fbpx

Sembra che il coronavirus abbiamo fatto la decima vittima nell’agrigentino. Sembra perché l’esito dei tre tamponi  effettuati non è mai arrivato. Ieri sera al reparto di Terapia intensiva Covid dell’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta il 73enne di Favara – che era stato ricoverato dal 28 marzo scorso – è deceduto. Non c’è certezza  che fosse affetto da Coronavirus, ma la polmonite interstiziale e la severa insufficienza respiratoria riscontrata dai medici lo hanno fatto ricoverare proprio alla terapia intensiva Covid.“ I dati forniti ieri sera dall’Asp sui contagiati da Covid-19 nell’agrigentino danno zero incrementi, sono rimasti 97, quanti erano martedì. Sono aumentati i tamponi rino-faringei effettuati: 1848 . Per la Regione siciliana, dato comunicato all’unità di crisi, invece  c’è un incremento di 3 positivi in più per la provincia di Agrigento. Il direttore generale dell’Asp , Giuseppe Mazzara,  ieri in video conferenza con la stampa ha spiegato che “ fa confluire nel report soltanto i tamponi per i quali il referto è certo. Per l’azienda sanitaria provinciale sono calati i ricoveri degli agrigentini contagiati: martedì erano 14 e 10 ieri. Tre delle persone dimesse sono andate in altre strutture dove dovranno restare in quarantena controllata. Secondo il report fornito dall’Asp, Agrigento ha 10 casi, Aragona: 1, Caltabellotta: 1, Camastra: 1, Campobello di Licata: 1, Canicattì: 5, Favara è a 4 casi, Lampedusa: 1, Licata: 8, Menfi: 10, Montallegro: 1, Naro: 1, Palma di Montechiaro: 8, Porto Empedocle: 5, Raffadali: 3, Ravanusa: 2, Ribera: 8, Santa Margherita Belice: 3, Sciacca: 23 e Siculiana: 1.   “Ad Agrigento situazione stabile – ha commentato il sindaco Lillo Firetto – . Stiamo resistendo, ma non possiamo affermare che l’epidemia sia sotto controllo. Tutto dipende dai nostri comportamenti”.    “La provincia in lieve crescita, 110 positivi. Erano ieri 107 – ha detto il sindaco Firetto, facendo riferimento ai dati della Regione, – . Nel Paese 542 decessi in un giorno. La decrescita non è così marcata da determinare la modifica delle restrizioni attuali. Dobbiamo combattere ancora rispettando le regole del distanziamento sociale. In Sicilia 8 decessi in un giorno. 62 contagiati. 7 ricoveri in meno, 8 ricoveri in meno in terapia intensiva. 41 persone in più in isolamento domiciliare. Stiamo resistendo ma non possiamo affermare – ha ribadito – che l’epidemia sia sotto controllo. Tutto dipende dai nostri comportamenti.