fbpx

Bambini, ragazzini che non hanno più la mamma perchè uccisa dal padre , lui che sconta per il delitto la pena in carcere. Tragedie , tante storie di femminicidio che ogni anno si consumano anche in Sicilia. Per le famiglie affidatarie non è facile affrontare il peso del trauma che gli orfani di femminicidio sono stati costretti a subìre. C’è anche quello di garantire agli orfani per crimini domestici il sostegno economico per un’adeguata assistenza psicologica, farmaceutica e sanitaria, nonché il sostegno alla loro formazione scolastica, universitaria e professionale nel ddl approvato dalla commissione Salute dell’Ars. Il decreto prevede “nuove norme di contrasto al fenomeno della violenza di genere e misure di solidarietà in favore delle vittime di crimini domestici e dei loro familiari” e , appunto, “provvedimenti in materia di affidamento dei minori rimasti orfani per crimini domestici, nonché l’istituzione di un fondo di solidarietà in favore degli stessi”. Il testo è il frutto dell’unificazione di due disegni di legge presentati dalle deputate Valentina Zafarana e Margherita La Rocca Ruvolo.   “Il ddl – afferma il presidente della commissione Salute dell’Ars Margherita La Rocca Ruvolo – è adesso pronto per l’esame in commissione Bilancio dove spero possa essere esaminato al più presto”.