fbpx

L’Acragante Art Fest, espressione d’arte di strada, ha coinvolto la Valle dei Templi, ieri sera, per la quarta edizione della “Notte Bianca” agrigentina, organizzata come sempre dall’Associazione Culturale “Il Tamburino” in collaborazione con il Comune di Agrigento. E puntare sugli artisti di strada, in un percorso d’arte e cultura nello splendido scenario dei Templi illuminati, è stata proprio volontà de “Il Tamburino”, sulla scorta del successo degli
anni passati, riproponendone dunque per l’edizione 2010 una formula arricchita. Da ieri sera, infatti, le performance degli artisti che arrivano da tutta Italia e anche dall’estero, tengono svegli gli agrigentini, con i loro spettacoli di giocoleria, esibizioni acrobatiche e i tanto apprezzati giochi di fuoco. Uno spettacolo ieri sera, che ha coinvolto la Via Sacra, con delle vere e proprie postazioni di artisti che hanno intrattenuto grandi e piccoli, rendendo a volte anche partecipe il pubblico. Il tutto in un percorso dal Tempio di Ercole a quello di Giunone, con un’importante sosta ai piedi del Tempio della Concordia. Obiettivo, divertire i presenti, ma soprattutto valorizzare il fascino e la suggestione dei luoghi dove risiede l’anima della nostra terra.
Riflettori puntati, invece, sui caratteristici angoli e scorci del
centro storico cittadino, questa sera, quando a restare sveglia è la Via Atenea con le sue attività commerciali, ma soprattutto con gli artisti di Acragante Art Fest. E la Città resterà sveglia fino a domani mattina, dopo una lunga notte di arte e festa, accompagnata dalla musica degli Almanegretta, la band napoletana, vera e propria “Anima Migrante” della musica italiana, con le molteplici influenze da ogni angolo del mondo, che invadono il dialetto partenopeo. E allora è Notte Bianca questa sera, per il salotto della Città, che consacrerà anche il balcone più variopinto.