Attualità Cronaca

Controlli della Capitaneria su tutto il territorio

Controlli della Capitaneria su tutto il territorio
Rate this post

Pugno duro della Capitaneria di Porto Empedocle per contrastare abusivismo e illegalità lungo il vasto litorale agrigentino. A Punta Grande, i militari della Guardia Costiera hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Agrigento il titolare di uno stabilimento balneare, G.C. Le iniziali del nome, 25 anni di Porto Empedocle per il reato di  occupazione abusiva di spazio demaniale marittimo ed innovazione non autorizzata. Pare che i proprietati abbiano allargato, più del dovuto, lo spazio concesso al chiosco spingendosi fin quasi alla battigia. Ed ancora, a Siculiana Marina è stato denunciato il titolare di uno stabilimento balneare, A.M.G., 49enne di Siculiana  per plurime violazioni degli obblighi di dotazioni di sicurezza. Al contempo i militari hanno accertato la fuoriuscita, da un tombino presso l’arenile antistante la frazione balneare, di liquami maleodoranti ed hanno  provveduto ad allertare le autorità sanitarie per gli accertamenti del caso. A San Leone gli uomini della Capitaneria insieme ai tecnici dell’ASP  e dell’ARPA di Agrigento, hanno proceduto ad alcuni campionamenti delle acque nel tratto di mare antistante Viale delle Dune ed alla foce del vallone Canne. In prossimità di uno stabilimento balneare sono state riscontrate alcune irregolarità relative alla strutture di scarico ed alla vasca per il trattamento dei liquami. Nei pressi dell’ex stabilimento Magaria e dell’ex Maracaibo, da tempo abbandonati al degrado, gli uomini della Capitaneria hanno provveduto a rimuovere diversi pericoli come tondini di ferro, residui di apparecchiature da cucina e addirittura i resti di un forno a legna.