fbpx


“E’ un dato accertato che in seno a migliaia di famiglie c’è una colf o una badante indigena, comunitaria o extra comunitaria “in nero” perché non sanno che uscire dalla illegalità conviene …. anche economicamente.” Sono parole del segretario provinciale della Cgil pensionati, Piero Mangione.

“Il fenomeno delle colf e delle badanti dell’area mediterranea balcanica e locale in provincia di Agrigento- afferma Mangione- ha raggiunto un alto livello che alimenta il mercato sommerso del lavoro esponendo molte famiglie ad impattare i rigori della legge ed a collocarsi nell’ambito dello sfruttamento di giovani e meno giovani locali e di costante immigrazione.

A questo spaccato del “lavoro mal pagato” sono, infatti affidati migliaia di pensionati, non autosufficienti e di bambini che rappresentano la parte affettiva più forte della famiglia.”

La Cgil offre unna consulenza gratuita nella sua sede.