fbpx

Corteo storico per le vie della cittadina e consegna dei premi “Cattolica nel cuore” sono stati i due avvenimenti che hanno caratterizzato ancora l’anniversario dei 400 anni della fondazione della città. Le locali associazioni culturali “Valle del Platani” e “Aromi di Sicilia”, diretta da Franco mangiapane e Franco Colletti, e l’amministrazione comunale, presieduta dal sindaco Cosimo Piro, hanno organizzato i due momenti che hanno coinvolto tutto il paese. La sfilata per le vie cittadine del lungo corto di figuranti, un centinaio di personaggi, tutti con pregiati abiti d’epoca, ha celebrato la donazione virtuale della baronia di Cattolica da parte di Blasco Isfar et Corilles al figlio Francesco, con una drammatizzazione che si è svolta nella centrale piazza Umberto della cittadina in occasione dell’anniversario della sua fondazione avvenuta il 24 maggio di quattro secoli fa. Ha avuto luogo, all’interno di un convegno che aveva per tema “Cattolica Eraclea e i suoi figli sparsi nel mondo”, la consegna dei premi, dei riconoscimenti che le due associazioni assegnano ogni anno a cittadini di origine cattolicese che si sono distinti a livello nazionale e internazionale nei campi della cultura, dell’arte, dell’industria e del lavoro. Per il 2010 i riconoscimenti sono stati assegnati a Tony Avola, residente a Toronto, in Canada, imprenditore, a Gaetano Gagliano, da anni trasferitosi in Canada dove a Toronto è editore e tipografo, a Pietro Leo, chirurgo, residente da anni a Palermo, a Francesco Renda, storico, docente universitario e autore di tante pubblicazioni su Cattolica Eraclea e sulla Sicilia, a Pietro Rizzuto, cattolicese, senatore in Canada, scomparso da qualche anno, con premio speciale dedicato alla memoria. “I festeggiamenti per l’anniversario della fondazione – ci dice il sindaco Cosimo Piro – continueranno con altre manifestazioni estive con lo scopo di fare arrivare in città e ad Eraclea Minoa emigrati cattolicesi da ogni parte del mondo e turisti interessati alle manifestazioni dui cultura e di spettacolo”.