fbpx

I carabinieri di Cattolica Eraclea hanno arrestato Giovanni Candura, 81 anni, pensionato, con l’accusa di usura. L’uomo è stato bloccato subito dopo avere prelevato del denaro che stava per prestare a un disoccupato cattolicese di 59 anni adun tasso del 40%. Nel corso di una perquisizione domiciliare, il pensionato ha cercato di disfarsi del denaro che avrebbe dovuto prestare all’operaio. E’ stata la vittima ad ammettere poi di essere caduto nelle mani del presunto usuraio. L’uomo, dopo la convalida del fermo, ha avuto applicata la misura dell’obbligo di firma.

Un pensiero su “Cattolica Eracla, usura: arrestato ottantunenne”
  1. E la Chiesa che fa? Perchè la Curia Vescovile di Agrigento non dà le disposizioni opportune per vietare i FUNERALI a carico delle persone che si macchiano di questo vile reato? Forse la Chiesa attuale dimentica come è nata la Chiesa dei PALEOCRISTIANI. Dimentica che i PALEOCRISTIANI erano obbligati (moralmente) ad aiutare i fratelli in difficoltà, spogliandosi dei loro beni e mettendoli a disposizione della CHIESA. Forse la Chiesa attuale farebbe bene a porsi questa domanda: come avrebbe agito S, PIETRO se avesse saputo che un fratello cristiano, prestava ad un altro fratello cristiano denaro, con la pretesa di aver in restituzione la medesima somma, aumentata di un sol denaro? Anche un sol denaro, costituiva un grave peccato, determinando l’esclusione della persona dalla comunità cristiana. Chiedere, al giorno d’oggi, al fratello tassi di interessi che vanno al di là della semplice inflazione è, non solo, un peccato per noi cristiani, ma merita la SCOMUNICA come si usava al tempo dei PALEOCRISTIANI.

I commenti sono chiusi.