così di conoscere molto bene e apprezzare Agrigento.

Considerato che il settimanale “Topolino” vende, secondo alcune fonti attendibili, una media di 150 mila copie a numero, la promozione che ne deriva da questa “striscia” su tema agrigentino è importante . In realtà si tratta di un ritorno. Già nel 2013 Topolino era stato in visita nella valle dei templi. Fu protagonista della storia “Topolino e la promessa del gatto”. Si tratta di un evento veramente eccezionale intanto, per l’amplissima platea di giovani e meno giovani a cui il fumetto si rivolge che avranno modo di conoscere meglio le bellezze del nostro territorio. Poi, per l’emozione che non può non suscitare vedere Topolino, l’eroe dell’infanzia di tutti, aggirarsi fra le colonne greche della Valle.

Il fatto che le nostre risorse territoriali possano fare da sfondo a storie in cui si muovono personaggi dei fumetti, letterari o cinematografici è qualcosa di molto importante, una promozione di ampio respiro che andrebbe incoraggiata in ogni modo possibile.

Uil:” ok boom di presenze ma pensiamo ai servizi”

452mila 800 sbigliettamenti. Li ha registrati il parco archeologico Valle dei templi di Agrigento. I turisti, dunque, sembra proprio si interessino sempre più alla maestosità dei templi dorici. Nei primi sette mesi dell’anno si è registrato un aumento del 25% di presenze rispetto il 2016, un trend che negli ultimi anni è più che positivo. Dati certamente positivi per la valle ma cosa accade nel centro città e a San Leone? È la domanda che si pone e pone la Uil agrigentina, con il suo segretario gererale Gero Acquisto. “Perchè – dice- non si riescono ad intercettare gli stessi visitatori fuori dal parco? Pensiamo che ancora si debba fare molto per efficentare i servizi ed essere da attrattiva per chi vuol restare ad Agrigento e dare altre opportunità ai turisti per visitare la città al fine di smuovere l’economia locale e dei comuni della fascia costiera”. La Uil suggerisce ai comuni , potenzialmente ad attrattiva turistica, di unirsi per essere competitivi anche fuori dalla Valle, soprattuto nella prospettiva di altri eventi che da qui a breve si svolgeranno ad Agrigento, tra questi la tappa del giro d’Italia 2018 e la candidatura di Agrigento Capitale della cultura italiana 2020 “che devono trovare- afferma il sindalista- la città tutta pronta per migliorare e garantire servizi che a oggi non sono ancora ottimali, dall’aumento delle corse del trasporto urbano per e verso la Valle che sono indispensabili per aumentare il flusso di turisti in città”. Gero Acquisto propone la creazione di una cabina di regia aperta alle organizzazioni sindacali e alle associazioni per guardare ad ampio raggio le carenze che si riscontrano e si dice a disponibile a qualsiasi confronto con l’amministrazione comunale agrigentina, in primis, gli albergatori e tutti gli operatori turistici.

Nuove ricerche nell’area dell’ente parco, droni in volo

Il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi ha di recente stipulato una Convenzione con la Duke University, Istituzione di grande prestigio,  nella top 10 delle Università’ americane e nella top 20 a livello mondiale,  leader nei settori di ricerca multidisciplinare.  Dal primo al cinque agosto, un’equipe dell’Università,  diretta  da Maurizio Forte,  avvierà una ricerca nell’area della città antica che prevede la realizzazione di  una mappa ad altissima risoluzione del Parco in due e tre dimensioni attraverso l’utilizzo di  strumenti multispettrali avanzati  e  di due tipi di drone. “Questo- spiega il direttore dell’ente parco , Giuseppe Parello- permetterà di investigare aree archeologiche e caratteristiche geomorfologiche fino ad oggi non visibili con strumenti tradizionali che permetteranno di avviare nuove ricerche sul campo e probabimente anche nuovi scavi. Il Parco virtuale poi sarà interamente ristudiato in ambienti di realtà’ virtuale”.

Tutto pronto per il Google Camp 2017: tanti i superospiti

Dopo il parco di Selinunte nel 2014 e il tempio di Giunone alla Valle dei templi nel 2015 e nel 2016, ecco nuovamente Agrigento. I colossi dell’informatica e i personaggi internazionali del mondo dello spettacolo hanno scelto, ceneranno questa sera nel parco archeologico dichiarato dell’Unesco patrimonio dell’umanità. Molti dei vip che prenderanno parte al “Google Camp” sono già arrivati. Ieri pomeriggio, il principe Harry d’Inghilterra è giunto con un elicottero privato. Sono arrivati anche John Elkann con la sua famiglia e il fratello Lapo, il direttore operativo del fondo monetario internazionale e il cantautore Elton John. Tra i tanti ospiti anche Jovanotti. Ieri pomeriggio sia a Trapani che a Palermo – secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia – è stato un via vai di volti noti del mondo dello spettacolo e della finanza. Tre yacht, intanto, sono ormeggiati nelle acque di Sciacca, nei pressi del Verdura resort. Tra i nomi, spicca quello di Madonna che secondo indiscrezioni si troverebbe li, in attesa di proseguire, dopo le serate di gala, la sua vacanza in Sicilia, con l’amico di sempre Giorgio Armani, che proprio in questi giorni si trova a Favignana in vacanza. In occasione del Google Camp, è stata installata una nuova “scenografia”, delle enormi sfere dorate. Ieri è stata stata una vigiliafatta di grandi preparativi e massimo riserbo anche per il menù, ma quasi certamente a vincere sarà ancora una volta la sicilianità. Secondo indiscrezioni sarà il noto chef siciliano Peppe Giuffrè a cucinare. Gli ospiti saranno in cento, ci saranno anche due principi sauditi. Uno dei sultani, è a Sciacca da una settimana. L’evento comporterà inevitabili modifiche alla viabilità. L’assessore alla Polizia Municipale, Gabriella Battaglia ha disposto dalle 15 di oggi e fino a cessato bisogno il divieto di transito nel tratto di strada compreso tra il Quadrivio di Porta Aurea e l’ intersezione con la via Petrarca all’altezza del bar Promenade. Inibito il divieto di transito  dalle 18:30 fino a cessata esigenza nel tratto di strada compreso tra l’incrocio di Bonamorone  e l’ intersezione con la via Petrarca.

In entrambi i tratti di strada imposto il divieto di sosta con rimozione a tutti i veicoli già dalle dalle 10 di questa mattina.

Chiusa al transito dalle 18:30 fino alle 21 la Panoramica dei Templi.

Potenziati i servizi di accoglienza turistica nella Valle dei Templi

L’ingresso Giunone della Valle dei Templi si rifa il look con le nuove strutture di accoglienza turistica, si trata della biglietteria a cui si accede attraverso i tornelli dai quali, per ragioni di sicurezza, i visitatori dovranno passare dal metal detector. Tra le strutture inaugurate oggi, anche il nuovo bookshop e l’infopoint nel quale i turisti potranno rivolgersi. Un lavoro di potenziamento realizzato in collaborazione tra il Parco Archeologico della Valle dei Templi e Coopculture concessionaria nella Valleper i servizi di accoglienza. Un connubio questo che ha portato all’assunzione di ben 46 unità lavorative, si tratta perlopiù di giovani agrigentini che parlano correntemente almeno due lingue e che quindi sono rispondenti alle esigenze logistiche di uno dei siti, patrimonio Unesco e paesaggio italiano dell’anno, fortemente in crescita per il numero di presenze e che aspira presto a raggiungere un obbiettivo non impossibile, ovvero quello del milione di presenze annue.

 

[wp-rss-aggregator]

Visite notturne alla valle: al via dal prossimo 15 luglio

La valle dei templi nelle ore serali, si sa, ha tutto un fascino, diverso e particolare rispetto al giorno. E ,così, per consentire ai turisti ma anche agli agrigentini di godere delle meraviglie offerte dai templi dorici , e perchè no, anche in momenti meno caldi , il parco archeologico anche quest’anno attiva le visite serali nei giorni feriali e visite notturne nei prefestivi e festivi del Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi. Le visite serali inizierenno saranno dal 15 al 30 luglio prossimo e poi dal 1 agosto al 17 settembre 2017. In questo periodo l’apertura avverrà tutti i giorni feriali dalle 19.00 alle 22.00, con uscita dall’area archeologica alle 23.00. Nei giorni prefestivi e festivi l’apertura serale delle 19.00 consente la visita fino alle 23.00, con uscita dall’area archeologica alle 24.00. Ma c’è di più: per la visita serale e notturna è prevista l’esenzione dal pagamento del biglietto di ingresso per alcune categorie di persone. Per l’accesso alle aree archeologiche è possibile utilizzare il parcheggio e la biglietteria posta in prossimità del Tempio di Giunone o la biglietteria posta presso Porta V (c/da Sant’Anna). Le biglietterie sono entrambe servite da parcheggio.