Consiglio comunale: approvate le misure correttive

Dopo 2 sedute praticamente a vuoto, finalmente, il Consiglio comunale di Agrigento ha deliberato le misure correttive. Il voto positivo è arrivato ieri sera, a maggioranza, dopo una seduta caratterizzata nella fase iniziale da un ennesimo scontro tra la Presidenza e una parte dell’opposizione sulla modalità con cui si sarebbe dovuta esporre all’aula tutta la documentazione al voto. Il consigliere indipendente , Nuccia Palermo, ha denunciato “di non essere messa nelle condizioni di comprendere appieno quanto si stava andando a votare” e, dopo uno scambio di battute con la Presidenza va via dall’aula. Le misure e il piano prevedono un efficentamento della macchina comunale e soprattutto un potenziamento delle attività di riscossione, cui si aggiunge un aumento dei costi di servizi come quello di Asilo nido comunali. Sulla loro utilità qualche dubbio lo avevano sollevato i revisori dei conti, i quali nelle scorse settimane, avevano “sollecitato l’Ente a predisporre gli atti propedeutici che costituiranno parte integrante del bilancio di previsione tenendo conto che ‘non potranno essere considerate idonee le mere dichiarazioni di intenti non supportate da atti che abbiano effetto nell’ordinamento giuridico”. “Da quasi un mese se ne discute con dirigenti e revisori- affermail consigliere comunale del movimento 5 stelle Marcella Carlisi- approfondendo gli argomenti e creando degli emendamenti per impegnare l’amministrazione al controllo delle finanze comunali garantendo i servizi ai cittadini.  Questa amministrazione, infatti, continua ad interessarsi più ad essere “chic” che ad affrontare concretamente i problemi cittadini, che spesso si cerca di far passare come fake news. Aiutateci ad aiutare Agrigento- afferma Carlisi- domani pomeriggio dalle 17.30 alle 21 saremo a San Leone, Piazzale Giglia per la raccolta firme per sensibilizzare i consiglieri comunali a presentare la sfiducia per il sindaco.”