Coronavirus Cronaca

Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: oltre duemila tamponi e 4 nuovi casi positivi

In quadro stabile, con variazioni lievi. I dati forniti dalla Regione sull’andamento del contagio da Coronavirus in Sicilia fotografano una realtà ancora confortante (aggiornati  ieri pomeriggio e comunicati dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale ndr).

Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 153.417 (+2.231 rispetto a ieri), su 130.886 persone: di queste sono risultate positive 3.447 (+4), mentre attualmente sono ancora contagiate 962 (-5), 2.210 sono guarite (+8) e 275 decedute (+1).  Degli attuali 962 positivi, 69 pazienti (-4) sono ricoverati – di cui 7 in terapia intensiva (-1) – mentre 893 (-1) sono in isolamento domiciliare.

La presidenza della Regione raccomanda “di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87″. Nessun nuovo contagio, ma tre guariti in più rispetto alle precedenti 24 ore. Emerge dai dati (aggiornati alle ore 15) segnalati dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale. Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 32 – ieri erano 35 – (0 ricoverati, 108 guariti – ieri erano 105 – e 1 deceduto); Caltanissetta, 18 (5, 147, 11); Catania, 436 (22, 536, 100); Enna, 18 (1, 378, 29); Messina, 134 (22, 374, 57); Palermo, 281 (17, 263, 36); Ragusa, 16 (0, 74, 7); Siracusa, 12 (2, 210, 29); Trapani, 15 (0, 120, 5). Per il quarto giorno consecutivo, Agrigento e provincia restano ferme, cristallizzate: zero contagi da Covid-19. Ieri, all’azienda sanitaria provinciale sono arrivati gli esiti di appena 12 tamponi rino-faringei: tutti negativi appunto. Dopo ben 9.702 test – tanti ne sono stati effettuati da quando è scoppiata l’emergenza sanitaria determinata dal Coronavirus – nell’Agrigentino risultano esserci stati, in totale, 126 infetti di cui ben 108 si sono già lasciati alle spalle l’incubo Covid.